I possibili limiti della cooperazione Cina-Russia

I possibili limiti della cooperazione Cina-Russia Tyler Durden Sab, 19/09/2020 – 23:30

Scritto da Lawrence Franklin tramite The Gatestone Institute,

Le politiche coordinate di Cina e Russia negli affari esteri e negli sforzi economici smentiscono le fratture profonde che potrebbero impedire al loro attuale periodo di cooperazione di evolversi in un'alleanza duratura.

Nonostante la prevista partecipazione della Cina alle esercitazioni annuali del Caucus 2020 della Russia il 21-26 settembre , la storia sino-russa è così piena di guerre, trattati ineguali e razzismo, sembra che ci siano poche probabilità che la loro attuale cooperazione militare riesca a svilupparsi in un'alleanza militare.

L'attuale cooperazione russo-cinese sembra vagamente radicata nell'idea che "il nemico del mio nemico è mio amico". Entrambi i paesi credono apparentemente che controllare il potere degli Stati Uniti sia nel loro interesse nazionale. La Cina vuole che gli Stati Uniti si ritirino dai propri impegni militari e diplomatici nel Pacifico occidentale, consentendo così a Pechino di affermare il primato in Asia, almeno all'inizio. La Russia sembra volere che gli Stati Uniti si separino dalla pluridecennale alleanza NATO, consentendo così a Mosca di riaffermare il proprio dominio nella regione baltica e nell'Europa orientale.

La spinta della Russia verso est alla fine del XVII secolo portò già i russi in conflitto con la dinastia Qing cinese. Dopo una serie di scontri nel 1680, i due imperi si stabilirono temporaneamente su un confine lungo le rive del fiume Amur , separando la Cina della Manciuria dall'Estremo Oriente russo. I cinesi, tuttavia, apparentemente risentivano dell'intrusione della Russia in una regione che Pechino considerava il suo cortile. I cinesi sembrano anche essersi sentiti umiliati per le sconfitte nelle successive guerre con la Russia e per essere stati costretti a firmare quelli che Pechino chiama ancora " trattati ineguali ". La cattiva volontà generata tra Cina e Russia durante diversi conflitti militari nel XVIII e XIX secolo e una feroce rivalità ideologica alla fine del XX secolo potrebbero anche essere un ostacolo a un'alleanza bilaterale duratura. Alcuni commentatori cinesi affermano che la Russia occupa ancora centinaia di migliaia di miglia quadrate di territorio cinese sequestrato in epoca zarista. La Cina ha anche recentemente affermato che Vladivostok, la città più importante dell'estremo oriente russo, è storicamente territorio cinese.

Le culture profondamente diverse di Cina e Russia potrebbero anche aiutare a limitare una luna di miele bilaterale. Una parte dell'immagine di sé della Russia è quella di protettore del mondo slavo, custode della fede cristiana ortodossa e società guida nella massa continentale eurasiatica dagli Urali al Pacifico. La visione storica della Cina da parte di Mosca sembra ulteriormente confusa con un disprezzo per i mongoli, che hanno crudelmente soggiogato lo slavo russo per secoli. Le tensioni etniche presero una brutta piega nel luglio 1900, quando i soldati russi nel territorio del fiume Amur di Blagoveshchensk eseguirono una furia razzista con la deportazione forzata e uccidendo circa 5.000 cinesi durante l'operazione.

La Cina si considera sinonimo di civiltà e si definisce "Jungwo" o paese centrale. La Grande Muraglia era continuamente mantenuta dalle dinastie cinesi per tenere fuori quelli che la Cina considerava i "barbari del nord": i russi e i predoni precedenti. Il razzismo cinese sembra estendersi a chiunque sia al di fuori dei valori della sua civiltà, come gli attuali campi di concentramento cinesi che ospitano più di un milione di uiguri , che sono turchi, così come contro gli africani che fanno affari in Cina.

Oggi, la maggior parte dei russi che vivono in Siberia risiedono a meno di 150 miglia dal confine cinese e la popolazione russa in queste province di confine è in declino . La Siberia, più grande degli Stati Uniti continentali e dell'India messi insieme, ospita meno di 35 milioni di persone, con centinaia di milioni di cinesi appena oltre il confine. Ad un certo punto, la Cina potrebbe iniziare a guardare questa regione della Russia ricca di energia e minerali. Gli investitori cinesi hanno già affittato vaste aree di terreno nei regni dell'estremo oriente russo.

L'unico collegamento principale che collega la Russia europea e asiatica è la Ferrovia Transiberiana. La Cina sta ora costruendo più strade e più collegamenti ferroviari.

La Russia del presidente Vladimir Putin è chiaramente il partner minore dell ' "alleanza di convenienza" antiamericana sino-russa: la crescita della Cina è quasi cinque volte quella della Russia. Il commercio bilaterale è in aumento con l'auspicato obiettivo di raggiungere i 200 miliardi di dollari entro il 2024. La maggior parte dei loro progetti congiunti vengono portati avanti nell'agricoltura, nell'industria leggera e nell'energia . Il mese scorso, i due paesi hanno deciso di avviare due nuovi progetti comuni : un impianto di trattamento del gas e una compagnia di assicurazioni bilaterale. Gli investimenti della Cina in Russia riguardano principalmente energia, agricoltura, silvicoltura, materiali da costruzione, tessuti e prodotti elettrici per la casa.

La Cina sembra vedere la Russia meno come un partner economico che come una fonte per l'estrazione di energia e materie prime. Nel 2019, le esportazioni russe in Cina erano costituite quasi interamente da petrolio, minerali minerali e legno. La Cina sembra favorire l'approvvigionamento di prodotti tecnicamente avanzati dall'Occidente piuttosto che dal suo alleato eurasiatico. La Cina, ad esempio, ha assegnato contratti per prodotti idroelettrici per la sua imponente diga delle Tre Gole a due consorzi europei, uno guidato dalla tedesca Siemens Corporation, l'altro dalla britannica / francese GEC-Alstom , che evidentemente preferivano i progetti occidentali alle offerte della russa "Energomashexport". " Inoltre, il ramo commerciale di un'importante impresa cinese di raffinazione del petrolio ha rifiutato le esportazioni di greggio russo da quando l'istituzione petrolifera statale di Mosca, Rosneft, è stata sanzionata dagli Stati Uniti.

Sembrano esserci problemi anche nella dimensione più vibrante della cooperazione sino-russa: la vendita di armi . Mentre la Cina in passato ha acquistato miliardi di dollari di aerei da caccia e bombardieri dalla Russia, Pechino ha rapidamente sviluppato la propria industria delle armi, a volte decodificando sistemi d'arma russi . La Russia, forse infastidita dal modello aggressivo della Cina di copiare i suoi sistemi d'arma – come il caccia SU-27 e il sistema missilistico superficie-aria S-300 – ha ritardato una spedizione pianificata del suo principale sistema di difesa aerea S-400 . Mosca, a quanto pare, ha deciso invece di consegnare il sistema all'India, arcirivale regionale cinese. Lo sviluppo cinese del suo aereo da caccia stealth più moderno, il Chengdu J-20 , assomiglia a una variante annullata di un aereo da caccia russo.

La Cina sta già sfidando con successo la Russia per l'influenza tra gli stati post-sovietici dell'Asia centrale, in particolare in Tagikistan. L'istituzione da parte della Cina di una base militare all'interno del Tagikistan, vicino al confine con l'Afghanistan, sembra aver superato gli sforzi della Russia per fornire al governo tagiko sicurezza contro i jihadisti afgani appena oltre il confine.

Un'altra area di disaccordo è l'opposizione della Cina al sequestro della Crimea da parte della Russia e alla sua successiva invasione dell'Ucraina.

Un elemento fondamentale della politica estera cinese articolata in modo ingenuo è il principio di non interferenza negli affari interni di altri paesi. Pur disapprovando gli attacchi della Russia agli stati sovrani, la Cina sembra non avere problemi ad affermare la propria volontà all'interno e intorno ad altri stati, ad esempio nel Mar Cinese Meridionale e Orientale, in India e nelle Isole Galapagos .

La Russia, a sua volta, non ha sostenuto le mosse aggressive della Cina nel Mar Cinese Meridionale, nel tentativo di non alienare il Vietnam, le Filippine o la Malesia.

Soprattutto, questo condominio bilaterale potrebbe essere destinato a crollare perché non c'è fiducia nella relazione. Gli agenti di sicurezza russi hanno recentemente arrestato uno scienziato russo accusato di spionaggio per conto della Cina. Russia e Cina si comportano molto più come concorrenti che alleati. La loro comune antipatia per gli Stati Uniti molto probabilmente presenta un'immagine distorta di un accordo politico coordinato. Questi due rivali autoritari potrebbero eventualmente assumere il loro normale ruolo storico di avversari, persino nemici. Di conseguenza, le agenzie di intelligence ei politici occidentali potrebbero voler stare attenti a non sopravvalutare la solidità e la longevità dell'amicizia cino-russa.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/Aviv0WbWJJc/possible-limits-china-russia-cooperation in data Sat, 19 Sep 2020 20:30:00 PDT.