Vittoria! Il tribunale ordina alle prigioni della CA di rilasciare la corsa di candidati alla libertà vigilata

Vittoria! Il tribunale ordina alle prigioni della CA di rilasciare la corsa di candidati alla libertà vigilata

In una vittoria per la trasparenza, un giudice del tribunale statale ha ordinato al Dipartimento di correzioni e riabilitazione della California (CDCR) di rivelare i documenti riguardanti la razza e l'etnia dei candidati alla libertà vigilata. Questa è anche una vittoria per l'innovazione, perché i querelanti useranno questi dati per costruire nuove tecnologie al servizio della riforma della giustizia penale e della giustizia razziale.

In Voss v. CDCR , EFF ha rappresentato un team di ricercatori (noto come Project Recon) della Stanford University e dell'Università dell'Oregon che stanno tentando di studiare le determinazioni dell'idoneità alla libertà condizionale della California utilizzando modelli di apprendimento automatico. Ciò implica l'utilizzo dell'automazione per rivedere oltre 50.000 trascrizioni dell'udienza sulla libertà vigilata e identificare vari fattori che influenzano le determinazioni sulla libertà vigilata. L'obiettivo finale di Project Recon è sviluppare uno strumento di intelligenza artificiale in grado di identificare i dinieghi sulla libertà condizionale che potrebbero essere stati influenzati da fattori impropri come potenziali candidati per la riconsiderazione. Il lavoro di Project Recon deve tenere conto di molte variabili, tra cui la razza e l'etnia degli individui che sono apparsi davanti alla commissione per la libertà vigilata.

Project Recon è un promettente esempio di come l'IA potrebbe essere utilizzata per identificare e correggere i pregiudizi razziali nel nostro sistema di giustizia penale.

Nel settembre 2018, Project Recon ha richiesto al CDCR informazioni sulla razza e sull'etnia dei candidati alla libertà vigilata. Il CDCR ha negato la richiesta, sostenendo che le informazioni non erano soggette al California Public Records Act (CPRA). Invece, il CDCR ha guidato i ricercatori attraverso il suo processo discrezionale di revisione della ricerca, dove sono rimasti nel limbo per quasi un anno. Alla fine, il capo del comitato per la libertà vigilata ha rifiutato di sostenere la richiesta della squadra perché uno dei suoi membri aveva precedentemente pubblicato una ricerca critica del processo di libertà vigilata della California.

Nel giugno 2020, EFF ha intentato una causa per conto di Project Recon sostenendo che CDCR ha violato il CPRA e il Primo Emendamento. Subito dopo, il nostro caso è stato consolidato con un caso simile, Brodheim v. CDCR . Ci siamo mossi per un mandato che ordinava a CDCR di divulgare i dati di gara.

Nella sua opposizione , il CDCR ha affermato di proteggere la privacy delle persone incarcerate e che i dati sulla razza costituivano "informazioni sulla fedina penale" ed erano quindi esenti da divulgazione. EFF ha sottolineato che l'interesse pubblico per la divulgazione è alto, soprattutto perché le disparità razziali nel sistema di giustizia penale sono un argomento di conversazione nazionale e quindi non è stato superato dall'interesse pubblico per la non divulgazione. EFF ha anche affermato che i dati sulla razza non possono costituire "informazioni sulla fedina penale" poiché la razza non ha nulla a che fare con la fedina penale di qualcuno, ma piuttosto è un'informazione demografica.

La corte ha acconsentito . Ha motivato che il pubblico ha un forte interesse pubblico nella divulgazione dei dati di razza ed etnia dei candidati alla libertà vigilata:

[Il] suo caso implica indubbiamente un forte interesse pubblico alla divulgazione, cioè, per far luce sul fatto che il processo di libertà vigilata sia infettato da pregiudizi razziali o etnici. L'importanza di tale interesse pubblico è chiaramente evidenziata dall'attuale attenzione nazionale al ruolo della razza nel sistema di giustizia penale e nella società americana in generale. . . . La divulgazione assicura che l'attività del governo sia aperta all'occhio acuto del controllo pubblico.

Di conseguenza, il tribunale ha ordinato alla CDCR di produrre i documenti richiesti. La scorsa settimana, CDCR ha rifiutato di appellarsi alla decisione del tribunale e ha prodotto i documenti.

Oltre ad essere una vittoria per la trasparenza e l'apertura del governo, questo caso è importante anche per la giustizia razziale. Come abbiamo identificato nel nostro briefing, il CDCR ha una storia di pregiudizi razziali, che la Corte Suprema degli Stati Uniti e le corti d'appello della California hanno riconosciuto allo stesso modo. Ciò rende ancora più importante che le informazioni sulle potenziali disparità razziali nelle determinazioni sulla libertà condizionale siano aperte al pubblico per l'analisi e il dibattito.

Inoltre, questo caso è una vittoria per l'innovazione dell'IA vantaggiosa. In un mondo dove AI è spesso proposto per nocive e distorte usi, Progetto Recon è un esempio di intelligenza artificiale per il bene. Piuttosto che sostituire il processo decisionale umano, l'IA che Project Recon sta tentando di costruire farebbe luce sul processo decisionale umano rivedendo le decisioni passate e identificando dove i pregiudizi potrebbero aver avuto un ruolo. Questo uso innovativo della tecnologia per identificare i pregiudizi sistemici, comprese le disparità razziali, è il tipo di utilizzo dell'IA che dovremmo sostenere e incoraggiare.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su EFF – Electronic Frontier Foundation all’URL https://www.eff.org/deeplinks/2020/08/victory-court-orders-ca-prisons-release-race-parole-candidates in data Tue, 11 Aug 2020 23:24:22 +0000.