Caratteri jolly elettorali

Election Wildcards Tyler Durden Mercoledì, 23/09/2020 – 18:00

Scritto da James Rickards tramite The Daily Reckoning,

Gli investitori devono stare in guardia da una o più sorprese che possono arrivare senza preavviso.

Li chiamo i "caratteri jolly" nella stagione elettorale.

È difficile sapere quale potrebbe emergere, ma non è difficile prevedere che almeno uno di loro lo farà. Gli investitori dovrebbero prepararsi di conseguenza.

Eccoli:

La sostituzione di Joe Biden

Il primo carattere jolly è la possibilità che Joe Biden venga presto rimosso dal ticket e sostituito da un candidato più accettabile, forse il governatore di New York Andrew Cuomo. Questo non è così inverosimile come sembra.

Biden soffre di un acuto declino cognitivo. Se si tratta di demenza, malattia di Alzheimer ad esordio precoce o il risultato delle due neurochirurgie correlate all'aneurisma di Biden negli anni '70 è difficile da dire senza un esame medico diretto. Tuttavia, il deterioramento cognitivo è ovvio in base allo sguardo vacuo di Biden, al comportamento confuso e alla sua incapacità di formare frasi, completare pensieri o rimanere in tema.

La strategia della campagna Biden finora è stata quella di tenere Biden nascosto e bloccato nel suo seminterrato. Non tiene conferenze stampa e le sue poche interviste coinvolgono domande a palla morbida e risposte predefinite. Politiche a parte, il pensiero che Biden debba reagire nel mezzo di una crisi o di una guerra incoraggerà i nemici dell'America e dovrebbe raffreddare gli americani fino all'osso.

Lo scricchiolio arriverà il 29 settembre. Questa è la data del primo dibattito presidenziale. Trump è un dibattitore sottovalutato con più padronanza dei fatti di quanto i critici gli danno credito. Ha fatto bene contro Clinton nel 2016 e farà lo stesso se affronterà Biden.

Il vero problema non è se Biden possa vincere un dibattito; è se può stare sul palco e parlare e agire in modo coerente. Anche con le prove e le medicine, questo si rivelerà estremamente difficile.

Le opzioni dei Democratici sono di sostituire Biden prima del dibattito (che può essere fatto a livello di DNC senza nuove primarie o una nuova convenzione), annullare i dibattiti o andare avanti e sperare per il meglio.

L'opzione di sostituzione del candidato non solo risolve il problema del dibattito, ma offre anche ai Democratici maggiori possibilità di vittoria a novembre. Annullare i dibattiti (senza dubbio giocando la carta COVID) è una soluzione ma porta i suoi costi ed evidenzia il problema (declino cognitivo) che si intendeva risolvere. Lasciare che Biden salga sul palco con Trump potrebbe essere la scelta più rischiosa di tutte.

Non ci sono buone soluzioni per avere un candidato con problemi mentali. In una normale elezione contro un presidente in carica repubblicano convenzionale, Biden non avrebbe alcuna possibilità. Ovviamente Trump non è un repubblicano in carica convenzionale, quindi un voto di Biden è davvero un voto anti-Trump.

Ognuna delle scelte di cui sopra ha innescato la corsa a uno shock inaspettato, soprattutto perché le condizioni di Biden sono state in gran parte coperte da media compiacenti. Gli investitori dovrebbero prepararsi a uno shock su questo fronte nelle prossime settimane.

Schede per corrispondenza

Un altro shock in atto è il caos del giorno delle elezioni derivante dall'ondata di voti per corrispondenza. Queste non sono le tradizionali schede per assente che sono state utilizzate da tempo e si sono rivelate utili. Ciò comporta decine di milioni di schede elettorali per corrispondenza destinate a sostituire i seggi elettorali e le cabine elettorali.

Possiamo lasciare da parte la questione della frode nelle votazioni per corrispondenza (è un grosso problema ma probabilmente non si presenterà il giorno stesso delle elezioni; possono volerci settimane o mesi per identificare e indagare su tali casi). Il problema immediato è contare le schede. Molte schede per posta arrivano all'ultimo minuto o anche dopo il giorno delle elezioni. Ci saranno problemi riguardanti i timbri postali, le firme corrispondenti, la consegna puntuale e il tempo necessario per aprire la posta e ispezionare visivamente ogni scheda.

Questo caos elettorale per corrispondenza non avrà importanza in stati come la California o New York, dove Trump non ha quasi nessuna possibilità di vincere. Le schede per posta influenzeranno il conteggio finale dei voti, ma non influenzeranno il vincitore delle elezioni perché quegli stati sono saldamente nella colonna Biden.

Ma potrebbe essere cruciale in stati altalenanti come il Michigan, dove Trump ha vinto nel 2016 con 10.700 voti e dove dovrebbero essere espresse milioni di votazioni per corrispondenza. Ciò significa che le elezioni non saranno decise il giorno delle elezioni; potrebbero essere necessari giorni o settimane per contare le schede elettorali e annunciare il vincitore negli stati chiave che determineranno il risultato elettorale.

Entrambe le parti si stanno preparando per questo. Le campagne Trump e Biden hanno assunto oltre 600 avvocati ciascuno per aprirsi a ventaglio in cinquanta stati il ​​giorno delle elezioni chiedendo ordini del tribunale su orari di votazione prolungati, sequestro di schede per posta e ingiunzioni obbligatorie contro la certificazione dei risultati.

Nessuna delle due parti concederà l'elezione fino a quando questi contesti legali non saranno risolti. Un simile stallo si verificò nelle elezioni del 2000 tra George W. Bush e Al Gore. Ma questo era limitato a poche contee in un unico stato, la Florida. Questo stallo coinvolgerà forse dai sette ai dieci Stati, tutti cruciali per il risultato.

Il due volte perdente presidenziale Hillary Clinton ha aggiunto benzina a questo fuoco dicendo a Showtime: "Joe Biden non dovrebbe concedere in nessuna circostanza perché penso che questo si trascinerà".

Ciò rivela che i Democratici si stanno già preparando per il caos del giorno delle elezioni.

La recente bufala sui presunti sforzi del servizio postale degli Stati Uniti per rimuovere le cassette postali per frustrare le schede elettorali per posta sta ponendo il presupposto per le accuse di illecito del giorno delle elezioni. La realtà è che le cassette postali vengono regolarmente trasferite per normali ragioni logistiche e la stragrande maggioranza dei trasferimenti delle cassette postali sono state effettuate durante l'amministrazione Obama.

Il caos dopo il giorno delle elezioni sta arrivando

C'è qualcosa all'orizzonte peggiore del caos il giorno delle elezioni? Sì. È la prospettiva del caos del giorno dopo.

L'unica previsione certa è che i prossimi due mesi saranno una corsa sfrenata.

Le fazioni Black Lives Matter e Antifa si stanno preparando per una possibile vittoria di Trump. Per loro, sarà una rivendicazione del loro punto di vista secondo cui la democrazia americana è intrinsecamente difettosa e l'unica soluzione è distruggere il sistema e ricominciare da capo.

La distruzione inizierà entro 24 ore dalla vittoria di Trump nelle città di tutta l'America. Le rivolte e i saccheggi a Portland, Seattle, New York, Chicago e in altre grandi città sono solo un riscaldamento per ciò che accadrà all'indomani della vittoria di Trump.

* * *

La conclusione per gli investitori è che i prossimi 70 giorni saranno tra i più volatili nella storia politica degli Stati Uniti. Un esito elettorale incerto con differenze estreme tra i candidati sarebbe sufficiente a provocare la volatilità del mercato.

Quando si tiene conto di un possibile cambio di candidato, il declino cognitivo di Biden, un risultato ritardato a causa delle schede elettorali per posta, il rifiuto di concedere l'esito, contenziosi elettorali da costa a costa e rivolte diffuse, gli investitori si trovano ad affrontare un campo minato di pericoli nascosti e catastrofici risultati.

Le riduzioni delle allocazioni azionarie ridurranno l'esposizione degli investitori a questa litania di risultati inaspettati e scioccanti.

La liquidità preserverà la ricchezza e ridurrà la volatilità del portafoglio. L'oro fornirà anche una copertura integrata contro i risultati negativi.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/heNmRdbVeOo/election-wildcards in data Wed, 23 Sep 2020 15:00:00 PDT.