Domande aperte sulla quarantena (di massa)

Dall'inizio dell'epidemia di corona, l'ordine di quarantena è stata una delle misure di protezione che dovrebbero essere utilizzate per limitare la diffusione del virus. Nelle ultime settimane sono aumentate le segnalazioni di focolai locali nei rifugiati e in altri alloggi e nelle aziende (in particolare i macelli) con molti (potenziali) infetti. Le autorità hanno quindi messo in quarantena interi alloggi, condomini, condomini e persino strade. Al più tardi questa quarantena di massa solleva molte questioni legali, la cui risposta rivela una pratica incostituzionale.

La "quarantena" (al termine immediatamente) è un atto amministrativo conforme a Sezione 35 (L) VwVfG, per la quale è richiesta una base di autorizzazione. Dal punto di vista dell'autorità, ciò non dovrebbe solo consentire un trattamento pratico, ma deve anche soddisfare determinati requisiti costituzionali.

Base di autorizzazione

La base per l'autorizzazione di questi ordini può essere solo la Sezione 30 I 2 IfSG , in base alla quale i malati, i sospetti di malattia, i sospetti contagi e gli esportatori possono essere "segregati" in un ospedale adatto o in un altro modo adeguato. Da maggio , il regolamento non ha più parlato di "quarantena" per tener conto del fatto che si fa una distinzione in medicina tra l'isolamento dei malati e la quarantena di eventuali malati. La "segregazione" è il termine generico.

I destinatari della norma – come prevede espressamente il regolamento – possono essere solo persone malate, sospette malattie, sospetti contagi ed escreti (vedere immediatamente). È importante: § 28 I 1 2 . HS IfSG non è più disponibile come base per l'autorizzazione (le autorità e Koch potrebbero fare diversamente). La formulazione sembra adattarsi (l'autorità può obbligare le persone a non lasciare il luogo in cui si trovano), ma utilizzando la clausola generale di § 28 I IfSG, i requisiti più restrittivi dell'autorizzazione standard di § 30 I 2 non possono IfSG – in particolare la limitazione del gruppo di destinatari – può essere eluso. Il fatto che si possa persino venire in mente l'idea di utilizzare la clausola generale in caso di un ordine di separazione è stato possibile solo dopo la modifica dell'IfSG a marzo , quando è stata eliminata l'aggiunta restrittiva "fino all'applicazione delle necessarie misure protettive". Con questa soppressione, il legislatore voleva abilitare le restrizioni iniziali (sulla precedente situazione giuridica Klafki , Kießling , Edenharter ). È molto discutibile se questi possano ora essere basati sul § 28 I 1 2. HS (vedi Kießling ; Bethge ; Klafki ); Sezione 30 I 2 IfSG è in ogni caso più speciale per le segregazioni in cui la casa non può essere lasciata.

I destinatari

I termini malato, sospetto, sospetto di contagio ed eliminatori sono definiti legalmente nel § 2 N. 4–7 IfSG. Per un'infezione da SARS-CoV-2, questi termini possono essere suddivisi come segue:

  • Malato è una persona che ha dimostrato di essere infetto dal patogeno e ha sintomi.
  • Una persona che ha sintomi ma è ancora in attesa di infezione è sospettata di essere malata.
  • Eliminator è una persona che ha dimostrato di essere infetto ma non ha sintomi.
  • Un sospetto è una persona che si può presumere abbia assunto l'agente patogeno, ad esempio perché è la persona di contatto di una persona infetta (che attualmente è considerata una persona di contatto è regolata nella Sezione 2 del Regolamento Test Corona ).

Per i separatori, § 30 I 2 aE IfSG contiene la restrizione che possono essere separati solo se non lo sono, non possono o seguirebbero altre misure di protezione e quindi mettere in pericolo il loro ambiente. Questa limitazione si basa probabilmente sul presupposto che gli eliminatori siano meno contagiosi rispetto agli altri tre gruppi di persone. Prima che IfSG entrasse in vigore nel 2001, l'eliminatore nel BSeuchG era effettivamente regolato in questo senso; Ora fa parte della definizione legale di § 2 n. 6 IfSG che la persona può essere una fonte di infezione per il grande pubblico. Da allora, non vi è più motivo di questo "privilegio" degli escreti nella Sezione 30 I 2 IfSG. Al momento, nella pratica, quando si organizza la quarantena – per quanto si può vedere – i separatori non sono trattati in modo diverso rispetto ai malati, alle malattie sospette e alle infezioni sospette. Tuttavia, ciò non soddisfa i requisiti di § 30 I 2 aE IfSG.

È importante che § 30 I IfSG sia progettato in modo tale che sia chiaro per ogni persona che deve essere separata che rientra in una di queste categorie. A tal fine, le autorità devono svolgere un'indagine a norma dell'articolo 25 Assumi IfSG – in altre parole: determina chi è stato in contatto con chi e in che misura e verifica le persone in questione per il virus. Se l'intera sistemazione dei rifugiati viene "messa in quarantena" senza questa indagine, ciò è illegale ( vedi Amhaouach ). Lo stesso vale per i regolamenti delle ordinanze statutarie ai sensi del §§ 32 in combinato disposto con 30 I 2 IfSG, che classificano tutti coloro che arrivano dall'estero come sospetti e ordinano per loro una "quarantena" di 14 giorni (incluso OVG Lüneburg , OVG Münster ; aA VG Freiburg ). Per l'ingresso da determinate aree di rischio, più strettamente (e più strettamente definite), tale sospetto di contagio potrebbe dover essere valutato in modo diverso a causa dell'appartenenza al gruppo, ma ciò rappresenta un caso limite (vedi anche Klafki ). In ogni caso, le persone colpite devono essere in grado di far valere circostanze speciali (come un'infezione già passata o la mancanza di contatto con la popolazione) in modo che venga fatta un'eccezione per loro.

In caso di epidemie di malattie in alloggi di massa e aziende, le circostanze specifiche in loco sono importanti: se si condividono strutture sanitarie, cucine e altri locali, si può affermare il sospetto contagio. Laddove, d'altro canto, dipartimenti / corridoi / ascensori ecc. Sono usati separatamente, devono esserci circostanze aggiuntive che parlano per la trasmissione dell'agente patogeno. Se, in base a ciò, tutti i dipendenti di una società o tutti i residenti di un alloggio sono effettivamente sospetti, la separazione può essere effettuata secondo un decreto generale. Sezione 35 frase 2 (L) VwVfG (vedere ad esempio la procedura in Gütersloh ).

Privazione della libertà

Chiunque venga messo in quarantena dalle autorità per una (possibile) infezione da SARS-CoV-2 non deve lasciare la propria casa per 14 giorni. La porta non è chiusa a chiave, ma lasciare l'appartamento è soggetto a una multa ai sensi della Sezione 73 Ia n. 6 IfSG; inoltre, le autorità spesso minacciano direttamente di metterle in una struttura chiusa conformemente al paragrafo 2 (vedere immediatamente). Per questi motivi, la segregazione costituisce privazione della libertà in conformità con Art. 2 II 2 GG . Questo a sua volta significa che si applicano i requisiti di citazione dell'Articolo 19 I 2 GG e la riserva del giudice dell'Art. 104 II 1 GG (vedi anche Kluckert , § 2 Rn. 209 segg. ). Chiunque ora guardi al § 30 IfSG troverà solo ciò che sta cercando nel Paragrafo 2 (che si applica solo agli alloggi in una struttura chiusa), ma non nel Paragrafo 1. In altre parole: § 30 I IfSG come base legale per la semplice segregazione è in la forma attuale incostituzionale. Come il paragrafo 2, in realtà dovrebbe nominare Art. 2 II 1 GG come un diritto fondamentale limitato e §§ 415 ss. FamFG si riferisce a, che regolano la procedura per la privazione della libertà, che tuttavia non lo fa.

La procedura secondo §§ 415 ss. FamFG

In pratica, le autorità hanno finora – per quanto si può vedere – non ordinare la separazione da un giudice (possibilmente in modo retrospettivo, Art. 104 II 2 GG) attraverso una corrispondente applicazione di §§ 415 ss. FamFG determinato. Questo può certamente essere eliminato nei casi in cui l'interessato è convinto della necessità della misura, poiché la privazione della libertà esiste solo se la separazione è ordinata "contro la volontà" della persona (vedere la definizione nel § 415 II FamFG). Tuttavia, non appena una persona interessata esprime la propria volontà di farlo, l'autorità competente dovrebbe presentare una domanda al tribunale locale ai sensi della Sezione 417 FamFG .

Il tribunale deve quindi accusare l'interessato. Ascolta di persona § 420 FamFG . Anche se questo regolamento obbligatorio secondo Sezione 420 II 2a Var. si dovrebbe fare un'eccezione nel caso in cui l'interessato "soffra di una malattia trasmissibile ai sensi dell'IfSG". Tuttavia, nel 2017 il BGH ha chiarito che questa eccezione dovrebbe essere interpretata in modo restrittivo: il giudice deve condurre l'audizione in loco con indumenti protettivi adeguati; se l'attuale rischio di infezione preclude un'audizione, ciò deve essere comprovato da un referto medico. Un'eccezione puramente per motivi di praticabilità in procedimenti di massa non è prevista nel § 420 FamFG. Se un'audizione può effettivamente essere omessa, l'autorità giudiziaria deve informare l'interessato in conformità con. § 419 I 2 FamFG per nominare un'infermiera procedurale. Ecco, al più tardi, la domanda su come ciò possa essere realizzato nei processi di massa.

Applicazione della segregazione

Trattare con i cosiddetti "refuser della quarantena", che escono di casa nonostante la separazione, ha sollevato questioni legali. In alcuni casi, si sostiene che in questi casi il paragrafo 2 è immediatamente rilevante, vale a dire la sistemazione immediata in una struttura chiusa (come detto – le autorità sono in parte minacciate nei loro ordini di quarantena). La letteratura di commento disponibile finora ritiene anche che la legge generale sull'applicazione amministrativa sia bloccata dalla Sezione 30 II IfSG. Tuttavia, questo punto di vista trascura il fatto che la Sezione 30 II IfSG disciplina un caso speciale di coercizione diretta per il quale non esiste una base giuridica nella legge generale sull'esecuzione amministrativa; l'esistenza di un regolamento speciale per uno strumento ad alta intensità di diritti particolarmente fondamentale non può concludere che i regolamenti più lievi non sono applicabili. È quindi logico che le autorità stiano attualmente imponendo la segregazione di interi condomini impedendo ai residenti di uscire di casa attraverso recinti di costruzione e non accomodando immediatamente tutti coloro che si rifiutano di rimanere in strutture chiuse.

In caso di rifiuto persistente, verrà presa in considerazione la sistemazione secondo la Sezione 30 II IfSG (sempre dopo essere stata ordinata da un giudice conformemente alla Sezione 415 segg. FamFG). A tale scopo, ad esempio, dovranno essere preparate una ex caserma e altri edifici più grandi nell'area di Gütersloh. P. 1 prevede sostanzialmente la sistemazione in un ospedale chiuso o in una parte chiusa di un ospedale; I sospetti e gli eliminatori infettivi possono acc. P. 2 può anche essere segregato in "un'altra struttura chiusa adatta". Il ricovero in un ospedale non è assolutamente necessario per le persone sospettate di infezione e per gli esportatori perché non mostrano alcun sintomo della malattia e quindi non necessitano di cure.

Il legislatore non rivela esattamente cosa si intende per "altre strutture chiuse idonee". In conformità con il significato e lo scopo del § 30 e dell'IfSG nel suo insieme (cfr. § 1 ), la trasmissione della malattia deve essere impedita dalle circostanze strutturali. Poiché l'infezione è chiara nel caso degli escretori, specialmente quando vengono secrete diverse persone, è necessario prevenire che gli escretori infettino le persone con l'agente patogeno che si sospetta siano infetti ma che in realtà non sono infetti. L'autorità deve anche § 29 IfSG controlla chi sviluppa i sintomi e chi ha bisogno di cure mediche. Ciò che § 30 II IfSG non consente in ogni caso è la sistemazione di persone malate e sospette – cioè persone con sintomi – in strutture che non sono ospedali.

Necessità di cambiamento

Già alla fine degli anni '80 si sottolineava che il precedente regolamento § 30 IfSG nel BSeuchG non conteneva alcuna riserva del giudice ( Schenke , DVBl 1988, 165 (170)). A quel tempo si discusse di "prostituzione dei barbari" e di altri "gruppi a rischio HIV" (che fortunatamente non accadde). Negli ultimi anni, la Sezione 30 IfSG è stata utilizzata solo occasionalmente in caso di tubercolosi polmonare aperta. L'epidemia di corona e, al più tardi, gli attuali focolai di massa ora mostrano nuovamente che il regolamento deve essere urgentemente rivisto in modo che la segregazione come importante misura di protezione possa essere basata su un'autorizzazione costituzionale.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/offene-fragen-der-massenquarantaene/ in data Thu, 02 Jul 2020 13:31:46 +0000.