Kodak cancella il post di Instagram dopo che il fotografo ha definito lo Xinjiang “distopia orwelliana”

Kodak cancella il post di Instagram dopo che il fotografo ha definito lo Xinjiang "Distopia orwelliana"

Eastman Kodak ha cancellato un post su Instagram con foto della regione cinese dello Xinjiang, dove i governi e i media occidentali hanno criticato Pechino per le violazioni dei diritti umani contro il popolo uiguro a maggioranza musulmana.

Secondo il New York Times , il post di Instagram ora cancellato presentava il lavoro del fotografo francese Patrick Wack che ha pubblicato numerose immagini su pellicola Kodak sulla "brusca discesa in una distopia orwelliana" dello Xinjiang nell'ultimo mezzo decennio.

La comunità internazionale, in particolare i paesi occidentali , ha accusato la Cina di violazioni dei diritti umani contro il popolo uiguro costringendoli a campi di rieducazione, lavori forzati , sorvegliandoli e persino controllando i tassi di natalità.

In questione c'era un sottotitolo scritto da Patrick Wack, il fotografo dietro le controverse immagini, che ha definito la regione un "incubo orwelliano".

Dopo aver ricevuto un contraccolpo dai netizen cinesi, il post è stato cancellato da Kodak, che è stato seguito da un nuovo post martedì che offriva scuse:

"Il contenuto del fotografo Patrick Wack è stato recentemente pubblicato su questa pagina Instagram. Il contenuto del post è stato fornito dal fotografo e non è stato creato da Kodak. La pagina Instagram di Kodak ha lo scopo di consentire la creatività fornendo una piattaforma per promuovere il mezzo cinematografico . Non intende essere una piattaforma per commenti politici. Le opinioni espresse da Mr. Wack non rappresentano quelle di Kodak e non sono approvate da Kodak. Ci scusiamo per qualsiasi malinteso o offesa che il post potrebbe aver causato."

Hong Kong Free Press ha anche affermato che Kodak si è scusata sulla sua pagina WeChat, accusando l'incidente di "scappatoie gestionali".

"Per molto tempo, Kodak ha mantenuto buoni rapporti con il governo cinese ed è stata in stretta collaborazione con vari dipartimenti governativi. Continueremo a rispettare il governo cinese e la legge cinese".

Le aziende occidentali scelgono sempre più tra i clienti occidentali e/o la loro fiorente base di clienti in Cina. L'Occidente ha fatto pressioni su aziende come Nike per eliminare le sue catene di approvvigionamento di cotone dallo Xinjiang. La società svedese H&M ha registrato un calo delle vendite cinesi dopo aver parlato contro il cotone proveniente dalla regione.

Poco più di una settimana fa, il governo degli Stati Uniti ha emesso un avviso sulla catena di approvvigionamento per le aziende statunitensi con catene di approvvigionamento che si estendono nella regione dello Xinjiang.

Kodak non è la prima azienda internazionale a chiedere scusa.

Al momento, i funzionari cinesi devono ancora rispondere a Kodak, ma il Global Times, di proprietà statale cinese, ha dichiarato:

"Non è raro che l'Occidente entusiasmi sulla questione dello Xinjiang sotto l'istigazione delle forze anti-cinesi guidate dagli Stati Uniti".

Wack era frustrato dalla dichiarazione di Kodak, ma non credeva che nessun'altra azienda operante in Cina avrebbe agito diversamente.

"Abbiamo creato un mondo globalizzato in cui nessuna azienda con ambizioni internazionali può ragionevolmente rinunciare al mercato cinese", ha detto a CNET . "Qualsiasi altra grande azienda fotografica o multinazionale si comporterebbe diversamente e rinuncerebbe al mercato cinese?"

Ancora un'altra azienda internazionale si sta inchinando ai comunisti perché non vogliono perdere la loro massiccia quota di mercato cinese.

Tyler Durden ven, 23/07/2021 – 20:00


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/daPnjDY00p8/kodak-deletes-instagram-post-after-photographer-called-xinjiang-orwellian-dystopia in data Fri, 23 Jul 2021 17:00:00 PDT.