COVID-19: La Svezia ha l’immunità della mandria?

COVID-19: La Svezia ha l'immunità della mandria? Tyler Durden Mercoledì, 23/09/2020 – 05:00

Scritto da Sebastian Rushworth, MD,

All'inizio di agosto ho scritto un articolo sulle mie esperienze lavorative come medico di emergenza a Stoccolma, in Svezia, durante la pandemia covid. Per coloro che non ne sono a conoscenza, la Svezia non è mai stata completamente bloccata. Il Paese ha invece imposto un blocco parziale quasi del tutto volontario. Si raccomandava alle persone con lavori d'ufficio di lavorare da casa e alle persone in generale di evitare i trasporti pubblici se non necessario. A coloro che avevano più di 70 anni, o che avevano gravi condizioni di base, veniva consigliato di limitare i contatti sociali.

L'unica restrizione forzata imposta dal governo dall'inizio era il requisito che le persone non si riunissero in gruppi di più di 50 alla volta. Dopo che è diventato chiaro che covid era pericoloso soprattutto per le persone nelle case di cura, è stata posta un'ulteriore limitazione alle visite alle case di cura. In nessun momento è stato richiesto alle persone di indossare maschere facciali in pubblico. Ristoranti, bar, parrucchieri e negozi sono rimasti aperti durante la pandemia. Le scuole materne e le scuole per bambini fino ai 16 anni sono rimaste aperte, mentre le scuole per bambini dai 16 ai 19 anni sono passate alla formazione a distanza.

La mia esperienza personale è che le persone hanno seguito abbastanza bene le restrizioni volontarie all'inizio, ma che sono diventate sempre più rilassate con il passare del tempo. A titolo di esempio personale, mia madre ei miei suoceri sono rimasti chiusi a chiave nelle loro case per le prime sei settimane circa della pandemia. Dopo di che non potevano più sopportare di essere lontani dai nipoti.

Nel mio precedente articolo di agosto, ho menzionato che dopo un picco iniziale che è durato per un mese circa, da marzo ad aprile, le visite al pronto soccorso dovute a covid erano diminuite continuamente e le morti in Svezia erano scese da oltre 100 a giorno di punta in aprile, a circa cinque al giorno in agosto.

Nel momento in cui ad agosto ho scritto quell'articolo, non vedevo un solo paziente covid da più di un mese. Ho ipotizzato che la Svezia avesse sviluppato l'immunità di gregge, dal momento che l'enorme e continuo calo stava avvenendo nonostante il fatto che la Svezia non stesse prendendo misure serie per prevenire la diffusione dell'infezione.

Allora, come si sono evolute le cose nelle sei settimane trascorse da quel primo articolo?

Bene, per come stanno le cose ora, non vedo un solo paziente covid al pronto soccorso da più di due mesi e mezzo. Le persone hanno continuato a diventare sempre più rilassate nei loro comportamenti, il che è evidente nell'aumento dei volumi nel Pronto Soccorso. Al culmine della pandemia ad aprile, stavo vedendo circa la metà dei pazienti per turno come al solito, probabilmente perché molte persone avevano paura di andare al pronto soccorso per paura di catturare covid. Ora i volumi sono tornati alla normalità.

Quando mi siedo nel tubo per andare e tornare dal lavoro, è pieno di gente. Forse una persona su cento sceglie di indossare una maschera in pubblico. A Stoccolma, la vita è tornata alla normalità. Se guardi le prime pagine dei tabloid, in molti giorni non c'è una sola menzione di covid da nessuna parte. Mentre scrivo questo (19 settembre 2020) le prime pagine dei due tabloid principali hanno grandi pagine sull'artrite e sulle pensioni. Apparentemente l'artrite e le pensioni sono attualmente più eccitanti del covid-19 in Svezia.

Nonostante questo atteggiamento rilassato, il tasso di mortalità ha continuato a diminuire. Quando ho scritto il primo articolo, ho scritto che covid aveva ucciso meno di 6.000 persone. Quante persone sono morte adesso, sei settimane dopo? In realtà, siamo ancora a meno di 6.000 morti. In media, attualmente in Svezia una o due persone al giorno muoiono di covid e il numero continua a diminuire.

Nell'ospedale in cui lavoro, non c'è una sola persona attualmente in cura per covid. Infatti, in tutta Stoccolma, una contea con 2,4 milioni di abitanti, ci sono attualmente solo 28 persone in cura per covid in tutti gli ospedali messi insieme. Al culmine, ad aprile, quel numero era di oltre 1.000. Se 28 persone sono attualmente in ospedale, su 2,4 milioni che vivono a Stoccolma, ciò significa che le probabilità di avere un caso di covid così grave da richiedere cure ospedaliere sono al momento circa una su 86.000.

Da marzo il Pronto Soccorso dove lavoro è stato suddiviso in una sezione “covid” e una sezione “non covid”. Chiunque abbia febbre, tosse o mal di gola è finito nella sezione covida e ci è stato richiesto di indossare un equipaggiamento protettivo personale completo quando interagiamo con i pazienti in quella sezione. Mercoledì scorso l'ospedale ha chiuso la sezione covid. Così pochi veri casi di covid stanno arrivando al pronto soccorso che non ha più senso avere una sezione separata per covid.

E le poche restrizioni formali imposte all'inizio della pandemia? La restrizione alle visite alle case di cura verrà revocata dal 1 ° ottobre. I bambini più grandi, di età compresa tra i 16 ei 19 anni, che erano impegnati nell'apprendimento a distanza durante una parte della primavera, sono ora tornati a scuola, vedendosi faccia a faccia con i loro insegnanti. L'autorità sanitaria pubblica svedese ha raccomandato al governo di revocare la restrizione alle riunioni da 50 a 500 persone.

Quando ho scritto il mio primo articolo, ho ipotizzato che il motivo per cui la Svezia sembrava sviluppare l'immunità di gregge, nonostante il fatto che solo una minoranza avesse anticorpi, fosse dovuto ai linfociti T. Da quando ho scritto quell'articolo, sono apparsi studi che supportano questo argomento . Questo è positivo, perché i linfociti T tendono a durare più a lungo degli anticorpi. In effetti, studi su persone che erano state infettate da SARS-CoV-1 nel 2003 hanno scoperto che hanno ancora cellule T diciassette anni dopo essere state infettate . Ciò suggerisce che l'immunità è di lunga durata e probabilmente spiega perché ci sono stati solo una manciata di casi segnalati di reinfezione da covid, anche se il virus ha trascorso gli ultimi nove mesi a rimbalzare per il pianeta infettando molti milioni di persone.

Per quanto riguarda la manciata di persone che sono state segnalate per essere state reinfettate. Quasi tutti quei casi sono stati completamente asintomatici. Questo non è un segno di declino dell'immunità, come alcuni sostengono. Infatti è l'opposto. Mostra che le persone sviluppano un'immunità funzionante dopo la prima infezione, che consente loro di combattere la seconda infezione senza mai sviluppare alcun sintomo.

Quindi, se la Svezia ha già l'immunità di gregge, che dire degli altri paesi? Quanto sono vicini all'immunità di gregge? I luoghi che hanno subito molte infezioni covide, come l'Inghilterra e l'Italia, hanno curve di mortalità molto simili a quelle della Svezia, nonostante siano entrate in blocco. La mia interpretazione è che siano entrati in blocco troppo tardi perché ciò avesse un impatto notevole sulla diffusione della malattia. Se è così, allora probabilmente hanno anche sviluppato l'immunità di gregge ormai. Il che renderebbe bizzarri i blocchi in corso in quei paesi.

E il vaccino? Arriverà in tempo per fare la differenza? Come ho accennato nel mio primo articolo, il blocco ha senso solo se sei disposto a rimanere in isolamento fino a quando non ci sarà un vaccino efficace. Altrimenti stai semplicemente rimandando l'inevitabile. Al più presto, un vaccino sarà ampiamente disponibile a un certo punto a metà del prossimo anno. Quanti governi sono disposti a mantenere la propria popolazione in isolamento fino ad allora? E se il vaccino fosse efficace solo al 30%? O il 50%? I governi decideranno che è abbastanza buono per far terminare il blocco? O vorranno rimanere in isolamento fino a quando non ci sarà un vaccino che sia efficace almeno al 90%? Quanti anni ci vorranno?

Quindi, per concludere: Covid è finita in Svezia. Abbiamo l'immunità di gregge. Molto probabilmente lo fanno anche molte altre parti del mondo, tra cui Inghilterra, Italia e parti degli Stati Uniti, come New York.

E i paesi che hanno contenuto con successo la diffusione della malattia, come Germania, Danimarca, Nuova Zelanda e Australia, dovranno rimanere in isolamento per almeno un altro anno, e forse anche diversi anni, se non lo desiderano. sviluppare l'immunità della mandria in modo naturale.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/JN6A7Fcv0h4/covid-19-does-sweden-have-herd-immunity in data Wed, 23 Sep 2020 02:00:00 PDT.