Uno studio interno rileva che il 32% delle ragazze adolescenti afferma che “Instagram mi fa sentire male per il mio corpo”

Uno studio interno rileva che il 32% delle ragazze adolescenti afferma che "Instagram mi fa sentire male per il mio corpo"

Quando si tratta della diffusione della "FOMO" e dei sentimenti di insicurezza e gelosia tra i giovani americani, in particolare gli adolescenti, Instagram è forse il peggior trasgressore dell'intero ecosistema dei social media.

E quella valutazione non proviene da una terza parte, ma dalla ricerca interna di Facebook (Facebook ha acquistato Instagram nel 2012) che è trapelata a un team di giornalisti del WSJ , che martedì ha pubblicato il primo di quella che dicono sarà una serie di approfondimenti sull'impatto di Instagram e Facebook sulla salute mentale degli adolescenti, il discorso politico e il traffico di esseri umani.

Il ragionamento di Facebook per rilasciare le informazioni ai media è abbastanza chiaro. La sua motivazione è stata forse meglio articolata da un accademico dello stato di San Diego.

Quando gli è stato detto della ricerca interna di Facebook, Jean Twenge, professore di psicologia alla San Diego State University che ha pubblicato una ricerca che ha scoperto che i social media sono dannosi per alcuni bambini, ha affermato che si trattava di un potenziale punto di svolta nella discussione su come i social media influenzano gli adolescenti.

"Se credi che RJ Reynolds avrebbe dovuto essere più sincero sul legame tra fumo e cancro ai polmoni, allora probabilmente dovresti credere che Facebook dovrebbe essere più schietto sui legami con la depressione tra le ragazze adolescenti " , ha detto.

Il sottotesto qui è abbastanza chiaro: a differenza delle aziende produttrici di tabacco, Facebook sta cercando di superare il crescente contraccolpo sulla salute mentale di Instagram e di altre piattaforme di social media. Sfortunatamente (per gli adolescenti) questo suggerisce che l'azienda sta cercando di uscire dal problema, non di risolverlo.

Jen Selter, la "regina del selfie" di Instagram

Negli ultimi tre anni, Facebook ha condotto ricerche interne su come Instagram influisce sulla salute mentale degli adolescenti e degli utenti più giovani che costituiscono un segmento importante della base di utenti dell'app. La loro conclusione è questa: per gli utenti che non lottano con ansia e depressione, l'app è relativamente benigna. Ma per circa un terzo degli utenti che segnalano questi problemi, Instagram li ha chiaramente esacerbati.

"Il trentadue percento delle ragazze adolescenti ha affermato che quando si sentivano male per il proprio corpo, Instagram le faceva sentire peggio", hanno detto i ricercatori in una presentazione di diapositive del marzo 2020 pubblicata sulla bacheca interna di Facebook, recensita dal Wall Street Journal. "I confronti su Instagram possono cambiare il modo in cui le giovani donne si vedono e si descrivono".

Un'altra diapositiva l'ha messa ancora più schiettamente.

"Noi peggioriamo i problemi di immagine corporea per una ragazza adolescente su tre", ha detto una diapositiva del 2019, riassumendo la ricerca sulle ragazze adolescenti che sperimentano i problemi. "Gli adolescenti incolpano Instagram per l'aumento del tasso di ansia e depressione", ha detto un'altra diapositiva. "Questa reazione è stata spontanea e coerente in tutti i gruppi".

Inoltre: tra gli adolescenti che hanno segnalato pensieri suicidi, il 13% degli utenti britannici e il 6% degli utenti americani hanno tracciato il desiderio di uccidersi su Instagram, ha mostrato una presentazione.

A questo punto, alcuni potrebbero chiedersi: perché Facebook sta facendo questi studi considerando che è quasi garantito che diventino pubblici? La risposta è che Facebook ha molto in gioco qui, e quindi deve avere il controllo del discorso pubblico in ogni fase del processo. Una fonte WSJ ha affermato che Facebook guadagna $ 100 miliardi all'anno grazie alla popolarità di Instagram con la fascia demografica degli adolescenti.

Questa ricerca rappresenta niente meno che un 180 dalla gestione di Facebook, che ha deciso curiosamente di commentare il record per il rapporto WSJ. WSJ osserva che il CEO Mark Zuckerberg ha insistito sull'impatto di Instagram sugli adolescenti come "positivo".

"La ricerca che abbiamo visto è che l'utilizzo di app social per connettersi con altre persone può avere benefici positivi per la salute mentale" , ha dichiarato il CEO Mark Zuckerberg in un'audizione al Congresso nel marzo 2021, quando gli è stato chiesto dei bambini e della salute mentale.

Il capo di Instagram Adam Mosseri ha rilasciato dichiarazioni simili. Ma parlando con WSJ prima che la storia arrivasse, sembra che si sia ribaltato.

A maggio, il capo di Instagram Adam Mosseri ha detto ai giornalisti che la ricerca che aveva visto suggerisce che gli effetti dell'app sul benessere degli adolescenti sono probabilmente "abbastanza piccoli".

In una recente intervista, Mosseri ha dichiarato: "Non intendo in alcun modo sminuire questi problemiAlcuni dei problemi menzionati in questa storia non sono necessariamente diffusi, ma il loro impatto sulle persone potrebbe essere enorme".

La nuova linea ufficiale della direzione è che era "tardi" per rendersi conto dell'enorme danno psichico che Instagram ha inflitto a una generazione.

Ora, cosa ha intenzione di fare Facebook al riguardo?

Tyler Durden mar, 14/09/2021 – 17:05


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/ImAes0yZvtU/internal-study-finds-32-teen-girls-say-instagram-makes-me-feel-bad-about-my-body in data Tue, 14 Sep 2021 14:05:00 PDT.