Pechino infligge sanzioni a Raytheon, Lockheed e Boeing per rappresaglia per la vendita di armi a Taiwan

Pechino schiaffeggia le sanzioni contro Raytheon, Lockheed e Boeing per rappresaglia per le vendite di armi di Taiwan Tyler Durden Lun, 26/10/2020 – 05:49

Mentre il presidente Trump e il vicepresidente Mike Pence (le recenti infezioni da COVID-19 siano dannate) si diffondono in tutto il paese per una spinta dell'ultimo minuto prima delle elezioni per ottenere il voto, Pechino si aggiunge alla sua ritorsione a lungo promessa per TikTok, Hong Kong, le sanzioni dello Xinjiang, tutti gli attacchi alla Cina legati al COVID-19 del presidente Trump e, soprattutto, Taiwan .

Dopo che Pechino ha sanzionato la Lockheed Martin per il suo coinvolgimento in "Siluri per Taiwan" , il PCC sta dando seguito ad altri attacchi economici contro gli appaltatori della difesa americana, garantendo che la risposta cinese, e il suo conseguente impatto economico, saranno elevati a un importante punto di discussione e – cosa ancora più importante – un altro fattore di rischio per mercati già a disagio, che lottano per digerire l'incertezza politica combinata con nuovi numeri record di casi COVID-19 negli Stati Uniti e in Europa.

Secondo Reuters , Pechino ha deciso di imporre sanzioni all'unità di difesa della Boeing, Raytheon e (di nuovo) Lockheed. La notizia è stata resa nota dal portavoce del ministero degli Affari esteri Zhao Lijian. Non ha spiegato cosa comporteranno le sanzioni.

Le sanzioni arrivano quando il Dipartimento di Stato approva la vendita di tre sistemi d'arma a Taiwan, inclusi sensori, missili e artiglieria per un valore di circa 1,8 miliardi di dollari, mentre l'amministrazione Trump getta al vento la cautela e va all-in per rafforzare le capacità di difesa di Taiwan , anche se Pechino adotta una retorica sempre più bellicosa sulla "linea rossa" che è Taiwan.

"Per salvaguardare i nostri interessi nazionali, la Cina ha deciso di prendere le misure necessarie e imporre sanzioni a società statunitensi come Lockheed Martin, Boeing Defence e Raytheon, e quelle persone e società che si sono comportate male nel processo di vendita di armi", ha detto. "

Sebbene non sia la "guerra giusta" che la Cina ha promesso, è possibile che le azioni statunitensi subiscano un colpo se sentiamo dettagli più concreti dai cinesi. I mercati hanno vacillato dopo che la Cina ha annunciato il suo ultimo round di sanzioni contro Lockheed, anche se qualunque cosa abbia fatto Pechino, non sembra che abbia avuto un impatto molto immediato sui profitti della Lockheed, secondo il suo ultimo rapporto sugli utili, pubblicato circa una settimana fa.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/IfjjKrUGzvs/beijing-slaps-sanctions-raytheon-lockheed-boeing-retaliation-taiwan-arms-sales in data Mon, 26 Oct 2020 02:49:45 PDT.