I media statali cinesi criticano Soros come “la persona più malvagia del mondo” e “il figlio di Satana”

I media statali cinesi denunciano Soros come "la persona più malvagia del mondo" e "il figlio di Satana"

La Cina non ha impiegato molto a rispondere a George Soros dopo che è andato nucleare su Pechino e i titani degli investimenti statunitensi hanno abbandonato i loro "ideali ESG" per capitalizzare sull'enorme mercato cinese.

Durante il fine settimana, il tabloid statale cinese Global Times ha etichettato George Soros come un " terrorista economico globale " in uno scambio di colpi di scena in duelli editoriali che sottolineano l'aumento della temperatura nelle relazioni tra Stati Uniti e Cina, secondo lo Standard e l' Asia Times. .

L'articolo, pubblicato il 4 settembre, accusava il miliardario gestore di hedge fund e donatore liberale e sostenitore democratico di aver fornito finanziamenti al proprietario del giornale incarcerato di Hong Kong Jimmy Lai per sostenere le proteste anti-Pechino della città nel 2019.

Poco dopo, Soros ha scritto un editoriale per il Wall Street Journal che ha affermato che il recente investimento di un miliardo di dollari in fondi comuni di investimento di BlackRock con sede a New York in Cina è stato un "tragico errore" e avrebbe perso denaro per i clienti del gestore patrimoniale. Soros ha scritto che l'investimento in BlackRock "mette in pericolo gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti". Ciò ha fatto seguito a un editoriale di Soros del 30 agosto pubblicato sul Financial Times che affermava che il giro di vite del presidente cinese Xi Jinping sulle imprese private è stato "un ostacolo significativo per l'economia cinese" e "potrebbe portare a un crollo".

Soros ha affermato che indici come l'ACWI di MSCI, l'ESG Leaders Index e l'ESG Aware di BlackRock hanno “di fatto costretto centinaia di miliardi di dollari appartenenti a investitori statunitensi a società cinesi la cui corporate governance non soddisfa gli standard richiesti: potere e responsabilità sono ora esercitati da uno uomo (Xi) che non è responsabile nei confronti di alcuna autorità internazionale”.

Il miliardario ha esortato il Congresso degli Stati Uniti ad approvare una legislazione che limiti gli investimenti dei gestori patrimoniali alle "aziende in cui le strutture di governance effettive sono sia trasparenti che allineate con le parti interessate". Rapporti precedenti dicevano che l'hedge fund di Soros aveva ceduto tutta la sua esposizione alle attività cinesi all'inizio di quest'anno.

Dopo essersi fatto un nome (e $ 1,1 miliardi) per aver rotto la Banca d'Inghilterra nel 1992, durante la crisi finanziaria asiatica nel 1997, Soros ha anche cercato di rompere l'ancoraggio del dollaro di Hong Kong al dollaro USA, ma alla fine è stato sconfitto dal governo di Hong Kong, che è intervenuto pesantemente nei mercati per proteggere il piolo. A Soros è stato dato il soprannome di "coccodrillo finanziario" dai media locali all'epoca.

Nel settembre 2001, Soros è stato invitato a visitare la Cina e ha incontrato l'allora premier cinese Zhu Rongji a Pechino. Ma dopo la crisi finanziaria globale del 2008, Soros ha detto ai media nell'ottobre 2009 che la Cina dovrebbe farsi avanti come leader di un nuovo ordine economico globale.

Poi, nel gennaio 2016, Soros ha detto a una cena al World Economic Forum di Davos che "un atterraggio duro è praticamente inevitabile" per l'economia cinese. Pochi giorni dopo, il People's Daily, portavoce del Partito comunista cinese, ha avvertito che "la guerra di Soros al renminbi e al dollaro di Hong Kong non può assolutamente avere successo – su questo non ci possono essere dubbi".

Nel gennaio 2019, Soros ha affermato che il presidente cinese Xi Jinping era "il nemico più pericoloso" delle società libere per aver presieduto a un regime di sorveglianza ad alta tecnologia. Ha detto: "La Cina non è l'unico regime autoritario al mondo, ma è il più ricco, il più forte e il più avanzato tecnologicamente". Ha anche affermato che i giganti cinesi delle telecomunicazioni ZTE e Huawei non dovrebbero essere autorizzati a dominare il lancio mondiale dell'infrastruttura 5G.

Ma l'etichetta di “terrorista economico” del Global Times è una nuova escalation nella faida tra i due.

Il commento del Global Times, intitolato "Questo terrorista economico globale sta fissando la Cina!", ha affermato che Soros ha iniziato a criticare la Cina solo perché si sentiva dispiaciuto dopo aver ceduto tutti i suoi investimenti in Tencent Music, Baidu e Vishop all'inizio di quest'anno.

L'articolo ha aggiunto che le sue fondazioni della società aperta hanno finanziato Human Rights Watch, che secondo lui diffonde "voci" contro la Cina su questioni recenti a Hong Kong e nello Xinjiang, nonché sull'origine della pandemia di Covid-19. Il commento del Global Times ha anche affermato che Soros aveva colluso con il fondatore di Apple Daily Jimmy Lai per cercare di avviare una "rivoluzione colorata" a Hong Kong nel 2019. Ha anche descritto Soros come " la persona più malvagia del mondo" e "il figlio di Satana". .”

Questa non è la prima volta che un paese sovrano ha definito Soros "satana": diversi anni fa la sua nativa Ungheria ha detto che George Soros è "Satana" e la sua agenda è quella che "dal cuore odia le tradizioni e la civiltà dell'Europa cristiana".

In un discorso intitolato "Il dovere cristiano di combattere contro il piano Satana/Soros", András Aradszki, segretario di Stato per l'energia del governo, ha inquadrato per la prima volta la lunga campagna del suo partito al governo contro Soros in termini esplicitamente teologici.

Collegando Soros ad "aborto, eutanasia, matrimonio tra persone dello stesso sesso e alla politicizzazione forzata della teoria del genere", Aradszki ha dichiarato domenica dall'aula del parlamento ungherese: "I mercenari di Soros non citano i pensieri del Santo Padre su questo".

Ha aggiunto: "Soros e i suoi compagni vogliono distruggere l'indipendenza e i valori degli stati nazionali allo scopo di annacquare lo spirito cristiano dell'Europa".

Citando un presunto piano di Soros per sistemare con la forza "decine di milioni di migranti" in Europa, Aradszki ha dichiarato: "La lotta contro Satana è un dovere cristiano. Sì, parlo di un attacco di Satana, che è anche l'angelo della negazione, perché negano ciò che si preparano a fare, anche quando è del tutto ovvio».

Tornando alla Cina, AsiaTimes riferisce che l'articolo del Global Times è stato ampiamente ripubblicato da siti web continentali e citato dai media di Hong Kong e Taiwan negli ultimi giorni.

Il Global Times non era finito, e in un editoriale separato , il Global Times ha scritto che:

" George Soros, che è disprezzato da molti in tutto il mondo per aver innescato e trarre profitto dalle crisi, ha iniziato una nuova campagna contro l'economia cinese a causa delle recenti azioni normative del paese. Ma come i suoi ripetuti fallimenti e le enormi perdite nelle scommesse contro la seconda economia del mondo prima, l'ultimo tentativo di Soros non solo è destinato a fallire, ma cancellerà anche qualsiasi credibilità che ha ancora quando si tratta della Cina".

Il Global Times era anche preoccupato per le critiche di Soros al nuovo massiccio investimento di BlackRock in Cina e al giro di vite regolamentare di Xi, tuttavia aveva poco di cui preoccuparsi: quando si tratta della Cina, gli ideali di Larry Fink sono flessibili quanto il mandato della Fed per quanti obbligazioni ed ETF che il gigante del risparmio gestito dovrebbe acquistare per suo conto.

Nell'aprile 2021, il presidente di BlackRock Larry Fink ha scritto in una lettera agli azionisti che "il mercato cinese rappresenta un'opportunità significativa per aiutare a raggiungere gli obiettivi a lungo termine degli investitori in Cina e a livello internazionale" e offre alla società l'opportunità di aiutare ad affrontare la sfida di pensionamento per milioni di persone in Cina.

"Mentre i mercati dei capitali cinesi continuano ad aprirsi alle società straniere, BlackRock ha intrapreso azioni significative per espandere la nostra presenza onshore e rispondere alle esigenze dei nostri clienti", ha affermato Fink. Lo scorso agosto, la Cina ha approvato una joint venture per la gestione patrimoniale tra BlackRock, l'investitore statale di Singapore Temasek Holdings e China Construction Bank. Nel maggio di quest'anno, la joint venture, che è posseduta al 50,1% da Blackrock, al 40% da CCB e al 9,9% da Temasek, ha ottenuto una licenza dai regolatori cinesi.

Finora i tentativi di Soros di ostacolare gli investimenti statunitensi in Cina da parte dei giganti della gestione patrimoniale sono stati accolti con disprezzo e scherno.

Tyler Durden lun, 13/09/2021 – 20:40


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/Kbl-i_mWVlk/chinese-state-media-slams-soros-most-evil-person-world-and-son-satan in data Mon, 13 Sep 2021 17:40:00 PDT.