Come lo Xinjiang “interferisce” con l’accordo UE-Cina

In che modo lo Xinjiang "interferisce" con l'accordo UE-Cina Tyler Durden Ven, 18/09/2020 – 03:30

Scritto da Pepe Escobar tramite The Asia Times,

Uno speciale Pechino-Bruxelles-Berlino: quello era un vero video-vertice.

Da Pechino abbiamo avuto il presidente Xi Jinping. Da Berlino, il cancelliere Angela Merkel. E da Bruxelles, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. I cinesi lo hanno definito il primo vertice "di questo tipo nella storia".

In realtà è stato il secondo incontro di alto livello della leadership cinese ed europea in due mesi. Ed è avvenuto solo pochi giorni dopo un tour di alto livello del ministro degli Esteri Wang Yi che ha coinvolto Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi e Norvegia, e la visita del potente "Yoda" del Consiglio di Stato, Yang Jiechi, in Spagna. e la Grecia.

Il Santo Graal alla fine di tutti questi incontri – faccia a faccia e virtuali – è il trattato di investimento Cina-UE. La Germania è attualmente a capo della presidenza dell'UE per sei mesi. Berlino voleva che il trattato fosse firmato in un vertice a Lipsia questo mese che univa l'UE-27 e Pechino. Ma il Covid-19 aveva altri piani.

Quindi il vertice è stato metastatizzato in questa mini videoconferenza. Il trattato dovrebbe ancora essere firmato entro la fine del 2020.

Aggiungendo una nota intrigante, il mini-summit è avvenuto anche un giorno prima che il premier Li Keqiang partecipasse a uno speciale dialogo virtuale con i leader aziendali, promosso dal World Economic Forum (WEF). Non è chiaro se Li discuterà le complessità del Grande Reset con Klaus Schwab, per non parlare del fatto che la Cina vi aderisca.

Siamo "ancora impegnati"

Il mini vertice video UE-Cina è stato davvero notevole per la sua rotazione molto discreta. L'UE, ufficialmente, considera ora la Cina sia un partner essenziale che un "rivale strategico". Bruxelles è irremovibile sulla sua volontà di "cooperare" mentre difende i famigerati "valori" dei diritti umani.

Per quanto riguarda il trattato sugli investimenti, l'impresa del Santo Graal che è in trattativa da sette anni, Ursula von der Leyen ha detto che "c'è ancora molto da fare".

Ciò che l'UE vuole essenzialmente è la parità di trattamento per le loro aziende in Cina, simile a come vengono trattate le aziende cinesi all'interno dell'UE. I diplomatici hanno confermato che le aree chiave sono le telecomunicazioni, il mercato automobilistico – che dovrebbe essere totalmente aperto – e la fine della concorrenza sleale da parte dell'acciaio cinese.

La scorsa settimana, il capo della Siemens, Joe Kaeser, ha gettato una chiave in più, dicendo a Die Zeit che “condanniamo categoricamente ogni forma di oppressione, lavoro forzato e minaccia ai diritti umani”, riferendosi a Hong Kong e Xinjiang.

Ciò ha causato molto scalpore. Almeno il 10% delle attività di Siemens è generato in Cina, dove l'azienda è presente dal 1872 e impiega oltre 35.000 persone. Siemens è stata costretta a dichiarare pubblicamente che è "ancora impegnata" in Cina.

La Cina è il principale partner commerciale della Germania dal 2017, davanti a Francia e Stati Uniti. Quindi non c'è da meravigliarsi che i campanelli d'allarme abbiano iniziato a suonare, a intermittenza. È stato nel gennaio dello scorso anno che la BDI – la Federazione delle industrie tedesche – ha definito per la prima volta la Cina un "concorrente sistemico", e non solo un "partner". La preoccupazione era incentrata sulle "distorsioni" del mercato e sulle barriere alla concorrenza tedesca all'interno della Cina.

Il mini video-vertice si è svolto mentre la guerra commerciale scatenata da Washington contro Pechino ha raggiunto le proporzioni della Guerra Fredda 2.0. I diplomatici dell'UE, a disagio e di nascosto, ammettono che gli europei sono presi nel mezzo e l'unica strategia possibile è cercare di promuovere i loro interessi economici insistendo sulla stessa panacea dei diritti umani.

Così l'UE ha chiesto questo lunedì, non riportato dai media cinesi, di permetterci di inviare "osservatori indipendenti" nello Xinjiang.

Quei jihadisti uiguri

Quindi torniamo, inevitabilmente, alla questione iperincandescente dei "campi di concentramento" dello Xinjiang.

L'establishment atlantista ha scatenato una feroce campagna senza esclusione di colpi per plasmare la narrativa secondo cui Pechino sta conducendo nientemeno che un genocidio culturale nello Xinjiang.

A parte la retorica del governo degli Stati Uniti, la campagna è per lo più condotta da "influencer" think tank statunitensi come questo , che pubblicano rapporti che diventano virali sui media aziendali occidentali.

Uno di questi rapporti cita “numerosi resoconti di prima mano di uiguri” che vengono definiti “impiegati” per svolgere lavori forzati. Di conseguenza, la catena di approvvigionamento globale, secondo il rapporto, è "probabilmente contaminata dal lavoro forzato".

La parola chiave è "probabile". Come in Russia è “probabile” che interferisca nelle elezioni americane e “probabile” avvelenare gli oppositori del Cremlino. Non c'è modo di verificare l'accuratezza delle fonti citate in questi rapporti, che sono opportunamente finanziate da "molteplici donatori interessati al commercio in Asia". Chi sono questi donatori? Qual è il loro programma? Chi trarrà vantaggio dal tipo di "commercio in Asia" che stanno spingendo?

A livello personale, lo Xinjiang era in cima alle mie priorità di viaggio quest'anno – poi messo a tacere dal Covid-19 – perché voglio controllare da solo tutti gli aspetti di ciò che sta realmente accadendo nel Far West cinese.

Allo stato attuale, gli "influencer" copycat statunitensi nell'UE hanno il potere di imporre la narrativa sul lavoro forzato uiguri, sottolineando che gli abiti che indossano gli europei "potrebbero" – e la parola chiave è "potrebbe" – essere realizzati da lavoratori forzati .

Non aspettarti che la rete atlantista si preoccupi nemmeno di offrire un contesto in termini di Cina che combatte il terrorismo nello Xinjiang.

Ai vecchi tempi di al-Qaeda, ho visitato e intervistato i jihadisti uiguri rinchiusi in una prigione tentacolare allestita dai mujahidin sotto il comandante Masoud nella valle del Panjshir. Erano stati tutti indottrinati dagli imam che predicavano nelle madrasse finanziate dai sauditi in tutto lo Xinjiang.

Più recentemente, i salafiti uiguri sono stati molto attivi in ​​Siria: almeno 5mila, secondo l'ambasciata siriana a Pechino.

Pechino sa esattamente cosa succederebbe se tornassero nello Xinjiang, così come Mosca sa cosa succederebbe se i jihadisti ceceni tornassero nel Caucaso.

Quindi non c'è da meravigliarsi che la Cina debba agire. Ciò include la chiusura delle madrasse, la detenzione di imam e l'arresto – e "rieducazione" – di possibili jihadisti e delle loro famiglie.

Dimentica il contesto che offre l'Occidente sul Partito islamico del Turkistan (TIP), che ha dichiarato un Emirato islamico, in stile ISIS / Daesh, nel novembre 2019 a Idlib, nel nord-ovest della Siria. TIP è stata fondata nello Xinjiang 12 anni fa ed è stata molto attiva in Siria dal 2011, esattamente lo stesso anno in cui hanno affermato di essere responsabili di un'operazione terroristica a Kashgar che ha ucciso 23 persone.

È oltre il patetico che l'Occidente abbia ucciso e sfollato moltitudini musulmane – direttamente e indirettamente – con la "guerra al terrore" solo per diventare così preoccupato per la difficile situazione degli uiguri.

È più illuminante ricordare la storia. Come nell'autunno dell'821, quando la principessa Taihe, sorella di un imperatore della dinastia Tang, cavalcava su un cammello della Battriana, le sue assistenti la seguivano in preziosi cavalli Ferghana, dal palazzo imperiale di Chang'an alla terra dei Uiguri.

La principessa Taihe era stata scelta come tributo vivente e stava per sposare il kaghan uigura per cementare l'amicizia dei loro popoli. Veniva dall'est, ma i suoi vestiti e gli ornamenti provenivano dall'ovest, dalle steppe e dai deserti dell'Asia centrale dove avrebbe vissuto la sua nuova vita.

E a proposito, gli uiguri e la dinastia Tang erano alleati.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/gQcC_6bFlAs/how-xinjiang-interferes-eu-china-deal in data Fri, 18 Sep 2020 00:30:00 PDT.