Il rapporto sulla trasparenza di Coinbase è un primo passo gradito

Il rapporto sulla trasparenza di Coinbase è un primo passo gradito

Coinbase ha rilasciato il suo primo rapporto sulla trasparenza e siamo incoraggiati a vedere la società fare questo primo passo e impegnarsi a pubblicare rapporti futuri che vadano ancora oltre per fornire trasparenza ai propri clienti.

Il mese scorso, abbiamo rinnovato un invito a Coinbase, uno dei più grandi scambi di criptovaluta nel paese, per iniziare a rilasciare rapporti regolari sulla trasparenza che forniscono informazioni su quante richieste di informazioni da parte del governo riceve e su come le tratta. I dati finanziari possono essere particolarmente sensibili e le decisioni in merito alla consegna di tali dati o alla chiusura degli account non dovrebbero essere prese all'oscuro.

Il primo rapporto sulla trasparenza di Coinbase condivide alcune informazioni importanti. Offre un numero aggregato di richieste ricevute dalle forze dell'ordine in più di trenta paesi e una ripartizione dei tipi di agenzie che hanno chiesto informazioni negli Stati Uniti. Complessivamente, Coinbase ha ricevuto 1.914 richieste, la stragrande maggioranza delle quali è classificata come per indagini "criminali".

I rapporti sulla trasparenza sono strumenti importanti per la responsabilità per le aziende che prendono decisioni su quando consegnare le informazioni finanziarie o chiudere gli account, il che può avere un enorme impatto sulla privacy individuale e sul discorso online. La pubblicazione di informazioni sulle richieste di applicazione della legge che i fornitori ricevono e le relative risposte consente agli utenti di prendere decisioni informate sui servizi che utilizzano. I rapporti aiutano anche giornalisti, sostenitori e il pubblico a ottenere informazioni sui modelli e le pratiche della raccolta dei dati delle forze dell'ordine.

Il rapporto di Coinbase è un passo importante ma modesto verso i rapporti sulla trasparenza che le persone dovrebbero aspettarsi dalle loro istituzioni finanziarie. Siamo incoraggiati a vedere Coinbase riconoscere i limiti di questo rapporto nel proprio annuncio: "Sebbene ci sia limitato dal divulgare alcune delle richieste di informazioni che riceviamo, nel tempo speriamo di aggiornare e migliorare i nostri rapporti con ulteriori informazioni, risorse e osservazioni per fornire informazioni più dettagliate sul nostro processo di risposta del governo ".

Abbiamo alcune idee su come Coinbase può migliorare i suoi rapporti in futuro. Innanzitutto, sarebbe utile per i consumatori e i sostenitori sapere quante richieste Coinbase potrebbe aver contestato o quanti account sono stati chiusi a seguito di queste richieste. Altre società forniscono regolarmente quel livello di dettaglio .

Per i rapporti futuri di Coinbase e di altre istituzioni finanziarie, EFF vorrebbe anche vedere rapporti sulla trasparenza che delineano richieste informali del governo che non provengono da un mandato di comparizione, mandato o altri procedimenti legali, come quando le forze dell'ordine hanno costretto le aziende a chiudere acconti per coercizione. Ci piacerebbe anche vedere maggiori informazioni su come aziende come Coinbase gestiscono le richieste del governo, che spesso le aziende rendono pubblicamente disponibili . Sarebbe anche utile per i servizi finanziari come Coinbase iniziare a pubblicare il numero di rapporti di attività sospette che presentano annualmente al Financial Crimes Enforcement Network e su quanti account.

Sarebbe anche utile per i processori di pagamento offrire informazioni aggregate su quanti account sono stati congelati o chiusi, suddivisi in base alla giustificazione, ad esempio per frode o violazioni dei Termini di servizio.

Vogliamo anche fare eco alla chiamata che il consulente legale di Coinbase Paul Grewal ha fatto chiedendo ad altri nel settore dei servizi finanziari di intensificare i propri rapporti. "[Mentre] i rapporti sulla trasparenza sono diventati più comuni nella tecnologia, rimangono rari nei servizi finanziari", ha detto Grewal, "Riteniamo che sia importante non solo per le società di criptovaluta, ma per le fintech e le banche in generale per fare luce sulla condivisione dei dati finanziari pratiche e contribuire alla comprensione delle tendenze del settore in modo significativo ".

Siamo d'accordo e chiediamo ad altri intermediari di pagamento e servizi di blockchain di custodia di seguire l'esempio di Kraken e Coinbase nel fornire queste informazioni vitali ai loro utenti.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su EFF – Electronic Frontier Foundation all’URL https://www.eff.org/deeplinks/2020/10/coinbases-transparency-report-welcome-first-step in data Mon, 19 Oct 2020 19:01:15 +0000.