Una nazione agli arresti domiciliari: in che modo i mandati COVID-19 incidono sulle nostre libertà?

Una nazione agli arresti domiciliari: in che modo i mandati COVID-19 incidono sulle nostre libertà? Tyler Durden gio, 30/07/2020 – 22:40

Autore di John Whitehead tramite The Rutherford Institute,

“È giusto allarmarsi al primo esperimento sulle nostre libertà. Riteniamo che questa gelosa prudenza sia il primo dovere dei cittadini e una delle caratteristiche più nobili della fine della rivoluzione. Il libero uomo americano non ha aspettato che il potere usurpato si fosse rafforzato con l'esercizio, e ha intrecciato la domanda in precedenti. Hanno visto tutte le conseguenze nel principio e hanno evitato le conseguenze negando il principio. "

– James Madison

Siamo diventati una nazione agli arresti domiciliari.

Pensi che siamo diversi dalla coppia del Kentucky dotata di bracciali per il monitoraggio della caviglia e costretti a mettere in quarantena a casa?

Non erano

Considera cosa è successo a Elizabeth e Isaiah Linscott.

Elizabeth ha effettuato un test diagnostico precauzionale COVID-19 prima di viaggiare per visitare i suoi genitori e nonni nel Michigan. È tornato positivo: Elisabetta era asintomatica per il nuovo coronavirus ma non aveva sintomi. Suo marito e sua figlia sono risultati negativi per il virus.

Ora in un paese in cui la libertà in realtà significa qualcosa, i Linscotts avrebbero il diritto di determinare autonomamente come procedere in modo responsabile, ma nello Stato di polizia americano abbiamo solo la libertà che il governo gli concede.

Questo non dice molto.

In effetti, è un momento pericoloso per chiunque si aggrappi ancora all'idea che la libertà significhi il diritto di pensare per se stessi e agire in modo responsabile secondo il proprio miglior giudizio.

A tal proposito, i Linscotts sono un po 'di vecchia scuola nel loro modo di pensare. Quando a Elizabeth fu chiesto di firmare un ordine di auto-quarantena accettando di effettuare il check-in quotidiano con il dipartimento sanitario e di non viaggiare da nessuna parte senza previa approvazione, si rifiutò .

Non dovrei chiedere il consenso perché sono un adulto che può prendere quella decisione. E come cittadino degli Stati Uniti d'America, questo è il mio diritto di prendere quella decisione senza doverlo rivelare a qualcun altro ", ha detto Elizabeth. “Quindi no, non indosserei una maschera. Farei tutto il possibile per assicurarmi di non entrare in contatto con altre persone a causa della paura che si sta diffondendo. Ma no, sarei rimasto a casa a prendermi cura di mio figlio. "

Invece di firmare la dichiarazione generale, Elizabeth ha presentato la sua dichiarazione scritta :

Farò del mio meglio per restare a casa, come faccio ogni volta che mi ammalo. Ma non posso obbedire a dover chiamare il dipartimento di sanità pubblica ogni volta che devo uscire e fare qualcosa. È mio diritto e libertà andare dove preferisco e non dover rispondere a nessuno per questo. Non c'è pandemia e con un tasso di sopravvivenza del 99,9998% sto bene. Continuerò a evitare gli anziani, proprio come affermano le linee guida PRIOR, cerco di rimanere a casa, riposare, prendere le medicine e migliorare. Rifiuto.

Pochi giorni dopo essere stato informato che il caso di Elizabeth era stato intensificato e riferito alle forze dell'ordine, secondo quanto riferito i Linscotts hanno trovato la loro casa circondata da più veicoli governativi, personale governativo e lo sceriffo della contea armati di un ordine del tribunale e di dispositivi di sorveglianza della caviglia.

"Non abbiamo rapinato un negozio", ha detto Linscott.

Non abbiamo rubato qualcosa. Non abbiamo colpito e scappato. Non abbiamo fatto niente di male. "

Questo è il punto, ovviamente.

In un'epoca di eccessiva criminalizzazione – quando la legge è esercitata come un martello per forzare il rispetto dei dettami del governo, qualunque cosa essi possano essere – non devi fare nulla di male per essere multato, arrestato o sottoposto a incursioni, sequestri e sorveglianza.

Guarda e guarda: proprio come in Cina, questa pandemia sta per offrire al governo la scusa perfetta per espandere i suoi poteri di sorveglianza e raccolta dei dati a nostre spese.

Su base giornaliera, gli americani stanno già abbandonando (in molti casi, volontariamente) i dettagli più intimi di chi siamo: la loro composizione biologica, i nostri progetti genetici e la nostra biometria (caratteristiche e struttura del viso, impronte digitali, scansioni dell'iride, ecc.) —Per navigare in un mondo sempre più abilitato dal punto di vista tecnologico.

COVID-19, tuttavia, porta lo stato di sorveglianza al livello successivo.

Si è già parlato di test di massa per gli anticorpi COVID-19, controlli dei punti di controllo, tracciabilità dei contatti, passaporti di immunità per consentire a coloro che si sono ripresi dal virus di spostarsi più liberamente e spie di segnalazione per segnalare "infrazioni alle regole" alle autorità.

Come riporta Reuters:

Mentre gli Stati Uniti iniziano a riaprire la propria economia, alcuni funzionari statali stanno valutando se la tecnologia di monitoraggio degli arresti domiciliari – inclusi bracciali alla caviglia o app di localizzazione – possa essere utilizzata per la polizia delle quarantene imposte ai coronavirus . Ma mentre la tecnologia è stata utilizzata sporadicamente per l'applicazione della quarantena degli Stati Uniti nelle ultime settimane, i rollout su larga scala sono stati finora frenati da una grande domanda legale: i funzionari possono imporre il monitoraggio elettronico senza un reato o un ordine del tribunale?

Più precisamente, come ha chiesto il capo di una società tecnologica, Puoi effettivamente monitorare costituzionalmente qualcuno che è innocente? È un territorio inesplorato. "

Solo che questo non è esattamente un territorio inesplorato, vero?

Segue più o meno lo stesso schema di ogni altro stato di emergenza negli ultimi anni – legittimo o fabbricato – che ha autorizzato il governo ad aggiungere al suo arsenale di tecnologie e poteri.

La guerra al terrorismo, la guerra alla droga, la guerra all'immigrazione clandestina, i sistemi di confisca delle attività, i piani di sicurezza stradale, i piani di sicurezza scolastica, il dominio eminente: tutti questi programmi sono iniziati come risposte legittime a preoccupazioni urgenti e da allora sono diventati armi di conformità e controllo nelle mani dello stato di polizia.

Non importa nemmeno quale potrebbe essere la natura della crisi : disordini civili, emergenze nazionali, "collasso economico imprevisto, perdita di ordine politico e giuridico funzionante , resistenza o insurrezione interna intenzionale, emergenze pervasive di sanità pubblica e catastrofici naturali e catastrofi umane "purché permetta al governo di giustificare ogni tipo di tirannia del governo nel cosiddetto nome di sicurezza nazionale.

È difficile sapere di chi fidarsi più.

Certamente, in questa epoca altamente partigiana, quando tutto, dalla pandemia di COVID-19 alla brutalità della polizia al calcio, viene rifuso alla luce delle proprie inclinazioni politiche, può essere incredibilmente difficile separare ciò che costituisce una vera preoccupazione per la sicurezza rispetto a ciò che è iperpoliticizzato propaganda.

Prendi i mandati della maschera, per esempio.

Attualmente, 19 stati non hanno emesso mandati maschera in risposta all'aumento del numero di infezioni COVID-19. Più di 30 stati hanno emanato alcune forme di requisiti per le maschere . Un numero crescente di rivenditori, tra cui Walmart, Target e CVS, si sta anche unendo al carrozzone del mandato della maschera . Il governatore della Georgia, nella sfida di mascherare i requisiti degli enti locali, ha intentato una causa sfidando il dettato di Atlanta che le maschere devono essere indossate entro i limiti della città.

In alcuni stati, come l'Indiana, dove sono richieste maschere ma non vi sono sanzioni per l'inosservanza , i funzionari del governo stanno esortando le persone a proteggersi ma a non confrontarsi con le maschere o trasformarsi in boccini.

In altri stati, come la Virginia, lo stato della tata sta usando tattiche più solide per forzare il rispetto dei mandati delle maschere, tra cui la minaccia di multe, tempo di detenzione, ispezioni a sorpresa delle imprese e hotline per i reclami che incoraggiano i cittadini a intrufolarsi a vicenda . I funzionari di Las Vegas hanno schierato 100 "ambasciatori della conformità" per aiutare a educare e migliorare l'applicazione del mandato della maschera dello stato. Una coppia a Knoxville, in Tennessee, ha portato la vergogna della maschera a nuovi livelli quando hanno creato una pagina Facebook per monitorare la conformità di aziende, dipendenti e clienti.

A Miami, “i residenti ora rischiano una sanzione legale se si avventurano in pubblico senza maschera. La città ha assegnato almeno 39 agenti di polizia per assicurarsi che i residenti stiano seguendo le ordinanze sulla maschera obbligatoria della città. I trasgressori saranno avvertiti ma, se si rifiutano di conformarsi, saranno multati. La prima infrazione avrà un costo di $ 100 e la seconda di altri $ 100. Con un terzo – Dio non voglia – l'autore del reato verrà arrestato.

Questi approcci contrastanti e, in alcuni casi, pesanti a una pandemia che ha bloccato la nazione per quasi sei mesi sta trasformando questa crisi sanitaria in un tiro alla fune burocratico inutilmente politicizzato, senza vincitori netti trovato.

Certamente, questa non è la prima crisi a porre problemi di sicurezza contro i principi di libertà.

In questo mondo post 11 settembre, siamo stati indottrinati a temere e diffidare l'un l'altro invece di temere e diffidare del governo. Di conseguenza, siamo stati costretti a percorrere questa strada molte, molte volte con risultati deplorevoli ogni volta: senza dubbio, quando viene chiesto di scegliere tra sicurezza e libertà, gli americani tendono storicamente a scegliere la sicurezza.

Non riuscendo a leggere la stampa fine sugli affari di questo diavolo, "noi il popolo" ci troviamo ripetutamente sull'estremità perdente mentre il governo usa ogni crisi come mezzo per espandere i suoi poteri a spese dei contribuenti.

Qualunque sia il mandato di queste maschere – tattiche autoritarie del braccio forte o necessità di salute per prevenire un'ulteriore diffusione del virus – hanno finora dimostrato di essere in guerra battaglie legali per coloro che sperano di sfidarli in tribunale come restrizioni incostituzionali al loro diritto alla libertà , autonomia corporea, privacy e salute.

In effetti, i tribunali della Florida hanno confermato le ordinanze sulla maschera , dichiarando che non violano i diritti costituzionali e che "non vi è alcuna ragionevole aspettativa di privacy sul fatto che si copra il naso e la bocca in luoghi pubblici, che sono gli unici luoghi in cui si applica l'ordinanza sulla maschera. "

Dichiarando che non esiste un diritto costituzionale di infettare gli altri, il giudice del Circuito John Kastrenakes ha concluso che " il diritto di essere" libero dalle intrusioni governative "non protegge automaticamente o completamente la condotta di un individuo dalla regolamentazione ". Inoltre, ha scritto Kastrenakes, i diritti costituzionali e gli ideali del governo limitato “ non assolvono un cittadino dalle conseguenze del mondo reale delle sue scelte individuali , o altrimenti permettono loro di assecondare totalmente il loro obbligo sociale con i loro compagni americani o con la società nel suo insieme . Ciò è particolarmente vero quando le scelte individuali possono comportare conseguenze drastiche, costose e talvolta mortali per gli altri. "

I tribunali della Virginia hanno anche confermato i mandati per le maschere .

Queste decisioni della corte prendono spunto da una decisione della Corte suprema degli Stati Uniti del 1905 in Jacobson v. Massachusetts, in cui la Corte sostenne l'autorità degli Stati di far rispettare le leggi sulla vaccinazione obbligatoria.

In altre parole, i tribunali hanno concluso che il governo ha un interesse irresistibile nel richiedere maschere per combattere le infezioni COVID-19 che prevalgono sulle libertà individuali.

In generale, il governo deve mostrare un cosiddetto interesse statale convincente prima di poter prevalere su alcuni diritti critici come la libertà di parola, riunione, stampa, privacy, ricerca e sequestro, ecc. Nella maggior parte dei casi, il governo manca di tale interessante interesse statale , ma riesce ancora a violare tali diritti, preparandosi a battaglie legali più avanti.

Possiamo dedicare del tempo a discutere i mandati delle maschere. Tuttavia, criticare coloro che giustamente temono che queste restrizioni siano una pendenza scivolosa per ulteriori tattiche dello stato di polizia non ripristinerà le libertà che sono state volontariamente sacrificate sull'altare della sicurezza nazionale dagli americani di ogni livello politico nel corso degli anni.

Come ho avvertito, questo è un test per vedere come la Costituzione – e il nostro impegno nei confronti dei principi sanciti nella Carta dei diritti – possano sopravvivere a una crisi nazionale e al vero stato di emergenza.

Va ricordato che James Madison, il "padre" della Costituzione degli Stati Uniti e della Carta dei diritti e il quarto presidente degli Stati Uniti, ha avvertito che dovremmo "allarmarci al primo esperimento sulle nostre libertà.

Indipendentemente dal fatto che tu consideri queste restrizioni COVID-19 come causa di allarme, sono lontane dal primo esperimento sulle nostre libertà. In effetti, indipendentemente dal fatto che tu ammetta o meno che la pandemia stessa sia causa di allarme, dovremmo essere tutti allarmati dalla risposta del governo a questa pandemia.

Dal governo, non mi riferisco a un particolare politico o amministrazione, ma all'intero apparato ad ogni livello che cospira per mantenere "noi il popolo" timorosi l'uno dell'altro e agli arresti domiciliari virtuali.

Questo è ciò a cui siamo stati ridotti tutti: prigionieri nella nostra pelle, prigionieri nelle nostre case, prigionieri nelle nostre comunità – costretti a rispettare i mandati mutevoli del governo su come navigare in questa pandemia o altro .

In questo momento, COVID-19 è la scusa perfetta per il governo per provocare il caos sulle nostre libertà in nome della sicurezza e della sicurezza, ma come chiarisco nel mio libro Battlefield America: The War on the American People , non credete per un minuto che la nostra sicurezza è la preoccupazione principale dello stato di polizia.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/VuMVlQtojPQ/one-nation-under-house-arrest-how-do-covid-19-mandates-impact-our-freedoms in data Thu, 30 Jul 2020 19:40:00 PDT.