Strategia cinese di cattura delle élite e Bidens

Strategia cinese di cattura delle élite e Bidens Tyler Durden Sab, 24/10/2020 – 22:30

Scritto da Clive Hamilton e Mareike Ohlberg tramite The Epoch Times ,.

Tratto dal libro: "Hidden Hand: Exposing How the Chinese Communist Party is Reshaping the World"

Nel 2018 il ben collegato editorialista del Washington Post Josh Rogin ha sottolineato che la Cina ha costruito reti di influenza negli Stati Uniti per molti anni e che il governo degli Stati Uniti "si sta preparando alla possibilità che il governo cinese decida di armarle". per ottenere ciò che vuole. (Sebbene Pechino non sia noto per utilizzare "misure attive" in stile russo in Occidente, dispiegarle è solo una questione di calcolo politico.)

Una delle operazioni di penetrazione più audaci del PCC, Chinagate nel 1996, ha visto un top operativo dell'intelligence incontrare un ingenuo presidente Clinton alla Casa Bianca, insieme a donazioni alla campagna di Clinton fatte attraverso persone con legami con l'esercito cinese.

Pechino lavora per guadagnare influenza nel Congresso degli Stati Uniti sin dagli anni '70. Attraverso le attività del dipartimento di collegamento internazionale del PCC e di organismi legati al partito come l'Associazione cinese per i contatti amichevoli internazionali, la Cina ha stretto alcuni amici influenti. Tuttavia, il Congresso è rimasto per la maggior parte scettico nei confronti della Cina, sebbene la sua voce sia stata a volte attenuata dall'influenza dei membri "pro-Cina". Il presidente, la Casa Bianca, la burocrazia, i think tank e le lobby imprenditoriali sono stati tutti presi di mira da Pechino, con buoni risultati.

Il candidato presidenziale democratico ed ex vicepresidente Joe Biden fa un gesto mentre parla durante il dibattito presidenziale finale alla Belmont University di Nashville, Tennessee, il 22 ottobre 2020 (Jim Watson / AFP / Getty Images)

Fino a poco tempo, quasi tutti i giocatori a Washington DC e oltre erano convinti dal tropo "pacifica ascesa della Cina" e dal valore di "impegno costruttivo". La convinzione comune era che, con lo sviluppo economico della Cina, si sarebbe naturalmente trasformata in uno stato liberale. Questa visione non era priva di fondamento, perché le fazioni più liberali all'interno del PCC lottavano con la linea dura, ma negli Stati Uniti rafforzava una sorta di ingenuità istituzionale sfruttata da Pechino. Molti di coloro che si sono attenuti a questo punto di vista anche dopo che le prove hanno sottolineato con fermezza il contrario hanno avuto un forte investimento personale nella difesa di Pechino.

L'uomo d'affari miliardario ed ex sindaco di New York Michael Bloomberg è entrato in ritardo nel concorso per diventare il candidato del Partito Democratico 2020 alla presidenza degli Stati Uniti. È il più amico di Pechino di tutti gli aspiranti. Con ampi investimenti in Cina, si oppone alla guerra dei dazi e spesso parla a favore del regime del PCC.

L'ex candidato presidenziale democratico Mike Bloomberg si rivolge al suo staff e ai media dopo aver annunciato che terminerà la sua campagna, a New York City, il 4 marzo 2020 (Spencer Platt / Getty Images)

La sua società di media ha soppresso le storie critiche nei confronti dei leader del PCC e lo stesso Bloomberg ha affermato nel 2019 che "Xi Jinping non è un dittatore" perché deve soddisfare i suoi elettori.

Josh Rogin del Washington Post ha affermato che “la sua interpretazione errata [di Bloomberg] del carattere e delle ambizioni del governo cinese potrebbe essere devastante per la sicurezza nazionale e la politica estera degli Stati Uniti. Avrebbe sostenuto una ingenua politica di impegno e di pio desiderio che è già stata provata e fallita ".

Nel maggio 2019 Joe Biden si è distinto da tutti gli altri candidati alla nomina presidenziale del Partito Democratico ridicolizzando l'idea che la Cina sia una minaccia strategica per gli Stati Uniti. “La Cina mangerà il nostro pranzo? Andiamo, amico ", ha detto a una folla in campagna a Iowa City. Biden aveva adottato per anni un approccio morbido alla Cina. Quando il segretario di stato del presidente Obama, Hillary Clinton, prendeva una posizione più dura nei confronti dell'avventurismo cinese in Asia, il vicepresidente Biden esortava alla cautela. Biden aveva stretto una calda relazione personale con Xi Jinping quando Xi era vicepresidente e presidente in attesa.

Hunter Biden (a destra ) con l'allora presidente Barack Obama (a sinistra) e il vicepresidente Joe Biden durante una partita di basket del college al Verizon Center di Washington il 30 gennaio 2010. (Mitchell Layton / Getty Images)

Nel suo secondo mandato, Obama ha sostituito Clinton come segretario di stato con il più accomodante John Kerry. Le dinamiche aiutano a spiegare perché il "perno dell'Asia" di Obama nel 2012 è stato un fiasco umido. Gli Stati Uniti si sono tirati indietro mentre la Cina ha annesso isole e caratteristiche nel Mar Cinese Meridionale e vi ha costruito basi militari, qualcosa che Xi aveva promesso a Obama che non avrebbe fatto. Rompere la promessa ha dato alla Cina un enorme vantaggio strategico.

Joe Biden rimane fedele alla convinzione, ora abbandonata da molti studiosi cinesi e dalla maggior parte dei politici di Washington, che l'impegno con la Cina la indurrà ad essere uno stakeholder responsabile. Il think tank DC dell'Università della Pennsylvania, chiamato per lui Penn Biden Center for Diplomacy and Global Engagement, mira ad affrontare le minacce all'ordine internazionale liberale, ma la Cina è assente dalle minacce identificate sul suo sito web : Russia, cambiamenti climatici e terrorismo. Biden ha parlato della violazione dei diritti umani da parte della Cina, ma si aggrappa ancora all'idea di una "ascesa pacifica" della Cina.

Quindi è importante se Joe Biden ha una visione diversa della Cina? Lo fa, perché ci sono prove che il PCC ha ingranato il suo favore assegnando accordi commerciali che hanno arricchito suo figlio, Hunter Biden. Un resoconto di questo è dato da Peter Schweizer nel suo libro del 2019 "Secret Empires". Alcune delle sue affermazioni chiave sono state successivamente contestate e Schweizer le ha perfezionate in un editoriale sul New York Times (famoso per il fact-checking). In breve, quando il vicepresidente Biden si è recato in Cina nel dicembre 2013 per un viaggio ufficiale, suo figlio ha volato con lui sull'Airforce Two. Mentre Biden senior era impegnato in una diplomazia soft con i leader cinesi, Hunter stava tenendo altri tipi di incontri. Poi, "meno di due settimane dopo il viaggio, l'azienda di Hunter … che ha fondato con altri due uomini d'affari [compreso il figliastro di John Kerry] nel giugno 2013, ha finalizzato un accordo per aprire un fondo, BHR Partners, il cui maggiore azionista è il governo Bank of China, anche se aveva una scarsa esperienza nel private equity ".

La Bank of China è di proprietà dello Stato e controllata dal PCC. Il ruolo esatto di Hunter Biden nella società è controverso, ma un esperto ha affermato che la sua quota in essa varrebbe circa $ 20 milioni.

Tuttavia, il punto qui non è l'etica dei Bidens (come l'hanno definita i media) ma il modo in cui il PCC può influenzare i politici di alto livello. Questa "corruzione per procura", in cui i massimi leader tengono le mani pulite mentre i loro familiari sfruttano la loro associazione per fare fortuna, è stata perfezionata dalla "aristocrazia rossa" di Pechino .

Copertina del libro "Hidden Hand" di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg.

Negli anni cruciali 2014 e 2015, Pechino si stava espandendo in modo aggressivo nel Mar Cinese Meridionale mentre Obama, Kerry e Biden erano seduti sulle loro mani …


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/GkKx5JdARrk/chinas-elite-capture-strategy-bidens in data Sat, 24 Oct 2020 19:30:00 PDT.