Il Parlamento europeo apre la strada a un ambizioso progetto di legge su Internet

Il Parlamento europeo apre la strada a un ambizioso progetto di legge su Internet

L'Unione Europea ha compiuto il primo passo verso una revisione significativa della sua regolamentazione della piattaforma principale, la direttiva sul commercio elettronico .

Al fine di ispirare la Commissione europea, che sta attualmente preparando una proposta per un pacchetto di atti sui servizi digitali , il Parlamento dell'UE ha votato tre relazioni correlate (relazioni IMCO , JURI e LIBE ), che affrontano le responsabilità legali delle piattaforme riguardo ai contenuti degli utenti , includono misure per mantenere gli utenti al sicuro in linea e stabiliscono regole speciali per piattaforme molto grandi che dominano la vita degli utenti.

Cancella l'impronta di EFF

Prima delle votazioni, insieme ai nostri alleati , abbiamo sostenuto di preservare ciò che funziona per un Internet libero e l'innovazione, in modo da mantenere l'approccio della direttiva sul commercio elettronico di limitare la responsabilità delle piattaforme sui contenuti degli utenti e vietare agli Stati membri di imporre obblighi di tracciamento e monitorare i contenuti degli utenti. Abbiamo anche sottolineato che è tempo di riparare ciò che è rotto: immaginare una versione di Internet in cui gli utenti hanno il diritto di rimanere anonimi, godere di diritti procedurali sostanziali nel contesto della moderazione dei contenuti, possono avere un maggiore controllo su come interagiscono con i contenuti , e hanno una vera scelta sui servizi che usano attraverso obblighi di interoperabilità .

È un ottimo primo passo nella giusta direzione che tutti e tre i rapporti del Parlamento europeo abbiano preso in considerazione i suggerimenti dell'EFF. Esiste un accordo generale sul fatto che gli intermediari delle piattaforme abbiano un ruolo fondamentale da svolgere nel garantire la disponibilità dei contenuti e lo sviluppo di Internet. Le piattaforme non dovrebbero essere ritenute responsabili per idee, immagini, video o discorsi che gli utenti pubblicano o condividono online. Non dovrebbero essere costretti a monitorare e censurare i contenuti e le comunicazioni degli utenti, ad esempio utilizzando i filtri di caricamento. I rapporti lanciano anche un forte appello a preservare la privacy degli utenti online e ad affrontare il problema della pubblicità mirata. Un altro aspetto importante di ciò che ha reso un successo la direttiva sul commercio elettronico è il principio "paese o origine". Afferma che all'interno dell'Unione Europea le società devono attenersi alla legge del loro domicilio piuttosto che a quella del destinatario del servizio. Non c'è alcun desiderio da parte del Parlamento di modificare questo principio.

Ancora meglio, i rapporti fanno eco all'appello della EFF a smettere di ignorare i giardini recintati che sono diventate le grandi piattaforme. Le grandi società Internet non dovrebbero più spingere gli utenti a rimanere su una piattaforma che ignora la loro privacy o mette a rischio la loro sicurezza, ma consente agli utenti di comunicare con gli amici oltre i confini della piattaforma. Commercio sleale, visualizzazione preferenziale dei servizi a valle delle piattaforme e trasparenza di come i dati degli utenti vengono raccolti e condivisi: il Parlamento dell'UE cerca di affrontare queste e altre questioni che sono diventate la nuova "normale" per gli utenti durante la navigazione in Internet e la comunicazione con I loro amici. I rapporti fanno anche eco alle preoccupazioni di EFF sulla moderazione automatizzata dei contenuti, che non è in grado di comprendere il contesto. In futuro, gli utenti dovrebbero ricevere informazioni significative sul processo decisionale algoritmico e sapere se i termini di servizio cambiano. Inoltre, il Parlamento dell'UE sostiene la giustizia procedurale per gli utenti che vedono i loro contenuti rimossi o i loro account disabilitati.

Le preoccupazioni rimangono

L'attenzione alla protezione dei diritti fondamentali e al controllo degli utenti è un buon punto di partenza per la riforma in corso della legislazione su Internet in Europa. Tuttavia, ci sono anche una serie di insidie ​​e rischi. C'è un suggerimento che le piattaforme dovrebbero segnalare contenuti illegali alle autorità di contrasto e ci sono domande aperte sui sistemi di identità elettronica pubblica. Inoltre, l'attenzione generale delle questioni relative agli acquisti dei consumatori, come la fornitura di responsabilità per i mercati online, può essere in contrasto con i principi dei diritti digitali: la stessa Commissione ha riconosciuto in un recente documento interno che "il discorso può riflettersi anche in merci, come libri, articoli di abbigliamento o simboli, e misure restrittive sulla vendita di tali manufatti possono incidere sulla libertà di espressione. "Quindi, l'idea generale di includere anche fornitori di servizi digitali stabiliti al di fuori dell'UE potrebbe rivelarsi un problema nella misura in cui le piattaforme sono ritenute responsabili di rimuovere i contenuti illegali Casi recenti ( Glawischnig-Piesczek contro Facebook ) hanno dimostrato i pericoli degli ordini di rimozione dei contenuti in tutto il mondo.

Adesso tocca a te @EU_Commission

La Commissione europea dovrebbe presentare un pacchetto legislativo il 2 dicembre. Durante il processo di consultazione pubblica, abbiamo esortato la Commissione a proteggere la libertà di espressione e a dare il controllo agli utenti piuttosto che alle grandi piattaforme. Siamo fiduciosi che l'UE lavorerà su un Internet libero e interoperabile e non seguire le orme di bollette Internet nocive come la legge tedesca NetzDG o l'Avia francesi Bill, che EFF ha contribuito a colpire . È ora di sistemare le cose. Per preservare ciò che funziona e riparare ciò che è rotto.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su EFF – Electronic Frontier Foundation all’URL https://www.eff.org/deeplinks/2020/10/eu-parliament-paves-way-ambitious-internet-bill in data Wed, 21 Oct 2020 07:00:00 +0000.