The COVID-19 Scamdemic, Part 2: Enabling The Tecnocratic-Parasite-Class “Great Reset”

The COVID-19 Scamdemic, Part 2: Enabling The Technocratic-Parasite-Class "Great Reset" Tyler Durden Lun, 09/07/2020 – 03:00

Scritto da Iain Davis tramite In-This-Together.com,

Nella Parte 1 abbiamo definito lo Stato del Regno Unito e esaminato le forze trainanti dietro la sua risposta di blocco alla pandemia "globale" del COVID 19 dichiarata dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Si prega di leggere prima la Parte 1 per apprezzare il contesto di questo articolo.

Sembra che COVID 19 sia stato sfruttato per realizzare un nuovo paradigma economico, sociale, culturale e politico globale. Incapsulato come il Grande Reset , questo offre una classe parassita tecnocratica, spesso erroneamente definita il controllo globale centralizzato e d'élite di tutte le risorse, comprese tutte le risorse umane.

Sebbene influente , lo Stato britannico è solo una componente nazionale di questa agenda globale. Per prepararci alla tecnocrazia globale, che sarà una dittatura, dobbiamo abituarci di più a obbedire agli ordini senza domande. Di conseguenza la risposta di Lockdown è stata caratterizzata da consigli contrastanti e sempre mutevoli, sia per condizionare le persone a diktat arbitrari, sia per sbilanciare psicologicamente il pubblico per facilitare meglio il cambiamento del comportamento.

Tratteremo molti argomenti in questo articolo e dovrei avvertirti, non rende confortevole la lettura. Ma per favore, se hai tempo, prendi un caffè e discuteremo di queste importanti questioni.

Il WEF utilizza COVID 19 per il loro grande ripristino

The UK State & COVID 19 Behavior Change

Le tecniche di cambiamento del comportamento a livello di popolazione sono state promosse nel documento del 2010 del Gabinetto del Regno Unito Mindspace: Influencing Behaviour Through Public Policy . Il cambiamento di comportamento (modifica) è stato ampiamente adottato dallo Stato britannico come mezzo per controllare la popolazione.

La successiva “nudge unit” ebbe così tanto successo che lo Stato britannico in seguito la privatizzò, formando il Behavioral Insights Team . Ciò ha consentito loro di realizzare un profitto vendendo la loro esperienza in materia di cambiamenti comportamentali ad altri Stati, cercando allo stesso modo di controllare il proprio popolo.

Forse non sorprende che gli autori principali del fondamentale documento MINDSPACE includessero rappresentanti dell'Imperial College, i cui modelli di computer COVID 19 selvaggiamente imprecisi sostenevano le politiche di blocco , su entrambe le sponde dell'Atlantico, e la Rand corporation, un complesso think tank industriale militare statunitense che ex Il cancelliere Denis Healey ha descritto come "il principale think tank del Pentagono". Gli autori di MINDSPACE affermano:

"Gli approcci basati su 'contesti in evoluzione' – l'ambiente all'interno del quale prendiamo decisioni e rispondiamo ai segnali – hanno il potenziale per portare a cambiamenti significativi nel comportamento ……. Il nostro comportamento è fortemente influenzato da ciò su cui viene attirata la nostra attenzione … è più probabile che registrino stimoli nuovi (messaggi in luci lampeggianti), accessibili (articoli in vendita accanto alle casse) e semplici (uno slogan vivace) …… Troviamo le perdite più salienti dei guadagni, reagiamo in modo diverso quando vengono inquadrate informazioni identiche in termini di uno o l'altro (come 20% di possibilità di sopravvivenza o 80% di possibilità di morte) …… Questo sposta il centro dell'attenzione lontano dai fatti e dalle informazioni e verso l'alterazione del contesto in cui le persone agiscono… .Approcci comportamentali incarnano una linea di pensiero che si sposta dall'idea di un individuo autonomo, che prende decisioni razionali, a un decisore "situato", gran parte del cui comportamento è automatico e influenzato dal loro "ambiente di scelta". Ciò solleva la domanda: chi decide su questo ambiente di scelta? "

In risposta al nuovo coronavirus, lo Stato britannico ha definito il nostro ambiente di scelta . È l'ambiente che meglio si adatta ai suoi obiettivi politici. Uno creato sfruttando la pandemia di COVID 19 per preparare tutti noi al Grande Reset.

Questo approccio al cambiamento comportamentale evita la necessità di argomentare in modo convincente con fatti e informazioni . Ciò potrebbe rischiare una potenziale sfida. Il dibattito basato sull'evidenza non è il benvenuto e non fa parte del cambiamento del comportamento.

È meglio prendere di mira la popolazione con la paura che induce propaganda, censurare qualsiasi dissenso e inquadrare l'opinione pubblica in un contesto alterato. Spostando così le persone dall'essere individui autonomi, che prendono decisioni razionali, verso decisori situati controllati dal loro ambiente di scelta.

Con i rischi reali di COVID 19 ben noti, il 19 marzo 2020, poco più di una settimana dopo la dichiarazione dell'OMS di una pandemia globale, sia Public Health England (PHE) che il comitato consultivo del governo britannico sui patogeni pericolosi (ACDP) hanno concordato che COVID 19 non era una malattia infettiva ad alte conseguenze (HCID). L'hanno declassata a causa dei bassi tassi di mortalità complessiva .

Lo stato del Regno Unito sapeva che era improbabile che COVID 19 uccidesse un numero sufficiente di persone per giustificare la massiccia reingegnerizzazione della società e la distruzione economica necessaria per realizzare il Grande Reset. Pertanto, ha fatto ricorso alla coercizione , alla manipolazione statistica e alla propaganda per convincere le persone a essere terrorizzate dai rischi di COVID 19 di livello relativamente basso.

Con il supporto dei media mainstream sempre obbedienti (MSM) che sono stati finanziati direttamente dal governo britannico durante la crisi , lo Stato britannico si è rivolto ai suoi esperti di cambiamento comportamentale. Questi includevano il gruppo scientifico sull'influenza pandemica sul comportamento (SPI-B in breve).

Il ruolo di Spi-B, durante la crisi, è stato quello di consigliare allo Stato come utilizzare le tecniche di cambiamento comportamentale per convincere le persone a obbedire ai suoi ordini senza domande. Tre giorni dopo che COVID 19 è stato declassato da HCID, Spi-B ha raccomandato quanto segue:

  1. Usa i media (MSM) per aumentare il senso di minaccia personale.

  2. Usa i media (MSM) per aumentare il senso di responsabilità verso gli altri.

  3. Considera l'uso della disapprovazione sociale (tramite il MSM) per il mancato rispetto.

(Informazioni tra parentesi aggiunte)

Un media libero e indipendente non può essere "usato" in questo modo per spaventare le persone senza motivo. Solo una macchina di propaganda MSM controllata può raggiungere questo obiettivo. Il mito convincente che il MSM occidentale sia un media libero e indipendente è uno dei più grandi colpi di propaganda della storia.

Spi-B non crede che chiunque sia in disaccordo, e successivamente si rifiuti di conformarsi, alla tranche di politiche di Lockdown dello Stato britannico, abbia delle legittime preoccupazioni. Piuttosto li chiamano compiacenti .

Per garantire che la conseguente inadempienza non prenda piede, coloro che si oppongono alla tirannia dell'interesse comune, devono essere emarginati sottoponendoli alla disapprovazione sociale della maggioranza terrorizzata. Spi-B consigliato:

"La guida ora deve essere riformulata per essere comportamentale specifica ……. Il livello percepito di minaccia personale deve essere aumentato tra coloro che sono compiacenti, usando messaggi emotivi incisivi ……. I messaggi devono enfatizzare e spiegare il dovere di proteggere gli altri … Si dovrebbe prendere in considerazione l'uso della disapprovazione sociale ".

Guidato da niente

Grazie agli sforzi di cambiamento del comportamento dello Stato del Regno Unito e del suo MSM, se esamini le statistiche ufficiali del COVID 19, la disapprovazione sociale , sostenendo che non ti importa delle persone che muoiono, viene accumulata su di te. Questa è una sciocchezza, ma efficace. Non perché ferma le critiche, ma perché inquadra le obiezioni come atti di mostri insensibili. Da qui, la dipendenza del MSM da messaggi emotivi incisivi .

Perdite molto tristi sfruttate a fini di propaganda

All'inizio della crisi, un esempio del duro messaggio emotivo è arrivato sotto forma di storie di MSM sul personale del NHS che era presumibilmente morto a causa di COVID 19. In qualsiasi società razionale sarebbe stato ovvio che, ovviamente, le morti di queste persone erano una tragedia.

L'analisi dell'Health Service Journal ha mostrato che, con milioni di dipendenti, il personale del NHS aveva statisticamente meno probabilità di morire per COVID 19 rispetto al pubblico in generale. Sebbene il MSM non abbia riportato questi risultati, è stato lasciato, come al solito, ai cosiddetti media alternativi per mettere in discussione il potere e rivelare l'uso ingannevole delle statistiche a quante più persone possibile.

Usando slogan scattanti , lo Stato britannico ha incoraggiato la nazione a "applaudire per il NHS". In combinazione con i messaggi emotivi incisivi, questo faceva parte del processo di creazione dell'ambiente di scelta controllata .

Per un pubblico più ampio di responsabili delle decisioni situate , questo ha ulteriormente rafforzato la disapprovazione sociale per chiunque avesse messo in dubbio le politiche sanitarie di Lockdown. Per sottolineare che gli impatti sulla salute del Lockdown sarebbero stati significativamente peggiori di COVID 19, è stato mettere in discussione il NHS. Un atto di eresia.

Questa strategia era essenziale per lo Stato del Regno Unito perché le statistiche COVID 19 non supportano la sua narrativa spaventosa. Anche se accetti gli account ufficiali, se contrassi COVID 19 nel Regno Unito, le probabilità che porti alla morte sono comprese tra lo 0,3 e lo 0,4% . Se sei infetto, hai almeno il 99,6% di possibilità di sopravvivenza.

Questo spiega quasi certamente perché lo Stato britannico ha deciso di non segnalare i tassi di recupero. La logica fornita per questo era che la "modellazione utilizzata per calcolarla era complessa".

Tuttavia, ad oggi, nonostante la promessa di pubblicare questa statistica, lo Stato britannico non riporta ancora i tassi di recupero. Sembra che contare le persone con diagnosi di COVID 19, che non muoiono, sia troppo complesso . Sebbene sia incapace di una semplice sottrazione, la maggior parte delle persone è disposta ad accettare tutte le altre statistiche del COVID 19 dello Stato britannico che il MSM riferisce loro fino alla nausea.

Le morti dichiarate nel Regno Unito per COVID 19 sono nominalmente 41.486 (al momento della scrittura) Ciò significa che, secondo le statistiche dello Stato del Regno Unito , la pandemia globale ha presumibilmente portato alla morte dello 0,06% della popolazione del Regno Unito con l' età media della morte di 82 anni. Inghilterra e Galles.

Come quasi ogni altro rischio di mortalità, le possibilità di morire per COVID 19 aumentano in modo significativo con l'età. La distribuzione della mortalità è praticamente indistinguibile dal rischio di popolazione standard. Senza mezzi termini, la convinzione che COVID 19 presenti una sorta di terribile minaccia simile a una piaga è irrazionale e basata su nient'altro che sul porno della paura persistente .

Inizialmente, il Regno Unito MSM ha ampiamente riferito che COVID 19 potrebbe uccidere più di mezzo milione di britannici . Il 12 marzo il primo ministro britannico Boris Johnson ha tenuto una conferenza stampa in cui ha avvertito di una significativa perdita di vite umane. Preceduto dal capo consigliere scientifico del governo britannico, Sir Patrick Vallance, che ha ripetuto l'assurdo suggerimento che più di mezzo milione di persone potrebbero morire, Boris Johnson ha detto al pubblico britannico:

"Si diffonderà ulteriormente e devo livellare con te, devo livellare con il pubblico britannico: molte più famiglie perderanno i propri cari prima del tempo."

Questa dichiarazione terrificante non era basata sulla dichiarazione dell'OMS di una pandemia. L'OMS non ha nulla da dire sulla mortalità, solo sulla diffusione mondiale di una malattia . Anche la dichiarazione di Johnson non si basava sui dati disponibili.

È stato fondato interamente sulle previsioni modellate dal computer dell'Imperial College London COVID 19 Response Team . Finora nel 2020, la Bill and Melinda Gates Foundation (BMFG) ha donato all'Imperial College più di 86 milioni di dollari .

Il primo ministro britannico Boris Johnson terrorizza la nazione

Come la norma con le previsioni pandemiche modellate dall'Imperial College, erano irrimediabilmente imprecise. In ogni occasione hanno grossolanamente sovrastimato la mortalità e non hanno mai commesso errori sottovalutati. Sempre per il guadagno finanziario delle aziende farmaceutiche.

Le folli previsioni del COVID 19 dell'Imperial College furono messe in discussione dalla più ampia comunità scientifica dell'epoca. Tra di loro c'erano il biofisico premio Nobel Michael Levitt, che ha immediatamente evidenziato i problemi con i loro modelli; Il professore di salute pubblica globale Devi Sridhar ha sottolineato che Imperial non aveva presentato nient'altro che un'ipotesi e il microbiologo Sucharit Bhakdi, mettendo in discussione le previsioni, ha definito la risposta dello stato globale a COVID 19 "grottesca" e ha avvertito che la risposta del blocco sarebbe stata molto più pericolosa rispetto a COVID 19.

Scienziati di tutto il mondo hanno espresso le loro preoccupazioni . Hanno ripetutamente avvertito che la scienza alla base dell'allarme era debole . Tuttavia, le loro voci sono state ampiamente censurate poiché l'MSM britannico ha avanzato senza dubbio la narrativa dello Stato britannico. Forse, in parte, perché sono stati pagati per farlo dallo Stato britannico.

Le previsioni sulla pandemia dell'Imperial College non hanno prodotto altro che scorie statistiche. Immaginare che nessuno all'interno dello Stato del Regno Unito lo sapesse, prima di selezionare il loro rapporto , come giustificazione dichiarata per il loro successivo blocco, è ridicolo.

Sia che siano state scritte per lo scopo, o prese per adattarsi allo scopo, sembra che le previsioni di fantasia dell'Imperial College siano state selezionate esclusivamente per promuovere le politiche di Lockdown. Con uno stretto controllo della narrativa MSM, lo Stato britannico ha semplicemente ignorato la vera scienza e ha tirato fuori il suo insignificante morso di propaganda "guidato dalla scienza" . Uno slogan semplice e scattante che mantiene il contesto alterato del pubblico all'interno del proprio ambiente di scelta .

Non è credibile per il professor Mark Woolhouse, un membro di Spi-B, affermare ora che il Lockdown è stato un errore monumentale . Praticamente l'unico corpo di opinione scientifica che credeva che l'Imperial College fosse quello saldamente legato allo Stato britannico, come Spi-B, che era ugualmente impegnato nelle politiche di Lockdown.

Lo Stato britannico ha dovuto ignorare il peso dell'opinione scientifica globale, scegliere deliberatamente modelli informatici fittizi e ingannare attivamente il pubblico, sostenendo falsamente che la loro politica era "guidata dalla scienza".

Non è stato un errore.

Fissare i numeri

A causa della mancanza di una minaccia senza precedenti , sembra che lo Stato britannico abbia invece fissato i numeri, massimizzato il numero dei casi e le cifre sulla mortalità, alimentato la sua spazzatura statistica nella sua macchina di propaganda MSM e quindi sfruttato la paura risultante, di una falsa minaccia senza precedenti , per ottenere il cambiamento di comportamento desiderato. Ciò ha reso necessaria una narrazione in continuo mutamento, sia per compensare l'invasione della realtà, sia per mantenere la popolazione costantemente confusa e psicologicamente aperta alla suggestione di conseguenza.

Una delle prime risposte dello Stato britannico alla pandemia è stata quella di creare un nuovo processo di registrazione della morte, del tutto inutile. Uno così opaco e incline alla manipolazione e all'errore, praticamente garantiva le statistiche prive di significato che ci erano state fornite.

Alla fine di marzo, prima del picco di mortalità registrato durante la seconda settimana di aprile, lo Stato britannico ha incaricato l'Ufficio di statistica nazionale (ONS) di registrare tutte le "menzioni" di COVID 19 sui certificati di morte come prova di morte da COVID 19. Il Il nuovo sistema di registrazione dei decessi significava che un decesso COVID 19 poteva essere registrato senza che il defunto risultasse positivo o non ricevesse alcun esame da un medico qualificato, prima o dopo la morte.

Statistiche del governo del Regno Unito – PHE ha registrato solo di recente la mortalità di 28 giorni – non abbiamo idea di cosa stiano registrando queste statistiche sulla mortalità

Lo Stato britannico ha suddiviso il suo regime di test in "pilastri". Il primo pilastro si è concentrato sul test con tampone (RT-PCR) per i lavoratori chiave più vulnerabili, gravemente malati e in prima linea nelle strutture sanitarie statali. Il secondo pilastro ha ampliato il test per includere lavoratori essenziali nell'assistenza sociale e in altri settori. Tuttavia, la RT-PCR, utilizzata nei pilastri 1 e 2, non è in grado di identificare un virus e non è stata progettata come test diagnostico.

Il pilastro 3 dello Stato britannico si basa sul test degli anticorpi . Finora, questo è stato un completo disastro , caratterizzato principalmente da costosi esborsi per test che non funzionano che, se lo facessero, non rivelerebbero comunque nulla di utile.

Il Royal College of Pathologists (RCP) ha presentato una petizione al governo del Regno Unito , sollevando numerose preoccupazioni. In primo luogo hanno evidenziato che gli attuali test anticorpali erano clinicamente incapaci di indicare né il livello di infezione (tassi asintomatici) né l'eventuale immunità acquisita. Non c'erano test di riferimento, né alcun dato, per assicurare la qualità di questi test non basati sull'evidenza che di conseguenza non fornivano alcun valore agli operatori sanitari che cercavano di trattare i pazienti. Il RCP ha concluso che il loro unico utilizzo percepibile era per scopi di ricerca molto ampi. Questi risultati sono stati sostenuti dalla prestigiosa Cochrane Review , che ha dichiarato:

“Siamo quindi incerti sull'utilità di questi test per le indagini di sieroprevalenza ai fini della gestione della salute pubblica. Le preoccupazioni sull'elevato rischio di bias e l'applicabilità rendono probabile che l'accuratezza dei test quando utilizzati nelle cure cliniche sarà inferiore a quella riportata negli studi inclusi

… Non è chiaro se i test siano in grado di rilevare livelli di anticorpi più bassi probabilmente osservati con la malattia COVID ‐ 19 più lieve e asintomatica. La progettazione, l'esecuzione e il reporting degli studi sull'accuratezza dei test COVID ‐ 19 richiedono notevoli miglioramenti ".

Il pilastro 4 (test di sorveglianza) prende i test dai pilastri 1 – 3, sia che si tratti di tamponi salivari di analisi del sangue di anticorpi, che lo Stato britannico afferma di utilizzare per saperne di più sulla prevalenza e la diffusione del virus. Sebbene le possibilità che la RT-PCR difettosa e i test anticorpali producano qualcosa di convincente sembrano trascurabili. Quello che è più certo è che esistono multinazionali con una solida conoscenza delle procedure di test dello Stato britannico e della successiva analisi dei dati.

Anche se qualcuno risulta positivo, ovunque fino all'80% di queste persone è asintomatico. Significa che non hanno COVID 19, la sindrome che può, nel 20% dei casi, derivare da un'infezione da SARS-CoV-2.

La segnalazione di un cosiddetto picco di "casi" è un'affermazione vuota. Un gran numero di test RT-PCR positivi sarà sbagliato, fino all'80% di coloro che risultano positivi non svilupperà COVID 19 e, di quelli che lo fanno, il 99,6% sopravviverà, di cui oltre l'80% sperimenterà COVID 19 come poco più di un raffreddore.

La minaccia reale derivante da un presunto "picco di casi" è ridotta. L'eterno allarmismo di MSM, che riporta numeri di casi terrificanti e cause di morte altamente speculative, è pura propaganda .

È stato il secondo pilastro a stabilire i test di comunità, fornendo alle società farmaceutiche un'ulteriore influenza significativa sulla politica e sulla risposta fisica. I tamponi raccolti vengono analizzati presso gli UK Lighthouse Labs . I dati e le risorse sono forniti dai giganti farmaceutici Astrazeneca e GlaxoSmithKline (GSK), produttori di vaccini. Creare un enorme conflitto di interessi finanziari all'interno del programma di test del pilastro.

A Lighthouse Lab

Fin dall'inizio la raccolta dei dati del secondo pilastro è stata tormentata da problemi . Ad esempio, più test di un individuo sono stati conteggiati come casi positivi separati e i test sono stati prematuramente contati come completi, prima ancora che i risultati fossero disponibili. I test di secondo pilastro erano così scadenti che lo Stato britannico ha semplicemente cancellato 30.302 casi segnalati a causa di errori metodologici ed è stato costretto a sospendere tutte le segnalazioni dei risultati dei test di secondo pilastro a fine maggio.

Durante la crisi , la Public Health England, un'agenzia del Dipartimento della Salute del governo britannico, ha ricevuto la notifica di ogni decesso. Hanno quindi incrociato i dati del test, in gran parte provenienti da Lighthouse Lab , per verificare se il defunto fosse mai risultato positivo per SARS-CoV-2. Fino all'80% dei quali avrebbe potuto essere completamente privo di COVID 19.

Non importa da cosa sia morto il defunto , che si tratti di cancro o di un incidente stradale, e non importa quando è stato eseguito il test positivo, forse mesi prima della morte, PHE lo ha registrato come un decesso COVID 19. Solo dopo che questa pratica è stata scoperta, la PHE ha cambiato la propria metodologia , rimuovendo 5.377 decessi dai dati ufficiali sulla mortalità dall'oggi al domani.

The Great Reset mira a centralizzare tutto il potere e l'autorità. Non sorprende quindi che la risposta dello Stato britannico alla presunta deplorevole prestazione del proprio dipartimento governativo (PHE) sia stata addotta per giustificare la centralizzazione del suo potere e della sua autorità. Il nuovo Joint Biosecurity Center (JBC) sarà inizialmente guidato dalla dott.ssa Clare Gardiner, ex operativa del GCHQ ed ex direttrice del National Cyber ​​Security Center.

Il JBC emetterà gli avvisi di biosicurezza che controlleranno la nostra vita quotidiana. Unendo PHE con NHS Test and Trace e JBC, lo Stato britannico ha rimosso il concetto di salute pubblica e lo ha sostituito con la biosicurezza.

Nel futuro stato britannico della biosicurezza è difficile vedere come qualcuno non avrà COVID 19. La definizione JBC varia da "confermato" , per includere casi asintomatici, "casi collegati" , persone che possono o meno avere il COVID 19 ma può aver incontrato una volta qualcuno che è risultato positivo, "probabile" , qualcuno in un'area di blocco con possibili sintomi e "possibile" , qualcuno che potrebbe avere sintomi.

Solo le persone "scartate" , che non sono state rintracciate e rintracciate, che non vivono nelle aree di blocco e non hanno alcun sintomo (cioè non hanno il raffreddore) saranno esenti dal frizioni del JBC. Ma solo dopo aver superato i controlli di sorveglianza.

Poiché il tasso di mortalità riportato è diminuito drasticamente, alla fine di aprile lo Stato britannico ha incaricato la Care Quality Commission (CQC) di segnalare i decessi "sospetti" COVID 19 nelle case di cura all'ONS. Aggiungendo migliaia ai dati di mortalità COVID 19 in un istante.

Da questo punto in poi, il COVID 19 non ha nemmeno bisogno di essere menzionato sul certificato di morte di un residente in una casa di cura per essere aggiunto al conteggio della mortalità dell'ONS. L'MSM ha quindi segnalato l' orrore del COVID 19 a un pubblico terrorizzato, senza domande o pause.

Non ci sono validi motivi per credere a nessuna delle statistiche ufficiali COVID 19 dello Stato britannico. Dalla registrazione dei decessi, ai test, alla raccolta dei dati, all'analisi e alla segnalazione, l'intero sistema è o un completo caos, irrimediabilmente corrotto o una combinazione dei due. Nessuno, in particolare l'MSM, sa quali siano le reali statistiche di mortalità COVID 19 o numeri di casi.

Purtroppo, tutto ciò che possiamo fare è contare i morti. Il che solleva una possibilità di ribollimento intestinale.

Da tutte le cause di mortalità, possiamo stimare qualcosa che si avvicina alla cifra reale di mortalità COVID 19. Una ricerca del Ministero della Salute italiano ha rilevato che circa il 12% dei decessi registrati per COVID 19 in Italia potrebbe essere accuratamente descritto come tale. Allo stesso modo, i ricercatori del Center for Disease Control (CDC) degli Stati Uniti hanno scoperto che circa il 6% dei decessi segnalati da COVID 19 erano direttamente attribuibili alla malattia.

Tutti gli Stati globalisti, come l'Italia, gli Stati Uniti e il Regno Unito, hanno una registrazione dei decessi e processi statistici leggermente diversi. Inoltre, per un certo numero di deceduti, mentre la loro causa principale di morte era la loro preesistente comorbidità, COVID 19 probabilmente ha accelerato la loro morte.

Dando il beneficio del dubbio allo Stato del Regno Unito, una stima del 30%, per i decessi reali per COVID 19, può essere ragionevolmente applicata alle statistiche sulla mortalità riportate. Suggerendo che la cifra reale sia più vicina a 12.500 anziché a 41.500. Ciò pone il rischio reale per la salute pubblica del COVID 19 ben al di sotto della recente influenza stagionale.

In Inghilterra, nel 2014-2015, le stime della PHE hanno attribuito più di 34.000 decessi all'influenza nelle prime 15 settimane dell'anno e nel 2015-2017 più di 17.000. COVID 19 non è e non è mai stato, in nessuna fase, più pericoloso dell'influenza. Le persone credono solo che lo sia, e questa convinzione si basa su poco più che sciocchezze statistiche e allarmismi sui MSM.

Ciononostante, quest'anno si è verificato un picco significativo nella mortalità per tutte le cause che non è conforme ai soliti schemi stagionali. Uno che corrisponde precisamente alle politiche di Lockdown dello Stato britannico per creare le condizioni per il Great Reset. La realtà inquietante sembra essere che si tratta di morti per Lockdown, non morti per COVID 19 .

Sembra che almeno 29.000 delle persone più vulnerabili della nostra società siano morte prima del tempo. Di recente ho perso mio padre e, mentre la maggior parte delle vite perse, erroneamente attribuite a COVID 19, possono essere state accorciate solo di pochi mesi, parlo con acuto dolore nella certezza che ogni momento con una persona cara è prezioso oltre misurare.

Correggere la narrazione

Inizialmente lo Stato ha affermato che lo scopo delle sue misure Lockdowm era appiattire la curva . L'affermazione è che questo impedirebbe al NHS di essere invaso dalla prevista ondata di casi. Tuttavia, questa storia è stata spiegata solo prima che gli imbrogli statistici iniziassero sul serio. Quando il numero riportato di morti ha colpito i titoli dei giornali, "appiattire la curva" è stato scartato .

L'impennata anticipata non è mai avvenuta perché i modelli predittivi su cui si supponeva si basava erano spazzatura. C'erano alcuni hotspot COVID 19 degni di nota, ma a livello nazionale il NHS era effettivamente chiuso a praticamente ogni condizione tranne COVID 19.

I tanto pubblicizzati ospedali Nightingale non erano altro che costosi elefanti bianchi e, al culmine della pandemia globale , il NHS era praticamente deserto nel Regno Unito. Tuttavia, la favola "appiattisci la curva" è stata sufficiente per lo Stato britannico per chiudere l'economia produttiva e spingere il paese in uno stato di panico totalmente inutile.

Dopo aver "appiattito la curva" , l' attenzione del pubblico è stata fortemente attirata verso i decessi , piuttosto che sui tassi di sopravvivenza non dichiarati. Questi sono stati consegnati con le luci lampeggianti dei titoli dei media mainstream (MSM) allarmanti , poiché le cifre prive di significato sono state rese accessibili attraverso gli aggiornamenti di "emergenza" COVID 19 quotidiani. Una fornitura costante di semplici slogan scattanti (stare a casa, proteggere il NHS, salvare vite ecc.) Ha assicurato che i responsabili delle decisioni locali rimanessero saldamente radicati nel contesto alterato del loro ambiente scelto .

Dati dal governo del Regno Unito e Google – Raccolti da The Human Unleashed

Non c'è mai stata alcuna motivazione di salute pubblica per le politiche di Lockdown dello Stato britannico. Invece di esporre il virus a una rapida estinzione sotto il sole estivo , lo Stato del Regno Unito ha invece ordinato alle persone di rimanere nelle proprie case dove le infezioni della comunità erano peggiori . Nel 2019, questo era ben noto all'OMS.

L'OMS ha riferito che, per le infezioni respiratorie virali, mettere in quarantena individui esposti (mettere in quarantena i sani – ponendo le famiglie agli arresti domiciliari), era "non raccomandato perché non esiste una logica ovvia per questa misura"; L'isolamento delle persone malate dovrebbe essere fatto solo per periodi limitati e non era raccomandato per "le persone che hanno bisogno di consultare un medico"; la chiusura dei luoghi di lavoro dovrebbe essere presa in considerazione solo in "pandemie straordinariamente gravi"; non c'è "nessuna logica ovvia" per il tracciamento del contatto e l'uso di maschere per il viso non è stato raccomandato perché "non ci sono prove che questo sia efficace nel ridurre la trasmissione".

La politica di Lockdown dello Stato britannico era la completa antitesi della procedura dell'OMS, precedentemente raccomandata, per la gestione di una pandemia respiratoria virale. Mettere in quarantena i servizi sanitari sani e poi riorientare i servizi sanitari ha massimizzato il rischio per i più vulnerabili, cosa che non ha mai avuto senso . Almeno, non se salvare vite umane fosse la priorità.

Un recente studio del Queens Nursing Institute ha rilevato le seguenti pratiche, che operano comunemente nelle case di cura, al culmine della pandemia di Lockdown:

"Dover accettare pazienti da ospedali con stato Covid-19 sconosciuto, sentirsi informati di piani per non rianimare i residenti senza consultare le famiglie, i residenti o il personale della casa di cura …. Il 21% degli intervistati ha affermato che la loro casa accettava persone dimesse dall'ospedale che avevano fatto il test. positivo per Covid-19 … .. un numero considerevole ha trovato difficoltà ad accedere ai servizi di infermieristica distrettuale e di medici di base … il 25% in totale ha riferito che era piuttosto difficile o molto difficile durante marzo-maggio 2020. "

Queste pratiche pericolose per la vita erano un risultato diretto della guida ufficiale, emessa dagli organismi di registrazione e dai servizi sanitari, in risposta alle politiche di blocco dello Stato del Regno Unito.

Il NHS ha emesso una guida che afferma che i residenti delle case di cura non dovrebbero essere trasportati in ospedale; hanno attuato un'apparente politica di dimissione di pazienti positivi al COVID 19 in case di cura; È stato consigliato ai medici di base di non visitare le strutture di cura, con consultazione condotta senza esame tramite videochiamate; i tempi di risposta delle ambulanze sono aumentati drasticamente , eliminando praticamente le cure di emergenza vitali i più vulnerabili; i DPI essenziali per il personale della casa di cura non sono stati forniti , riducendo ulteriormente la loro capacità di prendersi cura dei più a rischio; il test per COVID 19 non è stato esteso alle strutture di assistenza, lasciando il personale di assistenza confuso e incerto sul rischio, con il permesso di ridurre ulteriormente i livelli di personale; ci sono state segnalazioni diffuse di residenti che avevano avvisi di "non tentare la rianimazione" (DNAR) allegati ai loro piani di assistenza, senza la loro conoscenza o il loro consenso, e questa pratica apparentemente si estendeva ad altri adulti vulnerabili, come quelli con difficoltà di apprendimento.

C'è poca o nessuna prova che i bambini siano a rischio di COVID 19 o diffondano SARS-CoV-2 agli adulti . Tuttavia, ci sono prove che i bambini stanno morendo a causa delle politiche di blocco dello stato del Regno Unito. Eppure l'MSM persiste con la pericolosa affermazione che il COVID 19 è un rischio infantile.

A metà giugno il rischio di mortalità per il COVID 19 nel Regno Unito era trascurabile e la cosiddetta pandemia era effettivamente terminata. Non c'è stato un eccesso di mortalità significativo in Inghilterra per più di 13 settimane . Dalla metà di giugno i decessi negli ambienti di cura sono stati pari o inferiori a livelli normali e COVID 19 ha causato meno malattie e morti rispetto all'influenza e alla polmonite combinate.

Pertanto la propaganda di Stato MSM si è spostata verso casi e maschere per il viso. Le maschere che ci viene detto ci salveranno dal virus respiratorio COVID 19 ma chiaramente non hanno alcun impatto sull'influenza.

In realtà, questo è stato fatto per distrarre il pubblico dal fatto che non c'era giustificazione per le politiche di Lockdown continue e per spostare la loro attenzione su una nuova narrativa in preparazione della "seconda ondata".

Per mesi, lo Stato britannico ha ripetutamente affermato al pubblico che le maschere per il viso erano del tutto inutili . Dopo anni di scienza del gold standard , che non hanno dimostrato alcun vantaggio virale nell'indossare maschere per il viso, improvvisamente sono diventate obbligatorie . Questa è stata una decisione puramente politica e certamente non è stata guidata da nessuna scienza.

L'OMS non ha raccomandato le maschere per il viso, ma è stata poi pressata dai governi nazionali per cambiare il loro consiglio. Poiché non c'era la scienza per informare questa decisione, l'OMS ha frettolosamente messo insieme alcune meta-analisi , che in qualche modo hanno mancato ogni singolo processo di controllo randomizzato che mostra quanto siano inefficaci le maschere, al fine di affermare falsamente che la scienza era cambiata di recente.

Come praticamente ogni altro aspetto della presunta pandemia COVID 19, l'unica base scientifica per questa politica è la scienza comportamentale. Continua il processo di creazione di contesti alterati per i decisori situati che non sono più autonomi ma che ora si comportano automaticamente in risposta al loro ambiente di scelta .

La seconda ondata cablata

Lo stato del Regno Unito non è unico. È solo uno dei numerosi Stati globalisti che hanno collaborato per imporre al mondo la truffa del COVID 19. Il Great Reset è un obiettivo globale ideato e controllato a livello centrale per tutti gli Stati partner.

Affermare che COVID 19 è una truffa non significa sostenere che non sia una malattia mortale. Ha causato terribili, ma tutt'altro che senza precedenti , perdite di vite umane e ogni morte lascia un vuoto che non potrà mai essere riparato. Our only hope is that we learn to live with pain.

It's a big club and you ain't in it

In the effort to create the social, economic and political conditions for the Great Reset the UK State is among those who have condemned people to die alone, torn from their loved ones. The sickening truth of the scamdemic is that these heartbreaking losses have been exploited to control the living.

This has been done for the sole benefit of a vile, uncaring parasite class . They have global control only because we allow it and the vast majority passively give consent without even knowing it. Constantly directed as situated decision makers , fed nothing but propaganda to ensure their automatic behaviour .

We won't rid ourselves of the malevolent rule of the parasite class by using a party political system built to protect them, and advance their interests. Other peaceful solutions exist and we must pursue them or suffer this malignancy forever.

It is not enough for the them that people die isolated and afraid, nor that entire populations live in gratuitous fear. The Great Reset offers them the promise of the New World Order technocracy and the vaccine controlled, global biosecurity State.

It seems that we have all been set up for the second wave, hard wired into the scamdemic from the start. The final push to permanently frame the choice environment .

Analysis shows that the phrase “second wave” was trending from the day that PHE downgraded COVID 19, due to low mortality rates. The trend spiked significantly as mortality declined below all cause averages and again when it approached statistical zero.

Data from the UK Government and Google – Collated by The Human Unleashed

The UK State's Scientific Advisory Group for Emergencies (SAGE) recently leaked a report to the MSM claiming that 85,000 people could die from COVID 19 in the UK this winter. This followed the claims of former GlaxoSmithKline R&D President and current Chief Scientific Advisor to the UK State, Sir Patrick Vallance, who claimed 120,000 would die .

The Scientific evidence shows that COVID 19 reaches the Herd Immunity Threshold (HIT) at around 20% of the population, or even less . At this stage, it appears the virus has burned out and is incapable of infecting or making more people sick, save for the tiny minority with severely compromised immune systems. In the UK, it seems it has long passed this threshold.

Further evidence shows that a sizeable proportion of human beings, possibly up to 60% , already carry T-Cell immunity to SARS-CoV-2 from previous coronavirus and SARS infections. This part of the population was never at any significant risk.

There is no apparent need for a vaccine and, despite the clear suppression of treatments that could have potentially saved thousands, the fact that cases continue to rise, while hospital admission and deaths are virtually nothing, demonstrates that the COVID 19 pandemic is finished. The only thing the UK State's testing programs are allegedly finding are residual infections that present virtually no risk to anybody. The increase in “cases” is directly proportional to the increasing number of tests.

Yet none of that matters to the State planners and propagandist pedlars of the scamdemic . Their hard-hitting emotional messaging is divorced from informing the public. A significant proportion of the MSM has been co-opted to serve nothing and no one but the parasite class .

Despite the fact that it is now certain that Lockdowns are the worst possible response to COVID 19, still SAGE “experts” argue for further, various Lockdown measures that absolutely don't work. The only fathomable reason for this is to continue preparations for the Great Reset. Either that, or SAGE are collectively, scientifically illiterate.

A recent study by health-tech contractors Medefer estimated that the Lockdown response, to the low level threat of COVID 19, has left more than 15 million people waiting for vital health care. While this report should be treated with some caution, as Medefer are one of many private companies hoping to swoop in and profit from the Lockdown accelerated destruction of the NHS , it is beyond doubt that millions of people will suffer irreparable health damage from the Lockdown. Mental health charities have warned of the Lockdown's devastating impact .

Totally unnecessary

The political response to this has been to argue about the definition of waiting lists. This is because the political class are the otiose puppets of the parasite class and, as such, they don't provide any public benefit at all. In every sense, they are just the expensive illusion of democracy .

Homelessness has reached 320,000 in the UK and freedom of information requests reveal that, in England alone, nearly 20,000 household have been made technically homeless during the Lockdown. As we discussed in Part 1 the economic destruction delivered by the lockdown is unprecedented . The link between poverty and a wide range of health inequalities is beyond dispute .

With its Lockdown, the UK State has created a health crisis that will make current Lockdown and COVID 19 deaths seem like a minor, public health hiccup. Given what appears to be the appalling statistical deception and rancid propaganda that the UK State has relied upon thus far, it is easy to see how the second wave deception could emerge.

This autumn, with it's disorienting death registration process in place, and a population of immune suppressed, mask wearing, recently released detainees facing the usual seasonal flu and pneumonia risks, the UK State, and its supplicant MSM, have everything ready to create a psychological operation beyond imagination. The likely objective will be to consolidate on the work already done, and permanently transform the people from a population of autonomous individuals , capable of rational thought into a herd of situated decision makers whose behaviour is automatic and influenced by their 'choice environment'.

The Lockdown's existing impact upon treatments for cancer , heart disease , and a range of serious, life threatening conditions, combined with huge waiting lists, struggling health services and the normal excess winter pressures upon the NHS, will be more than enough to create an appalling health crisis. All slickly blamed upon the second wave of COVID 19 .

I truly hope I am wrong. However, it is by no means beyond the UK State to do this.

If it again claims people need to be placed under house arrest; should it insist we can't be with our loved ones, that we must avoid each other, literally like the plague; if it labels anyone who disagrees a “COVID denier” and starts “quarantining” people who don't comply , then you will have a choice to make.

You can be a situated decision makers, or you can be an an autonomous individual, making rational decisions. It's not hard. Just stop believing everything you are told, especially from the likes of me, do some independent research, take a long hard look at the evidence, and decide for yourself if you can give any credence to the claims of the UK State and its global partners.

* * *

Click here to support In This Together blog.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/NNxOFt3hTlI/covid-19-scamdemic-part-2-enabling-technocratic-parasite-class-great-reset in data Mon, 07 Sep 2020 00:00:00 PDT.