Pazzia di mercato: le aziende che vendono azioni nel 2020 stanno sovraperformando il Nasdaq del 40%

Pazzia del mercato: le aziende che vendono azioni nel 2020 stanno superando il Nasdaq del 40% Tyler Durden Mercoledì, 26/08/2020 – 10:05

Il 2020 è stato un anno straordinario per innumerevoli motivi e uno di questi, come abbiamo riportato in precedenza, è che in seguito alla pandemia covid c'è stata una valanga assoluta di offerte di azioni, culminata con circa $ 113 miliardi di vendite di azioni nel secondo trimestre come abbiamo mostrato prima.

Tuttavia, mentre la quantità impressionante di offerte successive non è una novità, la performance delle società che vendono le loro azioni è a dir poco scioccante, perché mentre in un mondo normale la diluizione dell'associazione con nuove vendite di azioni porterebbe in teoria a prezzi delle azioni depressi, la realtà degli ultimi mesi è stata tutt'altro.

Innanzitutto, un rapido aggiornamento sulle offerte di azioni alla fine di agosto.

Come nota oggi Bloomberg, una nuova pietra miliare nelle offerte secondarie mostra il potere del mercato unico di quest'anno nel riunire venditori e acquirenti. Gli emittenti ei loro maggiori detentori hanno ora prezzato 783 offerte secondarie sulle borse statunitensi quest'anno, con un totale che ha superato il totale annuale del 2019 di 780 lunedì.

In termini di proventi di cassa, i 169 miliardi di dollari raccolti nelle secondarie di quest'anno sono già il massimo per un intero anno solare dal 2015. E a differenza dell'impennata delle IPO, che è stata guidata in gran parte da società di acquisizione per scopi speciali, Bloomberg osserva che queste offerte secondarie sono condotti in affari reali.

Due fattori principali meritano il merito di questo flusso di affari alto negli anni. Sul versante delle vendite, le aziende si sono trovate ad arrampicarsi per coprire le esigenze di cassa, mentre una pandemia ha rovinato le aspettative di entrate. Dal lato degli acquisti, i trader hanno continuato a tornare per ulteriori offerte dopo che le recenti operazioni scioccanti hanno sovraperformato il mercato più ampio.

Ed ecco la battuta finale: le azioni vendute nelle offerte secondarie del 2020 si sono chiuse martedì 39% in più rispetto al prezzo di offerta in media. Ciò supera il guadagno del 28% dell'anno nel Nasdaq Composite Index, una sovraperformance del 40%.

C'è di più: l'andamento dei 98 secondari di luglio, che hanno chiuso martedì una media del 278% al di sopra del loro prezzo di offerta, funge da recente e principale fonte di eccitazione per più carta nel mercato. In effetti, se gli investitori chiedono a gran voce che le società pubbliche vendano le loro azioni e raccolgano liquidità, quale società sana di mente direbbe di no?

Come conclude Bloomberg, mentre il ritmo degli affari sta rallentando verso un periodo di vacanza tradizionale per i mercati dei capitali azionari, i banchieri sono ottimisti sul fatto che gli ultimi quattro mesi del 2020 continueranno a servire da terreno fertile per offerte ancora più secondarie.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/xOJ3UbSUC_E/market-insanity-companies-selling-stock-2020-are-outperforming-nasdaq-40 in data Wed, 26 Aug 2020 07:05:00 PDT.