“L’inflazione è già qui”: la Fed potrebbe avere un grosso problema tra le mani

"L'inflazione è già qui": la Fed potrebbe avere un grave problema nelle sue mani Tyler Durden Lun, 28/09/2020 – 16:25

Alla fine di agosto, la Fed ha svelato il suo nuovo paradigma flessibile per il targeting dell'inflazione media (fAIT) che, sebbene ancora privo di rigide indicazioni previsionali e parametri operativi (qual è l'inflazione target? Qual è il periodo di ricerca? Quanto durerà il superamento) significa che: secondo le ultime proiezioni del FOMC, la Fed prevede che i tassi saranno a zero almeno fino al 2023.

C'è solo un problema (beh tecnicamente due): affinché lo schema AIT della Fed funzioni, l'inflazione dovrà essere sufficientemente bassa al punto che, anche se supera l'obiettivo di lungo termine del 2%, il superamento sarà gestibile e non si svolgono per un po '. Tuttavia, ora sembra che anche le letture ufficiali sia dei beni che dell'inflazione salariale stiano iniziando a salire notevolmente e potrebbero mettere a repentaglio l'obiettivo di superamento dell'inflazione della Fed già nel 2021.

Innanzitutto, un breve aggiornamento su ciò che la Fed ha detto riguardo all'AIT – qui, come scrive Andreas Steno Larsen di Nordea, c'è stata una chiara mancanza di chiarezza da parte di Jay Powell sebbene i membri meno profilati del comitato FOMC siano stati molto più chiari nella loro comunicazione: per esempio Robert Kaplan ha detto che potrebbe sostenere un aumento "se l'inflazione raggiunge il 2,275-2,350%", mentre uber-dorve Kashkari ha suggerito che i tassi di interesse sono mantenuti ai livelli attuali fino a quando l'inflazione "supera il 2% in 12 mesi consecutivi". In particolare, forse, Evans della Fed di Chicago – anche lui una colomba – ha accennato la scorsa settimana che un aumento dei tassi potrebbe potenzialmente entrare in gioco prima che il 2% venga violato, se la Fed fosse abbastanza a suo agio con le prospettive di inflazione.

Il problema emerge che, a seconda di dove si guarda, si può sostenere che gran parte di ciò per cui i consumatori statunitensi stanno spendendo denaro sta assistendo ad aumenti dei prezzi che sono già – se non superiori – agli obiettivi di superamento dell'inflazione della Fed.

Nessuno ha sottolineato questo punto meglio del WSJ, che durante il fine settimana ha scritto che " L'inflazione è già qui, per le cose che si desidera effettivamente acquistare ".

Come scrive James Mackintosh del WSJ, " se sembra che il prezzo di tutto ciò che compri sia salito alle stelle, è perché è successo, anche se i banchieri centrali di tutto il mondo si preoccupano del pericolo di deflazione ". Quindi sottolinea il "enorme divario" tra l'esperienza quotidiana e il tasso di inflazione annuo dell'1,3% e osserva che "il prezzo delle cose che stiamo acquistando sta aumentando molto più velocemente, mentre le cose che non stiamo più comprando hanno è in calo, ma conta ancora per le cifre ".

Il che ha senso, ovviamente: dopo tutto con una maggiore domanda per un determinato bene o servizio, il prezzo salirà e viceversa. E come rivelano i dati, in questa età post-covid, "lavoro da casa", l'inflazione annuale per alcuni prodotti sta ora superando nettamente gli obiettivi della Fed:

Inizia con il costo del cibo a casa, dove così tanti americani hanno trascorso il loro tempo, e che è aumentato del 4,6% in agosto rispetto all'anno precedente, il più grande aumento in quasi un decennio. Nei luoghi di lavoro deserti e nelle mense scolastiche, il cibo costa il 3% in meno.

Sebbene i prezzi del cibo siano tradizionalmente volatili, lo stesso andamento emerge per molte cose sensibili a noi seduti a casa su Zoom. Pochi lavoratori domestici hanno bisogno di un nuovo vestito o vestito (meno del 17%), trucco (meno del 3%), una camera d'albergo (meno del 13%) o un biglietto aereo (meno del 23%). Allo stesso tempo, le seguenti attività hanno portato a forti aumenti di prezzo: stare seduti a casa in pigiama (la biancheria da notte da uomo è aumentata del 4%), andare in bicicletta (biciclette in aumento del 6%), leggere per piacere (libri in aumento del 4%, giornali in aumento del 5% ) e fare cose (macchine da cucire e tessuti in aumento del 9%, fotocamere in aumento del 4%). Le cure mediche sono richieste (+ 5%), mentre l'istruzione superiore è molto meno attraente (le tasse universitarie aumentano dell'1,3%, il più basso dall'inizio dei dati alla fine degli anni '70).

Le oscillazioni delle abitudini di acquisto hanno anche accentuato un aspetto centrale dell'attuale dibattito inflazione / deflazione: ovvero, come l'inflazione viene misurata ufficialmente, con un'enfasi sulla differenza tra l'indice dei prezzi al consumo (IPC) e l'indice dei prezzi delle spese per consumi personali (PCE). Come ci ricorda il WSJ, il CPI cattura i titoli dei giornali e determina il rendimento dei Treasury indicizzati all'inflazione, o TIPS. La Federal Reserve usa il PCE e le due si sono discostate durante l'estate.

Il CPI viene valutato in base ai modelli di spesa di un paio di anni fa, mentre PCE ricalcola la spesa ogni mese. Gli ultimi dati PCE sono solo fino a luglio, ma hanno mostrato che i prezzi sono rimbalzati, aumentando dello 0,4% su tre mesi rispetto ai tre mesi precedenti, su base annualizzata . L'IPC mostrava ancora prezzi in calo su questa base, sebbene in agosto la riapertura dell'economia abbia spinto l'inflazione IPC annualizzata a tre mesi sopra il 3%.

Il PCE sarà ancora più alto per August Mackintosh, dato il suo metodo di calcolo.

Un altro motivo per cui i prezzi sono aumentati negli ultimi mesi è che la pandemia ha fornito pressioni inflazionistiche limitando l'offerta, quindi quando la domanda è aumentata, ad esempio per mangiare fuori quando il blocco si è allentato, i prezzi sono aumentati bruscamente. E poiché il Covid-19 ha intensificato la guerra commerciale USA-Cina e la tendenza alla deglobalizzazione, l'offerta potrebbe essere limitata per lungo tempo poiché le catene di approvvigionamento globali esistenti vengono sradicate.

Tuttavia, la maggior parte degli economisti è fiduciosa che le forze prevalenti sui prezzi nei prossimi 1-2 anni saranno per lo più deflazionistiche, in gran parte a causa dei massicci licenziamenti che hanno schiacciato i salari e continuato l'allontanamento sociale.

"Nel breve periodo prevale lo shock della domanda, quindi avremo prezzi contenuti per i prossimi 12-18 mesi", afferma Luigi Speranza, chief global economist di BNP Paribas. Gli effetti persistenti della pandemia potrebbero significare una minore necessità di lavoratori di viaggio e turismo da anni, mentre chi è disoccupato perde competenze.

Altri sono più preoccupati per gli effetti collaterali deflazionistici delle imminenti macro trasformazioni, in particolare come un'ondata di insolvenze e insolvenze tra proprietà commerciali porterà a una distruzione del debito diffusa – e deflazionistica – poiché molti lavoratori lasciano per trovare nuovi ruoli.

Molte di queste preoccupazioni verranno messe a tacere se e quando il Congresso sarà d'accordo su un quinto stimolo fiscale – una volta che Pelosi e McConnell concorderanno un altro $ 1,5-2 trilioni di stimoli e saranno distribuiti ai consumatori statunitensi, gli aumenti dei prezzi di questa estate potrebbero continuare e diventare un seria preoccupazione per gli investitori. In alternativa, se la seconda ondata di Covid-19 fosse seguita da una terza, pesanti perdite di posti di lavoro e una rinnovata recessione minaccerebbero di nuovo la domanda e quindi i prezzi. In Europa, il tasso di inflazione a tre mesi è sceso esattamente a zero ad agosto, quando una seconda ondata ha colpito Spagna e Francia.

La linea di fondo è che mentre molti discutono su cosa accadrà dopo, la realtà attuale è dura: l'aumento dei prezzi per le cose di cui gli americani hanno bisogno, compensato dal calo dei prezzi per le cose di cui non hanno bisogno. Questo, secondo la Fed, svanisce e non merita condizioni finanziarie più restrittive, anche se per l'americano medio su Main Street, il rialzo dei prezzi in corso si è rivelato particolarmente doloroso.

* * *

E poi c'è un altro problema: mentre la Fed – e la maggior parte degli economisti – sono convinti che a causa dei recenti massicci licenziamenti e della crescente debolezza della forza lavoro, i salari non aumenteranno per molto, molto tempo, una misurazione del salario in tempo reale crescita come si riflette nel Wage Tracker settimanale di Goldman Sachs, che tiene traccia di un universo di metriche salariali tra cui i salari ECI e i dati salariali, i guadagni orari medi del BLS, la retribuzione oraria e l'Atlanta Fed Wage Tracker – rivela la stampa più alta mai registrata!

A dire il vero, gran parte di questo è dovuto all'esplosione dei pagamenti del trasferimento del governo e a un esperimento strisciante nel reddito di base universale, ma è sicuro dire che in un modo o nell'altro, le generose elargizioni governative ai più poveri d'America continueranno nella prossima amministrazione a meno che non Trump o Biden vogliono rivolte quotidiane. Ma la linea di fondo è quella tra il massiccio stimolo del governo e la domanda organica di lavoratori qualificati e altamente occupati, che si è già normalizzata a livelli pre-covid …

… la Fed potrebbe presto essere scioccata dalla rapidità con cui l'inflazione salariale ritorna, oltre all'inflazione incontrollata per "le cose di cui gli americani hanno bisogno" discusse sopra.

In breve, in assenza di una doppia recessione o di una forte contrazione economica, l'inflazione – soprattutto la sua forma più favorevole e gradita – i salari dei dipendenti, potrebbe già essere più del doppio dell'obiettivo AIT della Fed. Se sostenuto, ciò lascia tre opzioni: i) la Fed aumenterà i tassi molto prima del 2023, ii) la definizione di salari orari e prezzi sarà rivista in modo da farli sembrare più piccoli (basta chiedere al Giappone con i suoi 10 diversi tracker CPI, quanto sia efficace), o iii) la Fed muoverà semplicemente gli obiettivi e cambierà il suo quadro AIT, dicendo che non aumenterà fino a quando l'inflazione non raggiungerà il 3%, 4%, 5% o più …

Per ora, tuttavia, sia i prezzi (per le cose di cui i consumatori statunitensi hanno effettivamente bisogno) che i salari (per quegli americani che hanno un lavoro) stanno aumentando rapidamente e questo creerà molti grattacapi per la Fed nei prossimi mesi.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/Al3UCDd4v8g/inflation-already-here-fed-may-have-major-problem-its-hands in data Mon, 28 Sep 2020 13:25:11 PDT.