La Cina venderà 7,38 milioni di barili di greggio dalla riserva statale

La Cina venderà 7,38 milioni di barili di greggio dalla riserva statale

Come anticipato in precedenza, pochi istanti fa – come previsto – la National Food and Strategic Reserves Administration cinese ha dichiarato in una dichiarazione che avrebbe messo all'asta 7,38 milioni di barili di petrolio dalla riserva statale il 24 settembre. La notizia ha portato a un modesto calo del petrolio che tuttavia è stato seguito da un rimbalzo immediato.

Come ha spiegato Ryan Fitzmaurice di Rabobank durante il fine settimana, la Cina, il più grande importatore di petrolio al mondo, ha tentato di abbassare i prezzi del petrolio questa settimana annunciando il rilascio di greggio dalla sua Strategic Petroleum Reserve (SPR). La mossa ha segnalato vulnerabilità politica all'aumento dell'inflazione dei prezzi delle materie prime, ma ancora di più, non è sufficiente l'offerta fisica per spostare il quadrante.

Altre osservazioni dall'analista energetico Rabo:

Il mercato petrolifero è stato forte nella prima parte della settimana, ma giovedì è stato sottoposto a pressioni di vendita quando la notizia del rilascio di petrolio dalla sua riserva strategica (SPR) da parte della Cina ha colpito i fili. Ironia della sorte, la mossa arriva sulla scia del presidente Biden che indicava che stava anche considerando di rilasciare petrolio greggio dalla riserva strategica degli Stati Uniti sulla scia dell'uragano Ida oltre a supplicare l'OPEC+ di pompare più petrolio nelle settimane prima della tempesta.

Alla fine, un rilascio negli Stati Uniti non aveva senso poiché anche una parte significativa della capacità di raffinazione è stata messa fuori servizio insieme alla produzione di greggio. Tuttavia, la mossa della Cina, il più grande importatore mondiale di greggio e materie prime, è stata senza dubbio progettata per allentare le pressioni al rialzo dei prezzi sull'aumento dei costi di importazione del petrolio, tuttavia, è improbabile che abbia l'effetto desiderato, come lo vediamo .

Per cominciare, segnala la vulnerabilità politica all'inflazione delle materie prime proprio come ha fatto il precedente appello di Biden all'OPEC+, e ancora di più, non è sufficiente l'offerta fisica per spostare il quadrante e compensa solo parzialmente il calo della produzione statunitense da quando è scoppiata la tempesta. I primi rapporti suggeriscono che verranno rilasciati circa 22 MB, che corrispondono a circa due giorni di importazioni di petrolio per la Cina o solo un paio d'ore di domanda globale giornaliera. Inoltre, il rilascio riduce la quantità di petrolio disponibile per una vera emergenza dal lato dell'offerta e, come tale, dovrà essere ricaricata in un futuro non troppo lontano e potenzialmente a prezzi più elevati.

Infine, i grandi trader sistematici hanno iniziato a ricostruire posizioni petrolifere "lunghe" come si può vedere negli ultimi dati sul posizionamento di mercato e sugli interessi aperti e questi fondi per la maggior parte reagiscono solo a segnali quantitativi , quindi è improbabile che il rilascio di SPR rallenti i loro programmi di acquisto .

Guardare avanti

Guardando al futuro, riteniamo che il recente tentativo della Cina di abbassare i prezzi del petrolio sia inutile e probabilmente sarà sopraffatto dai flussi finanziari a termine, dati i segnali quantitativi rialzisti del mercato e i rischi di inflazione globale in gioco. Inoltre, i recenti aumenti dei dati aggregati sugli interessi aperti dei futures sono incoraggianti e ci segnalano che il movimento di gregge di fondi sistematici è già in corso. Detto questo, prevediamo che nei prossimi mesi si verificheranno acquisti significativamente più speculativi, dato l'attuale sottoinvestimento in futures sul petrolio, soprattutto alla luce di tutto il denaro che è stato pompato nei mercati finanziari negli ultimi 18 mesi. Pertanto, vediamo più rischi al rialzo per i prezzi del petrolio che al ribasso, in particolare nei contratti differiti man mano che l'inflazione prende piede.

Tyler Durden mar, 14/09/2021 – 08:30


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/8QA4sKHMzvY/china-sell-738-million-barrels-crude-state-reserve in data Tue, 14 Sep 2021 05:30:31 PDT.