I portieri che hanno assistito all’attacco di New York contro una donna asiatica americana sono stati licenziati

I portieri che hanno assistito all'attacco di New York contro una donna asiatica americana sono stati licenziati

A parte l'attacco vero e proprio , era il discorso della città: due portieri che hanno assistito a una donna filippino-americana brutalmente aggredita sul marciapiede fuori dal loro edificio sono rimasti oziosi e non hanno fatto nulla per aiutare. Piuttosto, hanno semplicemente chiuso la porta del loro edificio.

Ora sono stati licenziati.

I proprietari dell'edificio hanno detto ai suoi residenti venerdì che i portieri sono stati licenziati per non aver seguito "i protocolli di emergenza e di sicurezza richiesti".

"Per questo motivo, il loro impiego è stato risolto, con effetto immediato", ha scritto agli inquilini dell'edificio Rick Mason, direttore esecutivo della gestione presso l'Organizzazione Brodsky.

Lunedì scorso, Vilma Kari, 65 anni, è stata attaccata e picchiata senza senso per strada mentre si recava in chiesa. Il video dell'incidente è diventato virale e, oltre all'indignazione per l'attacco, c'è stata una diffusa indignazione per due portieri che sembravano assistere all'attacco, ma non hanno fatto nulla per fermarlo.

Il New York Times ha aggiunto questa settimana , dopo la revisione di un video più lungo, che i portieri potrebbero non aver assistito immediatamente all'attacco, ma piuttosto sono stati avvisati da un addetto alle consegne che era nell'atrio. Gli attaccati "si sono soffermati vicino alla facciata dell'edificio" dopo l'attacco, ha scritto anche il Times.

Kyle Bragg, presidente del 32BJ SEIU, il sindacato che rappresenta i membri dello staff, ha dichiarato: “Crediamo di dover sradicare il razzismo sistemico in tutte le sue forme. Riteniamo che tutti i lavoratori sindacali, in particolare i lavoratori di colore che sono spesso oggetto di trattamento ingiusto sul lavoro, abbiano diritto a un processo equo come delineato nel loro contratto ".

Ha detto che i due dipendenti hanno avviato il processo per presentare reclami.

Brandon Elliot, 38 anni, è stato arrestato e accusato dell'attacco. Il New York Post ha riferito che Elliot ha urlato dichiarazioni anti-asiatiche mentre picchiava la donna, tra cui, "Vaffanculo, non appartieni a questo posto."

Elliot è stato precedentemente condannato per aver pugnalato a morte sua madre nel 2002, è stato rilasciato dal carcere nel 2019 ed è in libertà condizionale a vita. Elliott affronta le accuse di aggressione come crimine d'odio, tentato assalto come crimine d'odio, aggressione e tentato assalto, secondo la polizia.

Il sindaco di New York City Bill de Blasio ha definito l'attacco "assolutamente disgustoso e oltraggioso", aggiungendo che era "assolutamente inaccettabile" che i testimoni non abbiano fatto nulla.

"Non mi interessa chi sei, non mi interessa cosa fai, devi aiutare il tuo collega newyorkese", ha detto la scorsa settimana. "Se vedi qualcuno che viene attaccato, fai tutto il possibile. Fai rumore. Chiama cosa sta succedendo. Vai e prova ad aiutare. Chiama immediatamente aiuto. Chiama i 911. Questo è qualcosa in cui dobbiamo essere tutti parte della soluzione. Noi non posso semplicemente stare indietro e guardare un atto atroce accadere. "

Tyler Durden Mercoledì, 04/07/2021 – 11:05


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/HhSnBS0j_AM/doormen-who-witnessed-nyc-attack-asian-american-woman-fired in data Wed, 07 Apr 2021 08:05:00 PDT.