“Come niente che abbiamo mai visto”: l’imminente sfratto ondata sta arrivando in questi stati

"Come niente che abbiamo mai visto": Imminent Eviction Wave sta arrivando in questi stati Tyler Durden Mer, 29/07/2020 – 05:45

La moratoria sullo sfratto è scaduta lo scorso venerdì quasi quattro mesi dopo l'arresto effettivo dell'economia USA a causa della pandemia di pandemia, e oltre 12 milioni di affittuari – tutti in ritardo sui pagamenti degli affitti a causa della recessione indotta da virus – sono ora a rischio imminente di essere avviati a il cordolo.

Questo venerdì, circa 25 milioni di americani non riceveranno più i loro assegni federali settimanali di disoccupazione da $ 600, e il prossimo round di dispense governative, attualmente discusso da repubblicani e democratici, potrebbe vedere i benefici tagliati da $ 600 a $ 200 (o essere nulla se nessun accordo è raggiunto in Congresso). Ciò comporterebbe la frantumazione delle finanze delle famiglie in tutta la classe media americana, causando un numero ancora più elevato di famiglie che non sono in grado di pagare il conto degli affitti nei prossimi mesi.

Detto questo, il maggiore consigliere economico di Trump Larry Kudlow, che ha pompato religiosamente titoli con titoli insignificanti ogni volta che l'S & P è a malapena in rosso, ha recentemente affermato che si potrebbe vedere un'estensione del programma di moratoria sullo sfratto. E se non ce ne fosse uno?

Alla fine di luglio, oltre 31 milioni di americani hanno percepito sussidi di disoccupazione in qualche modo. La ripresa economica si è invertita a fine giugno, mentre si profila la prossima crisi delle famiglie.

"È come niente che abbiamo mai visto", ha dichiarato John Pollock , coordinatore della National Coalition for a Civil Right to Counsel.

Nel 2016, ci sono stati 2,3 milioni di sfratti, ha detto Pollock.

"Potrebbero esserci così tanti sfratti in agosto", ha detto.

Domenica, le linee bancarie alimentari sono riemerse man mano che i benefici delle persone finivano. Il numero di americani senza lavoro è sconcertante e decisamente deprimente, il che suggerisce nessuna ripresa del mercato del lavoro quest'anno o il prossimo.

Con lo sviluppo di una scogliera fiscale, i benefici che stanno per scadere e un rimbalzo nell'economia invertendo , i dati di Pulse Household da metà luglio delineano una crisi ancora più cupa degli affitti.

L'analisi si basa su Pulse Household Data di metà luglio e ha scoperto che alcuni stati saranno colpiti più duramente di altri. Ad esempio, si stima che la Virginia dell'Ovest abbia la percentuale più alta di famiglie affittate che affrontano lo sfratto vicino al 60%. Il Tennessee, il Minnesota, il Mississippi, la Florida e la Louisiana sono tutti tra gli stati che avranno il maggiore impatto con azioni al 50% o superiori. Altrove, il Vermont è lo stato in cui gli affittuari saranno a più basso rischio di sfratto, anche se il 22% di loro perderà potenzialmente la propria casa nel corso della crisi. – Forbes

Di seguito (indicato da Statista), ecco gli stati in cui gli affittuari saranno maggiormente sottoposti a pressioni.

L'amministrazione Trump non ha gli strumenti per risolvere la crisi: la politica fiscale e monetaria può solo ritardare il secondo round del crollo economico fino a dopo le elezioni. Nel frattempo il caos e il disaccordo su Capitol Hill significano che non vi è ancora alcun accordo su un'estensione della moratoria degli affitti, il che significa che le prossime settimane potrebbero vedere la più grande crisi degli affitti negli Stati Uniti, che renderebbe il 2008 un gioco da ragazzi.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/9JnAydVye8U/imminent-eviction-waves-could-be-seen-these-states in data Wed, 29 Jul 2020 02:45:00 PDT.