CJ Hopkins espone l’atto finale in “The War On Populism”

CJ Hopkins espone l'atto finale in "The War On Populism" Tyler Durden Sun, 20/09/2020 – 23:20

Scritto (per lo più satiricamente) da CJ Hopkins tramite The Consent Factory,

Quindi, sembra che la guerra al populismo si stia avvicinando a un eccitante climax. Tutti i pezzi giusti sono pronti per una rivoluzione dei colori GloboCap di classe A e forse anche per una guerra civile. Hai il tuo presidente Putin-nazista non autorizzato, la tua immaginaria pandemia apocalittica, i tuoi violenti disordini civili identitari, la tua popolazione politicamente polarizzata pesantemente armata, i tuoi minacciosi brontolii dai quartieri militari … non potresti davvero chiedere molto di più.

OK, la trama è abbastanza ovvia ormai (come lo è in tutti gli spettacoli d'azione ad alto budget, che è essenzialmente ciò che sono le rivoluzioni colorate), ma questo non rovinerà la nostra esperienza visiva. Il divertimento non è indovinare cosa accadrà. Tutti sanno cosa succederà. Il divertimento è guardare Bruce, o Sigourney, o "i ribelli moderati", o la "Resistenza" di GloboCap, abbattere il mostro, oi terroristi, o Hitler, e salvare il mondo, o la democrazia, o qualsiasi altra cosa.

Gli show-runner di GloboCap lo capiscono, e si attengono alla classica formula dell'Atto III (cioè quella che insegnano in tutti quei seminari di sceneggiatura, di cui, a piena rivelazione, insegno alcuni di questi). Hanno condotto la guerra al populismo sin dall'inizio. Lo analizzerò tra un momento, atto per atto, trama punto per punto della trama, ma, prima, copriamo rapidamente le basi.

La prima cosa di cui ogni grande film d'azione di Hollywood (o rivoluzione dei colori GloboCap) ha bisogno è una solida linea di condotta su cui costruire la trama. La logline ci mostra: (1) il nostro protagonista, (2) cosa sta cercando di fare il nostro protagonista e (3) la nostra forza antagonista o antagonista.

Ad esempio, eccone uno che tutti riconosceranno:

"Un hacker informatico impara da misteriosi ribelli sulla vera natura della sua realtà e sul suo ruolo nella guerra contro i suoi controllori."

Nel nostro caso, la logline si scrive:

"Dopo che l'America è stata conquistata da un dittatore hitleriano sostenuto dalla Russia, le forze della democrazia si uniscono per deporre il tiranno e salvare il mondo libero".

Donald Trump è il nostro antagonista, ovviamente. E che antagonista è stato! Come hanno ripetuto incessantemente negli ultimi quattro anni i fantasmi dello stato profondo ei media corporativi, l'uomo è sia un traditore sostenuto dalla Russia che letteralmente la resurrezione di Hitler! In termini di cattivi, non c'è niente di meglio.

Inutile dire che il nostro protagonista è GloboCap (cioè l'impero capitalista globale), o "democrazia", ​​come è noto nel mondo dell'intrattenimento.

Ora, siamo già nel bel mezzo dell'Atto III e, come in ogni film d'azione ad alto budget, il nostro protagonista ha subito una serie di perdite crescenti durante tutto l'Atto II, e il cattivo guidava principalmente l'azione. Ora è il momento della spinta finale, ma, prima che tutta l'azione abbia inizio, ecco un breve riepilogo di quegli atti precedenti. Pronto? Va bene, eccoci qui …

Atto I

(status quo / incitamento all'incidente)

Là la democrazia (cioè GloboCap) stava operando pacificamente il suo impero capitalista globale de facto come un normale egemone globale (cioè, destabilizzando, ristrutturando e privatizzando tutto ciò che non aveva già destabilizzato e privatizzato, e OK, occasionalmente uccidendo, torturando e altrimenti opprimendo senza pietà le persone), quando dal nulla è stato brutalmente attaccato da Donald Trump e dai suoi "populisti" Putin-nazisti, che hanno rubato le elezioni del 2016 a Clinton con quegli insidiosi annunci di Facebook. (Per voi scrittori, questo è stato l'Inciting Incident.)

(nuova situazione / situazione / blocco)

GloboCap non l'ha presa bene. Lo stato profondo e i media corporativi hanno iniziato a gridare a proposito dell'imminente " Age of Darkness ", " La morte della globalizzazione per mano della supremazia bianca ", " Orwellianesimo razziale ", " Antisemitismo sionista ", " Fossa senza fondo del fascismo , " e così via. I liberali si sono addobbati con spille da balia e sono usciti alla ricerca di minoranze da nascondere nelle loro soffitte durante l'occupazione. Secondo GloboCap, ogni "populista" che ha votato per Trump (o semplicemente si è rifiutato di votare per Clinton) era un suprematista bianco genocida che non meritava empatia o pietà. Da qualche parte lì dentro è nata la "Resistenza" . (Questo è il punto della trama noto come Lock-In, in cui il protagonista si impegna nella lotta avanti.)

Atto II (a)

(progresso / ostacoli)

Come è tradizione all'inizio dell'Atto II, le cose sembravano promettenti per GloboCap. La "Resistenza" mise in scena quelle proteste rosa, ei media corporativi stavano pompando la Russia e la propaganda hitleriana come un pianoforte goebbelsiano. Sì, c'erano degli ostacoli, ma la "Resistenza" cresceva . E poi, nel maggio del 2017, è stato nominato il consigliere speciale Robert Mueller e il "Russiagate" è stato lanciato ufficialmente. Sembrava che i giorni di Donald Trump fossero contati!

(azione ascendente / primo culmine)

Ma no, non sarebbe mai stato così facile. (Se lo fosse, i lungometraggi durerebbero meno di un'ora, per non parlare di incredibilmente noiosi.) C'è stata molta azione (e una serie infinita di "bombe") durante i due anni successivi, ma entro la fine di marzo 2019 , "Russiagate" era esploso in faccia a GloboCap . Il "populismo" era ancora in aumento! Era giunto il momento per GloboCap di fare sul serio. (Questo è stato il classico primo culmine, a volte noto come Il punto di non ritorno.)

Atto II (b)

(complicazioni / sottotrame / posta in gioco più alta)

All'indomani del fiasco del "Russiagate", la "Resistenza" di GloboCap si è agitata per un po '. Un assortimento di ridicole sottotrame spiegate … Obstructiongate, Ukrainegate, Pornstargate (e probabilmente sto dimenticando alcuni "cancelli"), terrorismo non terroristico della supremazia bianca, grilli russi-cubani divoratori di cervelli, balene spia russe e altre sciocchezze del genere. Nel frattempo, le forze del "populismo" si scatenavano in tutto il pianeta. I gilet gialli erano sul punto di abbattere Macron in Francia, e bande di teste ossee neo-nazionaliste avevano lanciato una serie di assalti frontali a Portlandia, quartier generale antifascista GloboCap, che Antifa riusciva a malapena a trattenere.

(secondo culmine / grande battuta d'arresto)

Tuttavia, non tutto è andato perduto. GloboCap tornò in azione, riuscendo a hitlerizzare Jeremy Corbyn , il leader del "populismo" di sinistra, e prevenire così l'esdodo di massa degli ebrei dalla Gran Bretagna. E le elezioni americane erano all'orizzonte. Trump era ancora l'agente russo Hitler, dopotutto, quindi non sarebbe stato troppo difficile da battere. Tutto ciò che GloboCap doveva fare era presentare un valido candidato democratico, quindi lasciare che i media corporativi facessero le loro cose. OK, prima dovevano fare Bernie Sanders (perché era un'altra figura di spicco "populista", e il punto dell'intera Guerra al Populismo è stato quello di schiacciare la resistenza "populista" al capitalismo globale sia da sinistra che da destra), ma il DNC ha fatto un lavoro breve.

Quindi, tutto sembrava perfetto fino a quando … e voi sceneggiatori l'avete visto arrivare, vero? – il punto cardine della trama alla fine del secondo atto, The Major Setback o The Dark Night of the Soul, quando tutto sembra perduto per il nostro protagonista.

Sì, come probabilmente non sembra ancora plausibile, il Partito Democratico ha nominato Joe Biden, una persona chiaramente cognitivamente compromessa che ha letteralmente succhiato le dita di sua moglie davanti alla telecamera e che non può superare un discorso di due minuti senza perdere completamente il filo dei suoi pensieri e balbettio senza senso non sequituriale. Il motivo esatto per cui lo hanno fatto sarà discusso per sempre, ma, ovviamente, Biden non è stata la prima scelta di GloboCap. L'uomo è stimolante come un cespo di lattuga. (C'è un vero gruppo di campagna chiamato " Accontentati di Biden !") GloboCap ora stava fissando il barile di una certa morte di elettori oscillanti. E come se le cose non fossero già abbastanza terribili, i "populisti" hanno lanciato un nuovo slogan accattivante … " TRUMP 2020, PERCHÉ FOTTITI ANCORA !"

Atto III

Quindi, d'accordo, questa è la parte in cui Neo ordina "pistole … molte pistole". Che è esattamente quello che hanno fatto i nostri amici di GloboCap. Il tempo per giocare a grab-ass era finito. Di fronte a quattro anni di Trump e questa ribellione "populista" contro il capitalismo globale e la sua ideologia risvegliata sempre più insopportabile, l'intera macchina capitalista globale è diventata totalmente totalitaria tutto in una volta. All'improvviso, un virus piuttosto mortale (per quanto riguarda le pestilenze mortali) è diventato la scusa per GloboCap per bloccare la maggior parte dell'umanità per mesi, distruggere l'economia, scatenare le squadre di sicari, terrorizzare tutti con propaganda isterica e altrimenti trasformare la società in una dimensione globale stato di polizia totalitario .

E non era tutto … no, tutt'altro. GloboCap era solo all'inizio. Avendo terrorizzato le masse portandole in uno stato di paranoia da far venire l'ano a causa di un'immaginaria piaga apocalittica e costretto tutti a eseguire una serie di umilianti rituali di conformità ideologica, scatenarono i disordini civili identitari . Perché cosa sarebbe una rivoluzione colorata senza disordini, saccheggi, distruzione sfrenata, nuvole di lacrimogeni, robocop e "ribelli moderati" sponsorizzati da GloboCap e "forze pro-regime" che si sparano a vicenda per le strade in televisione? (In un omaggio al Ministero della Verità di Orwell, i media corporativi, con facce totalmente schiette, hanno descritto questa rivolta come "per lo più pacifica". )

*

Questo ci porta alla velocità, credo.

Il resto dell'Atto III dovrebbe essere piuttosto eccitante, nonostante il risultato sia certo.

In un modo o nell'altro, Trump è storia. O credi seriamente che GloboCap gli permetterà di scontare altri quattro anni?

Non che Trump sia una minaccia reale per loro. Come ho detto più volte negli ultimi quattro anni, Donald Trump non è un populista. Donald Trump è un clown narcisista che interpreta il presidente per nutrire il suo ego. Non è una minaccia per il capitalismo globale, ma le persone che lo hanno eletto presidente lo sono . Per dare una lezione a queste persone, GloboCap deve fare un esempio di Trump. Le probabilità sono che non sarà carino.

Vedi, lo hanno tra l'incudine e il martello.

Come spiega Fareed Zakaria della CNN , la notte delle elezioni Trump sembrerà aver vinto (perché i democratici invieranno tutti i loro voti a causa della peste apocalittica), ma più tardi, una volta che i voti per posta saranno tutti contati, il che potrebbe richiedere settimane o addirittura mesi, si scoprirà che Biden ha vinto davvero. Ma, a quel punto, non importa chi ha vinto davvero, perché uno dei due scenari si sarà già svolto.

  • Nello scenario numero uno, Trump dichiara la vittoria prima che i voti per corrispondenza siano stati conteggiati e viene "rimosso dall'incarico" per "aver tentato un colpo di stato".

  • Nello scenario numero due, non dichiara la vittoria e il paese entra in uno stato di limbo, che i Democratici prolungheranno il più a lungo possibile.

In ogni caso, scoppiano i disordini. Rivolte gravi … non "pacifiche" rivolte. I disordini che fanno sembrare le “proteste del BLM” a cui abbiamo assistito finora sembrano una partita di calcio tattile.

Ed è qui che entra in gioco l'esercito americano (o il complesso militare-industriale).

Vi lascio con solo alcuni dei tanti titoli inquietanti che GloboCap ha generato:

"Questa elezione è diventata pericolosa per l'esercito americano" – Politica estera

"Al Gore suggerisce che i militari rimuoveranno Trump dall'incarico se non si arrenderà nella notte delle elezioni" – Fox News

“L'ex ambasciatore avverte della violenza elettorale” – The Guardian

"Tutti i nemici, stranieri e nazionali": una lettera aperta al generale Milley ("Se il comandante in capo tenta di ignorare i risultati delle elezioni, dovrai affrontare una scelta.)" – Difesa Uno

"Trump sta pianificando un colpo di stato?" – La nazione

"Trump potrebbe rifiutarsi di concedere" – Washington Post

"Cosa succede se Trump perde ma si rifiuta di concedere?" – Financial Times

"Suprematisti bianchi, terroristi domestici rappresentano la più grande minaccia di" violenza letale "in queste elezioni, secondo la valutazione del DHS" – Forbes

"Gli attacchi di Trump mettono i militari nel campo minato della campagna presidenziale" NPR

"La minaccia del ritardo elettorale di Trump è un colpo di stato in divenire" – Common Dreams

"E se Trump non se ne andasse?" – L'intercettazione

"Come pianificare un colpo di stato" – Bill Moyers sulla democrazia

"Può succedere qui: un colpo di stato elettorale a Trump?" – Wall Street International Magazine

"Di chi è l'America?" – Il New York Times

Sembra che GloboCap stia bluffando? Perché a me non suona così. Potrei sbagliarmi completamente, ovviamente, e lasciare che la mia immaginazione scappi via con se stessa, ma se fossi tornato a casa negli Stati Uniti, invece che qui a Berlino, non ci scommetterei.

In ogni caso, qualunque cosa accada, che sia la fine della Guerra al Populismo o solo l'inizio di una nuova, più drammatica fase, i prossimi due mesi saranno entusiasmanti.

Quindi, prendi i tuoi popcorn, o il tuo AR-15, e la tua maschera, o la tuta anti-virus a bolle per tutto il corpo (che potresti voler installare a posteriori con Kevlar), e siediti e goditi lo spettacolo!


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/wrVHjP9P1Sw/cj-hopkins-exposes-final-act-war-populism in data Sun, 20 Sep 2020 20:20:00 PDT.