La prospettiva internazionale: una legge tedesca sulla catena di approvvigionamento come modello per l’Europa?

Negli ultimi anni, gli stati di origine delle società transnazionali hanno sempre più introdotto norme legali per le catene di approvvigionamento globali. Queste leggi hanno lo scopo di influenzare le azioni globali delle società transnazionali in modo tale che queste ultime si assumano maggiori responsabilità per la loro catena di approvvigionamento globale e siano maggiormente impegnate nel rispetto delle norme del lavoro, dei diritti umani e della protezione ambientale. Questo approccio si basa in gran parte sull'idea di complementarità tra regolamenti statali ( governance pubblica ) e regolamentazione privata ( governance privata ).

Tuttavia, le precedenti leggi nazionali sulla catena di approvvigionamento differiscono per quanto riguarda gli argomenti che regolano (ad es. Lavoro minorile o corruzione) e lo strumento normativo (ad es. Obblighi di segnalazione o responsabilità penale delle imprese). Queste leggi possono essere suddivise in un continuum normativo in base alla loro forza normativa, che viene discussa brevemente di seguito.

Regolamentazione soft: legislazione britannica sulla trasparenza

Il primo livello (più morbido) è la legislazione sulla trasparenza delicata. Questi includono in particolare il Modern Slavery Act del Regno Unito 2015 e il California Transparency in Supply Chains Act 2010 . Il Modern Slavery Act del Regno Unito richiede alle aziende con un fatturato annuo di oltre 36 milioni di sterline di fare una dichiarazione sulla schiavitù e sulla tratta di esseri umani per ogni esercizio finanziario. In questa dichiarazione, le aziende sono invitate a riferire in merito alle misure adottate nel corso dell'esercizio passato per garantire che la schiavitù e la tratta di esseri umani non si verifichino in nessuna delle loro catene di approvvigionamento o in qualsiasi parte della loro azienda. In alternativa, una società può dichiarare di non aver preso alcuna iniziativa al riguardo. La legge contiene un elenco di aspetti che possono essere riportati nella dichiarazione (ad es. Procedure di due diligence aziendali), ma la segnalazione non è obbligatoria.

La legge non contiene quasi alcun meccanismo di applicazione. A questo proposito, la guida del Ministero degli Interni del Regno Unito indica che il ministro competente può emettere un'ingiunzione nei confronti di una società che non pubblica una dichiarazione in un anno fiscale. In pratica, il governo si affida a consumatori, investitori e organizzazioni non governative per far rispettare gli obblighi di segnalazione per esercitare pressioni pubbliche quando una società non rispetta gli obblighi di segnalazione o non ha preso provvedimenti per combattere la schiavitù e la tratta di esseri umani.

Alla luce di questa regolamentazione delicata, non sorprende che gli studi mostrino un livello piuttosto basso di conformità: gli studi ipotizzano che solo circa la metà delle aziende soggette a segnalazione fornisca una dichiarazione .

In generale, si può affermare che i requisiti di rendicontazione non finanziaria sono stati a lungo la prima scelta per la regolamentazione delle questioni di responsabilità aziendale. Questo può essere visto anche nella cosiddetta linea guida CSR , che è stata implementata 1: 1 nella legge nazionale dalla legge tedesca sulla conversione delle linee guida CSR . Nella teoria normativa, la rendicontazione non finanziaria è considerata un cosiddetto strumento di controllo riflessivo. L'idea di base è che le aziende passano attraverso processi di apprendimento che le portano a migliorare il loro comportamento. Questo strumento di regolamentazione offre flessibilità, ovvero le aziende possono determinare il contenuto dell'aspettativa che faranno determinate cose (ad esempio rispetto dei diritti umani).

Due diligence sui diritti umani: Francia e Paesi Bassi

La legge sul devoir de vigilance adottata in Francia nel 2017 è significativamente più rigorosa. Sarà discusso in modo più dettagliato altrove in questo simposio. Le società coperte dalla legge devono elaborare un piano di due diligence sui diritti umani in cui identificano i rischi che i diritti umani, la salute e la sicurezza o le preoccupazioni ambientali, attraverso le loro attività, violano quelli delle loro filiali o società da loro controllate. Il piano deve includere fornitori e subfornitori con i quali la società intrattiene rapporti commerciali. La giurisprudenza francese dovrà decidere se ciò include solo fornitori diretti o subappaltatori.

Inoltre, le aziende devono adottare misure per ridurre il rischio di violare aspetti quali i diritti umani. Il piano deve essere attuato in modo efficace e pubblicato nel rapporto annuale dell'azienda. Gli impegni per le aziende ricordano i requisiti dei Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani. Per quanto riguarda le sanzioni, esiste la possibilità che le società possano essere costrette a rispettare la dovuta diligenza pagando multe, nonché la responsabilità civile per danni che avrebbero potuto essere evitati dalla dovuta diligenza. Pertanto, la legge non solo va oltre la legislazione sulla trasparenza delicata, ma si estende anche potenzialmente nella catena di approvvigionamento e contiene alcune sanzioni (sebbene non tutte quelle inizialmente previste).

La legge olandese sulla dovuta diligenza per la lotta al lavoro minorile del 2019 ha un contenuto più ristretto e introduce un obbligo generale di diligenza per impedire la consegna di beni o servizi prodotti dal lavoro minorile. Sono interessate le società che offrono beni o servizi ai clienti olandesi, comprese le società registrate al di fuori dei Paesi Bassi. Le aziende devono valutare se vi è il ragionevole sospetto che un prodotto o un servizio sia associato al lavoro minorile. Se esiste un ragionevole sospetto, la società deve sviluppare e attuare un piano d'azione. La società deve dichiarare di aver agito sulla dovuta diligenza. Le relazioni delle società sono pubblicate da un'autorità in un registro accessibile al pubblico. Come per la legge francese, i singoli passaggi sono simili ai requisiti dei Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani.

Le vittime del lavoro minorile, i consumatori e altre parti interessate possono presentare un reclamo all'autorità di regolamentazione sulla base di prove concrete di violazioni della dovuta diligenza. Vi è anche una sanzione penale nei confronti delle aziende che non rispettano la dovuta diligenza in materia di diritti umani. L'autorità di regolamentazione può sanzionare le società che non pubblicano il loro rapporto o che non indagano o non preparano un piano d'azione. Per quanto riguarda la sua rigidità in termini di doveri e sanzioni, questa legge è comunque alla fine più forte del continuum delle regole.

Il crimine corporativo come mezzo per combattere la corruzione nel Regno Unito

La legge più rigorosa nel continuum normativo esistente è la Bribery Act del Regno Unito , che include la responsabilità penale delle imprese. Sebbene questa legge non sia stata emanata per quanto riguarda le catene di approvvigionamento, ha un impatto su di essa e viene anche discussa nel Regno Unito come un possibile modello per i regolamenti della catena di approvvigionamento.

In base a questa legge, una società (C) può essere punita se non impedisce a una "persona associata" di corrompere un'altra persona con l'intenzione di fare affari o continuare a farlo, o un vantaggio nel fare Per mantenere o continuare a fare affari per C. È importante, in questo contesto, che la società C non sia punibile se ha adottato un cosiddetto approccio ragionevole (procedure adeguate) idoneo a prevenire un atto di corruzione nei confronti di persone associate.

Tre cose sono particolarmente rilevanti per la discussione di diritto comparato sulle catene di approvvigionamento: il Bribery Act del Regno Unito ha un effetto extraterritoriale e l'atto di corruzione del associato può essere commesso al di fuori del Regno Unito; il testo legale elenca in un elenco non esaustivo alcune persone che possono essere una persona associata , vale a dire persone fisiche e giuridiche, ad esempio dipendenti, filiali o un rappresentante; e in terzo luogo, la guida del governo alla legge fornisce esempi di "buone pratiche". I processi di dovuta diligenza sono menzionati tra gli altri.

Mentre si può affermare che la legge impone indirettamente misure di dovuta diligenza alle società e che è alla fine rigorosa del continuum normativo a causa della responsabilità penale delle imprese, il contenuto è limitato. La catena di approvvigionamento non è menzionata nella formulazione della legge. L'elenco non esaustivo identifica i dipendenti, i rappresentanti e le filiali dell'azienda. Tuttavia, la guida del governo menziona anche i fornitori diretti. In questa situazione, si raccomanda che la società mantenga le procedure di prevenzione della corruzione con i suoi fornitori diretti all'inizio della catena di approvvigionamento e che i suoi fornitori diretti mantengano a loro volta misure simili contro i loro subfornitori.

Cosa funziona? Pensieri sull'interazione tra regolamenti statali e privati

Le leggi esistenti differiscono non solo in termini di forza normativa, ma anche tematicamente. Fatta eccezione per la legge francese sulla vigilanza, le altre normative statali regolano più questioni individuali di responsabilità aziendale: traffico di esseri umani e schiavitù, lavoro minorile, corruzione. Tanto più che alcune delle leggi riguardano anche le società straniere che operano nel rispettivo stato, si può parlare in modo un po 'critico di un "patchwork". Tuttavia, una tale considerazione non sarebbe equa, poiché le leggi nazionali sono spesso il risultato di un laborioso processo di negoziazione. Le leggi mostrano anche la comprensione in lento sviluppo che le norme legali negli stati di origine delle società transnazionali sono necessarie per raggiungere una maggiore responsabilità aziendale per le catene di approvvigionamento globali.

L'interazione inizialmente menzionata tra governance pubblica e governance privata , vale a dire tra stato (ovvero le leggi) e regolamentazione privata (ovvero come le aziende affrontano le rispettive problematiche all'interno della loro catena di fornitura, ad esempio nel loro codice fornitore), ora solleva la questione di quali leggi dal continuum normativo sono più efficaci nel controllo del comportamento delle società transnazionali. Finora non ci sono stati studi che trattano dei diversi effetti delle diverse tecnologie giuridiche, vale a dire confrontando il modo in cui le società transnazionali adattano il loro comportamento nella loro catena di approvvigionamento a causa delle normative legali.

L'autore di questo post è stato coautore di una piccola rassegna di documenti aziendali (ad es. Codici fornitore) di 25 società FTSE100 nel Regno Unito su questo tema. Lo scopo dell'indagine era quello di avere una prima impressione se le normative diversamente rigide nel Regno Unito Bribery Act e nel Regno Unito Modern Slavery Act portassero a un modo differenziato di trattare questi due soggetti nei loro documenti pubblicamente disponibili.

Non era previsto e possibile mostrare una relazione causale diretta tra le leggi e il loro impatto sulla governance della catena di approvvigionamento delle società esaminate. Tuttavia, vale la pena ricordare che i documenti hanno mostrato chiare differenze nel modo in cui le 25 società FTSE100 affrontano i due problemi: mentre la corruzione è apparentemente diventata un vero problema di conformità per le aziende, la schiavitù e il traffico di esseri umani sembrano ancora essere più un argomento di volontariato delle aziende nell'ambito della loro attività di CSR e sostenibilità. Ciò può essere visto, tra le altre cose, nei seguenti punti: la scelta delle parole sulla corruzione nelle condizioni di acquisto e nei codici dei fornitori nei documenti esaminati era molto più imperativa che sulla schiavitù e la tratta di esseri umani; tutte e 25 le società avevano pubblicato linee guida anticorruzione separate, che potevano essere classificate come misure di dovuta diligenza, mentre non esisteva un simile approccio alla schiavitù e alla tratta di esseri umani; Le segnalazioni sulla corruzione sono state molto più estese e anche più rigorosamente formulate (ad esempio tolleranza zero).

Queste osservazioni suggeriscono che l'uso di strumenti normativi più severi, come il diritto penale societario, è più efficace nel fare affari rispetto a uno strumento più morbido, come i requisiti di segnalazione. Le aziende all'inizio delle catene di approvvigionamento globali sembrano prendere le questioni più rigorosamente regolate e sanzionate dalla legge.

Tempo per una legge nazionale tedesca o in attesa dell'Europa?

È stato dimostrato per molti anni che gli impegni aziendali possono essere considerati falliti. Inoltre, un approccio basato su tecniche di controllo soft come i requisiti di rendicontazione ha finora portato solo a lievi miglioramenti nell'attività imprenditoriale. Ciò suggerisce che sono richieste normative legali che obbligano le aziende ad assumersi la responsabilità della propria catena di fornitura. Per essere efficaci, tali leggi richiedono anche sanzioni.

Questa prospettiva internazionale implica quanto segue per la discussione su una legge tedesca sulla catena di approvvigionamento: Innanzitutto, a differenza di altri paesi europei, la Germania non ha ancora avuto una propria legge sulla catena di approvvigionamento. Ciò è sorprendente per una nazione di esportazione leader. Le aziende tedesche hanno un impatto significativo sugli standard di lavoro nelle catene di approvvigionamento globali. Tuttavia, una legge successiva ha il vantaggio che la Germania può imparare dall'esperienza di altri. In particolare, ciò significa che l'approccio più ampio con un'ampia copertura dei problemi della catena di approvvigionamento è quello giusto. È stato anche dimostrato che leggi più vincolanti con sanzioni più severe sembrano avere un impatto maggiore sulla governance della catena di approvvigionamento delle società transnazionali.

Tuttavia, ora sorge la domanda se, alla luce degli attuali sforzi per una regolamentazione europea, una legge tedesca sulla catena di approvvigionamento sia ancora necessaria? In un recente studio, la Commissione europea ha esaminato le opzioni normative per la dovuta diligenza nella catena di approvvigionamento. Il summenzionato "patchwork" di varie leggi nazionali in materia di responsabilità delle imprese nelle catene di approvvigionamento globali potrebbe giustificare una competenza del mercato interno dell'UE ai sensi dell'articolo 114 del TFUE.

Nonostante questi attuali sviluppi positivi a livello europeo, qui si sostiene che in Germania è ancora necessaria una legge nazionale. Questa vista si basa su diversi motivi. Innanzi tutto, si dovrà vedere se un simile regolamento può essere applicato a livello europeo. E se è così, è discutibile quanto sia severa una legge del genere e quali sanzioni contenga. Al contrario, una legge nazionale può arrivare più rapidamente, specialmente se nella discussione vengono utilizzate le dinamiche attuali. Una legge del genere può impedire di perdere ancora più tempo prezioso su questioni importanti come i diritti umani e la protezione dell'ambiente nelle catene di approvvigionamento. Con la propria legge, la Germania non solo mostrerebbe finalmente la responsabilità delle catene di approvvigionamento globali come nazione esportatrice, ma potrebbe anche svolgere un ruolo guida nella discussione europea.

Il fatto che sia necessario recuperare il ritardo per le società tedesche può essere visto non solo dagli scandali della catena di approvvigionamento, ma anche da un altro esempio: l'autore di questo articolo ha partecipato a una giuria nel 2017 per una valutazione della trasparenza di conformità per la rivista per investitori Fuchsbriefe ed era responsabile dell'analisi dei codici dei fornitori DAX30 – società responsabile. Non sorprende che molti dei codici esaminati fossero abbastanza concisi e vaghi. Fu molto più sorprendente, tuttavia, che sei delle trenta società DAX 30 non pubblicassero nemmeno un codice fornitore sulla loro homepage in quel momento. Questo da solo dimostra che, sfortunatamente, spesso accade poco senza regolamentazione legale.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/die-internationale-sicht-ein-deutsches-lieferkettengesetz-als-vorbild-fuer-europa/ in data Mon, 15 Jun 2020 07:00:00 +0000.