Chiunque desideri una legge dovrebbe redigerne una

Qualcuno ricorda il referendum di Berlino dell'iniziativa " Deutsche Wohnen & Co Entteignen! "? Riguarda l'esplosione degli affitti nella capitale tedesca, l'edilizia abitativa come oggetto di investimento e speculativo, la nazionalizzazione di enormi gruppi immobiliari e la prima applicazione pratica per la norma costituzionale presumibilmente morta dell'articolo 15 della Legge fondamentale dal 1949. Come tante altre cose prima della crisi della corona sembrava tutto molto tempo fa. Ma non lo è: il referendum è stato inviato al Senato con le firme necessarie solo un anno fa.

D'altro canto, un anno è un periodo piuttosto lungo per verificare l'ammissibilità di un referendum. Pertanto, i promotori hanno recentemente chiesto al tribunale amministrativo di dare una gamba al dipartimento responsabile del Senato per gli affari interni. È giuridicamente interessante se la causa sia giustificata e in che modo l'ambita socializzazione delle società private con la sua base costituzionale si adatta comunque all'articolo 15 nell'ordinamento giuridico e costituzionale tedesco. Inoltre, molto è stato scritto in una dozzina di rapporti e anche sul blog costituzionale . Ma sono interessato a un'altra domanda.

I referendum sono stati a lungo testati in molti stati federali tedeschi: la costituzione prevede una procedura per legiferare direttamente dal centro della società, anche e soprattutto contro la resistenza politica. Se, a causa delle sue dipendenze, non tocca o non può toccare nulla, allora i cittadini possono prenderlo in mano con questo strumento e, se mobilitano un sostegno sufficiente, se necessario lo portano anche a un fine collettivamente vincolante mediante referendum.

La costituzione dello stato di Berlino prevede referendum sull'emanazione, la modifica o l'abrogazione di leggi (art. 62 cpv. 1 frase 1), ma non necessariamente solo per questo. Può anche essere utilizzato per indirizzare "altre decisioni" che la Camera dei rappresentanti potrebbe prendere "nell'ambito delle sue responsabilità" per questioni di volontà politica "che interessano Berlino" (p. 2). Le cosiddette proposte di risoluzione corrisponderebbero a ciò negli affari parlamentari: la Camera potrebbe disapprovarlo, approvarlo, legalmente non vincolante, ma non inutile per inchiodare le posizioni politiche tra opposizione e governo.

Alla fine, l'iniziativa "Deutsche Wohnen-Entteignen" mira alla legislazione: alla fine, 250.000 appartamenti devono essere socializzati a Berlino per legge. Nello specifico, tuttavia, il referendum non mira a un disegno di legge concreto, ma a un testo decisionale . Ciò invita il Senato a presentare una proposta di legge, che gli fornisce una serie di requisiti. Quindi non è stato avviato alcun processo legislativo. Viene avviata una procedura legislativa.

Sembra uno sputo formale, ma fa una differenza enorme.

Conferenza online I 25 giugno 2020 I 10:00 – 13:15

Garantire lo stato di diritto in Europa – L'importanza di un sistema giudiziario indipendente

Le correnti autoritarie che vogliono minare le istituzioni e le procedure costituzionali stanno crescendo in Europa. Anche l'indipendenza della magistratura viene attaccata.

Come è possibile garantire e ampliare lo stato di diritto e il rispetto dei diritti fondamentali e dei diritti umani in Europa?

Tra l'altro con:

  • Didier Reynders , Commissario europeo per la giustizia
  • Małgorzata Gersdorf , ex presidente della Corte suprema polacca
  • Ulrich Maidowski , giudice della Corte costituzionale federale
  • Adam Bodnar , Mediatore della Repubblica di Polonia per i diritti civili e umani
  • Angelika Nußberger , ex vicepresidente della Corte europea dei diritti dell'uomo
  • Beate Rudolf , direttrice dell'Istituto tedesco per i diritti umani

Lingue della conferenza: tedesco, polacco e inglese (con traduzione simultanea)

Ulteriori informazioni: www.institut-fuer-menschenrechte.de/rechtsstaat

Il diritto di legiferare è una cosa potente. Chi formula la domanda determina in gran parte la risposta perché può ridurre la vasta gamma di opzioni a un numero limitato di alternative. Soprattutto, tuttavia, determina l'ordine del giorno: alla domanda deve essere data risposta in un modo o nell'altro. Politicamente, non c'è da meravigliarsi che il centro di gravità del potere sia sempre dove viene redatta la legge e non dove viene approvata. Ma come Spiderman già sapeva: da un grande potere derivano grandi responsabilità , in ogni caso in uno stato costituzionale ben ordinato, motivo per cui coloro che redigono le leggi e le mettono ai voti devono essere disposti ad assumersi la responsabilità del loro successo e della loro sconfitta, dei loro punti di forza e di debolezza.

Ciò che accade quando i due – potere e responsabilità – divergono, potrebbero essere visti nel referendum sulla Brexit: il campo di ferie aveva vinto e quindi il potere di insistere affinché il Regno Unito lasciasse l'UE. Tuttavia, la sfortunata Theresa May è stata responsabile per mettere in atto questa uscita, in modo che lei stessa potesse liberamente partecipare a una gara d'appalto per l'interpretazione più radicale del risultato del referendum e quindi guidare il governo. Questo potere disastroso continua a funzionare oggi. Tra pochi mesi rovescerà il Regno Unito e l'UE attraverso la scogliera senza affare. E nessuno lì per assumersene la responsabilità.

Torna al referendum di Berlino: se ciò è permesso ora, metterà in moto un processo complesso. Gli iniziatori possono iniziare a raccogliere ulteriori firme quattro mesi dopo. Se almeno il 7% degli aventi diritto al voto ha firmato entro altri quattro mesi, vi è un referendum dopo altri quattro mesi. La maggioranza del governo rosso-rosso-verde può interrompere questo processo se adotta l'ambita decisione "in termini di contenuto così com'è" (Art. 62 BerlV). Tuttavia, poiché la richiesta definisce solo i punti chiave, gli iniziatori rimangono in grado di rivendicare il ruolo di interprete autentico della loro richiesta. Qualsiasi legge elaborata dal Senato e approvata dalla Camera dei Rappresentanti può contenere compromessi che possono quindi essere scandalizzati come tradimento della volontà popolare.

Le cose sarebbero diverse se gli iniziatori avessero presentato una fattura. Sarebbe una cosa chiara: si potrebbe guardarlo, formarsi un'opinione su di esso e approvarlo o respingerlo o adottare un disegno di legge al posto di esso. Gli iniziatori non hanno osato farlo. Comprensibile. Ma forse la tua richiesta è semplicemente inammissibile?

La settimana sul blog costituzionale

… riassunto da LENNART KOKOTT:


La legge antidiscriminazione dello Stato di Berlino è stata approvata con alcuni rumori di fondo questa settimana. Nel Corona costituzionale n. 33, CHARLOTTE HEPPNER ha parlato ampiamente con DORIS LIEBSCHER, che è stato coinvolto nell'elaborazione della legge per diversi anni, sul perché è prezioso per le persone colpite dalla discriminazione e da dove la critica è venuta dagli ultimi metri . ALEXANDER TISCHBIREK e TIM WIHL affrontano uno dei principali punti critici e lo decostruiscono: gli agenti di polizia non devono assolutamente temere di essere resi personalmente più responsabili. La riduzione della legge antidiscriminazione, che è abbastanza comune, ma molto criticata, è piuttosto indicata anche sulla base della giurisprudenza della CEDU.

In un articolo separato, DORIS LIEBSCHER affronta il dibattito sull'opportunità di sostituire il concetto di razza come categoria di discriminazione nell'articolo 3, paragrafo 3, prima frase, e sostiene un approccio post-categorico che chiarisca che la discriminazione razziale è un problema è un fenomeno asimmetrico. AMADOU KORBINIAN SOW sostiene che, dato l'attuale discorso sul razzismo strutturale e quotidiano, l'opportunità di non lasciarsi sfuggire per far conoscere al pubblico la conoscenza delle persone di colore e mostrare come la legge "bianca" in Germania sia un progetto in ritardo che potrebbe affrontare l'autoeducazione e ampliare le prospettive.

Il caso presentato da VERA MAGALI KELLER, NASSIM MADJIDIAN e FLORIAN SCHÖLER potrebbe mostrare che i governi nel dibattito sulla lotta al razzismo e alla discriminazione non devono essere misurati solo con le parole ma anche con le azioni . Attirano l'attenzione sulle ultime modifiche all'ordinanza del Ministero dei trasporti federale, che hanno lo scopo di ostacolare permanentemente il salvataggio marittimo privato e avvertono di una nuova catastrofe umanitaria nel Mediterraneo in vista della tendenza europea in cui questa pratica può essere classificata.

DANIEL-ERASMUS KHAN diagnostica anche una certa testa di Janus per l' approvazione delle esportazioni di armi dalla Repubblica Federale. Queste esportazioni sono comunque discutibili riguardo al tono di base pacifista della Legge fondamentale, ma in ogni caso la pratica delle licenze nella sua forma precedente è palesemente incostituzionale perché è responsabilità dell'autorità sbagliata.

ANDREAS FISCHER-LESCANO e ANDREAS GUTMANN si occupano delle forze dell'ordine in caso di abbattimento , vale a dire la sostituzione di manifesti pubblicitari con messaggi politico-satirici. Ciò è relativamente intenso e sullo sfondo della libertà di espressione è ancora più problematico poiché, di conseguenza, equivale a procedere contro opinioni specifiche.

Con il pubblico parlamentare nella pandemia, JOHANNES KEMPER , che prende le argomentazioni sulle trasmissioni in diretta dalle riunioni del comitato nel parlamento dello stato del Nord Reno-Westfalia come un'opportunità per chiedere se tale trasmissione sia attualmente, ma anche in tempi post-pandemici, costituzionali e quali opportunità potrebbe offrire ai parlamenti.

Nel Corona costituzionale n. 34 , CHARLOTTE HEPPNER parla a SOPHIE SCHÖNBERGER E MEHRDAD PAYANDEH della decisione Seehofer della Corte costituzionale federale. Il contesto della legge straniera è illuminato, così come la comprensione politica del BVerfG e la pratica legale dell'AfD a Karlsruhe.

In considerazione del continuo attrito derivante dalla sentenza Karlsruhe Ultra-vires , DANIEL REICHERT-FACILIDES propone di domare l'aquilone Ultra- Vires attraverso misure procedurali e sta prendendo in considerazione un referendum sul ritiro della Repubblica federale ai sensi dell'articolo 50 del TUE, secondo cui il grande senato del BVerfG avrebbe dovuto fare uno sforzo, la corte voleva stabilire un atto ultra-vires. L'OLAF KOWALSKI si occupa del dialogo tra studiosi legali ed economisti e, non ultimo dal punto di vista della teoria dei sistemi, esplora quando ciò porta a un'irritazione produttiva e quando conduce a un rumore Luhmann tra le discipline. Come problema metodologico, FRANCISCO DE ABREU DUARTE e MIGUEL MOTA DELGADO ricostruiscono la controversia tra la CGUE e le corti costituzionali nazionali, che deve quindi essere portata anche a una soluzione istituzionale e procedurale innovativa, poiché il conflitto metodologico da solo non può essere risolto ricorrendo a uno dei due sistemi giuridici in conflitto .

Dal federalismo giudiziario europeo al federalismo amministrativo : PETER VAN ELSUWEGE si occupa della revoca delle restrizioni di viaggio nell'Unione europea, mostra quali disparità esistono nella prassi di attuazione degli Stati membri e sostiene una nuova versione della divisione europea dei poteri al fine di dare effettivamente una risposta europea nelle crisi future poter.

Infine, MARTIN HÖPNER affronta una questione di federalismo legislativo nell'Unione, esaminando sullo sfondo dei procedimenti in corso dinanzi alla CGUE se e in che misura il legislatore dell'Unione sia vincolato dalle libertà fondamentali e sottolinea le implicazioni politico-pratiche del risultato atteso .

EWA SIEDLECKA presenta il caso del giudice polacco Waldemar Żurek come una lezione che mostra come viene minato lo stato di diritto : attraverso le continue molestie e il perseguimento penale di giudici spiacevoli. URSUS EIJKELENBERG solleva la questione se Trump e Twitter debbano affrontare la questione se le democrazie liberali debbano diventare più consapevoli delle pratiche delle potenti società nel campo della comunicazione, traccia lo sviluppo del concetto di censura in questo contesto e sostiene una visione moralmente imparziale del problema. BHARATT GOEL presenta la giurisprudenza di vari paesi sull'identità sessuale e di genere, che porta alla liberalizzazione e alla depenalizzazione sotto il paradigma della libertà di espressione. KARTIKEYA JAISWAL e PRANAY MODI affrontano la situazione degradante dei lavoratori della rete fognaria in India sulla questione di come i tribunali possano applicare garanzie costituzionali della dignità umana in caso di fallimento dell'esecutivo e del legislatore.

DIMITRY KOCHENOV presenta un caso in cui la stesura di competenze legali ha causato controversie politiche sull'integrità e la natura scientifica dell'esperto, a seguito delle sue pubblicazioni sul diritto di cittadinanza europea, che è pubblicamente chiamato il nome poco lusinghiero come professore di passaporto e uno nella sua università Comitato investigativo visto esposto.

Nel Simposio sull'Atto sulla catena di approvvigionamento realizzato in Germania , MARKUS KRAJEWSKI esamina se la Repubblica federale è obbligata dal diritto internazionale a emanare un atto di catena di approvvigionamento, tenendo conto in particolare della dimensione extraterritoriale degli obblighi di protezione dei diritti fondamentali. ALEXANDER SCHALL indaga se le violazioni dei diritti umani da parte delle aziende scatenano una responsabilità civile per danni e afferma che spetta al legislatore emanare norme chiare. Una legge sulla catena di approvvigionamento dovrebbe anche esaminare più da vicino le società di certificazione, sostiene MATTHIEU BINDER . ANTON ZIMMERMANN si occupa anche di potenziali richieste di risarcimento del danno nei confronti di aziende e esamina gli ostacoli che la legge internazionale in materia di tortura e l'onere della prova per tali affermazioni rappresentano. MARKUS KALTENBORN mostra come potrebbe essere la dovuta diligenza in materia di diritti umani delle società ai sensi di una legge sulla catena di approvvigionamento. NICOLAS BUENO presenta la lunga strada verso una regolamentazione legalmente sicura della responsabilità e responsabilità del gruppo in Svizzera. PIERRE THIELBÖRGER e TIMEELA MANANDHAR mostrano quali misure sarebbero necessarie per enfatizzare chiaramente legalmente la speciale due diligence delle società in conflitto e in aree ad alto rischio. Infine, ISABELL HENSEL e JUDITH HOELLMANN discutono di come una legge sulla catena di approvvigionamento possa prendere precauzioni per affrontare e combattere le disparità di genere lungo la catena di approvvigionamento.


Questo per quanto riguarda questa settimana. Sai cosa c'è di bello? È bello che stiamo per varcare la soglia di 400 sostenitori su Steady . Altri sei. Possiamo farlo questa settimana?

In caso contrario, ovviamente sempre felice e con nostra grande gratitudine: [email protected] o IBAN DE41 1001 0010 0923 7441 03, BIC PBNKDEFF.

Ti auguro il meglio!

il tuo

Max Steinbeis


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/wer-ein-gesetz-begehrt-soll-eins-entwerfen/ in data Fri, 12 Jun 2020 17:36:11 +0000.