“Un vaccino per ricchi”: il Jab COVID-19 della Pfizer quasi impossibile da distribuire nei paesi più poveri

"A Vaccine For The Rich" – Il Jab COVID-19 di Pfizer quasi impossibile da distribuire nei paesi più poveri Tyler Durden Mercoledì, 11/11/2020 – 22:40

È stata pubblicata una "roadmap" logistica da Shanghai Fosun Pharmaceutical che mostra le sconcertanti imprese logistiche necessarie per trasportare e conservare il vaccino Pfizer-BioNTech, che è stato appena battezzato da Bloomberg come "il vaccino dei ricchi".

Offrendo ulteriori informazioni sui dettagli che sono stati oggetto di molte speculazioni a Wall Street, Bloomberg ha riferito di questa rete privata "complessa e costosa" che le aziende stanno costruendo per aiutare a distribuire vaccini come il vaccino mRNA di Pfizer (una tecnologia che viene utilizzata anche da un altro candidato principale, Moderna), cioè una volta che è stato finalmente approvato.

I paesi che non hanno già queste reti dovranno costruirle da zero se vogliono ridurre sostanzialmente il collo di bottiglia dell'offerta, il che sarebbe "un compito erculeo".

Ciò significa che i paesi dovranno costruire da zero le reti di produzione, stoccaggio e trasporto di surgelati necessarie affinché il vaccino sopravviva. Questo massiccio investimento e coordinamento ha richiesto quasi tutte le garanzie che solo le nazioni ricche riusciranno ad accedere tramite telefono, con i ricchi in prima fila per ricevere le loro dosi.

"La sua produzione è costosa, il suo componente è instabile, richiede anche il trasporto nella catena del freddo e ha una breve durata", ha affermato Ding Sheng, direttore del Global Health Drug Discovery Institute di Pechino, che ha ricevuto finanziamenti dal Bill & Fondazione Melinda Gates.

L'OMS e Bill Gates hanno investito molto tempo in una campagna di pubbliche relazioni che avverte che l'accesso al vaccino deve essere reso “ universale '', ovvero esteso a tutti i 7,7 miliardi di persone della terra, altrimenti l'umanità non riuscirà a sradicare COVID-19 . Insieme, hanno sostenuto un progetto chiamato "Covax" che mira a raccogliere 18 miliardi di dollari per pagare i vaccini per i paesi più poveri.

Ma anche una volta pagati, il compito rimane: come possiamo spedirli e immagazzinarli fisicamente in quantità così grandi?

L'enorme spesa dell'investimento infrastrutturale significa che molti di questi paesi più poveri si trovano ora di fronte a una scelta difficile: investire nella rete di fornitura, anche prima che i vaccini siano stati approvati, e correre il rischio in caso di complicazioni impreviste, o aspettare di vedere come tutto pianifica per il mondo sviluppato, sacrificando tempo prezioso. Molte di queste economie potrebbero semplicemente aspettare più a lungo fino a quando non saranno disponibili vaccini più convenzionali, utilizzando altre tecnologie, come il vaccino vettore adenovirus russo. In generale, i vaccini a mRNA sono una nuova classe di vaccini, motivo per cui alcuni sono preoccupati per gli effetti collaterali a lungo termine, che non possono essere studiati in modo affidabile.

"Se esiste un vaccino a base di proteine ​​che potrebbe ottenere lo stesso effetto di un vaccino a mRNA e c'è la necessità di vaccinare miliardi di persone ogni anno, a lungo andare sceglierei i colpi a base di proteine", ha detto Ding .

Paesi come l'India stanno affrontando particolari difficoltà dato che la spedizione di beni di consumo regolari rimane un processo difficile, persino insidioso, in gran parte dell'entroterra del paese. Gli esperti di assistenza sanitaria nel paese hanno già liquidato lo stoccaggio sotto zero come completamente impraticabile – "dimenticalo e basta, uno ha detto".

Molti che lavorano nella sanità pubblica del paese e nell'industria farmaceutica hanno già espresso la preoccupazione che l'India non abbia la capacità e la capacità necessarie per fornire un vaccino nel suo vasto entroterra rurale e una popolazione di oltre 1,3 miliardi di persone alla velocità vertiginosa ora prevista.

"La maggior parte di questi vaccini ha bisogno di meno 70 gradi, cosa che non possiamo fare in India, dimenticatela", ha detto T. Sundararaman, un coordinatore globale del People's Health Movement, un'organizzazione che riunisce attivisti locali con sede a Nuova Delhi. , accademici e gruppi della società civile che lavorano sulla salute pubblica.

"Le nostre attuali catene del freddo non sono in grado di far fronte al bisogno di vaccini contro il morbillo di alcuni distretti, e questo è solo per i bambini di età inferiore ai 3 anni", ha detto. "Questo è un numero davvero insignificante di persone rispetto ai numeri che avranno bisogno di un vaccino Covid-19".

Quando è stato chiesto in un briefing di martedì se il governo indiano avrebbe cercato di acquistare uno qualsiasi dei vaccini Pfizer, Rajesh Bhushan, il segretario del ministero della salute, ha detto che Nuova Delhi è in trattative con tutti i produttori di vaccini. Ha aggiunto che l'India era in grado di "aumentare e rafforzare" la sua attuale capacità di catena del freddo, ma ha rifiutato di rilasciare immediatamente qualsiasi dettaglio di acquisto.

Quindi, a giudicare da come stanno andando le cose …

… sembra che il mondo sia diretto verso un sistema a più livelli: un vaccino per i ricchi e uno per i poveri.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/6pmkOBJXvOY/vaccine-rich-pfizers-covid-19-jab-almost-impossible-distribute-poorer-countries in data Wed, 11 Nov 2020 19:40:00 PST.