Un senatore democratico unico ostacola un’agenda molto progressista

Un senatore democratico unico ostacola un'agenda molto progressista

Scritto da Mike Shedlock tramite MishTalk,

Il senatore Krysten Sinema (D, AZ), è l'ultimo grande ostacolo all'uccisione dell'ostruzionismo, aumenti delle tasse, spinta per $ 15 e altri programmi progressisti.

Ultimo ostacolo in piedi

Il senatore Joe Manchin (D, WV), presumibilmente conservatore, ha per lo più ceduto all'agenda di Biden.

I progressisti ora chiedono di uccidere o sventrare le regole dell'ostruzionismo del Senato. E se l'ostruzionismo cade, una minoranza progressista governerà il posatoio.

Supporti a pressione

Si prega di notare Kyrsten Sinema difende Filibuster come supporti di pressione dai progressisti .

La senatrice Kyrsten Sinema è emersa come la più fedele difensore democratico dell'ostruzionismo, spazzando via il fuoco dall'ala schietta e progressista del suo partito mentre cerca di difendere una reputazione bipartisan in uno stato campo di battaglia.

Il legislatore dell'Arizona è uno dei soli due senatori democratici che hanno dichiarato pubblicamente che avrebbero impedito al partito di eliminare il requisito dei 60 voti per far avanzare la maggior parte della legislazione, anche se cresce la pressione degli attivisti del partito desiderosi di portare avanti la loro agenda.

I Democratici alla Camera hanno approvato progetti di legge sul diritto di voto, sull'immigrazione e sul controllo delle armi, ma tutti dovrebbero essere bloccati al Senato 50-50 a meno che le regole non vengano cambiate. La signora Sinema ha detto che è un problema con i senatori, non con le regole.

"Il Senato è stato a lungo un cimitero per le priorità della Camera", ha detto Rep. Ritchie Torres (D., NY).

Regole attuali

Secondo le regole attuali, occorrono 60 senatori per approvare un disegno di legge. Ci sono eccezioni ai progetti di riconciliazione del bilancio ma non per salari minimi, controllo delle armi, diritto di voto, azione affermativa, ecc.

Retribuzioni minime

Anche Sinema non è d'accordo con un salario minimo di $ 15.

I progressisti sono anche sconvolti dal suo enfatico pollice verso il tentativo della Camera di allegare una disposizione sul salario minimo alla legislazione Covid che è stata recentemente approvata.

Supporta l'escursione del salario minimo a $ 12,15 l'ora, che è il minimo dell'Arizona.

I lettori potrebbero ricordare che era il mio probabile obiettivo di compromesso ed è probabile che sia ancora in gioco. Il salario minimo federale è di $ 7,25.

Protesta degli attivisti

"Quando hai un posto che è rotto e non funziona, e molti direbbero che oggi è il Senato, non penso che la soluzione sia erodere le regole", ha detto in un'intervista dopo due eventi costitutivi a Phoenix.

"Penso che la soluzione sia che i senatori cambino il loro comportamento e inizino a lavorare insieme, che è ciò che il Paese vuole che facciamo".

A "Talking Filibuster"

Il senatore Joe Manchin si piega alle regole dell'ostruzionismo?

I commenti di Politico in Anti-Filibuster I liberali affrontano un problema di matematica al Senato .

Raggiungere l'unione a passo stretto tra un caucus diversificato di 50 membri per cambiare le regole per un'istituzione legata alla tradizione sarà una sfida, per non dire altro. Basta guardare il senatore Joe Manchin (DW.Va.), che domenica ha fatto scalpore esprimendo la propria disponibilità a imporre un " ostruzionismo parlante " che impone ai senatori di rimanere sul pavimento a obiettare a un disegno di legge, rendendo più doloroso per la minoranza esigere una soglia di 60 voti per far passare la maggior parte della legislazione.

I commenti di Manchin esaltarono i progressisti e costrinsero la Casa Bianca a ribadire la sua "preferenza" a preservare l'ostruzionismo nonostante un numero crescente di leggi democratiche in stallo nella camera alta. Ma il gregario centrista ha chiarito martedì che continua a sostenere un effettivo requisito di 60 voti per la maggior parte della legislazione.

L'ostruzionismo parlante essenzialmente richiederebbe al partito di minoranza di tenere la parola mentre si oppone a un disegno di legge, con una maggioranza di 60 voti necessaria affinché il partito di maggioranza lo annulli. Il partito di maggioranza potrebbe anche aspettare l'esaurimento per entrare in gioco e, ogni volta che i senatori delle minoranze non potrebbero più tenere la parola, sopraffare l'ostruzionismo con una semplice maggioranza di 51 voti. 46 Senato Democratici lo hanno sostenuto nel 2011, incluso Manchin, anche se da allora le opinioni di molti senatori sono cambiate.

Il sostegno di Manchin per una soglia dei 60 voti per continuare, quindi, eliminerebbe la riforma centrale immaginata da un classico ostruzionismo parlante.

Se comprendi completamente la posizione di Manchin, per favore dimmelo perché sicuramente non so cosa sia.

Le notizie degli Stati Uniti riportano la riforma dell'ostruzionismo dei democratici come sostegno ai ritardi nell'eliminazione

I progressisti e un certo numero di senatori democratici vogliono sventrare completamente l'ostruzionismo, una tattica di stallo impiegata dal partito di minoranza che vedono come il più grande ostacolo all'attuazione dell'agenda di Biden.

Anche se aumentano le pressioni per abolirlo, attualmente non c'è abbastanza sostegno all'interno del Partito Democratico per passare al "nucleare". Anche se molti non hanno abbandonato quei piani, i Democratici stanno anche osservando varie riforme, incluso un ritorno all '"ostruzionismo parlante", che richiede al senatore che tiene un disegno di legge per rimanere fisicamente presente e parlare all'aula del Senato.

Tuttavia, l'ostruzionismo parlante – a seconda di come sarebbe strutturato – alla fine non farebbe molto per la maggioranza poiché la soglia dei 60 voti esisterà ancora e bloccherà la loro agenda. Ma i democratici lo vedono come un modo per costringere almeno i senatori a mettere in mostra la loro opposizione, mentre altri credono che potrebbe limitare il numero di filibustieri a causa di una regola che richiede tempo.

Il fumetto politico principale è tratto dall'articolo precedente.

Innalzamenti fiscali

Axios segnala gli aumenti fiscali di Buck Biden dei democratici moderati .

La strada di Biden verso gli aumenti delle tasse potrebbe essere più ripida poiché il senatore Joe Manchin è in gioco e lo è anche la Camera.

Due senatori democratici moderati – Joe Manchin del West Virginia e Kyrsten Sinema dell'Arizona – hanno attirato la massima attenzione come potenziali ostacoli all'agenda di Biden. Ma il presidente deve affrontare anche venti contrari alla Camera dei Rappresentanti, dove il presidente Pelosi può perdere solo tre voti democratici se i repubblicani si uniscono all'opposizione.

Nell'ultima settimana, Axios ha intervistato membri moderati della Casa Democratica. Molti sono scettici riguardo ai piani fiscali e di spesa di Biden, e alcuni erano disposti a dirlo per iscritto.

Opposizione alla Camera

  • Gottheimer, che co-presiede il bipartisan Problem Solvers Caucus, ha detto che non prenderà nemmeno in considerazione le proposte fiscali di Biden a meno che il presidente non accetti di ripristinare la detrazione dell'imposta statale e locale (SALT) limitata dall'ex presidente Trump del valore di decine di miliardi ogni anno. "In poche parole," disse Gottheimer, "niente SALE, niente dadi".

  • Il rappresentante Tom Suozzi (DN.Y.) ha anche detto ad Axios: "Non voterò per alcun cambiamento nel codice fiscale a meno che non ripristiniamo SALT come parte dell'accordo".

Curiosamente, quei due democratici alla Camera insistono sul taglio delle tasse per i loro stati prima di votare per aumenti delle tasse su tutti.

Ciò sottolinea la natura fragile del tentativo di Biden di far passare la legislazione.

Senza una modifica alle regole di Filibuster, potrebbe essere difficile per Biden. Diamine, anche una modifica alle regole dell'ostruzionismo potrebbe non rendere la navigazione tranquilla su tutto.

In questo momento, Sinema è un enorme ostacolo al salario minimo, agli aumenti delle tasse, al Filibuster, al cambiamento climatico e ad altre priorità progressiste.

Può durare?

Tyler Durden Mercoledì, 04/07/2021 – 10:45


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/nx-qR9i4gyg/single-democrat-senator-stands-way-very-progressive-agenda in data Wed, 07 Apr 2021 07:45:00 PDT.