SVB ravviva la vacuità del “fallimento normativo” e del “rischio morale”

SVB ravviva la vacuità del "fallimento normativo" e del "rischio morale"

Scritto da John Tammy tramite RealClear Wire ,

John Paulsen si è fatto un nome e un'immensa fortuna con un acquisto tempestivo di titoli che sarebbero saliti alle stelle se i mutui fossero diminuiti. Si spera che i suoi miliardi ricordino ai lettori che enormi fortune non si fanno facendo come fanno gli altri investitori, ma facendo quello che non fanno.

È qualcosa a cui pensare tenendo ben presente il declino della Silicon Valley Bank (SVB). Sinistra e destra rivendicano il "fallimento normativo" come una delle cause. Lo abbiamo visto nell'analisi di Sebastian Mallaby al Washington Post di sinistra, ma anche da pensatori di centro-destra come Paul Kupiec di AEI e John Cochrane di Hoover. I miliardi di Paulsen rifiutano questa analisi.

Figura che coloro che sono in grado di vedere dietro l'angolo proverbiale possono guadagnare miliardi per possedere tale visione. La verità precedente solleva ovvie domande sul "fallimento normativo". Davvero, perché le autorità di regolamentazione dovrebbero rilevare problemi che la maggior parte degli investitori non può, incluso John Paulsen?

Sì, i tassi di Paulsen menzionano ancora una volta in considerazione dei suoi ritorni post-2008. I lettori non hanno sentito parlare di lui così tanto, e non l'hanno fatto perché da allora non ha visto il futuro così chiaramente. Questo non lo insulta tanto quanto è un'affermazione dell'ovvio.

È un modo lungo o breve per dire che pronunciare "fallimento normativo" significa probabilmente perdere il punto. Puntare su quest'ultimo significa presumere un “regolatore” capace di vedere avanti come i più grandi investitori mondiali non fanno quasi mai.

Tutto ciò ci porta all'"azzardo morale", un'altra narrativa popolare degli ultimi tempi. Presumibilmente l'assicurazione da parte della FDIC di depositi sempre più consistenti ha reso le banche incuranti dei fondi dei clienti e, peggio ancora, ha reso i depositanti incuranti della qualità del prestito delle banche che affidare il proprio denaro a. Se il denaro è assicurato dai contribuenti, perché preoccuparsi? In anticipo, la FDIC non è necessaria. Pensateci. Dal momento che i risparmiatori preferirebbero non perdere i propri risparmi, è inutile suggerire che senza la FDIC ci sarebbero tutti tipo di assicuratori privati ​​disposti ad assicurare i depositi per un piccolo canone mensile.E poiché i soldi dell'assicuratore sarebbero in gioco, avrebbero aggressivamente sorvegliato le banche per assicurarsi che non stessero facendo nulla di sciocco.Tutto ha senso.

Tuttavia, ciò che resta fuori dalla narrativa della FDIC, "azzardo morale", è che le banche già non corrono grossi rischi. Non è il loro modello di business. Poiché le banche prestano denaro in cambio di interessi invece che di azioni, i loro prestiti devono essere performanti. Come l'esperto bancario Hall McAdams ha da tempo sottolineato, un cattivo prestito su cento buoni prestiti può distorcere i rendimenti degli altri 99. Il che spiega la massima secondo cui le banche prestano diligentemente denaro a coloro che non ne hanno bisogno .

Vale la pena pensare alla FDIC e al “moral hazard” in considerazione di quanto sopra. Come ha sottolineato McAdams, la stragrande maggioranza delle partecipazioni di SVB erano titoli del Tesoro. Questo e altri prestiti e acquisti di beni buoni come l'oro sono la norma. In effetti, mentre è il modello di business dei VC perdere molti soldi nella speranza che uno o due investimenti possano più che compensare tutte le perdite, con le banche è l'opposto. Il che è un modo per dire che con o senza la FDIC, i cali delle banche sarebbero rari dato il tipo di prestito che si impegnano. In altre parole, SVB è stata una sorpresa. Sarebbe difficile sostenere seriamente che il suo destino sarebbe stato diverso supponendo che la FDIC non esistesse.

Infine, c'è il popolare corollario del “moral hazard” radicato nello sfortunato salvataggio di SVB. Per essere chiari, lo scenario ideale sarebbe stato che la FDIC non avesse fatto nulla. Se non altro, non è possibile affermare che un acquirente alla fine sarebbe entrato per acquistare quello che fino a poco tempo fa era un buon franchising. Peccato che la FDIC si sia messa in mezzo a tutto questo. Naturalmente, ciò che ha fatto ha portato alla luce la parte della folla di "azzardo morale" che dirà ad alta voce a tutti coloro che ascoltano che il salvataggio incoraggerà altre istituzioni finanziarie a "oscillare per le recinzioni" poiché i profitti sono privati, ma le perdite nascono dal pubblico. No, neanche questa è una visione seria. Pensaci.

E a pensarci bene, fermati a contemplare gli amministratori delegati di Bear Stearns, Lehman e Citibank (tra gli altri) nel 2008. La loro reputazione si è ripresa? E il CEO di SVB Gregory Becker? Qualcuno pensa che la sua reputazione tornerà a quella che era nel febbraio del 2023? Speriamo che queste domande rispondano da sole. Fingere, come fanno i teorici, che i salvataggi incoraggino più fallimenti è troppo sciocco per le parole.

Che richiede ragione. In un'economia dinamica, il fallimento è la norma. È roba da progresso. L'esperto potrebbe riconoscere questa verità e andare avanti, piuttosto che fornire infinite spiegazioni onniscienti che spiegano molto poco. E per essere chiari, "fallimento normativo" e "azzardo morale" spiegano ben poco di SVB.

* * *

John Tamny è direttore di RealClearMarkets, vicepresidente di FreedomWorks, membro anziano del Market Institute e consulente economico senior di Applied Finance Advisors ( www.appliedfinance.com) . Il suo ultimo libro è The Money Confusion: How Anliteracy About Currencies and Inflation Sets the Stage For the Crypto Revolution.

Tyler Durden Sab, 18/03/2023 – 09:20


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL https://www.zerohedge.com/political/svb-vivifies-vapidity-regulatory-failure-and-moral-hazard in data Sat, 18 Mar 2023 13:20:00 +0000.