Stanno facendo tutto il possibile per impedire a Trump di dichiarare la vittoria

Stanno facendo tutto il possibile per impedire a Trump di dichiarare la vittoria Tyler Durden Mar, 27/10/2020 – 18:05

Scritto da Michael Snyder tramite TheMostImportantNews.com,

Riuscite a pensare a un altro momento nella storia degli Stati Uniti in cui sono state prese misure in anticipo per cercare di impedire a un candidato alla presidenza di dichiarare la vittoria la notte delle elezioni? È difficile credere che ciò stia realmente accadendo, ed è un'ulteriore prova di quanto gravemente il nostro sistema si sia deteriorato. Ovviamente il presidente Trump può decidere di dichiarare la vittoria comunque se ha un vantaggio significativo la notte delle elezioni, ma qualsiasi dichiarazione del genere verrà immediatamente etichettata come "illegittima" dai media mainstream , dalle grandi aziende tecnologiche e da tutti gli altri a sinistra.

Per mesi, gli esperti di sinistra hanno cercato di convincerci che il presidente Trump potrebbe avere un vantaggio inizialmente, ma che Joe Biden sarà sicuramente vittorioso una volta che tutte le schede per posta saranno state finalmente contate. Spingeranno quella narrativa, non importa quanto sia grande il vantaggio di Trump, e sono assolutamente determinati a reprimere qualsiasi discorso che Trump abbia ufficialmente vinto.

Ad esempio, lunedì Twitter ha annunciato che si tratterà di disinformazione elettorale "pre-bunking". In particolare, Twitter "avvertirà che potrebbero esserci ritardi nei risultati elettorali completi" e che potrebbero esserci "informazioni fuorvianti" sui voti per posta …

Twitter ha detto lunedì che avrebbe intrapreso il passo proattivo per avvisare i suoi utenti di potenziali disinformazioni in preparazione di affermazioni non verificate sulle elezioni statunitensi del 3 novembre.

Il breve servizio di messaggistica ha affermato che inserirà avvisi nella parte superiore dei feed degli utenti avvertendo che potrebbero esserci ritardi nei risultati elettorali completi e che le persone potrebbero vedere "informazioni fuorvianti" sul voto per posta.

Pensi che quegli avvisi siano diretti ai Democratici?

Ovviamente no.

Il loro obiettivo è impedire al presidente Trump e ad altri repubblicani di dichiarare vittorie "premature", e Twitter ha affermato che non saranno consentite affermazioni di questo tipo fino a quando le gare non saranno "autorizzate"

Ha anche detto che i candidati alla carica non possono rivendicare una vittoria elettorale prima che sia "chiamata autorevolmente" e che le affermazioni premature sarebbero etichettate con un collegamento alla pagina delle elezioni della piattaforma.

Quindi esattamente su chi si affideranno per dichiarare "autorevolmente" che le gare sono state vinte o perse?

L'ultra-liberale Associated Press?

Nel 2000, l'Associated Press chiamò la Florida per Al Gore molto presto, e se George W. Bush non avesse contestato quel risultato non sarebbe mai stato il presidente degli Stati Uniti.

Conoscendo l'AP, potrebbero provare a chiamare alcuni stati per Biden sulla base di ipotesi su "innumerevoli schede per corrispondenza" anche se Trump è in testa nel conteggio dei voti.

Personalmente, sono favorevole a non dichiarare un vincitore in ogni stato fino a quando non sarà matematicamente impossibile per l'altro candidato raggiungerlo, ma sono solo io.

Anche altre società di social media si stanno preparando per risultati elettorali contestati. Come ho discusso ieri , Facebook ha annunciato di essere pronto ad attuare "misure di emergenza" che di solito sono riservate ai paesi più "a rischio". Non permetteranno nemmeno dichiarazioni di vittoria “premature”, anche se ho la sensazione che i loro standard non saranno applicati allo stesso modo a entrambe le parti.

Mentre le grandi società di social media lavorano duramente per cercare di controllare la narrativa, gli attivisti di sinistra prenderanno d'assalto la DC per "assicurarsi che Trump lasci la Casa Bianca"

I leader dei manifestanti stanno organizzando uno sforzo per "assicurarsi che Trump lasci la Casa Bianca" con ogni mezzo necessario dopo le elezioni del 3 novembre, secondo i post sul sito web del gruppo Shut Down DC e dei loro alleati.

Anche se Trump ottiene i voti di cui ha bisogno per vincere, questi manifestanti non hanno assolutamente alcuna intenzione di riconoscere il risultato come legittimo.

Invece, stanno pianificando una "rivolta" che andrà "dalla notte delle elezioni in poi"

“Il giorno delle elezioni, quando hai finito di votare, proteggere le elezioni o rinunciare al voto, vieni con noi al Black Lives Matter Plaza. Invitiamo tutti coloro che sono d'accordo con questi principi organizzativi a collaborare per realizzare questa rivolta. Ci assicureremo che Trump se ne vada. Dalla notte delle elezioni in poi, mentre la situazione cambia ed evolve, lavoriamo tutti insieme per far sì che ciò accada ", dicono ai loro sostenitori sulla pagina web.

Il gruppo dice anche ai suoi follower che se non sono a Washington, "Organizzati nella tua comunità! Scopri dove verranno conteggiati i voti dove vivi. Fai un piano con gli altri per arrivarci e rimani finché tutti i voti non saranno contati. E escogita un piano per creare seri problemi se Trump cerca davvero di rubare le elezioni! "

Ricordi tutte le persone che hanno marciato e hanno tenuto cartelli che dicevano "non è il mio presidente" dopo le elezioni del 2016?

Bene, non era niente in confronto a ciò a cui assisteremo se Trump vincesse di nuovo. Come ho avvertito ieri , potremmo essere sull'orlo del più grande crollo emotivo nella storia degli Stati Uniti.

A questo punto, così tanti americani sono preoccupati per i disordini e la violenza dopo le elezioni che hanno costretto i media mainstream a fare storie al riguardo. Ad esempio, quanto segue proviene da un articolo di USA Today intitolato "Gli americani preoccupati per la violenza e il caos del giorno delle elezioni stanno comprando pistole e carta igienica"

Tabitha Converse si sta preparando tranquillamente per il giorno delle elezioni e per le settimane successive rifornendo la sua dispensa nel seminterrato di prodotti in scatola, carta igienica e altri generi di prima necessità. Ha persino convinto suo marito a comprare un fucile da caccia, per ogni evenienza.

Come milioni di americani, Converse, 43 anni, teme il potenziale di violenza che secondo gli esperti potrebbe accompagnare le elezioni presidenziali di quest'anno. Una madre di due figli che lavora come igienista dentale, Converse sta cercando di non preoccuparsi troppo, ma con una pandemia, proteste per i diritti civili e incendi violenti accumulati in cima alla retorica bollente delle elezioni, beh, chissà cosa potrebbe accadere?

Sembra che potrebbe essere uscito da uno dei miei articoli.

Ecco come sono andate le cose brutte. Siamo sull'orlo di una diffusa agitazione civile in seguito a un'elezione presidenziale e nessuno ha idea di come impedire che accada.

Se il caos dovesse scoppiare nelle nostre strade a novembre, consiglio vivamente di evitarlo, perché è probabile che diventi davvero, davvero brutto.

* * *

Il nuovo libro di Michael intitolato "Lost Prophecies Of The Future Of America" ​​è ora disponibile in edizione tascabile e per il Kindle su Amazon.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/n7TB4ORNtG0/theyre-going-all-out-stop-trump-declaring-victory in data Tue, 27 Oct 2020 15:05:00 PDT.