Se “Facebook è privato”, perché trasmettono i messaggi privati ​​degli utenti direttamente all’FBI?

Se "Facebook è privato", perché trasmettono i messaggi privati ​​degli utenti direttamente all'FBI?

Scritto da Matt Agorist tramite TheFreeThoughtProject.com,

Nonostante abbia denunciato la censura quando stava accadendo loro l'anno scorso, quando Donald Trump è stato bandito da Twitter e Facebook all'inizio di questo mese, la sinistra ha elogiato la mossa dai grandi tecnologici. "Facebook è un'azienda privata e può fare quello che vuole", la folla ipocrita pro-censura ha cantato fino alla nausea attraverso l'etere digitale dopo che l'uomo arancione cattivo è stato messo a tacere. Ma come abbiamo detto più volte, il fatto che Facebook sia privato non è semplicemente vero.

Ora, però, Facebook ha fatto un patto faustiano senza scrupoli con il governo federale che dovrebbe eliminare ogni dubbio una volta per tutte. Ora stanno intenzionalmente consegnando messaggi privati ​​dei sostenitori di Trump che hanno parlato degli eventi in Campidoglio il 6 gennaio.

Google, Apple e Amazon si sono mossi tutti per cancellare il social network pro-Trump Parler da Internet all'inizio di questo mese a causa di ciò che gli utenti sulla piattaforma hanno discusso. È stato affermato che la manciata di idioti che hanno preso d'assalto la capitale il 6 gennaio avevano utilizzato Parler esclusivamente per pianificare il loro tentativo ridicolo, disarmato, sciocco, infruttuoso e pietoso di mantenere Trump alla Casa Bianca.

Nonostante il gruppo disordinato di Trumpiani in posa per selfie, servizi fotografici e appesi alle ringhiere, l'unica cosa che hanno ottenuto è stato trasformare la DC in una scena simile alla Corea del Nord per l'inaugurazione di Biden. Gli esperti più onesti dei media hanno riconosciuto che sebbene alcuni membri della folla pensassero di far parte di qualche colpo di stato storico per mantenere il loro leader al potere, l'idea che avessero una reale possibilità di un'insurrezione era fuorviante nella migliore delle ipotesi e la pura propaganda usata per favorire la polizia domestica e lo stato di sorveglianza nel peggiore dei casi.

Rinviando ogni responsabilità per la pianificazione del raid nella capitale, il direttore operativo di Facebook Sheryl Sandberg aveva dichiarato poco dopo l'incidente che le proteste erano in gran parte organizzate al di fuori di Facebook. Tuttavia, non stava dicendo la verità e probabilmente sapeva che gran parte delle proteste pro-Trump erano state discusse e organizzate su Facebook. Ma Facebook è stato cancellato da Internet come Parler? No, no non lo era. Ecco perché.

Questa settimana, Facebook ha iniziato a fornire al Federal Bureau of Investigation i dati sui sostenitori di Trump che hanno discusso degli eventi in Campidoglio sulla loro piattaforma, inclusi i loro messaggi privati. Attraverso questa azione il gigante dei social media agisce come un braccio di raccolta di informazioni di fatto del governo degli Stati Uniti.

Al contrario, quando Syed Farook, altrimenti noto come il tiratore di massa di San Bernardino, non avrebbe sbloccato il suo iPhone per i federali, Apple si è rifiutata di creare una backdoor per accedervi agendo come una vera società privata che supporta i diritti alla privacy dei suoi clienti . Ma Facebook è più che disposto ad aprire i suoi servizi di data mining per i suoi amici nel governo federale, perché, come abbiamo affermato numerose volte, Facebook non è privato.

Come riportato da TFTP nel 2018, Facebook ha annunciato di aver collaborato con il braccio dell'Atlantic Council finanziato dal governo, noto come Digital Forensic Research Lab, creato per aiutare il colosso dei social media con "approfondimenti e aggiornamenti in tempo reale sulle minacce emergenti e campagne di disinformazione da tutto il mondo ".

Il Consiglio Atlantico è il gruppo che la NATO usa per mascherare le guerre e promuovere l'odio verso la Russia, che a sua volta consente loro di continuare a giustificarsi. È finanziato da produttori di armi come Raytheon, Lockheed Martin e Boeing. È anche finanziato da oligarchi miliardari come l'ucraino Victor Pinchuk e il miliardario saudita Bahaa Hariri.

L' elenco potrebbe continuare . Il gruppo altamente immorale HSBC – che è stato sorpreso più volte a riciclare denaro per cartelli e terroristi – è elencato come uno dei loro principali donatori. Sono inoltre finanziati dall'industria farmaceutica, Google, Goldman Sachs e altri. Tuttavia, i finanziamenti che provengono dagli Stati Uniti, dall'esercito degli Stati Uniti e dall'aeronautica negano direttamente l'aspetto "privato" della partnership.

Il "think tank" con cui Facebook ha collaborato per prendere decisioni su chi censurare è finanziato direttamente da più attori statali, inclusi gli Stati Uniti, il che annulla ogni affermazione che Facebook sia un "attore completamente privato".

Il Consiglio Atlantico esercita un'influenza enorme anche sui media mainstream, motivo per cui quando è stata annunciata questa partnership, nessuno sulla stampa mainstream l'ha indicata come l'idea orwelliana che sia. Invece, titoli come "Il minuscolo laboratorio del think tank statunitense aiuta Facebook a combattere i falsi social media ( Reuters )" e "Facebook collabora con il Consiglio Atlantico per migliorare la sicurezza elettorale ( The Hill ) " sono stati pubblicati per sostenere il fatto che un braccio di propaganda della NATO è ora censura le informazioni che gli americani vedono su Facebook.

Ma questa partnership con il "think tank" finanziato dallo stato non è l'unica ragione per cui Facebook non è privato.

Dalle armi di censura finanziate dal governo alla porta girevole di burocrati di alto livello che riempiono i ranghi degli oligopoli, il concetto di Facebook della "società privata" crolla quando si guarda più da vicino. Le imprese del settore privato non hanno bisogno di essere nazionalizzate esplicitamente per promuovere gli interessi dell'establishment; è sufficiente installare i loro alunni nelle prime posizioni normative. Attraverso questi metodi, Facebook può mascherare la privatizzazione mentre agisce effettivamente come deputato dello stato, ma alleviando eventuali controlli costituzionali nel processo.

Per tutto il tempo, ogni volta che la censura agisce a loro vantaggio, metà delle masse la incoraggiano e la difendono, mantenendo la resistenza al minimo.

Inoltre, poiché il governo sospende la minaccia di un contenzioso antitrust sulle loro teste, può costringere queste società ad agire a loro vantaggio anche senza partnership esplicite come quella del Consiglio Atlantico. In effetti, prima che lo stato venisse coinvolto nei colloqui di regolamentazione nella grande tecnologia, le informazioni fluivano relativamente liberamente con Facebook che rimuoveva solo contenuti razzisti e violenti. Ora, tuttavia, mentre si piegano alla volontà dei loro partner nel governo federale, le persone come me si ritrovano a subire divieti di 30 giorni per aver affermato che "la censura porta alla tirannia".

Questo è il motivo per cui la risposta al leviatano della censura tecnologica del governo non sta nella regolamentazione ma nel boicottaggio. È giunto il momento di scendere da queste piattaforme che ti spiano, ti bandiscono, ti vendono al miglior offerente e che stanno lacerando la società. Esistono piattaforme senza censura e sono molto più facili da usare e ti trattano come il cliente reale invece che come le pecore che stanno portando al macello. Puoi controllarli qui.

Tyler Durden Dom, 24/01/2021 – 22:30


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/WGkikqy_8wA/if-facebook-private-why-are-they-feeding-users-private-messages-directly-fbi in data Sun, 24 Jan 2021 19:30:00 PST.