Scegliere il successore di RBG: The Who, The When e The Hypocrisy

Scegliere il successore di RBG: The Who, The When e The Hypocrisy Tyler Durden Sun, 20/09/2020 – 08:22

Le battaglie politiche su chi succederà a Ruth Bader Ginsburg come giudice della Corte suprema sono già iniziate con alcuni ritardi impegnativi, alcuni che spingono all'urgenza, altri che sollecitano più radicalismo, e tutto questo è super amplificato da ogni feed mainstream e social media, felice di usare qualsiasi vecchia notizia falsa per rendere il loro punto sempre più forte e temere le conseguenze del fatto che "l'altra parte" possa fare la loro scelta.

La prima cosa da fare è l'ipocrisia: Obama / Biden / Hillary non riescono a prendere una decisione

L'ex presidente Obama ha chiesto un rinvio della decisione fino a dopo le elezioni (che presumibilmente crede che Harris – e Biden – vinceranno).

Tutto ciò è molto imbarazzante poiché è al 100% l'opposto di quello che ha detto lui stesso nel 2016 …

Che è anche ciò che l'ex vicepresidente Joe Biden ha chiesto in un editoriale del NYTimes nel 2016 :

Durante i miei 36 anni di permanenza al Senato degli Stati Uniti – quasi la metà dei quali come presidente o come democratico nella commissione giudiziaria – ho presieduto o aiutato a presiedere nove candidati alla Corte Suprema, sia dal presidente repubblicano che da quello democratico. È più di chiunque altro vivo oggi.

In ogni caso abbiamo aderito al processo esplicitamente stabilito nella Costituzione: il presidente ha il dovere costituzionale di nominare; il Senato ha l'obbligo costituzionale di fornire consulenza e consenso. È scritto chiaramente nella Costituzione che sia i presidenti che i senatori giurano di sostenere e difendere.

Ecco perché sono rimasto così sorpreso e rattristato nel vedere i leader repubblicani dire a me e al presidente Obama che quest'anno non avrebbero nemmeno preso in considerazione un candidato alla Corte Suprema . Nessun incontro. Nessuna udienza. Nessun voto. Niente. È un atto di ostruzione senza precedenti. E rischia di macchiare l'eredità di tutti coloro che sono complici nella realizzazione di questo piano. Chiederei ai miei amici e colleghi – ea tutti coloro che amano il Senato – di riflettere a lungo e intensamente prima di intraprendere questa strada.

Ed ecco Biden che entra più nel dettaglio sul perché la nomina dovrebbe procedere immediatamente …

E poi c'è Hillary che crede che qualsiasi ritardo nel processo di nomina sarebbe "disonore della costituzione"

Quindi, Obama chiede un ritardo (nel 2020); Hillary pensa che un ritardo disonorerebbe la costituzione (2016); Biden dice che sarebbe incostituzionale (nel 2016)! E il presidente Trump è d'accordo con Biden:

In un altro tweet, Trump ha ringraziato l' ex senatore Harry Reid (D-Nev.) Per aver abolito nel 2013 l'obbligo per gli incaricati presidenziali di ricevere 60 voti per la conferma. Il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell (R-Ky.) Ha esteso la politica ai candidati alla Corte Suprema nel 2017.

In secondo luogo, c'è il When – Rush Job … or Business As Usual?

I media mainstream affermano già che qualsiasi processo di nomina sarebbe una corsa ora …

Il Senato dovrebbe muoversi più velocemente del solito per confermare un candidato prima delle elezioni tra 45 giorni. Il tempo medio dalla nomina al voto al Senato – dopo il controllo e le udienze – è di 69,6 giorni, o circa 2,3 mesi, secondo un rapporto del 2018 del Congressional Research Service.

Tuttavia, sembra che ci sia qualcosa di sbagliato nella loro matematica come Undercover Huber (@JohnWHuber) descritto in un tweet-thread :

Dall'inizio del secolo scorso (1900) sono stati nominati e confermati alla Corte Suprema un totale di 61 giudici SCOTUS

Il 70% di questi (43 giudici) è stato confermato in * meno di 46 giorni * (il tempo rimanente fino alle elezioni presidenziali del 3 novembre)

Candidato e giorni per confermare dalla nomina:

  • Lewis Powell —45

  • Ruth Bader Ginsburg —42

  • Sandra Day O'Connor —33 (* il posto vacante)

  • Harlan Stone —31

  • Wiley Rutledge —28

  • Harry Blackmun —27 (* ha scritto Roe v Wade)

  • Arthur Goldberg —25

  • Robert Jackson —25

  • John Roberts —23 (* è diventato Chief Justice)

  • Mahlon Pitney —23

  • John Paul Stevens —19

  • Sherman Minton —19

  • Warren Burger —17 (* è diventato Chief Justice)

  • Charles Whittaker —17

  • Tom Clark —16

  • Pierce Butler —16

  • Harlan Stone —15 (* è diventato Chief Justice)

  • William Douglas —15

  • Abe Fortas —14

  • Fred Vinson —14 (* è diventato Chief Justice)

  • Frank Murphy —12

  • Felix Frankfurter —12

  • Owen Roberts —11

  • Charles Hughes —10

  • Stanley Reed —10

  • John Clarke —10

  • James McReynolds —10

  • Benjamin Cardozo —9

  • William Moody —9

  • Byron White —8

  • Charles Hughes -7 (* è diventato giudice capo)

  • Horace Lurton —7

  • Hugo Black —5

  • Edward Sanford —5

  • William Day —4

  • Joseph Lamar —3

  • Willis Devanter —3

  • Oliver Holmes —2

  • Harold Burton —1

  • James Byrnes —0

  • George Sutherland —0

  • William Taft —0 (* è diventato Chief Justice)

  • Edward White —0

(Sì, quattro giudici SCOTUS hanno ricevuto nomination e conferme SAME DAY da parte del Senato. E Byrnes non ha mai nemmeno frequentato la facoltà di legge prima che FDR lo mettesse in tribunale)

Per un contesto completo, i 18 giudici che hanno impiegato più di 46 giorni dalla nomina alla conferma da parte del Senato, dal 1900:

  • Loius Brandeis —125

  • Potter Stewart —108

  • Clarence Thomas —99

  • William Rehnquist —89 (* è diventato Chief Justice)

  • Brett Kavanaugh —88

  • Elena Kagan —87

  • Antonin Scalia —85

  • Samuel Alito —82

  • Thurgood Marshall —78

  • Stephen Breyer —73

  • David Souter —69

  • Sonia Sotomayor —66

  • Neil Gorsuch —65

  • Anthony Kennedy —65

  • John Harlan —65

  • William Brennan —64

  • William Rehnquist —49

  • Earl Warren —49 (* è diventato Chief Justice)

Mentre il tempo per le nomine tra oggi e le elezioni del 3 novembre è certamente breve dato il moderno ingorgo del Senato, da una prospettiva costituzionale e storica, 46 giorni sono sufficienti.

Sia Ginsburg che il giudice Ginsburg sostituito furono nominati e confermati in meno di quello.

E Mitch McConnell nella sua lettera ha detto che c'era un sacco di tempo. Ha citato la nomina di Ginsburg nel 1993, che ha richiesto solo 50 giorni dal momento in cui è stata annunciata fino a quando è stata confermata. "Il candidato del presidente Trump riceverà un voto dall'aula del Senato degli Stati Uniti", ha detto McConnell.

E infine, c'è il Who?

Trump ha recentemente pubblicato un elenco di ulteriori potenziali candidati alla giustizia della Corte Suprema inclusi il senatore Tom Cotton dell'Arkansas, Ted Cruz del Texas e Josh Hawley del Missouri, che ha già rifiutato la potenziale nomina.

"Ognuno di questi individui garantirà pari giustizia, parità di trattamento e pari diritti per i cittadini di ogni razza, colore, religione e credo", ha promesso Trump.

"Insieme difenderemo la nostra retta eredità e preserveremo il nostro magnifico stile di vita americano".

Ecco l'elenco completo più recente dei potenziali candidati SCOTUS (Trump ha rilasciato nomi in tre occasioni: settembre 2016, novembre 2017 e, più recentemente, 9 settembre 2020) …

  1. Bridget Bade, giudice della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Nono Circuito.

  2. Amy Coney Barrett dell'Indiana, Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Settimo Circuito. Barrett è stato finalista per la seconda nomina all'Alta Corte di Trump, che alla fine è andata a Brett Kavanaugh.

  3. Keith Blackwell della Georgia, Corte Suprema della Georgia

  4. Charles Canady della Florida, giudice capo della Corte suprema della Florida

  5. Daniel Cameron, il 51 ° procuratore generale del Commonwealth del Kentucky.

  6. Paul Clement, un partner di Kirkland & Ellis, LLP, che in precedenza ha servito come procuratore generale

  7. Steven Colloton dell'Iowa, Corte d'Appello degli Stati Uniti per l'ottavo circuito

  8. Tom Cotton, senatore degli Stati Uniti per l'Arkansas

  9. Ted Cruz, senatore degli Stati Uniti per il Texas

  10. Stuart Kyle Duncan, giudice della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Quinto Circuito.

  11. Allison Eid del Colorado, Corte d'appello degli Stati Uniti per il decimo circuito

  12. Steven Engel, assistente procuratore generale per l'Ufficio del consulente legale del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti

  13. Noel Francisco, ex procuratore generale

  14. Britt Grant della Georgia, Corte d'Appello degli Stati Uniti per l'undicesimo circuito

  15. Raymond Gruender del Missouri, Corte d'Appello degli Stati Uniti per l'ottavo circuito

  16. Thomas Hardiman della Pennsylvania, Corte d'appello degli Stati Uniti per il terzo circuito. Hardiman è stato anche finalista per la nomination che è andata a Kavanaugh.

  17. Josh Hawley, senatore degli Stati Uniti per il Missouri. Hawley ha già detto che rifiuterà l'approvazione del presidente alla corte.

  18. James Ho, giudice della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Quinto Circuito

  19. Gregory Katsas, giudice della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia.

  20. Raymond Kethledge del Michigan, Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Sesto Circuito

  21. Barbara Lagoa, giudice della Corte d'Appello dell'Undicesimo Circuito degli Stati Uniti

  22. Christopher Landau, ambasciatore degli Stati Uniti in Messico

  23. Joan Larsen del Michigan, Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Sesto Circuito

  24. Mike Lee dello Utah, senatore degli Stati Uniti

  25. Thomas Lee dello Utah, Corte Suprema dello Utah

  26. Edward Mansfield dell'Iowa, Corte Suprema dell'Iowa

  27. Federico Moreno della Florida, Tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale della Florida

  28. Carlos Muñiz, giudice della Corte Suprema della Florida.

  29. Kevin Newsom dell'Alabama, Corte d'Appello degli Stati Uniti per l'undicesimo circuito

  30. Martha Pacold, giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale dell'Illinois

  31. Peter Phipps, giudice della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Terzo Circuito

  32. Sarah Pitlyk, giudice della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto orientale del Missouri

  33. William Pryor dell'Alabama, Corte d'Appello degli Stati Uniti per l'undicesimo circuito

  34. Allison Jones Rushing, giudice della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Quarto Circuito

  35. Margaret Ryan della Virginia, Corte d'Appello delle forze armate degli Stati Uniti

  36. David Stras del Minnesota, Corte d'Appello degli Stati Uniti per l'ottavo circuito

  37. Diane Sykes del Wisconsin, Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Settimo Circuito

  38. Amul Thapar del Kentucky, Corte d'appello degli Stati Uniti per il sesto circuito

  39. Kate Todd, vice assistente del presidente e vice consigliere del presidente

  40. Timothy Tymkovich del Colorado, Corte d'appello degli Stati Uniti per il decimo circuito

  41. Lawrence VanDyke, giudice della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Nono Circuito

  42. Robert Young del Michigan, Corte Suprema del Michigan (in pensione)

  43. Don Willett, Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Quinto Circuito

  44. Patrick Wyrick, tribunale distrettuale per il distretto occidentale dell'Oklahoma

"A parte le questioni di guerra e pace, la nomina di un giudice della Corte Suprema è la decisione più importante che un presidente americano possa prendere", ha detto Trump.

Trump ha ripetutamente attaccato il candidato alla presidenza democratica Joe Biden, che non ha pubblicato un elenco simile.

"Joe Biden si è rifiutato di pubblicare la sua lista forse perché sa che i nomi sono così estremamente a sinistra che non potrebbero mai resistere al controllo pubblico o ricevere l'accettazione", ha detto Trump.

"I nostri amati diritti sono a rischio, compreso il diritto alla vita e il nostro grande secondo emendamento", ha aggiunto Trump.

Però,

NOVITÀ: l'elenco dei contendenti di Trump per sostituire Ginsburg include i giudici della corte d'appello Amy Coney Barrett e Barbara Lagoa – REUTERS

– Lawrence Hurley (@lawrencehurley) 19 settembre 2020

"> Reuters riferisce che una fonte ha detto questa mattina che della lista, due donne giudici della Corte d'appello degli Stati Uniti sono nella breve lista di candidati del presidente Donald Trump per coprire il posto vacante della Corte Suprema.

La fonte ha detto

NOVITÀ: l'elenco dei contendenti di Trump per sostituire Ginsburg include i giudici della corte d'appello Amy Coney Barrett e Barbara Lagoa – REUTERS

– Lawrence Hurley (@lawrencehurley) 19 settembre 2020

"> Reuters che Barbara Lagoa, una cubana americana, e Amy Coney Barrett erano tra i migliori contendenti , aggiungendo che Trump avrebbe dovuto annunciare un candidato nel giro di pochi giorni.

La giudice Barbara Lagoa è stata nominata da Trump presso l'undicesima corte d'appello del circuito nel 2019 .

In precedenza, Lagoa è stata la prima donna ispanica e la prima donna cubana americana presso la Corte Suprema della Florida.

Alcuni hanno anche suggerito al giudice Joan Larsen :

Ex impiegato legale per la giustizia Antonin Scalia, Larsen ha trascorso molti anni della sua carriera come professore alla University of Michigan School of Law.

Ha prestato servizio nell'amministrazione George W. Bush presso l'Ufficio legale del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

Larsen, 51 anni, è stato nominato alla Corte Suprema del Michigan nel 2015 prima di essere presentato da Trump alla Corte d'Appello degli Stati Uniti per il 6 ° Circuito nel 2017.

Si è laureata prima nella sua classe presso la Northwestern University School of Law.

Il candidato più serio, tuttavia, si ritiene che sia il giudice Amy Coney Barrett , che Trump ha nominato alla Corte d'Appello degli Stati Uniti per il 7 ° circuito.

Giudice Amy Coney Barrett (tramite l'Università di Notre Dame)

Un giudice della Corte d'appello degli Stati Uniti per il 7 ° circuito, Barrett era nella lista dei candidati di Trump per la sua seconda nomina alla Corte Suprema, che alla fine è andata al giudice Brett Kavanaugh nel 2018.

Laureata alla Notre Dame University Law School, è stata impiegata per il defunto giudice conservatore Antonin Scalia e poi ha trascorso due decenni come professore di diritto a Notre Dame.

Barrett, 48 anni, è una delle preferite della destra religiosa, e il suo profondo legame con la sua fede cattolica le è valsa una grinta da parte dei Democratici durante le udienze per la cresima al banco federale. La senatrice della California Dianne Feinstein le ha detto in modo memorabile: "Il dogma vive forte dentro di te, e questa è una preoccupazione".

Barrett ha risposto: "Non è mai appropriato che un giudice imponga le convinzioni personali di quel giudice, sia che derivino dalla fede o da qualsiasi altra parte, sulla legge".

Avendo scritto in precedenza che i precedenti della Corte Suprema non sono scolpiti nella pietra, la questione se Barrett voterebbe per ribaltare Roe v. Wade incombeva sulla sua nomina.

Lei e suo marito, l'assistente procuratore degli Stati Uniti Jesse Barrett, vivono in Indiana e hanno sette figli.

Diamo le ultime parole a Jonathan Turley, un professore di diritto presso la George Washington University, ha osservato che, “Non c'è modo di sostituire Ruth Bader Ginsburg e lo sappiamo tutti.

"Lei è il tipo di personalità che arriva poche volte nella storia", ha detto.

“È stata una delle voci più coerenti, chiare e coraggiose nella storia della Corte.

“La sua sostituzione con il presidente Donald Trump potrebbe rivelarsi la nomina più significativa e trasformativa nella storia della Corte moderna. Una serie di dottrine legali attualmente oscillano di 5-4 maggioranze ".

La collina, presumiamo, ha deciso di seguire l'angolo umoristico sul prossimo pick SCOTUS …

Siamo sicuri che sarà tutto gestito in modo molto logico e privo di emozioni …

Riposa in pace, Ruth Bader Ginsburg.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/sROitaIFB-M/picking-rbgs-successor-who-when in data Sun, 20 Sep 2020 05:22:00 PDT.