Quello che gli architetti del “Grande ripristino” non vogliono che tu capisca di economia

Quello che gli architetti di 'The Great Reset' non vogliono che tu capisca sull'economia Tyler Durden Sab, 24/10/2020 – 19:30

Scritto da Matthew Ehret tramite il blog The Saker,

Non dovrebbe sorprendere che il vicepresidente della Banca mondiale Carmen Reinhardt abbia recentemente avvertito il 15 ottobre che un nuovo disastro finanziario si profila minacciosamente all'orizzonte con un vasto default sovrano e un default del debito aziendale. Solo negli ultimi 6 mesi di salvataggi scatenati dallo scoppio del sistema indotto dal blocco del Coronavirus, Reinhardt ha osservato che la Federal Reserve statunitense ha creato 3,4 trilioni di dollari dal nulla mentre ci sono voluti 40 anni per creare 14 trilioni di dollari. Nel frattempo, gli economisti in preda al panico gridano in tandem che le banche attraverso l'Atlantico devono scatenare un quantitative easing sempre più iperinflazionistico che minaccia di trasformare i nostri soldi in carta igienica e allo stesso tempo acconsentire a infiniti blocchi in risposta a una malattia che ha i livelli di mortalità di un comune influenza.

Il fatto stesso del collasso imminente non dovrebbe essere una sorpresa, specialmente se ci si ricorda di $ 1,5 quadrilioni di derivati ​​che ha preso il controllo di un'economia mondiale che genera solo $ 80 trilioni / anno in beni e scambi misurabili. Queste nebulose scommesse sull'assicurazione sulle scommesse sui debiti garantiti noti come derivati ​​non esistevano nemmeno pochi decenni fa, e il fatto è che non importa ciò che la Federal Reserve e la Banca centrale europea hanno tentato di fare per fermare una nuova rottura di questo Casinò bolla di un'economia negli ultimi mesi, niente ha funzionato. I tassi di interesse da zero a negativi non hanno funzionato, l'apertura di prestiti repo overnight per 100 miliardi di dollari a notte a banche in fallimento non ha funzionato, né il salvataggio di 4,5 trilioni di dollari è stato scatenato da marzo 2020. Non importa cosa provano a fare questi maghi finanziari, cose continua a peggiorare. Piuttosto che riconoscere ciò che sta realmente accadendo, sono stati selezionati capri espiatori per spostare la colpa dalla realtà al punto che l'attuale crisi è in realtà attribuita al Coronavirus!

Questo va ben oltre COVID-19

Lasciatemi solo affermare apertamente: che mentre il coronavirus può in effetti essere il catalizzatore per l'imminente esplosione finanziaria, è il massimo della stupidità credere che sia la causa, poiché i semi della crisi vanno più in profondità e hanno avuto origine molto prima della maggior parte le persone sono disposte ad ammetterlo.

Per iniziare ad arrivare a una diagnosi più veritiera, è utile pensare a un'economia in termini reali (vs puramente finanziari) – Cioè: pensa semplicemente all'economia come sistema totale in cui il corpo dell'umanità (tutte le culture, nazioni e famiglie del mondo) esistono.

Questa coesistenza si basa su alcuni poteri necessari di produzione di cibo, abbigliamento, beni capitali (infrastrutture dure e morbide), trasporti e produzione di energia. Dopo che le materie prime sono state trasformate in prodotti finiti, questi beni e servizi fisici si spostano dai punti A a B e vengono consumati. Questo è molto simile al metabolismo che mantiene un corpo vivo.

Ora, poiché le popolazioni tendono a crescere geometricamente, mentre le risorse si esauriscono aritmeticamente, sono necessarie anche richieste costanti di nuove scoperte creative e applicazioni tecnologiche per soddisfare e migliorare i bisogni di un'umanità in crescita. Quest'ultimo fattore è in realtà il più importante perché tocca l'elemento di principio che distingue l'umanità da tutte le altre forme di vita nell'ecosistema che Lincoln ha identificato meravigliosamente nel suo discorso del 1859 su scoperte e invenzioni :

“Tutta la creazione è una miniera e ogni uomo un minatore. L'intera terra, e tutto ciò che è al suo interno, su di essa e intorno ad essa, compreso se stesso, nella sua natura fisica, morale e intellettuale, e le sue suscettibilità, sono le "linee guida" infinitamente varie da cui l'uomo, sin dall'inizio, era quello di scavare il suo destino … L'uomo non è l'unico animale che lavora; ma è l'unico che migliora la sua lavorazione. Questo miglioramento, ha effetto da scoperte e invenzioni ".

In un discorso del 2016 del presidente Xi Jinping, i principi della comprensione di Lincoln sono stati esposti dallo statista cinese che ha detto:

“Dobbiamo considerare l'innovazione come il motore principale della crescita e il fulcro dell'intera impresa, e le risorse umane come la fonte primaria per sostenere lo sviluppo. Dovremmo promuovere l'innovazione nella teoria, nei sistemi, nella scienza e nella tecnologia e nella cultura, e fare dell'innovazione il tema dominante nel lavoro del Partito, del governo e nell'attività quotidiana nella società … Nel XVI secolo, la società umana entrò in un periodo senza precedenti di innovazione attiva. I successi nell'innovazione scientifica negli ultimi cinque secoli hanno superato la somma totale di diversi millenni precedenti. . . . Ogni rivoluzione scientifica e industriale ha cambiato profondamente le prospettive e il modello di sviluppo mondiale … Dalla seconda rivoluzione industriale, gli Stati Uniti hanno mantenuto l'egemonia globale perché sono sempre stati il ​​leader e il più grande beneficiario del progresso scientifico e industriale ".

Ciò che Lincoln e Xi hanno lasciato a 150 anni di distanza non sono mere ipotesi, ma fatti di vita elementari che anche il più ardente adoratore del denaro non può aggirare.

Ovviamente il denaro è uno strumento perfettamente utile per facilitare il commercio e aggirare il goffo problema di trascinarsi dietro tutto il giorno merci barattate, ma in realtà è proprio questo: un elemento di supporto per un processo fisico di mantenimento e miglioramento del transgenerazionale esistenza. Quando gli sciocchi si lasciano perdere di vista questo fatto ed elevano il denaro allo status di causa di ogni valore (semplicemente perché tutti lo vogliono), allora ci troviamo molto al di fuori della sfera della realtà e nel mondo di Alice nel paese delle meraviglie di Alan Greenspan mondo fantastico in cui l'alto è il basso, il bene è il male e gli umani sono poco più che scimmie feroci.

Quindi, con questo in mente, prendiamo questo concetto e guardiamo indietro alla crisi di oggi.

Il "Big Bang" di Londra

La grande "liberalizzazione" del commercio mondiale iniziò con una serie di ondate nel corso degli anni '70, e si mise a marcia alta con gli aumenti dei tassi di interesse del presidente della Federal Reserve Paul Volcker nel 1980-82, i cui effetti annientarono gran parte delle piccole e imprenditori di medie dimensioni, hanno aperto le porte speculative alla debacle del "Risparmio e prestito" e hanno anche aiutato a far cartellizzare le istituzioni minerarie, alimentari e finanziarie in colossi sempre più grandi. Lo stesso Volcker ha descritto questo processo come la "disintegrazione controllata dell'economia statunitense" quando è diventato presidente della Fed nel 1978. L'aumento dei tassi di interesse al 20-21% non solo ha spento la linfa vitale di gran parte della base economica degli Stati Uniti, ma ha anche gettato il terzo mondo in una maggiore schiavitù del debito, poiché le nazioni dovevano ora pagare interessi usurai sui prestiti statunitensi.

Nel 1986, la City di Londra ha annunciato l'inizio di una nuova era di irrazionalismo economico con la deregolamentazione del "Big Bang" di Margaret Thatcher. Questa ondata di liberalizzazione ha preso d'assalto il mondo mentre ha spazzato via la separazione tra attività bancarie commerciali, di deposito e di investimento che erano state la pietra angolare del dopoguerra nel garantire che la volontà della finanza privata non avrebbe mai più avuto più influenza del potere del sovrano Stati nazionali. Per coloro che sono confusi sulla mano che guida Londra in questo processo, vi incoraggio a leggere l'impeccabile saggio di Cynthia Chung "Sugar and Spice, and Everything Vice: The Empire's Sin City of London".

Greenspan e la disintegrazione controllata dell'economia

Quando Alan Greenspan affrontò la crisi finanziaria dell'ottobre 1987, i mercati erano crollati del 28,5% e l'economia americana soffriva già di un decadimento iniziato 16 anni prima, quando il dollaro fu rimosso dal tasso di cambio fisso e fu "fluttuato" in un mondo di speculazioni . Questo allontanamento dal modello di crescita industriale del 1938-1971 ha inaugurato un nuovo paradigma di "postindustrialismo" (aka: stripping della nazione) sotto la nuova logica della "globalizzazione". Questa folle decisione è stata celebrata come la "società dei colletti bianchi" guidata dai consumatori che non si sarebbe più preoccupata di "cose ​​intangibili" come "il futuro", la manutenzione delle infrastrutture o la "crescita". Secondo questo nuovo paradigma, se qualcosa non poteva generare un profitto monetario entro 3 anni, non ne valeva la pena.

Paul Volcker (il predecessore di Greenspan alla Federal Reserve) ha esemplificato questo distacco dalla realtà quando ha chiesto la "disintegrazione controllata della società" nel 1977 , e ha agito di conseguenza mantenendo i tassi di interesse sopra il 20% per due anni che ha distrutto le piccole e medie imprese agroindustriali imprese in tutta l'America (e nel mondo). Greenspan ha affrontato la crisi del 1987 con tutto il gusto di un mago nero, e piuttosto che ricollegare l'economia alla realtà fisica e ricostruire la decadente base industriale, ha scelto invece di normalizzare gli "strumenti finanziari creativi" sotto forma di derivati ​​(aka: "Strumenti finanziari creativi"), che è rapidamente cresciuta da diversi miliardi nel 1988 a $ 2 trilioni nel 1992 a $ 70 trilioni nel 1999.

"Strumenti finanziari creativi" era il nome orwelliano dato al nuovo asset finanziario reso popolare da Greenspan, ma altrimenti noto come "derivati". Le nuove tecnologie di supercalcolo sono state sempre più utilizzate in questa nuova avventura, non come supporto per pratiche di costruzione della nazione più elevate e programmi di esplorazione spaziale come intendevano le loro origini della NASA, ma sarebbero piuttosto pervertite per accogliere la creazione di nuove formule complesse che potrebbero associare valori al prezzo differenziali su titoli e debiti assicurati che potevano poi essere "coperti" proprio in quei mercati spot e futures resi possibili dalla distruzione del sistema di Bretton Woods nel 1971. Così, mentre veniva creato un mostro esponenzialmente autogenerante che non poteva finire da nessuna parte se non in un crollo, la "fiducia del mercato" è tornata in vigore con il nuovo flusso di denaro facile. Il potenziale fisico per sostenere la vita umana ha continuato a precipitare.

NAFTA, l'euro e la fine della storia

Non è un caso che durante questo periodo sia stato approvato un altro trattato mortale chiamato Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA). Con questo accordo fatto legge, i programmi di protezione che avevano mantenuto le fabbriche nordamericane negli Stati Uniti e in Canada furono eliminati, consentendo l'esportazione della linfa vitale di forza lavoro industriale altamente qualificata in Messico, dove le competenze erano basse, le tecnologie più basse e gli stipendi ancora più bassi. Con lo spoglio delle sue risorse produttive, il Nord America divenne sempre più dipendente dall'esportazione di risorse e servizi a basso costo per i suoi mezzi di sussistenza. Ancora una volta, i poteri fisicamente produttivi della società crollerebbero, ma i profitti monetari nell'effimero “adesso” sarebbero schizzati alle stelle. Ciò è stato replicato in Europa con la creazione del Trattato di Maastricht nel 1992 che istituisce l'Euro entro il 1994, mentre il processo di "liberalizzazione" della Perestroika ha replicato questo programma nell'ex Unione Sovietica. Mentre alcune personalità hanno dato a questo programma il nome "Fine della storia" e altri "il Nuovo Ordine Mondiale", l'effetto è stato lo stesso.

Universal Banking, NAFTA, integrazione dell'euro e la creazione dell'economia dei derivati ​​in uno spazio di pochi anni indurrebbe una cartellizzazione della finanza attraverso fusioni e acquisizioni recentemente legalizzate a un ritmo mai visto prima. La moltitudine di istituzioni finanziarie che erano esistite all'inizio degli anni '80 sono state assorbite l'una nell'altra a grande velocità durante gli anni '90 in modo autentico "sopravvivenza del più adatto". Indipendentemente dal livello di regolamentazione tentato con questa nuova struttura, il grado di conflitto di interessi e il potere politico privato erano incontrollabili, come evidenziato negli Stati Uniti, dalla chiusura di qualsiasi tentativo di lotta da parte di Brooksley Born, capo della Securities and Exchange Commission. il cancro derivato nelle sue prime fasi.

Quando Bill Clinton ha abrogato la separazione bancaria Glass-Steagall dalle banche commerciali e di investimento come suo ultimo atto in carica nel 1999, gli speculatori hanno avuto accesso illimitato a risparmi e pensioni che hanno utilizzato con piacere e sono andati in città a giocare d'azzardo con i soldi di altre persone. Questa nuova bolla è continuata per alcuni anni fino a quando la bomba a orologeria da 700 trilioni di dollari dei derivati ​​ha trovato un nuovo innesco e il mercato dei mutui subprime ha quasi bruciato il sistema. Proprio come nel 1987 e con il crollo della bolla Y2K nel 2001, i maghi adoratori di Mammona nella BCE e la Fed hanno risolto questa crisi creando un nuovo sistema di "salvataggio" che è continuato per un altro decennio.

La frenesia 2000-2008

Con Glass-Steagall ora rimosso, capitale legittimo come i fondi pensione potrebbero essere utilizzati per avviare una copertura per porre fine a tutte le coperture. Miliardi sono stati ora versati in titoli garantiti da ipoteca (MBS), un mercato che era stato artificialmente precipitato ai minimi record dei tassi di interesse dell'1-2% per oltre un anno dalla Federal Reserve statunitense rendendo facile l'indebitamento, e i rendimenti sul investimenti osceni negli MBS. L'oscenità aumentò quando i valori delle case salirono alle stelle ben oltre i valori reali per la melodia di case da centomila dollari vendute per 5-6 volte quel prezzo nell'arco di diversi anni. Finché nessuno assumeva che questa crescita fosse anormale e la natura non pagabile del capitale sottostante le attività con leva bloccate negli ormai famigerati "subprimi" e altri obblighi di debito illegittimi veniva ignorata, allora i profitti avrebbero dovuto continua all'infinito. Chiunque mettesse in dubbio questa logica era considerato un eretico dal sacerdozio degli ultimi giorni.

Lo straordinario "successo" della cartolarizzazione dei debiti immobiliari ha immediatamente indotto un'ondata di fondi sovrani a diventare prominente applicando lo stesso modello che era stato utilizzato nel caso dei titoli garantiti da ipoteca (MBS) e delle obbligazioni di debito garantite (CDO) ai debiti di intere nazioni. La cartolarizzazione di pacchetti aggregati di debiti sovrani che potrebbero poi essere sfruttati all'infinito sui mercati mondiali deregolamentati non sarebbe più considerata un atto di tradimento nazionale, ma la chiave del denaro facile.

La brutta verità della crisi odierna

Nuove bolle “subprime” sono state create nel settore del debito societario che è salito a oltre $ 13,8 trilioni (+ 16% rispetto all'anno precedente). Un quarto del quale è considerato spazzatura e un'altra metà classificato BB da Moodies (un gradino sopra spazzatura).

Il debito delle famiglie, degli studenti e delle automobili è salito alle stelle e poiché i salari non hanno tenuto il passo con l'inflazione, causando debiti ancora più impagabili, sono stati contratti con disperazione. I posti di lavoro nell'industria sono crollati costantemente dal 1971 e i lavori nei servizi a bassa retribuzione hanno preso il sopravvento come una piaga.

L'ultimo rapporto dell'American Society of Civil Engineers ha concluso che l'America ha un disperato bisogno di spendere $ 4,5 trilioni solo per portare la sua infrastruttura decaduta ai livelli di sicurezza. Strade, ponti, ferrovie, dighe, aeroporti, scuole hanno ricevuto voti quasi scadenti con l'età media delle dighe di 56 anni e molte condutture dell'acqua con più di 100 anni e le linee di trasmissione / distribuzione hanno superato i 60 anni. Le fabbriche che una volta fornivano quelle esigenze infrastrutturali sono state a lungo esternalizzate e gran parte della forza lavoro produttiva che aveva quella conoscenza viva per costruire una nazione è in pensione o morta, lasciando al suo posto un divario di conoscenza mortale per la generazione pieno di millennial che non hanno mai saputo cosa fosse un'economia produttiva sembrava.

Gli agricoltori americani sono stati probabilmente i più devastati in tutto questo con drammatiche perdite di popolazione in tutta la cintura agricola d'America e l'età media degli agricoltori ora 60 anni. È stato recentemente riferito che l'82% del reddito familiare agricolo statunitense proviene da fattorie esterne, poiché i mega cartelli hanno rilevato tutti gli aspetti dell'agricoltura (da attrezzature / forniture, imballaggi e persino l'agricoltura effettiva nel mezzo).

In combinazione con la distruzione controllata delle forniture alimentari globali a livello internazionale, COVID ha assicurato che le forniture strategiche della catena alimentare vengano ridotte a brandelli con l'ONU che riferisce la peggiore crisi alimentare in oltre 50 anni (e questo non tiene conto dell'imminente esplosione della bolla economica ).

Perché è stato permesso che ciò accadesse? Ebbene, oltre all'ovvia intenzione di indurre "una disintegrazione controllata dell'economia", come Volcker affermò freddamente, l'idea era sempre quella di creare le condizioni descritte dal compianto Maurice Strong (sociopatico e straordinario cut-out dei Rothschild) nel 1992, quando chiese retoricamente :

“E se un piccolo gruppo di leader mondiali concludesse che il rischio principale per la Terra deriva dalle azioni dei paesi ricchi? E se il mondo vuole sopravvivere, quei paesi ricchi dovrebbero firmare un accordo per ridurre il loro impatto sull'ambiente. Lo faranno? La conclusione del gruppo è "no". I paesi ricchi non lo faranno. Non cambieranno. Quindi, per salvare il pianeta, il gruppo decide: non è l'unica speranza per il pianeta che le civiltà industrializzate crollino? Non è nostra responsabilità realizzarlo? "

Come si ritorna in salute?

Come ogni tossicodipendente che si sveglia una mattina sul fondo con il terrore improvviso che la sua morte sia vicina, il primo passo è ammettere che abbiamo un problema. Ciò significa semplicemente: riconoscere la vera natura dell'attuale calamità economica invece di cercare di incolpare il "coronavirus" o la Cina, o qualche altro capro espiatorio.

Il passo successivo è iniziare ad agire sulla realtà invece di continuare a prendere l'eroina (una bella metafora per la dipendenza dalla speculazione sui derivati).

Un primo passo ovvio per questo recupero consiste nel ripristinare Glass-Steagall al fine di 1) rompere le banche Too Big to Fail e 2) imporre uno standard per giudicare il valore "falso" dal valore "legittimo" che è attualmente assente dal moderno psico che ha perso ogni senso di bisogni vs desideri. Ciò consentirebbe alle nazioni di ricreare un'epurazione dal debito fittizio impagabile e da altri crediti del sistema preservando tutto ciò che è legato all'economia reale (ciò che è direttamente connesso alla vita). Questo processo è un po 'simile al taglio di un cancro.

Questo atto sarebbe molto simile a quello che fece Franklin Roosevelt nel 1933, che ho delineato nel mio recente articolo Hyperinflation, Fascism and War: How the New World Order May be Defeated Once More.

A questo punto gli stati nazione avranno riaffermato la loro vera autorità sui pirati della finanza privata che controllano il sistema finanziario transatlantico come aspiranti dèi dell'Olimpo (vizi perversi illimitati e tutto il resto).

Dovrebbe essere ovvio a tutti che gli Stati Uniti devono togliersi la testa dal loro proverbiale culo prima che sia troppo tardi imponendo queste riforme ai sociopatici assassini di Wall Street e Londra che preferirebbero promuovere un "grande ripristino" nell'economia mondiale sotto la nebbia del COVD per controllare i termini dello scoppio e anche le regole del nuovo sistema operativo post-stato-nazione che desiderano vedere portato online come una "soluzione" (finale).


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/x4x-YJjM3Bo/what-great-reset-architects-dont-want-you-understand-about-economics in data Sat, 24 Oct 2020 16:30:00 PDT.