Peter Schiff: Il boom delle materie prime non riguarda la crescita economica; Si tratta di inflazione

Peter Schiff: Il boom delle materie prime non riguarda la crescita economica; Si tratta di inflazione

Tramite SchiffGold.com,

Le materie prime stanno esplodendo. Molte persone sembrano pensare che questo sia un segno di una crescita economica in attesa. Ma nel suo podcast, Peter Schiff ha detto che è davvero un segno di inflazione.

La maggior parte del mondo degli investimenti continua a concentrarsi sul mercato azionario e non sta realmente prestando attenzione a ciò che accade nei mercati delle materie prime. E come ha detto Peter, questo avrà un grande impatto su ciò che accade al supermercato.

Le materie prime agricole, in particolare, stanno andando a fuoco. Stiamo assistendo a massimi di cinque anni su molte materie prime. Il mais è cresciuto del 5% mercoledì (13 gennaio). Il grano è cresciuto del 4,73%. Avena e riso sono aumentati di oltre il 2%.

Non sono solo le materie prime agricole a registrare grandi aumenti dei prezzi. In crescita anche i metalli industriali. Mercoledì il rame è salito del 2,13% e ha toccato il massimo di 5 anni.

Ciò che determina i prezzi dei metalli industriali, delle materie prime agricole, non è una forte crescita economica. Non stiamo registrando una crescita record. In effetti, abbiamo ancora la pandemia. Ciò che fa aumentare i prezzi delle materie prime è la crescita record dell'offerta di moneta. La Fed sta tirando fuori i soldi come se stesse andando fuori moda ".

In effetti, l'offerta di moneta è cresciuta a livelli record nel 2020 . Storicamente, la crescita dell'offerta di moneta non è mai stata così alta e gli anni '70 sono stati l'unico periodo che si è avvicinato.

La Federal Reserve sta stampando denaro per monetizzare i deficit record del bilancio degli Stati Uniti . E sta anche espandendo l'offerta di moneta per evitare che i tassi di interesse aumentino.

Sebbene i rendimenti dei buoni del Tesoro USA restino relativamente bassi, i tassi di interesse sono aumentati notevolmente dai minimi della scorsa primavera e la tendenza è chiaramente al rialzo. Ciò è logico dato l'enorme numero di obbligazioni che il Tesoro statunitense sta emettendo per finanziare i prestiti e le spese.

Poiché abbiamo una quantità di debito storicamente elevata, non possiamo gestire tassi di interesse storicamente normali ".

Peter ha sottolineato che potremmo facilmente vedere il rendimento del Tesoro a 30 anni passare rapidamente dal 2% al 4%. Sarebbe una mossa importante, ma il 4% rimane basso in termini storici.

Non è stato fino a poco tempo fa che … il governo è stato in grado di prendere in prestito per 30 anni al 4%. Questo è un costo del debito storicamente basso. Ma ancora una volta, il costo del prestito dovrebbe essere commisurato al rischio e a quanto hai già preso in prestito. Quindi, dato che ora abbiamo molti più debiti di quanto ne avessimo in passato, l'America è un rischio di credito peggiore ora di quanto non fosse in passato – non necessariamente un rischio di insolvenza perché finché abbiamo una macchina da stampa noi non devi andare in default: il rischio è l'inflazione. Il rischio è che stampiamo un mucchio di soldi perché abbiamo così tanti debiti. Non possiamo aumentare le tasse sulla popolazione per coprire il debito. Quindi, dobbiamo stampare denaro, che è esattamente quello che stiamo facendo, motivo per cui i prezzi delle materie prime stanno aumentando. Ed è per questo che i prezzi delle obbligazioni stanno diminuendo. Ecco perché il dollaro sta cadendo. "

Allora, perché non stiamo assistendo a un forte aumento del prezzo dell'oro e dell'argento? Peter ha detto che pensa che sia perché gli investitori credono che la Fed alla fine combatterà l'inflazione e l'aumento dei tassi di interesse sarà un male per i metalli preziosi. (Ovviamente, questo non accadrà.) L'aumento del mercato azionario rende anche gli investitori meno propensi a coprire i propri portafogli con oro e argento.

Ma i portafogli azionari stanno salendo per lo stesso motivo per cui i prezzi delle materie prime stanno aumentando. È l'inflazione. "

Peter ha sottolineato che il petrolio supera i 53 dollari al barile.

I prezzi del petrolio non smetteranno di salire. … E ancora, non è la crescita economica a guidare questo treno del petrolio. È l'inflazione. È la crescita dell'offerta di moneta. Sono la Fed e altre banche centrali che stanno svalutando le valute legali. E quindi hai bisogno di più valuta per comprare petrolio, o per comprare rame, o per comprare grano. Ognuno di questi prezzi delle materie prime che stanno aumentando, è un riflesso del valore della carta moneta che scende ".

Peter ha detto che ci stiamo dirigendo verso un olocausto inflazionistico.

Sarà una spirale mortale dell'inflazione in cui più inflazione otteniamo, più inflazione la Fed è costretta a creare ".

Tyler Durden Gio, 14/01/2021 – 10:31


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/sA6_X2bgiH0/peter-schiff-commodity-boom-isnt-about-economic-growth-its-about-inflation in data Thu, 14 Jan 2021 07:31:10 PST.