Pechino prende di mira il sistema operativo Android di Google nell’incombente repressione anti-trust

Pechino prende di mira il sistema operativo Android di Google nell'incombente repressione anti-trust Tyler Durden Mercoledì, 30/09/2020 – 07:01

Imponendo nuove sanzioni al gigante cinese dei chip SMIC la scorsa settimana , l'amministrazione Trump ha segnalato che non sta cedendo alla guerra economica che sta conducendo contro la Cina. Dopo aver sostanzialmente tagliato il più grande produttore di chip della Cina dal suo più grande cliente, Huawei, con sanzioni che limitano i tipi di prodotti che possono essere spediti a Huawei e alle sue sussidiarie, le nuove sanzioni su SMIC lo deruberanno di quello che si ritiene sia il secondo più prezioso cliente, produttore di chip americano Qualcomm.

Anche una sentenza emessa domenica che ha risparmiato a TikTok di essere escluso dagli app store americani è solo temporanea, e la società deve ancora fare i conti con una scadenza successiva e ulteriori pressioni per concludere un accordo.

Sebbene Trump ei suoi alti funzionari commerciali abbiano sostenuto che queste misure sono simili a dare alla Cina un assaggio della propria medicina, la guerra commerciale in espansione condotta dall'amministrazione sta facendo infuriare Pechino . Ora, Pechino si scaglia contro un gigante tecnologico americano – il genitore di Google Alphabet – prendendo una pagina dal playbook del capo antitrust dell'UE Margrethe Vestager. Reuters riferisce che la Cina si sta preparando a lanciare un'indagine antitrust sul sistema operativo Android di Alphabet e tentativi di Alphabet di soffocare la concorrenza nel mercato cinese. Il caso, secondo quanto riferito, è stato proposto per la prima volta da Huawei, è stato presentato dal principale regolatore del mercato del paese al comitato antitrust del Consiglio di Stato per la revisione.

Reuters riferisce che un'indagine formale potrebbe arrivare già a ottobre e dipenderà probabilmente dal "rapporto della Cina con gli Stati Uniti". In altre parole, Pechino sta aumentando la pressione su un gigante tecnologico americano e creando una merce di scambio dal nulla.

La Cina si sta preparando a lanciare un'indagine antitrust su Google di Alphabet Inc., esaminando le accuse di aver sfruttato il dominio del suo sistema operativo mobile Android per soffocare la concorrenza, hanno detto due persone che hanno familiarità con la questione.

Il caso è stato proposto dal gigante delle apparecchiature di telecomunicazione Huawei Technologies Co Ltd lo scorso anno ed è stato sottoposto dal principale regolatore del mercato del paese al comitato antitrust del Consiglio di Stato per la revisione, hanno aggiunto.

Una delle persone ha detto che la decisione sull'opportunità di procedere con un'indagine formale potrebbe arrivare già a ottobre e potrebbe essere influenzata dalle relazioni dello stato della Cina con gli Stati Uniti.

L'Amministrazione statale cinese per la regolamentazione del mercato, il suo principale regolatore antitrust, sta preparando nuove misure antitrust che creeranno un ulteriore ostacolo per le imprese straniere che operano nel mercato cinese. Sta anche esaminando se società come Google abbiano causato "danni estremi" a società cinesi come Huawei. Non saremmo sorpresi di vedere Google pagare il prezzo per alcune delle aggressioni dell'amministrazione Trump.

Arriva anche mentre la Cina si imbarca in un importante rinnovamento delle sue leggi antitrust con emendamenti proposti tra cui un drammatico aumento delle multe massime e criteri ampliati per giudicare il controllo di un mercato da parte di un'azienda.

Una potenziale sonda esaminerebbe anche le accuse secondo cui la posizione di mercato di Google potrebbe causare "danni estremi" a società cinesi come Huawei, poiché la perdita del supporto del gigante tecnologico statunitense per i sistemi operativi basati su Android porterebbe alla perdita di fiducia e di entrate, ha detto una seconda persona .

A differenza dell'Europa, la maggior parte dei telefoni cinesi utilizza una versione open source di Android che offre alternative ai servizi di Google. Quindi non è chiaro cosa, esattamente, sia preso di mira da Pechino. L'UE ha multato in modo memorabile Google diverse volte negli ultimi anni, inclusa una cifra di 5,1 miliardi di dollari nel 2018 per pratiche "anticoncorrenziali" come costringere i produttori di telefoni a preinstallare le app di Google sui dispositivi Android, aggiungendo al contempo barriere ai prodotti non Google. Le autorità di regolamentazione indiane, nel frattempo, stanno esaminando se Google abbia abusato della sua posizione di mercato per promuovere ingiustamente la sua app per i pagamenti mobili in India.

"La Cina esaminerà anche quello che hanno fatto altri paesi, compreso lo svolgimento di indagini con i dirigenti di Google", ha detto la persona.

La seconda fonte ha aggiunto che un punto di apprendimento sarebbe il modo in cui le multe vengono imposte in base ai ricavi globali di un'azienda piuttosto che ai ricavi locali.

Reuters sottolinea che Huawei ha mancato il suo obiettivo di fatturato per il 2019 di ben 12 miliardi di dollari, che la società ha attribuito all'aggressione americana. Ora, immagina solo come le azioni statunitensi potrebbero reagire a Alphabet che registra una massiccia perdita di entrate perché la Cina ha effettivamente bandito i telefoni Android dal più grande mercato del mondo.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/iHktv–d8HY/beijing-targets-googles-android-operating-system-looming-anti-trust-crackdown in data Wed, 30 Sep 2020 04:01:57 PDT.