La guerra tra Russia e Ucraina è ormai inevitabile?

La guerra tra Russia e Ucraina è ormai inevitabile?

Tramite Southfront.org,

La situazione nell'Ucraina orientale è critica. La Russia e l'Ucraina sono sull'orlo di un conflitto armato aperto. In questo contesto, molti esperti militari suggeriscono le loro opinioni e previsioni sugli sviluppi militari nella regione. La posizione del famoso signore della guerra Igor Strelkov è sicuramente quella che merita un'attenzione particolare.

Igor Streikov

È diventato popolare durante la cosiddetta Primavera di Crimea nel 2014. Strelkov ha preso parte al processo di unificazione della Crimea con la Russia, dopo di che nell'Ucraina orientale, è stato uno dei primi ad organizzare un'aperta resistenza alle forze nazionaliste che in precedenza avevano ha organizzato un colpo di stato a Kiev. Durante la sua attività militare, divenne sempre più critico nei confronti della posizione di fatto del Cremlino. Secondo le sue dichiarazioni successive, la situazione nel Donbass rimane quasi disastrosa a causa della politica della parte definita dell'élite russa. Affermando le sue opinioni, Strelkov entrò persino in conflitto con il consigliere del presidente russo in quel momento Vladislav Surkov. Di conseguenza, Strelkov è stato costretto a lasciare l'Ucraina orientale e ha perso l'opportunità di influenzare la situazione nella regione.

In ideologia, la visione di Strelkov può essere caratterizzata in termini che oggi diventano noti come "socialismo ortodosso". Questo concetto si basa su giustizia, conciliarità, unità nazionale e responsabilità sociale.

Strelkov è ampiamente conosciuto come un forte sostenitore del cosiddetto concetto di "mondo russo". Questo termine, nonostante l'uso della parola "russo", non ha nulla a che fare con il nazionalismo o con un'adesione patriottica alle idee del monarchismo.

“Il mondo russo (Pax Rossica) è la totalità sociale associata alla cultura russa. Russkiy Mir è la cultura centrale della Russia ed è in interazione con le diverse culture della Russia attraverso le tradizioni, la storia e la lingua russa. Comprende anche la diaspora russa con la sua influenza nel mondo. Il concetto si basa sulla nozione di "russicità", ed entrambi sono stati considerati ambigui. Il mondo russo e la sua consapevolezza sono nati attraverso la storia russa e sono stati plasmati dal rispettivo periodo.

Il termine ha ricevuto un nuovo suono nel 21 ° secolo sullo sfondo del ripristino dell'influenza della politica estera dello stato russo, da un lato, e dell'intensificarsi degli attacchi alla cultura russa e alla lingua russa nelle ex repubbliche sovietiche, sul altro.

Oggi il "mondo russo" è spesso indicato come una minaccia nei discorsi dei rivali geopolitici di Mosca, giustificando la necessità di contenere la Russia ".

In campo politico, Strelkov è un sostenitore dell'autoritario stato russo forte, dove la vita sociale si basa sui principi sopra indicati.

In termini militari, durante le ostilità nel 2014-2015 e fino ad oggi, ha affermato che l'unica possibilità per garantire la pace nell'Ucraina orientale era una piena partecipazione dell'esercito russo e la presa del controllo del territorio ucraino almeno fino al fiume Dnepr.

Quindi, Igor Strelkov è una persona piuttosto controversa. Tuttavia, è uno dei pochi signori della guerra vivi del periodo 2014-2015, che conosce profondamente la situazione all'interno della regione, essendo allo stesso tempo un ostinato critico della politica del Cremlino. La sua analisi è molto preziosa per prevedere la situazione e simulare i possibili sviluppi.

"Alla fine del giorno:

1. La guerra tra Russia e Ucraina è inevitabile, ma al momento (ad aprile) è molto probabile;

2. Per la Russia e il popolo russo, la guerra "adesso" è preferibile alla guerra successiva;

3. Gli USA ora non combatteranno per l'Ucraina con il 99% di probabilità;

4. I commenti sono stati disabilitati, non risponderò a domande di chiarimento nei messaggi privati. " – Strelkov ha scritto su Telegram e Vkontakte.

Il 4 aprile ha pubblicato un post sul suo canale Telegram in cui rifletteva la sua opinione sulla situazione attuale nell'Ucraina orientale. C'erano 3 idee principali:

Il primo era che la guerra tra Russia e Ucraina è inevitabile, ma al momento (ad aprile) è molto probabile.

Molti esperti militari concordano con la sua opinione sullo stato delle cose nella regione.

Lo sviluppo dell'attuale situazione politica in Russia, qualunque sia la direzione in cui si muoverà, prima o poi porterà a un conflitto armato con l'Ucraina. Non importa da che parte scatenerebbe il conflitto. Se il potere rimane nelle mani della cosiddetta “squadra di Putin”, il conflitto si svilupperà secondo lo scenario attuale e, di conseguenza, molto probabilmente si dissolverà in uno armato a breve o medio termine. Anche in caso di cambiamenti radicali in Russia e l'avvento al potere dell'opposizione filo-occidentale, l'escalation non sarebbe evitata. Il pensiero militare ucraino si basa sulle idee centrali della disoccupazione delle regioni orientali e del prendere il controllo, nella sua ulteriore avanzata, su buona parte del territorio russo. Ad esempio, si riferisce alle regioni di Rostov, Krasnodar e persino di Volgograd. Pertanto, l'indebolimento della Russia a seguito di turbolenze politiche interne potrebbe portare alla decisione dell'attuale leadership ucraina di avviare un'importante operazione militare nelle regioni con l'obiettivo strategico di dare scacco matto alla Federazione Russa.

In secondo luogo, per la Russia e il popolo russo, la guerra "adesso" è preferibile alla guerra successiva.

Igor Strelkov aderisce a questa posizione durante l'intero conflitto in Ucraina. Più a lungo si trascina il conflitto, più si rafforza il regime nazionalista che è salito al potere in Ucraina. Allo stesso tempo, in Russia, il cosiddetto “effetto Crimea”, cioè l'eccitazione sociale, accumulo causato dai successi geopolitici russi nel 2014-2016, si sta indebolendo. Negli anni precedenti, questo fenomeno ha contribuito ad aumentare il livello di sostegno al governo di Putin.

Oggi, quando il conflitto nell'Ucraina orientale persiste da 7 anni, qualsiasi tentativo di risolverlo pacificamente è inefficace. Considerando la complicata situazione politica in Russia, non ci sono segni che l'attuale governo abbia trovato una ricetta per prevenire un ulteriore deterioramento interno. Quindi, più a lungo la fase calda del conflitto sarebbe rimandata, peggiori sarebbero le condizioni della parte russa.

A sua volta, la fase calda del conflitto nell'Ucraina orientale potrebbe diventare una sorta di medicina necessaria per Mosca che verrebbe utilizzata come fattore unificante interno.

In terzo luogo, gli Stati Uniti ora non combatteranno per l'Ucraina con il 99% di probabilità.

In primo luogo, si dovrebbe tener conto dell'attuale situazione politica interna negli Stati Uniti, dove è in corso un periodo di transizione con il nuovo governo. Una partecipazione a un conflitto militare è possibile solo se ci sono minacce a un alleato chiave degli americani, che l'Ucraina non è.

In secondo luogo, la situazione della politica estera globale non è favorevole al dispiegamento di forze statunitensi ben oltre i confini del paese. L'amministrazione Biden deve prima di tutto affrontare la crescente influenza globale della Cina, che probabilmente sarà anche indirettamente coinvolta nel conflitto militare in Ucraina, ad esempio, attraverso il sostegno finanziario. Il 2 aprile, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha ricevuto Zhang Hanhui, ambasciatore della Repubblica popolare cinese presso la Federazione russa. Gli argomenti esatti discussi durante i negoziati non sono stati svelati, ma non è difficile presumere che l'escalation militare nella regione del Donbass sia entrata a far parte dei colloqui.

Allo stesso tempo, la posizione degli Stati Uniti in Medio Oriente non è stabile. L'amministrazione Biden sta lavorando attivamente per regolare le relazioni con i principali partner nella regione, sviluppando la sua posizione sulle questioni principali, tra cui l'accordo nucleare iraniano, la crisi siriana, la situazione in Iraq, ecc.

Al momento, Washington ha una serie di problemi di fondamentale importanza per mantenere la sua influenza globale, che non le consente di intervenire apertamente nell'imminente guerra in Ucraina. Tuttavia, nel prossimo futuro, tra un anno o più, l'amministrazione Biden rafforzerà le posizioni degli Stati Uniti nelle regioni chiave. Niente potrà contenerlo.

Tyler Durden Mar, 04/06/2021 – 02:00


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/rzx6DHzcIs4/war-between-russia-and-ukraine-now-inevitable in data Mon, 05 Apr 2021 23:00:00 PDT.