JPMorgan avverte che gli scambi affollati e il consenso euforico sono le maggiori minacce per i mercati

JPMorgan avverte che gli scambi affollati e il consenso euforico sono le minacce maggiori per i mercati Tyler Durden Sun, 12/06/2020 – 09:55

Il mese scorso, durante il nostro postmortem 13-F, abbiamo dimostrato che proprio come gli hedge fund erano diventati azioni all-in, o meglio una manciata di azioni momentum, con conseguente leva finanziaria lorda e netta record …

… il che significava anche un calo record nell'interesse breve di S&P poiché tutti gli orsi rimasti sono stati massacrati in modo rituale negli ultimi mesi …

… gli hedge fund hanno fatto quello che fanno normalmente, ovvero organizzare "cene di idee" poco illuminate e accettare di saltare tutti nella stessa manciata di azioni mentre allo stesso tempo mettono allo scoperto un gruppo diverso di azioni (dopotutto devono almeno fingere di coprirsi altrimenti ciao ciao 2 e 20 ). Sfortunatamente, è stata una decisione terribile nel terzo trimestre quando i lunghi più popolari hanno saltato ma i pantaloncini più popolari sono aumentati il ​​doppio …

… portando a un altro trimestre di perdite importanti per la maggior parte degli hedge fund nel terzo trimestre. Si è rivelata una decisione ancora peggiore quella di accumulare la stessa manciata di VIP momentum il 9 novembre, quando il vaccino Pfizer ha portato a un'inversione record delle scorte momentum e perdite catastrofiche per quella che fino ad allora era stata la migliore strategia dell'anno.

Allo stesso tempo, lo short squeeze senza precedenti ha continuato a riversarsi sulla stragrande maggioranza degli hedge fund, ma per la gioia dei nostri lettori, in particolare di coloro che hanno letto il nostro articolo del 20 novembre " Ecco le 50 azioni degli hedge fund più popolari e le 50 più corte " , in cui abbiamo detto che "come al solito, il nostro consiglio è di allungare i nomi più odiati e abbreviare quelli più popolari – una strategia che ha generato alpha a colpo sicuro negli ultimi 7 anni, da quando l'abbiamo consigliata per la prima volta nel 2013 . " Bene, dopo averlo scritto, i titoli più shortati sono saliti di un altro 12%, sovraperformando l'indice S&P 3x, confermando che la migliore strategia a Wall Street è fare l'opposto di ciò che sta facendo il consenso di Wall Street.

anche se a questo punto dovrebbe essere dolorosamente ovvio, ciò che i dati sopra mostrano è che l'affollamento della posizione degli hedge fund è ora pari o vicino ai massimi storici …

… semplicemente perché in un mondo in cui solo 5 azioni hanno generato la stragrande maggioranza dei rendimenti (e profitti), gli hedge fund non hanno altra scelta che ammassarsi.

Quindi, alla luce di questo recente sviluppo, dove in effetti non sono rimaste idee originali nel mondo degli hedge fund e dove l'affollamento del beta-chasing è emerso come l'unica alternativa a un mercato pianificato centralmente, ha affermato il Chief Investment Officer di NN Investment Partners quello che diciamo da anni, vale a dire che uno dei maggiori rischi per il consenso rialzista del mercato azionario per il prossimo anno è che gli investitori sono tutti inclini allo stesso modo e il sovraffollamento del mercato potrebbe bloccare il rally nella fase iniziale.

Valentijn van Nieuwenhuijzen, che aiuta a gestire i 295 miliardi di euro di asset di NN IP (356,09 miliardi di dollari), ha dichiarato al Reuters Global Investment Outlook Summit, 2021 di essere ampiamente d'accordo con il consenso sul sovrappeso in azioni e attività di rischio nel 2021 – che ironicamente lo è anche la battuta – poiché ha semplicemente contribuito alla stessa euforia che ammonisce contro, ammettendo che "potrebbero esserci problemi durante l'anno".

"Crediamo fermamente nell'evoluzione dei mercati e il comportamento dei nostri colleghi è qualcosa che monitoriamo molto da vicino", ha detto. "Se pensiamo che il consenso nel pensiero si sta trasformando in un ampio consenso di comportamento, con tutti che rotolano verso le azioni e lo stesso tipo di strategie, che potrebbero creare mercati più volatili da qualche parte alla fine del primo trimestre o all'inizio del secondo trimestre ".

Bene Valentijn, se non il nostro, allora prendi la parola di Goldman per questo: l'affollamento è stato raramente maggiore, e non solo tra gli hedge fund che stanno tutti inseguendo la stessa manciata di outperfomers della crescita, ma anche a Wall Street, dove le previsioni di consenso sono quasi uniformi per un altro aumento del 10% nell'S & P500 il prossimo anno con il lancio dei vaccini COVID-19 e la ripresa dell'economia globale mentre persistono massicci supporti di politica monetaria e fiscale.

Poi di nuovo, anche se le cose andranno male, come un obbediente cane pavloviano, Valentijn ricade sulla vecchia massima che le banche centrali saranno sempre lì per salvare i seguaci delle tendenze come lui: "Le banche centrali saranno super impegnate", ha detto. "Con enormi output gap, dubito che su un orizzonte di 3-5 anni ci sarà qualche cambiamento nel quadro dei livelli del debito o dell'inflazione".

Ha poi continuato a lanciare la stessa trippa di consenso che è alla base di tutto l'affollamento del mercato da cui mette in guardia: stai lontano dalle obbligazioni, i titoli tecnologici sono a rischio di una continua rotazione della reflazione, i mercati emergenti sono la bomba ( più qui ).

* * *

E anche se non c'era assolutamente alcun segnale in tutto il "rumore" di Valentijn, la sua osservazione che l'affollamento sta diventando un problema importante – come diciamo da anni – è stata la base dell'ultima nota di Nick Panigirtzoglou di JPM, autore del popolare Flows di JPMorgan e la newsletter sulla liquidità, nella quale ha preso avvertimenti che l'affollamento, o meglio, come dice lui stesso, il "consenso" potrebbe essere il rischio maggiore per il prossimo anno.

Riassumendo le sue conversazioni con i clienti nelle ultime due settimane in merito alle prospettive per il 2021, Panigirtzoglou scrive che è emerso un chiaro consenso:

  • una visione rialzista sulle azioni in generale nel 2021,
  • OW azioni non statunitensi rispetto a quelle statunitensi;
  • OW value e settori azionari ciclici su settori orientati alla crescita;
  • OW EM asset;
  • breve il dollaro;
  • breve durata e irripidimento nei tassi USA ed Euro;
  • credito lungo compreso il credito sovrano societario, emergente e periferico;
  • le materie prime lunghe, compreso il rame, per svolgere la ripresa ciclica della Cina e il petrolio per svolgere una ripresa ciclica globale;
  • oro lungo; e bitcoin lungo come proxy del dollaro corto.

Continua dicendo che "l'ultima volta che ricordiamo un consenso così forte è stato alla fine del 2017 / inizio 2018 nell'ambito delle nostre discussioni sull'outlook del 2018. In effetti, i temi del consensus trading all'epoca riguardo all'outlook del 2018 erano molto simili agli attuali temi di consenso ". Come promemoria, quello che è successo poi è lo scioglimento di gennaio che è culminato con la vendita di volumi da parte di tutti, provocando un cortocircuito nel complesso VIX, con tutti gli ETF VIX inversi che implodono in modo spettacolare nel febbraio 2018, portando a una breve ma dolorosa correzione del mercato.

Tracciando parallelismi con l'ultima volta che abbiamo visto una tale euforia sfrenata tre anni fa, il quant JPM poi avverte che "sfortunatamente, la visione del consenso raramente si riproduce nella sua interezza poiché il 2018 ci ricorda" aggiungendo che "per gli asset allocator, ciò che è quindi importante è scala le esposizioni per evitare un portafoglio eccessivamente concentrato ".

Tuttavia, a quale dei nove temi di trading di consenso si dovrebbe avere maggiore – e minore – esposizione? Un modo per scegliere tra loro è limitare l'esposizione a quelli più affollati. Anche se lasceremo che i lettori facciano i propri compiti sulla maggior parte dei temi di cui sopra, questo è ciò che scrive lo stratega JPM sulla posizione affollata di "azioni lunghe" all'inizio del 2021:

  • A breve termine, troviamo sacche di sovraestensione di posizione che rendono questo tema piuttosto affollato e soggetto a correzioni fino a gennaio. In primo luogo, i trader momentum sono azioni molto lunghe al momento nella maggior parte dei principali indici azionari. Ciò è mostrato nella Figura 1 che rappresenta la media dei nostri segnali di momentum del periodo di ricerca breve e lungo per gli indici S & P500, Nasdaq, Eustostocc50 e Nikkei. La maggior parte di questi sono vicini alla soglia di 1,5 std ev che tipicamente associamo a un alto rischio di flussi di ritorno alla media che entrano in gioco. In effetti, il nostro segnale di momentum per Eurostoxx50 ha già iniziato a decadere dopo aver superato la soglia di 1,5 stdev a novembre. Uno scenario simile è stato visto all'inizio di giugno di quest'anno in vista della riunione del FOMC di giugno, e più indietro durante l'inizio di quest'anno e l'inizio del 2018. Mancano solo dieci giorni al FOMC del 16 dicembre e il rischio è ancora una volta che la Fed delude gli investitori azionari.
  • In secondo luogo, gli investitori multi asset come fondi bilanciati e fondi con parità di rischio sono piuttosto azioni OW (Figura 2) che creano il rischio di flussi di ribilanciamento negativi a fine anno. Nella nostra pubblicazione del 20 novembre avevamo precedentemente stimato che i fondi comuni di investimento bilanciati, un universo da 7 trilioni di dollari, avrebbero dovuto vendere circa 160 miliardi di dollari di azioni a livello globale prima della fine dell'anno per tornare alla loro allocazione target di 60:40. Allo stesso modo, il forte rally del mercato azionario dall'inizio di novembre ha dato luogo a ulteriori 150 miliardi di dollari di potenziali vendite di azioni fino alla fine di dicembre da parte di quei fondi pensione che tendono a riequilibrare su base trimestrale.

Per riassumere gli avvertimenti di cui sopra, il tema "Azioni lunghe" non è solo il più affollato che sia mai stato tra gli hedge fund con una leva finanziaria lorda e netta record, ma anche estremamente affollato tatticamente con un posizionamento elevato da parte dei trader momentum e flussi di ribilanciamento da fondi comuni di investimento bilanciati e fondi pensione che rappresentano tutti "un rischio di ribasso fino alla fine dell'anno".

Ma dal momento che non si può allontanarsi dalla mandria – anche quando si avverte dei rischi di correre con la mandria (se si vuole fare soldi vendendo idee alla mandria) – JPM avverte che questa volta è diverso dall'euforia all'inizio del 2018, quando abbiamo visto per l'ultima volta un posizionamento così massiccio e unilaterale, e così JPM scrive che il suo "indicatore di posizionamento azionario a medio termine basato sull'allocazione implicita di azioni di investitori non bancari a livello globale si attesta a livelli medi piuttosto che ipercomprati".

Il che significa che, proprio come Morgan Stanley, il consiglio di JPMorgan è di badare alla brusca correzione imminente ma di acquistare prontamente il calo, ovvero "qualsiasi correzione azionaria a breve termine rappresenterebbe un'opportunità di acquisto in quanto a nostro avviso siamo solo a metà dell'attuale mercato rialzista ".

Considerando che ora siamo nella fase in cui non c'è modo di fermare l'elicottero del denaro che sono i bilanci delle banche centrali …

… JPMorgan ha probabilmente ragione sul fatto che qualsiasi calo da questo punto in poi dovrà comprare in vista dell'imminente iperinflazione almeno fino al momento in cui le valute legali e l'economia convenzionale perderanno finalmente ogni credibilità, il che segnerà la fine misericordiosa di questa sovietizzazione di ciò che era una volta chiamato "mercato".


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/PTtju8HT_S0/jpmorgan-warns-crowded-trades-and-bullish-consensus-are-biggest-threats-entering-2021 in data Sun, 06 Dec 2020 06:55:00 PST.