Il giudice della California abbatte il divieto WeChat di Trump sulle preoccupazioni del primo emendamento

Il giudice della California abbatte il divieto di WeChat di Trump sulle preoccupazioni del primo emendamento Tyler Durden Sun, 20/09/2020 – 14:35

In quello che è diventato uno spettacolo secondario per il dramma di TikTok che consuma la stampa economica, il presidente Trump ha dato la sua "benedizione" all'accordo proposto per trasformare l'attività globale di TikTok in una società con sede negli Stati Uniti, scongiurando una scadenza di domenica notte che avrebbe costretto Apple e Google per rimuovere l'app dai propri app store, un giudice americano ha bloccato il tentativo di Trump di forzare WeChat dal mercato statunitense.

Magistrate Judge degli Stati Uniti Laurel Beeler, un giudice con sede a – dove altro? – San Francisco, ha sostenuto che il divieto ha sollevato serie questioni relative al primo emendamento della costituzione, garantendo la libertà di parola negli Stati Uniti. L'amministrazione Trump, nel frattempo, sostiene che l'app minaccia la sicurezza nazionale americana creando un canale per Pechino per sottrarre i dati privati ​​dei cittadini americani.

I critici del divieto di Trump sia a destra che a sinistra hanno sostenuto che questo è un motivo per consigliare ai soldati americani ea chiunque lavori per il governo di evitare l'app, come ha fatto l'amministrazione. Ma non è un motivo valido per vietare l'app. Il giudice Beeler sembra essere d'accordo, affermando che l'argomento della sicurezza nazionale dell'amministrazione semplicemente non è abbastanza forte.

WeChat "funge da piazza pubblica virtuale per la comunità di lingua cinese e cino-americana negli Stati Uniti ed è (in pratica) il loro unico mezzo di comunicazione", ha scritto il giudice nella sentenza, datata sabato e rilasciata all'inizio di domenica Il suo divieto efficace "preclude l'accesso significativo alla comunicazione nella loro comunità e quindi opera come una precedente limitazione al loro diritto alla libertà di parola".

L'amministrazione statunitense aveva sostenuto che WeChat rappresentava una minaccia alla sicurezza nazionale a causa dei legami del suo proprietario Tencent con il PCC, così come la legge cinese che richiede a tutte le società cinesi di cooperare con il governo. Il giudice ha stabilito che, sebbene "certamente l'interesse generale del governo per la sicurezza nazionale sia significativo … [l'amministrazione ha] fornito poche prove che il suo effettivo divieto di WeChat per tutti gli utenti statunitensi affronta queste preoccupazioni".

La WeChat Users Alliance, il gruppo di terze parti che rappresenta gli utenti di WeChat (probabilmente un altro esempio di astroturfing aziendale), ha sostenuto che il divieto dell'amministrazione è motivato dalla politica e che i suoi utenti americani hanno bisogno dell'app perché non hanno altre opzioni per comunicare con i parenti in Cina. Il PCC ha effettivamente concesso a WeChat un monopolio, motivo per cui le aziende tecnologiche americane sono così disperate da non perdere la loro capacità di fare affari sulla piattaforma.

Fin dall'inizio, sembrava che l'amministrazione non avesse mai avuto un piano per risolvere il problema di WeChat, poiché il 100% dell'attenzione sembra essere stato su TikTok, un'app molto più popolare negli Stati Uniti. Forse Trump si aspettava semplicemente che un giudice intervenisse da sempre?


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/2nd8sOSq8cc/california-judge-strikes-down-trumps-wechat-ban in data Sun, 20 Sep 2020 11:35:00 PDT.