Il dollaro può sopravvivere sia alle criptovalute che alla Cina?

Il dollaro può sopravvivere sia alle criptovalute che alla Cina?

Scritto da Alexander Herborn e Gunther Schnabl tramite The Mises Institute,

Nel suo libro Denationalisation of Money , FA Hayek ha sostenuto che i governi non hanno mai dedicato il loro potere a fornire denaro adeguato nel tempo. “Si sono astenuti dall’abusarne grossolanamente solo quando erano soggetti a una disciplina come quella imposta dal gold standard”.

Il sostegno in oro del dollaro USA come valuta di riserva globale è stato revocato all'inizio degli anni '70 e le valute cartacee, le cosiddette valute legali, da allora sono diventate la norma.

A seguito di questa decisione, le valute cartacee hanno perso drasticamente valore rispetto all'oro (figura 1). Dall'inizio del millennio, questo processo ha notevolmente accelerato.

Figura 1: prezzo dell'oro in dollari USA

Fonte: Reuters.

Negli ultimi venti o trent'anni, la Federal Reserve e le altre principali banche centrali hanno abbassato costantemente i tassi di interesse e acquistato grandi quantità di titoli di stato e altre attività come obbligazioni societarie e titoli garantiti da attività. Ciò ha minato la fiducia nel dollaro USA e nell'euro come principali valute di riserva del mondo. È iniziata una fuga verso i beni materiali, in modo tale che le azioni, gli immobili e i metalli preziosi sono aumentati bruscamente di prezzo. Sono comparsi concorrenti per il "privilegio esorbitante" (Giscard d'Estaing) della valuta di riserva, poiché coloro che emettono le valute di riserva globali beneficiano di opportunità di prestito praticamente illimitate e immensi profitti dalla creazione di moneta. La competizione ha tre dimensioni.

In primo luogo, sono emerse valute digitali private decentralizzate in contrasto con i monopoli pubblici sulla creazione di denaro. Chiunque può creare (mio) il bitcoin pioniere, ma l'offerta è credibilmente limitata. I tassi di cambio delle valute cartacee (fiat) fluttuano. A differenza delle monete fiat, che si basano sul sistema bancario tradizionale, i pagamenti sono legittimati crittograficamente e non richiedono un intermediario centrale. Sono state create altre criptovalute (decentralizzate o centralizzate) come ether, ripple, tether e dogecoin (“altcoin”), ma sono considerate solo più o (prevalentemente) meno uguali ai bitcoin in termini di credibilità. Il forte aumento del valore delle criptovalute misurato in valute legali (figura 2) indica che, nonostante le forti fluttuazioni, molte persone si fidano della loro funzione di riserva di valore.

Figura 2: Prezzo di un Bitcoin in dollari USA

Fonte: Reuters.

In secondo luogo, un consorzio di aziende private attorno al gigante di Internet Facebook intende partecipare alla competizione per il monopolio monetario. A differenza di molte criptovalute, diem (ex libra) deve essere ancorato al dollaro USA (o all'euro). Viene quindi indicato come "stablecoin". La credibilità di questo peg è essenziale per la credibilità delle stablecoin, simili ai depositi bancari e alle quote di fondi del mercato monetario. La popolarità di Facebook potrebbe provocare una rapida diffusione dei diem. Il vantaggio di diem potrebbe essere che i pagamenti internazionali non richiedono intermediari e sono più economici. Soprattutto per molte persone nei paesi in via di sviluppo che non hanno un conto in banca, potrebbero essere interessanti. Se un giorno il tasso di cambio fisso attualmente annunciato dovesse essere allentato a favore di un graduale percorso di apprezzamento, l'incentivo a scambiare dollari USA o euro con diem sarebbe grande. Parte del signoraggio della Federal Reserve, della Banca centrale europea (BCE) e di altre banche centrali potrebbe poi andare nelle tasche di Facebook e Co.

In terzo luogo, la concorrenza per il privilegio esorbitante sembra essere emersa anche tra le valute cartacee . Fino ad ora, tutte le principali banche centrali avevano ampliato i propri bilanci in tandem con la Fed, in modo tale che la concorrenza tra le valute legali fosse di fatto sospesa. Eppure la Cina, che da tempo si è risentita dello status di valuta di riserva del dollaro USA, potrebbe ora ritirarsi da questo accordo. Molte transazioni commerciali e finanziarie nell'Asia orientale sono regolate in dollari USA e le valute dei paesi dell'Asia orientale sono ancora agganciate al biglietto verde. Ogni volta che la Fed espande l'offerta di moneta attraverso l'acquisto di titoli di stato statunitensi, le banche centrali dell'Asia orientale sono costrette ad acquistare dollari USA. In questo modo, aiutano a finanziare la spesa del governo degli Stati Uniti, ad esempio, costosi salvataggi sui mercati finanziari. Ronald I. McKinnon ha parlato di una linea di credito quasi illimitata per gli Stati Uniti, che è sempre più vista con sospetto nell'Asia orientale ("lo standard del dollaro non amato").

Figura 3: Detenzioni cinesi di titoli di stato statunitensi

Fonte: Tesoro USA.

Dal 2014 la Cina ha gradualmente ridotto le proprie disponibilità di titoli di stato statunitensi (figura 3). Invece di detenere titoli di stato statunitensi, sono stati effettuati investimenti in infrastrutture nei paesi in via di sviluppo e, come la Russia, la Cina ha aumentato le sue riserve auree (figura 4). Inoltre, il bilancio della Banca popolare cinese è cresciuto a un ritmo molto più lento di quello della Fed. Ciò era particolarmente vero durante la crisi della corona, in cui la Fed ha nuovamente ampliato notevolmente il proprio bilancio per stabilizzare l'economia statunitense. Nell'ultimo anno si è osservato un trend di apprezzamento del renminbi rispetto al dollaro USA, tale che l'incentivo a scambiare biglietti verdi con renminbi sta crescendo. Analogamente alla Germania e all'Europa occidentale negli anni '70, la Cina e i vicini con cui è fortemente intrecciata economicamente potrebbero staccarsi dal dollaro USA. Inoltre, la Cina ha accelerato lo sviluppo di un renminbi digitale il cui sistema di pagamento potrebbe minare la supremazia degli Stati Uniti nelle transazioni finanziarie internazionali.

Figura 4: Possessori d'oro ufficiali di Cina e Russia

Fonte: World Gold Council. Nota: c'è polemica sulle vere riserve d'oro.

Tuttavia, le principali banche centrali non staranno a guardare questa competizione. La BCE e la Fed stanno lavorando intensamente allo sviluppo delle proprie valute digitali della banca centrale (CBDC), che potrebbero consentire pagamenti decentralizzati al di fuori delle banche commerciali . Se i cittadini fossero scettici nei confronti di euro e dollari digitali, una regolamentazione severa o addirittura un divieto sulle criptovalute private potrebbe favorire la popolarità delle valute digitali della banca centrale. Gli avvertimenti di importanti funzionari della banca centrale come Christine Lagarde e Andrew Bailey secondo cui le criptovalute sono utilizzate in transazioni losche e comportano il rischio di una perdita totale non sembrano essere un deterrente sufficiente. La People's Bank of China ha già vietato le criptovalute come mezzo di pagamento.

L'esito di questa gara è incerto. Quel che è certo è che la credibilità delle principali valute legali ne ha risentito notevolmente. La loro instabilità ha alimentato le crisi e ha indebolito la crescita, quindi la domanda di una riserva di valore alternativa è alta. Chi resisterà meglio ai monopoli della valuta pubblica del dollaro e dell'euro dipenderà probabilmente dalla qualità della tecnologia sottostante (bitcoin contro altcoin) e dall'influenza dell'istituzione dietro di essa (Facebook contro la People's Bank of China). Tra i principali concorrenti solo bitcoin sembra avere una stabilità intrinseca e quindi una credibilità intrinseca. L'imminente riduzione dei costi di transazione potrebbe finalmente rafforzare la funzione dei bitcoin come mezzo di scambio.

Ma forse, di fronte alla crescente concorrenza, le maggiori banche centrali torneranno alla virtù della stabilità monetaria. Alla fine della fase di alta inflazione degli anni '70, Paul Volcker, in qualità di nuovo presidente della Fed, ruppe la schiena dell'inflazione con bruschi aumenti dei tassi di interesse. Ciò ha anche assicurato lo status di valuta di riserva internazionale del dollaro USA, che era stato messo in discussione dal marco tedesco. Ora bitcoin o yuan cinese potrebbero assumere il ruolo che il marco tedesco aveva negli anni '70. Se ciò accadesse ora, sarebbe la prova dell'effetto disciplinante della concorrenza valutaria come suggerito da Hayek.

Tyler Durden mar, 13/07/2021 – 20:05


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/9VgrfH8Ea5o/can-dollar-survive-both-cryptocurrencies-and-china in data Tue, 13 Jul 2021 17:05:00 PDT.