Il collasso è un processo, non un evento

Il collasso è un processo, non un evento Tyler Durden Mercoledì, 23/09/2020 – 18:40

Scritto da Chris Martenson tramite PeakProsperity.com,

Come si "va avanti" nei momenti difficili?

Senti, sono un ragazzo dei sistemi. Penso in termini di sistema. Dovresti farlo anche tu.

Perché?

Perché stiamo entrando in un periodo in cui i principali sistemi che hanno supportato l'umanità falliranno.

Oppure, in parole più precise: stanno già fallendo.

Come solo un esempio, il nostro sistema monetario offre guadagni fuori misura a coloro che sono già straordinariamente ricchi, accumulando enormi debiti sulle spalle di noi cittadini, sia nati che non ancora nati. La Federal Reserve statunitense è l'organismo non eletto e irresponsabile che è maggiormente responsabile per aver reso i miliardari americani quasi 1 trilione di dollari "più ricchi" dopo la pandemia.

I prossimi tre dati relativi alla Fed sono, in una parola, osceni.

Il primo mostra che la Federal Reserve statunitense ora “possiede” più debito federale statunitense di tutte le banche centrali estere. Il secondo mostra come i miliardari stiano diventando grottescamente più ricchi grazie agli sforzi di "salvataggio" della Fed. E l'ultimo mostra come la politica dei tassi bassi record della Fed abbia provocato un'esplosione del debito federale:

( Fonte )

( Fonte )

Questo è osceno (e irritante!) Per chiunque abbia a cuore il futuro. Lasciando da parte per un momento le questioni morali, possiamo almeno concludere che i comportamenti ei valori in mostra sono del tutto insostenibili.

Alla fine, spendere più soldi di quelli che hai finisce in rovina.

Parlando di spendere ciò che non hai, una storia simile può essere raccontata sul superamento ecologico e sulle pratiche estrattive dell'umanità: è simile a spendere sia la totalità del reddito da interessi che un capitale ogni anno dal nostro fondo fiduciario ambientale.

Non ci sono molte risorse che si possono indicare che non siano in qualche forma seria di declino o esaurimento, o entrambi. Già migliaia, se non milioni, di persone nell'ovest americano stanno prendendo in considerazione il trasferimento a causa del pericolo sempre presente di incendi dirompenti se non mortali:

I profughi climatici sono qui. Sono americani.

California, Oregon e Washington sono in fiamme.

Almeno 33 persone sono morte negli ultimi giorni e più di 5 milioni di acri sono stati bruciati a causa di incendi incontrollabili che imperversano nel West americano. La stagione degli incendi boschivi del 2020 in California è già la più distruttiva nella storia dello stato, superando il record stabilito nel 2018, che a sua volta ha battuto il record stabilito nel 2017. Gli esperti concordano sul fatto che l'aumento delle temperature dovuto ai cambiamenti climatici ha trasformato gran parte della regione in arbusti secchi , pronto a brillare in un istante.

"Questa è una dannata emergenza climatica", ha detto la scorsa settimana il governatore della California Gavin Newsom.

Disastri come questi sfollati. Decine di migliaia di sopravvissuti agli incendi sono stati costretti a fuggire dalle loro case e più di 500.000 – mezzo milione – dell'Oregon sono stati avvertiti che presto potrebbe essere ordinato di andarsene. Nel frattempo, molti sfollati si stanno riparando "in un assortimento di camper, auto e tende". Molti non sanno se le loro case saranno ancora in piedi quando cercheranno di tornare, o dove andranno se quelle case saranno davvero distrutte. Gli incendi prima o poi finiranno, ma per molti residenti nella regione il disastro è solo all'inizio.

La crisi dei rifugiati climatici è arrivata in America.

( Fonte )

Sono meno certo che possiamo attribuire questi incendi interamente al cambiamento climatico, poiché il cattivo uso del suolo e le pratiche di soppressione degli incendi hanno un ruolo importante. Ma sono certo che molte delle persone afflitte saranno convinte che gli incendi annuali su vasta scala sono ormai una caratteristica permanente della regione e questo farà sì che molti si trasferiscano in luoghi "più sicuri".

Una volta che quella percezione è saldamente a posto, le masse si trasferiranno. Allo stesso modo, vedremo le persone abbandonare le zone costiere che stanno già perdendo battaglie per l'innalzamento del livello del mare e altre aree in cui la siccità sta peggiorando.

Comunque si sommino i punti dati, si fondono in un unico tema: sono arrivati ​​cambiamenti enormi e dirompenti.

Puoi ignorare quella realtà ancora per un po '. O darsi da fare a rispondere.

Amico, è difficile

La parte più difficile nell'individuare il collasso non sta nei dati – che è chiaro come un campanello che suona in una mattina tranquilla – ma nella difficoltà emotiva di accettarlo (e poi agire su di esso).

C'è molta scienza dietro il modo in cui noi umani siamo predisposti ad accettare o rifiutare le informazioni in base al fatto che confermino o confutino, rispettivamente, i sistemi di credenze che già possediamo.

Nessuno desidera tempi più difficili per se stesso. Nessuno vuole perdere terreno finanziario o lasciare un mondo peggiore per i propri figli.

Ma quello che vogliamo non ha nulla a che fare con la realtà della situazione.

Quello che vogliamo è solitamente basato sui nostri sistemi di credenze preesistenti. Se questi non sono allineati con la realtà della situazione, le nostre migliori possibilità di successo personale risiedono nell'adattare le nostre convinzioni il più rapidamente possibile.

Mentre il nostro cervello può escogitare alcune intelligenti tattiche di ritardo e tecnologie per calciare via, la realtà è che siamo solo un altro organismo su un pianeta affollato, soggetto alle stesse regole di ogni altra forma di vita.

Quando abbiamo a disposizione ampie risorse, siamo creature pacifiche e creative. Facciamo cose davvero interessanti, come capire la teoria dei germi e produrre chip per computer.

Ma cosa succede quando le risorse sono limitate o addirittura insufficienti per sostenere la vita quotidiana?

Quindi gli umani si comportano male l'uno verso l'altro e diventano tribali, ma non in modo positivo. Litighiamo e entriamo in guerra per la diminuzione delle risorse. Non lo facciamo perché è una strategia dominante con una comprovata esperienza, lo facciamo a causa della nostra incapacità di riconoscere saggiamente in anticipo i limiti delle risorse ed evitarli abilmente.

Durante questi periodi, le élite hanno una nota tendenza ad aggrapparsi sempre più strettamente al loro vantaggio relativo piuttosto che cedere qualcosa al bene comune:

"Le persone privilegiate rischieranno sempre la loro completa distruzione piuttosto che cedere qualsiasi parte materiale del loro vantaggio."

– John Kenneth Galbraith

Questo è quello che sta succedendo adesso. L'ossigeno economico scarseggia e le élite sono impegnate a raccogliere da sole una quota gigantesca di quell'aria in declino (vedi il titolo del miliardario sopra) anche se decine di milioni di loro concittadini si trovano sempre più strangolati finanziariamente.

Dal punto di vista politico, l'unico vero impegno politico che posso rilevare (ed è uguale in entrambi i partiti politici statunitensi) è difendere lo status quo. In altre parole, si impegnano a mantenere ferme le cause dei nostri problemi.

Man mano che tutto procede, la maggior parte sperimenterà i cambiamenti come una serie di shock, forse a un ritmo troppo rapido per essere assorbito da alcuni e quindi diventerà travolgente per loro. I costi emotivi coinvolti renderanno tutto molto difficile da accettare, per me compreso (anche se mi considero un regolatore molto veloce).

Mentre i nostri sistemi continuano a fallire, a ridursi o addirittura a collassare, il ritmo dei cambiamenti continuerà a essere emotivamente scioccante. Vorrei che non fosse così. In modo frustrante, non doveva essere così.

Come andare avanti

La "previsione" che deriva da tutto ciò non è affatto una previsione, ma piuttosto una semplice estrapolazione: le cose continueranno sulle loro traiettorie attuali. Il collasso è in corso – ed è un processo, non un evento.

Per proteggere il loro vantaggio relativo, le élite faranno finta che i problemi siano difficili da affrontare e si opporranno ad affrontarli.

Ciò significa che il futuro consisterà in un maggiore divario di ricchezza, maggiori tensioni sociali e politiche, più violenza, cibo meno nutriente, meno insetti e altre specie, più cambiamenti climatici e un appuntamento difficile con la futura scarsità di risorse. E intendo duro.

Niente di tutto ciò è davvero così unico nell'esperienza umana. Né è qualcosa da temere necessariamente.

Come specie abbiamo affrontato molti momenti difficili in passato e li abbiamo superati. Ma alcuni riescono a superarli meglio di altri. Questo sarà altrettanto vero anche questa volta.

Come si "va avanti" nei momenti difficili?

Nella Parte 2: La mia formula personale per il successo fornisco una trasparenza senza limiti su come sto perseguendo la preparazione per il prossimo futuro, nonché su quali sforzi stanno funzionando più efficacemente per me finora.

Non c'è niente nella mia formula che non puoi adattare e creare da te. Ma devi seguirlo. E per farlo, devi iniziare a utilizzare il tempo che ti rimane con un appropriato senso di urgenza.

Fare clic qui per leggere la parte 2 di questo rapporto (sommario esecutivo gratuito, registrazione richiesta per l'accesso completo).


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/2QQjvT7Lu5U/collapse-process-not-event in data Wed, 23 Sep 2020 15:40:00 PDT.