I segnali del rapporto mensile dell’OPEC chiedono ottimismo, sulla buona strada per prosciugare le scorte di petrolio

I segnali del rapporto mensile dell'OPEC chiedono ottimismo, sulla buona strada per prosciugare le scorte di petrolio

L'OPEC, che all'inizio di questo mese ha sbalordito i mercati con la decisione unilaterale dell'Arabia Saudita di tagliare la produzione di petrolio di 1 miliardo di barili al giorno, è sulla buona strada con il suo obiettivo primario di esaurire le gonfie scorte di petrolio del mondo. Secondo l' ultimo rapporto mensile del cartello , l'OPEC fornirà in difetto i mercati mondiali del greggio anche se questo mese ripristina una produzione interrotta. E con l'aiuto dei tagli alla produzione recentemente annunciati dall'Arabia Saudita, il più grande esportatore del cartello, le scorte si esauriranno ulteriormente nei prossimi due mesi.

Il segretario generale dell'OPEC Mohammad Barkindo ha affermato mercoledì che la priorità principale del gruppo e dei suoi alleati è quella di ridurre le scorte "ostinatamente alte" lasciate indietro quando la pandemia ha schiacciato la domanda di carburante, che ha provocato una modesta svendita di petrolio.

"Ciò su cui ci concentriamo è come possiamo aiutare il mercato ad accelerare il prelievo delle azioni, al fine di riportare il mercato in equilibrio", ha detto Barkindo. Le scorte nei paesi industrializzati rimangono circa 160 milioni di barili al di sopra della loro media quinquennale, ha aggiunto.

Sebbene il rapporto pubblicato giovedì dal dipartimento di ricerca dell'OPEC a Vienna non abbia fatto previsioni sulle tendenze delle scorte, i dati in esso contenuti offrono una guida su come si svilupperanno gli equilibri. Gli sforzi dell'OPEC hanno rilanciato i prezzi del petrolio, scambiati vicino a un massimo di 10 mesi sopra i 53 dollari al barile a New York.

Per gentile concessione di Newsquawk , ecco i principali punti salienti del rapporto:

Sebbene le previsioni di crescita della domanda globale di petrolio per il 2021 rimangano invariate, il rapporto è obsoleto alla luce della riunione dell'OPEC + di gennaio, dei recenti sviluppi degli stimoli statunitensi e delle accelerazioni delle vaccinazioni

RICHIESTA:

  • Le previsioni di crescita della domanda mondiale di petrolio per il 2021, invariate rispetto al rapporto precedente, dovrebbero crescere di circa 5,90 mln di BPD a / a

COMMENTO DELLA DOMANDA:

  • Nella regione OCSE, si stima che il consumo di petrolio aumenterà di 2,6 milioni di barili al giorno a / a, ma rimarrà comunque inferiore ai livelli pre-pandemici.
  • Nella regione non OCSE, si stima che la domanda di petrolio aumenterà di 3,3 milioni di barili all'anno, trainata dalla Cina seguita da India e Altra Asia, e sostenuta da una ripresa delle attività economiche

COMMENTO SUI FONDAMENTI:

  • Gli investitori sono diventati più positivi riguardo a un rimbalzo economico e a una rapida ripresa della domanda di petrolio a seguito del lancio dei vaccini COVID-19 in diversi paesi
  • L'ottimismo del mercato si è rafforzato tra le prospettive di miglioramento dell'equilibrio del mercato petrolifero globale dopo che i produttori di DoC hanno deciso all'inizio di dicembre di adeguare volontariamente la loro produzione in modo modesto a partire da gennaio e hanno anche deciso di estendere il periodo di compensazione

FORNITURA:

  • La produzione di petrolio greggio OPEC-13 a dicembre è aumentata di 0,28 mln di BPD M / M a una media di 25,36 mln di BPD, secondo fonti secondarie
  • Le prospettive di offerta per il 2021 sono ora leggermente più ottimistiche per lo scisto statunitense con i prezzi del petrolio in aumento e la produzione dovrebbe riprendersi maggiormente nel 2H21. Va notato, tuttavia, che la spesa in conto capitale a monte nel 2021 dovrebbe rimanere ben al di sotto dei livelli del 2019, principalmente a causa degli investimenti significativamente inferiori nello scisto statunitense.

COMMENTO ALLA FORNITURA:

La produzione totale di petrolio greggio OPEC-13 è aumentata principalmente in Libia, Iraq e Emirati Arabi Uniti, mentre la produzione è diminuita principalmente in Nigeria, Congo e Angola.

Come osserva Newsquawk, ciò contrasta con il comunicato EIA STEO in cui l'agenzia taglia le previsioni per le previsioni di crescita della domanda mondiale di petrolio 2021 mentre l'OPEC ha mantenuto invariate le proprie. I rapporti suonano in termini di prospettive per la produzione statunitense, che dovrebbe aumentare nel prossimo anno.

Vale anche la pena notare che i dati sull'offerta sono obsoleti dato il più recente incontro OPEC + in cui Russia e Kazakistan aumentano la produzione ma mantengono le esportazioni (citando la domanda stagionale) e l'Arabia Saudita si è offerta di tagliare ulteriormente la produzione di 1 mln di BPD fino a febbraio e marzo.

Nel frattempo, anche il lato della domanda è probabilmente obsoleto, dato che i deflussi del Senato della Georgia degli Stati Uniti all'inizio di gennaio aumentano la prospettiva di uno stimolo statunitense più aggressivo, mentre i rapporti durante la notte suggeriscono che si sta pensando a 2 trilioni di dollari. Inoltre, i principali consumatori di petrolio in Europa hanno aumentato le vaccinazioni e gli acquisti di vaccini, il che potrebbe anche aumentare la stantia del rapporto.

Tyler Durden Gio, 14/01/2021 – 08:24


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/5qh58CaX64A/opec-monthly-report-signals-demand-optimism-track-drain-oil-inventories in data Thu, 14 Jan 2021 05:24:29 PST.