I miliardari dovrebbero esistere?

I miliardari dovrebbero esistere? Tyler Durden Sab, 26/09/2020 – 15:30

Scritto da Bradley Thomas tramite The Mises Institute,

Un mantra reso popolare da Bernie Sanders e da progressisti che la pensano allo stesso modo dichiara che "i miliardari non dovrebbero esistere".

La dichiarazione serve sia come dichiarazione dell '"immoralità" della disuguaglianza nella ricchezza, nonché come giustificazione per le ripide tasse di confisca sulla ricchezza favorite da artisti del calibro di Sanders ed Elizabeth Warren.

Durante la campagna elettorale l'anno scorso, Sanders ha detto : "Non credo che i miliardari dovrebbero esistere", aggiungendo che la sua proposta fiscale "non elimina i miliardari, ma elimina gran parte della ricchezza che hanno i miliardari, e penso che sia esattamente quello che dovremmo fare. "

L'obiettivo, secondo Sanders, è "ridurre il livello oltraggioso, grottesco e immorale di disuguaglianza di reddito e ricchezza".

La riduzione della disuguaglianza inizia con la tassazione della ricchezza da parte dello Stato da parte di chi è in possesso di un importo inaccettabile, seguita dalla ridistribuzione alle famiglie a basso reddito. I ricchi avranno di meno, ma il resto avrà di più, secondo la teoria. Disuguaglianza ridotta.

Ma come ha sottolineato Ludwig von Mises in Human Action , la confisca delle tasse sui ricchi può effettivamente far sì che i miliardari stiano leggermente peggio, ma il resto di noi sarà danneggiato più gravemente.

"Una legge che proibisce a qualsiasi individuo di accumulare più di dieci milioni o di guadagnare più di un milione all'anno limita le attività di quegli imprenditori che hanno più successo nel soddisfare i bisogni dei consumatori", ha scritto.

Sotto tale tassazione confiscativa, ha continuato Mises, “molti che sono multimilionari oggi vivrebbero in circostanze più modeste. Ma tutti quei nuovi rami dell'industria che forniscono alle masse articoli inauditi prima funzionerebbero, se non del tutto, su scala molto più piccola, ei loro prodotti sarebbero fuori dalla portata dell'uomo comune ".

Perché dovrebbe essere così? Secondo Mises, "La maggior parte di quella parte dei redditi più elevati che viene tassata sarebbe stata utilizzata per l'accumulo di capitale aggiuntivo".

Una maggiore produttività è resa possibile solo attraverso un maggiore investimento di capitale pro capite , quindi quando l'accumulazione di capitale è frenata dalle tasse di confisca, la quantità di beni e servizi immessi sul mercato è minore di quanto potrebbe essere altrimenti. Man mano che i beni diventano più scarsi, diventano fuori dalla portata delle famiglie a reddito medio e basso.

Articoli per la casa comuni che diamo per scontati, come aria condizionata, connessione internet, computer e smartphone rimarrebbero beni di lusso accessibili solo ai già ricchi.

E piani come quello di Sanders non solo non sarebbero riusciti a migliorare il tenore di vita dell'uomo comune, avvertì Mises; sposterebbero ulteriormente il potere dai cittadini nelle mani del governo.

“Anche in questo caso il problema è chi dovrebbe essere il supremo, i consumatori o il governo? In un mercato libero, il comportamento dei consumatori, il loro acquisto o l'astensione dall'acquisto, determina in ultima analisi il reddito e la ricchezza di ogni individuo. Si dovrebbe conferire al governo il potere di annullare le scelte dei consumatori? " Chiese Mises.

Un simile intervento nel funzionamento dell'economia di mercato, ha aggiunto Mises, renderebbe meno efficiente l'allocazione delle risorse della società.

“Chi serve meglio il pubblico, realizza i profitti più alti. Nella lotta ai profitti i governi sabotano deliberatamente il funzionamento dell'economia di mercato ”, ha scritto.

Un'allocazione meno efficiente delle risorse ci fa stare tutti peggio, un risultato sproporzionatamente dannoso per i poveri che Sanders e la compagnia affermano di sostenere.

Infine, Mises sottolinea che la tassazione confiscatoria sulla ricchezza serve a proteggere gli imprenditori già ricchi dalla concorrenza.

“È vero”, ammette Mises, “l'imposta sul reddito impedisce anche a loro [ai già ricchi] di accumulare nuovo capitale. Ma ciò che è più importante per loro è che impedisce al pericoloso nuovo arrivato di accumulare capitale ".

A questo proposito, le forti tasse sulla ricchezza proteggono le imprese esistenti dalla concorrenza, il che ostacola l'aspetto dinamico di un'economia di mercato.

"In questo senso la tassazione progressiva controlla il progresso economico e crea rigidità", ha concluso Mises. "Mentre sotto il capitalismo senza ostacoli la proprietà del capitale è una responsabilità che costringe il proprietario a servire i consumatori, i moderni metodi di tassazione lo trasformano in un privilegio".

Il desiderio di alcuni di imporre tasse di confisca ai ricchi è guidato in gran parte da un'invidia che li rende ciechi al fatto che tali tasse finirebbero per danneggiare l'uomo comune molto più dei miliardari. Inoltre, le tasse potrebbero servire a proteggere i già ricchi dalla concorrenza e ostacolare il progresso economico.

Può essere emotivamente soddisfacente per molti favorire l'appartenenza ai miliardari, ma la ragione ci informa che così facendo sono i poveri a pagare il prezzo più alto.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/HNjkwG86awk/should-billionaires-exist in data Sat, 26 Sep 2020 12:30:00 PDT.