I fondali marini sono il prossimo obiettivo della Cina

I fondali marini sono il prossimo obiettivo della Cina

Di Alex Gray di 19fortygive.com

Alla fine del 2020, un sommergibile cinese, il Fendouzhe, è sceso di oltre 30.000 piedi fino al fondo della Fossa delle Marianne, sede del punto più profondo degli oceani della terra, noto come Challenger Deep. Caricato con così tante apparecchiature di rilevamento che l'equipaggio ha aggiunto ulteriori materiali di galleggiamento per mantenerlo in equilibrio, il Fendouzhe ha stabilito un record nazionale per la profondità della sua immersione e ha trasmesso un feed live delle sue imprese alla Cina. Mentre la spedizione è stata annunciata come incentrata sulla vita animale della Fossa, i media statali hanno notato che l'esperienza di rilevamento sarebbe stata utile per il crescente interesse della Cina per l'estrazione mineraria in acque profonde.

Il fondale profondo, essenzialmente il fondo del fondo dell'oceano, è una fonte potenzialmente ricca di petrolio e gas; elementi come cobalto, rame e nichel, nonché degli elementi delle terre rare (REE) necessari per molte nuove tecnologie. Il presidente cinese Xi Jinping ha parlato ripetutamente della connessione tra "l'utilizzo dell'oceano" e la ricerca della Cina per il potere sia marittimo che nazionale. Nel 2016 ha parlato in modo specifico del mare profondo , dicendo: “il mare profondo contiene tesori che rimangono sconosciuti e non sviluppati, e per ottenere questi tesori dobbiamo controllare le tecnologie chiave per entrare nel mare profondo, scoprire il mare profondo, e sviluppando il mare profondo”.

La politica ha seguito la retorica. Nel febbraio 2016, la Cina ha iniziato a porre le basi per lo sfruttamento delle risorse dei fondali marini profondi con l'approvazione della legge della Repubblica popolare cinese sull'esplorazione e lo sviluppo delle risorse nelle aree dei fondali marini profondi . Nei piani quinquennali 12 ° (2011-2015) e 13 ° (2016-2020), la Cina ha dato la priorità alla "promozione della commercializzazione dell'estrazione mineraria in acque profonde, della produzione di attrezzature per acque profonde e dell'utilizzo di risorse biologiche di acque profonde". Pechino è già leader mondiale nel numero di contratti minerari in acque profonde intrapresi, con maggiori probabilità di seguire data l'ampiezza dei suoi sforzi di indagine e il livello di interesse mostrato dagli alti funzionari del Partito Comunista Cinese.

Pechino sta seguendo un modello familiare concentrandosi sui fondali marini profondi. Gli alti funzionari stanno pubblicamente esaltando l'importanza economica del dominio in un particolare dominio sottoutilizzato e lo collegano esplicitamente al ruolo più ampio della Cina nel mondo. Xi ha perseguito approcci simili nell'Artico e nell'Antartico, dichiarando la Cina una "grande potenza polare" nel 2014 . La strategia artica cinese del 2018 ha dichiarato Pechino una potenza "vicino-artica", accompagnata da una "Via della seta polare" progettata per accelerare l'influenza economica cinese nella regione.

In Antartide, nel frattempo, i funzionari cinesi hanno parlato regolarmente del potenziale di sfruttamento delle risorse del continente, nonostante i vincoli del Trattato Antartico (di cui la Cina è firmataria) alle attività estrattive. Gli studiosi cinesi sono arrivati ​​al punto di propagare il mito della scadenza del 2048 del Protocollo di Madrid che regola la condotta ambientale antartica, contro ogni evidenza e contraria al consenso internazionale. Da parte sua, Xi ha pubblicamente invitato la Cina a "sfruttare" l'Antartico.

Come nell'Artico e nell'Antartico, l'interesse della Cina per il dominio economico dei fondali marini ha una significativa componente militare. Nel 2018, un documento del Ministero della Difesa Nazionale ha identificato i domini rilevanti per l'Esercito di Liberazione del Popolo (PLA) per future operazioni globali. Oltre ai domini tradizionali come terra, aria, mare e spazio, il documento richiedeva "attività di confronto" in aree tra cui quantistica, intelligenza artificiale e, significativamente, il mare profondo.

Science of Strategy, un importante giornale militare cinese collegato alla sua National Defense University, ha notato il valore economico dei fondali marini già nel 2015 e ha parlato di "lotta militare nel mare profondo" come futuro dominio di guerra. Anche le revisioni alla legge sulla sicurezza nazionale del paese di quell'anno hanno contrassegnato i fondali marini come un'area di interesse nazionale per Pechino.

Il dominio cinese dei fondali marini profondi, sia in acque già contese come il Mar Cinese Meridionale e Orientale o più lontano nel Pacifico occidentale, dove la Cina ha condotto vaste indagini, anche vicino a territori degli Stati Uniti come Guam e il Commonwealth delle Isole Marianne Settentrionali, pone sfide militari significative per gli Stati Uniti e i suoi alleati.

Come mi ha detto di recente il capitano della marina statunitense in pensione James Fanell, ex direttore dell'intelligence per la flotta del Pacifico degli Stati Uniti: “Le operazioni di rilevamento dei fondali marini della Repubblica popolare cinese hanno due scopi. Uno, e quello più pubblicizzato, è trovare e sfruttare le risorse naturali e l'altro è raccogliere dati oceanografici per l'obiettivo strategico del Partito Comunista Cinese di espandere l'area geografica e la letalità della forza sottomarina della Marina del PLA”.

Fanell ha notato che tali operazioni forniscono alla Marina del PLA i dati oceanografici sui contorni del fondo, la temperatura dell'acqua, la salinità e altre metriche di ciò che i cinesi chiamano "ambiente spaziale di battaglia dell'oceano" (海战场环境). Questo tipo di informazioni facilita l'obiettivo della Marina del PLA di neutralizzare uno dei vantaggi bellici di lunga data degli Stati Uniti: il controllo del dominio sottomarino.

L'attuale meccanismo internazionale per la regolamentazione dei fondali marini è l'International Seabed Authority (ISA), istituita nell'ambito della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS). Gli Stati Uniti non sono parte di nessuno dei due accordi e per una buona ragione. Non solo la Cina è il più grande finanziatore dell'ISA, ma il suo quadro istituzionale rimane pesantemente gravato dagli interessi economici e strategici degli Stati Uniti. Il Senato ha costantemente fallito nel ratificare l'adesione degli Stati Uniti all'UNCLOS e all'ISA a causa delle preoccupazioni sulla sovranità e sull'efficacia di entrambi i meccanismi nel sostenere gli interessi americani.

Gli Stati Uniti contrasteranno nel modo più efficace le attività nei fondali marini di Pechino lavorando in modo proattivo con stati che la pensano allo stesso modo, inclusi i membri del "Quad" Australia, Giappone e India e partner fidati come Taiwan, per monitorare le attività della Cina e rispondere di conseguenza. I tentativi di sfruttare economicamente i fondali marini in modi contrari alle migliori pratiche internazionali, o di militarizzarli, dovrebbero essere fortemente condannati.

Una strategia alleata per difendere i fondali marini dalle predazioni di Pechino richiede, come nelle regioni polari, una risposta sia economica che militare, realizzando il legame intrinseco tra loro nell'arte di governo cinese. Come le strategie artiche create dal governo degli Stati Uniti negli ultimi anni, un simile documento unificato per i fondali marini aiuterebbe a coordinare gli sforzi tra le agenzie economiche, scientifiche e militari e a focalizzare l'attenzione sulle ambizioni della Cina e sulla sua sfida agli interessi americani.

Ulteriori risorse di intelligence, sorveglianza e ricognizione devono essere dedicate a prevenire il rilevamento cinese in acque profonde non monitorato nelle acque territoriali statunitensi, nelle zone economiche esclusive (ZEE) o nelle acque o ZEE dei tre Stati di libera associazione (FAS) per la cui difesa gli Stati Uniti è responsabile. Alleati come il Giappone e l'Australia possono svolgere un ruolo importante nel monitorare l'attività di Pechino nei loro cortili.

Mentre la Cina continua ad espandere le sue attività in numerosi domini e le sue aspirazioni economiche e militari si intrecciano sempre più, gli Stati Uniti e i suoi partner devono adattarsi e rispondere di conseguenza. I fondali profondi, come l'Artico e l'Antartico prima di esso, diventeranno sempre più un'area di competizione tra grandi potenze che richiederà l'attenzione di Washington e una chiara strategia per la conservazione degli interessi statunitensi.

Alex Gray è Senior Fellow in National Security Affairs presso l'American Foreign Policy Council. Gray è stato Direttore per la sicurezza dell'Oceania e dell'Indo-Pacifico presso il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca (NSC) dal 2018 al 2019.

Tyler Durden ven, 23/07/2021 – 20:20


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/-lH-Ogo3_8c/deep-seabed-chinas-next-target in data Fri, 23 Jul 2021 17:20:00 PDT.