Gli Stati Uniti fanno un passo senza precedenti nell’imporre sanzioni al figlio adolescente di Assad

Gli Stati Uniti fanno un passo senza precedenti per imporre sanzioni al figlio adolescente di Assad Tyler Durden Ven, 31/07/2020 – 21:45

Questa settimana gli Stati Uniti hanno imposto una nuova serie di sanzioni contro il governo siriano e, sebbene non si tratti di una novità, ciò che sta guadagnando attenzione è il passo senza precedenti che Washington ha fatto contro il figlio adolescente di Bashar al-Assad .

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha citato che le continue sanzioni previste dal "Caesar Act" erano dirette a porre fine alla "brutale guerra di Assad contro il popolo siriano".

Il figlio maggiore del presidente Assad, Hafez Bashar al-Assad , di 18 anni (dal nome di suo nonno che in precedenza aveva governato la Siria), non è noto per essere politicamente attivo o connesso e non ha alcuna carica o capacità decisionale , ma ora sotto il nuovo sanzioni che non gli saranno consentite di viaggiare o di avere beni negli Stati Uniti, riferisce The Guardian .

Quando è stato premuto, i funzionari statunitensi hanno ammesso che l' azione contro i bambini di Assad è preventiva. Il vice assistente del segretario di Stato americano, Joel Rayburn, è stato citato come segue :

Alla domanda sul perché il figlio adolescente di Assad sia stato aggiunto all'elenco – è nato nel 2001 – Rayburn ha dichiarato: “C'è stata una tendenza degli attori del regime siriano e degli uomini d'affari attivi nel regime a fare affari attraverso i loro familiari adulti per eludere le sanzioni ".

"Sembra molto chiaro che l'immediata famiglia di Bashar al-Assad e i loro suoceri stanno tentando di consolidare il potere economico all'interno della Siria in modo che possano usarlo per consolidare ulteriormente il potere politico".

Ha detto: "Assad userebbe tale potere solo per rafforzare la macchina per uccidere contro il popolo siriano". Ha negato che le sanzioni avrebbero avuto alcun impatto sul commercio umanitario o sull'economia del Libano.

Tuttavia, molti analisti hanno sottolineato che le sanzioni sono progettate per garantire che la Siria non si riprenda mai dalla sua schiacciata economia del tempo di guerra, per non parlare dei miliardi di danni a edifici, case e infrastrutture in tutto il paese.

Hafez al-Assad, 18 anni, prende il nome da suo nonno, che governava la Siria prima di Bashar. Fonte immagine: Reuters

Altrettanto interessante è il fatto che le sanzioni non riguardano la provincia di Idlib detenuta da al-Qaeda, né la parte a nord-est del paese ricca di petrolio e gas occupata dalle forze statunitensi a sostegno delle forze democratiche siriane a guida curda (SDF).

Le sanzioni statunitensi di vasta portata ora essenzialmente "inseriscono nella lista nera" chiunque faccia affari con Damasco per qualsiasi motivo . Come commentatore geopolitica Jason Ditz sottolinea : "Questo sarebbe coprire un sacco di commercio di base Siria potrebbe impegnarsi in nel corso della ricostruzione, in particolare l'importazione di merci e servizi, e può costringere la Siria a ritardare tale ricostruzione per mancanza di imprenditori disposti."

Sembra quindi che la guerra degli Stati Uniti contro la Siria proseguirà per molti altri anni a venire.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/4sG0bFDm8Hg/us-takes-unprecedented-move-imposing-sanctions-assads-teenage-son in data Fri, 31 Jul 2020 18:45:00 PDT.