“Free Assange” – Ron Paul infuria “Questa è una guerra alla verità”

"Free Assange" – Ron Paul Rages "This Is A War On Truth" Tyler Durden Lun, 21/09/2020 – 17:14

Scritto da Ron Paul tramite il Ron Paul Institute for Peace & Prosperity,

È pericoloso rivelare la verità sulle cose illegali e immorali che il nostro governo fa con i nostri soldi e in nostro nome , e la guerra contro i giornalisti che osano rivelare tali verità è un affare molto bipartisan. Basta chiedere al fondatore di Wikileaks Julian Assange, che è stato inesorabilmente perseguitato prima dall'amministrazione Obama e ora dall'amministrazione Trump per il "crimine" di aver denunciato i crimini perpetrati dal governo degli Stati Uniti.

Assange ora sta letteralmente combattendo per la sua vita, mentre cerca di evitare di essere estradato negli Stati Uniti dove rischia 175 anni di prigione per aver violato l '"Espionage Act". Anche se non ha senso essere perseguito come traditore di un paese di cui non si è cittadini, l'idea che i giornalisti che fanno il loro lavoro e denunciano la criminalità nelle alte sfere siano trattati come traditori è profondamente pericolosa in una società libera.

Per aggirare la garanzia di libertà di stampa del Primo Emendamento, i tormentatori di Assange affermano semplicemente che non è un giornalista. L'allora direttore della CIA Mike Pompeo dichiarò che Wikileaks era un "servizio di intelligence ostile" aiutato dalla Russia. Ironia della sorte, questo è più o meno quello che dicono i Democratici di Assange.

All'inizio di questo mese, un giudice della corte d'appello federale degli Stati Uniti ha stabilito che la raccolta in blocco di tabulati telefonici americani da parte della NSA era illegale. Quel programma di raccolta in blocco, nato dal PATRIOT Act anti-americano, ci è stato rivelato per la prima volta dall'informatore Edward Snowden poco più di sette anni fa.

Ecco perché gli informatori e coloro che pubblicano le loro informazioni sono così importanti. Se non fosse per Snowden e Assange, non sapremmo mai di questa criminalità governativa. E se non siamo mai a conoscenza di comportamenti illeciti da parte del governo, non si può mai ritenere che sia criminale. Questo è conveniente per i governi, ma è anche una ricetta per la tirannia.

Mentre potremmo aspettarci che i media statunitensi vengano aggressivamente in aiuto di un collega giornalista perseguitato dal governo per aver svolto il suo lavoro, sta accadendo il contrario. Come ha scritto il giornalista Glen Greenwald la scorsa settimana, i media mainstream statunitensi ignorano completamente il processo per l'estradizione di Assange.

Perché dovrebbero fare una cosa del genere? Politica partigiana. I giornalisti – con poche importanti eccezioni come lo stesso Greenwald – non sono più interessati a scavare e riportare la verità. In questi giorni credono di avere una "vocazione superiore".

Come dice Greenwald, "Se parti dalla premessa che Trump è un dittatore fascista che ha portato la tirannia nazista negli Stati Uniti, allora non è così irrazionale credere che chiunque abbia contribuito a dare potere a Trump (che è come vedono Assange) merita di essere imprigionato, da qui la mancanza di preoccupazione al riguardo ".

Potrebbe sembrare una buona idea a questi giornalisti a breve termine, ma se il giornalismo stesso diventasse un'estensione del potere del governo piuttosto che un controllo su quel potere sarebbe profondamente dannoso.

Non possiamo avere una società che si autogoverna come era intesa per la nostra Repubblica se il governo, con la complicità dei media mainstream, decide che ci sono cose che non ci è permesso sapere al riguardo. Il presidente Trump dovrebbe porre fine alla guerra del governo degli Stati Uniti contro Assange … e contro tutti gli informatori e i loro editori.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/J0-fen7mnS0/ron-paul-rages-free-assange-war-truth in data Mon, 21 Sep 2020 14:14:57 PDT.