Bridgewater di Dalio avverte di “Lost Decade” per gli stock

Dalio's Bridgewater avverte di "Lost Decade" per le azioni Tyler Durden Thu, 18/06/2020 – 18:39

Alla fine di gennaio, quando i media riportavano i primi casi di una strana malattia simile alla polmonite che si diffondeva a Wuhan, Ray Dalio apparve sulla CNBC durante l'annuale pellegrinaggio miliardario a Davos, dove fece un commento che sarebbe presto tornato per perseguitarlo: " Non puoi saltare in contanti. I contanti sono spazzatura".

Dalio non sapeva che solo un mese dopo l'economia globale si sarebbe fermata, il mercato azionario americano avrebbe subito il calo maggiore dalla crisi finanziaria, la Fed avrebbe annunciato il più grande salvataggio mai realizzato in America e il Congresso avrebbe scatenato uno stimolo fiscale programmare cose del genere mai viste prima.

Avanti veloce di cinque mesi, quando in una recente lettera agli investitori di Bridgewater, Dalio avverte che un'inversione della forte crescita osservata negli anni nei margini di profitto delle società statunitensi potrebbe portare a un " decennio perduto " per gli investitori azionari.

Quindi … il denaro è il re?

Nella lettera del 16 giugno vista da Bloomberg, gli analisti di Bridgewater scrivono che i margini, che hanno fornito una grossa fetta del rendimento in eccesso delle azioni rispetto ai contanti, potrebbero affrontare uno spostamento che andrebbe oltre l'attuale rallentamento ciclico degli utili. Si riferiscono alla seguente drammatica divergenza tra i margini di reddito S&P – che sono sempre alti se – e i veri profitti aziendali non verniciati, che, come mostrato nella tabella Goldman in basso, sono crollati a minimi decennali anche prima del colpo di pandemia del Coronavirus.

"La globalizzazione, forse il più grande motore della redditività del mondo sviluppato negli ultimi decenni, ha già raggiunto il picco", ha aggiunto Bridgewater, aggiungendo che "ora il conflitto USA-Cina e la pandemia globale stanno accelerando ulteriormente le mosse delle multinazionali per risistemare e duplicare le catene di approvvigionamento, con attenzione all'affidabilità piuttosto che alla sola ottimizzazione dei costi ".

La tendenza alla deglobalizzazione si è accelerata solo nelle ultime settimane poiché il crollo della domanda indotto dalla pandemia ha già portato a un enorme calo dei margini di profitto a breve termine, hanno aggiunto gli analisti.

Bridgewater ha citato Intel e Taiwan Semi come due esempi di aziende che hanno annunciato le loro intenzioni di costruire strutture di produzione negli Stati Uniti, nonostante i costi più elevati.

"Anche se i profitti complessivi si riprenderanno, alcune società moriranno o le loro azioni si svaluteranno lungo la strada. Rimanendo con livelli più bassi di profitti e carenze di liquidità, è probabile che le società usciranno dall'altro lato del coronavirus più indebitate", ha avvertito il rapporto , appropriatamente proprio come la percentuale di società zombi negli Stati Uniti – quelle che non riescono nemmeno a finanziare le loro spese per interessi – è un massimo storico, mantenuta viva solo grazie agli acquisti diretti di obbligazioni societarie da parte della Fed.

Bridgewater ha ragione? Considerando che meno di mezzo anno fa, il suo fondatore miliardario stava esortando la popolazione più ampia a far parte di un portafoglio ben diversificato poco prima che le scorte globali subissero il loro più grande incidente negli ultimi decenni, si può certamente essere cinici, soprattutto in un momento in cui i rivenditori al dettaglio su Robinhood può ritirarsi in pochi giorni di trading se scelgono lo slick momentum stock du jour. D'altra parte, se Dalio ha ragione, sta effettivamente dicendo che la Fed non sarà più in grado di spingere azioni sempre più alte, il che arriverà in un momento in cui Powell ha confermato la scorsa settimana che è sua intenzione far esplodere una bolla patrimoniale ancora più grande nella speranza di creare posti di lavoro, significa che la Fed perderà il controllo.

Naturalmente, finora la Fed (e gli investitori al dettaglio) stanno vincendo: come abbiamo riportato la scorsa settimana, il gigante degli hedge fund ha subito un calo del 15% delle attività gestite durante marzo e aprile, poiché le sue attività sono scese a $ 138 miliardi alla fine di Aprile da $ 163 miliardi alla fine di febbraio.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su ZeroHedge all’URL http://feedproxy.google.com/~r/zerohedge/feed/~3/ugGspEbObcA/dalios-bridgewater-warns-lost-decade-stocks in data Thu, 18 Jun 2020 15:39:00 PDT.