In che modo il tuo cuore influenza ciò che percepisci e temi

Il battito cardiaco e altri processi corporei svolgono un ruolo sorprendente nel modellare la percezione e la cognizione.

Consideriamo il cervello il centro stesso di ciò che siamo e di ciò che facciamo: sovrano dei nostri sensi, padrone dei nostri movimenti; generatore di pensiero, custode della memoria. Ma il cervello è anche radicato in un corpo e la connessione tra i due va in entrambe le direzioni. Se alcuni recettori interni indicano la fame, per esempio, siamo spinti a mangiare; se indicano freddo, ci vestiamo più calorosamente.

Tuttavia, decenni di ricerche hanno anche dimostrato che quelle sensazioni fanno molto più che allertare il cervello sulle preoccupazioni e sui bisogni immediati del corpo. Mentre il cuore, i polmoni, l'intestino e altri organi trasmettono informazioni al cervello, influenzano il modo in cui percepiamo e interagiamo con il nostro ambiente in modi sorprendentemente profondi. Recenti studi sul cuore, in particolare, hanno fornito agli scienziati nuove intuizioni sul ruolo che i processi più elementari del corpo svolgono nel definire la nostra esperienza del mondo.

Alla fine del 19 ° secolo, lo psicologo William James e il medico Carl Lange hanno proposto che gli stati emotivi sono la percezione del cervello di alcuni cambiamenti corporei in risposta a uno stimolo – che un cuore pulsante o un respiro superficiale generano emozioni come la paura o la rabbia piuttosto che vice versa. Da allora i ricercatori hanno trovato molti esempi di eccitazione fisiologica che porta all'eccitazione emotiva, ma hanno voluto approfondire questo legame.

Il battito del cuore ha fornito i mezzi perfetti per farlo.

Il cuore punta sull'altalena

L'attività cardiaca può essere suddivisa in due fasi: sistole, quando il muscolo cardiaco si contrae e pompa il sangue, seguito da diastole, quando si rilassa e si riempie di sangue.

A partire dagli anni '30, gli scienziati hanno scoperto che la sistole smorza il dolore e frena i riflessi sbalorditivi. Ulteriori lavori hanno fatto risalire questo effetto al fatto che durante la sistole, i sensori di pressione inviano segnali sull'attività del cuore alle regioni inibitrici del cervello. Questo può essere utile perché, mentre il cervello deve costantemente bilanciare e integrare i segnali interni ed esterni, "non puoi prestare attenzione a tutto in una volta", ha detto Ofer Perl, un ricercatore post-dottorato presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York . Gli esperimenti hanno anche mostrato che le persone avevano maggiori probabilità di dimenticare le parole presentate esattamente alla sistole rispetto alle parole che vedevano e codificavano durante il resto del ciclo cardiaco.

"Vedo davvero i sensi come un'altalena", ha detto Sarah Garfinkel , neuroscienziata della Brighton and Sussex Medical School in Inghilterra e una delle principali investigatrici del lavoro sulla memoria. “Quando percepisci qualcosa dall'interno, smorza l'elaborazione dei segnali esterni. Quando il battito del tuo cuore sta andando, allora sta semplicemente caricando l'altalena su un lato. "

Gli effetti inibitori del cuore sono stati nuovamente dimostrati nel lavoro pubblicato a maggio negli Atti della National Academy of Sciences . Quando le persone presentavano uno stimolo elettrico a malapena rilevabile al dito, avevano maggiori probabilità di percepirlo durante la diastole e di perderlo durante la sistole. Inoltre, i partecipanti con maggiori risposte neurali all'attività cardiaca erano meno sensibili allo stimolo. "È affascinante che, anche in questo intervallo di millisecondi, la nostra percezione possa cambiare", ha affermato Esra Al , una studentessa di dottorato presso il Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences e autore principale dello studio.

Il team ha notato come il cuore potrebbe "caricare l'altalena" in questo caso. Durante la sistole, mentre il cuore spinge il sangue nel resto del corpo, è possibile sentire il polso nelle punte delle dita. È vantaggioso per il cervello cancellare quei segnali poiché non forniscono nuove informazioni sull'ambiente, ma nel fare ciò, anche le lievi sensazioni tattili potrebbero essere soppresse.

Ciò che non sembra essere soppresso, tuttavia, è la paura.

La paura irrompe

Nel 2014, Garfinkel e i suoi colleghi hanno dimostrato che l'elaborazione della paura e degli stimoli minacciosi non è stata inibita alla sistole . Mentre la sistole ha attivato regioni cerebrali inibitorie, ha anche attivato l'amigdala, un'area implicata nell'esperienza della paura. I ricercatori hanno scoperto che durante la sistole, le persone tendevano a percepire i volti spaventosi più intensamente. Questo non è il caso dei volti che esprimono un'emozione neutra: i partecipanti allo studio hanno valutato quelli come meno intensi durante la sistole; quell'elaborazione sembrava ottenere il solito trattamento di smorzamento. "La cosa più sorprendente della paura è che sfonda", ha detto Garfinkel. "È impermeabile a questo effetto inibitorio del cuore."

Questa è probabilmente una risposta adattativa al maggior numero di sistole che la paura provoca. “Se il tuo cuore batte molto forte e veloce e sei in uno stato di paura, non vuoi essere sensibile al dolore. Vuoi essere in grado di investirti su ramoscelli e vetri rotti per sfuggire alla minaccia ”, ha detto Garfinkel. “Ma vuoi essere iper-allerta per una minaccia nell'ambiente. … La paura è qualcosa che può aiutarti a sopravvivere. "

Garfinkel ha recentemente scoperto che questo legame con la paura è persino più forte del previsto. Come descritto in una prestampa ora in fase di revisione per la pubblicazione, lei e il suo team hanno condizionato i soggetti del test per associare alcune forme a una lieve scossa elettrica, quindi le hanno presentate con quelle forme – oltre a quelle più neutre – durante la sistole e la diastole. L'aspettativa era che le persone mostrassero sempre più paura delle forme associate allo shock. Invece, i partecipanti hanno risposto con più timore a tutte le forme che sono state presentate alla sistole. "E questo li mette in imbarazzo apprendendo, inizialmente, cosa è associato allo shock o non allo shock", ha detto Garfinkel. “C'è qualcosa di inerente alla cosa che viene presentata quando il cuore batte, che è più spaventoso. Ed è così forte. È un effetto così forte, mi ha davvero fatto impazzire. "

"Il segnale del battito cardiaco ha un valore intrinseco minaccioso, che rallenta il disimparare la minaccia", ha affermato Hugo Critchley , psichiatra della Brighton and Sussex Medical School e un altro autore dello studio.

Quando il mondo interiore governa

Adattamenti a risposte diverse dalla paura possono anche essere basati su questo accoppiamento di battito cardiaco e inibizione. In un articolo pubblicato su Cognition a marzo, i ricercatori hanno scoperto che i movimenti oculari si verificano più spesso alla sistole, mentre fissiamo il nostro sguardo su un bersaglio più spesso durante la diastole. Durante i rapidi movimenti oculari, il cervello ci acceca momentaneamente in modo che non vediamo saltare l'ambiente circostante. Sembriamo che il campionamento dell'ambiente visivo coincida con momenti di quiescenza interiore.

"La sistole è il punto in cui sei meno sensibile al mondo, quando l'elaborazione tende a essere attenuata – quando il mondo interno governa", ha affermato Garfinkel, che non è stato coinvolto nello studio. "Quindi ha senso accoppiare i movimenti degli occhi ed essere ciechi quando non ti dispiace tanto del mondo esterno."

Critchley, Garfinkel e altri hanno anche scoperto che la sistole ha maggiori probabilità di migliorare l'elaborazione della paura nelle persone con ansia. I ricercatori ora sperano che il loro lavoro possa guidare le terapie per alcune fobie e il disturbo da stress post-traumatico. "Se puoi cambiare quanto sono minacciosi gli stimoli" presentandoli in diverse fasi del ciclo cardiaco, ha detto Critchley, "allora puoi far uscire le persone dagli stati d'ansia in una forma o nell'altra".

Altri scienziati stanno studiando come il campionamento delle informazioni e l'elaborazione sensoriale, nonché il comportamento, possano essere adattati in modo adattativo ad altri ritmi fisiologici, come la respirazione e la digestione. Ciò che è evidente anche in quell'opera è che "il mondo non è solo una cosa stabile", ha detto Garfinkel. "Il modo in cui lo percepiamo si basa sui nostri corpi".


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Quanta Magazine all’URL https://www.quantamagazine.org/how-your-heart-influences-what-you-perceive-and-fear-20200706/ in data Mon, 06 Jul 2020 13:54:39 +0000.