“Non credere a bugiardi comprovati”: lo standard minimo assoluto di prudenza nel controllo delle concentrazioni

"C'è un vecchio detto nel Tennessee – so che è in Texas, probabilmente nel Tennessee – che dice, prendimi in giro una volta, vergogna – vergogna per te. Stupidami – non puoi farti fregare di nuovo." -Presidente George W. Bush

L'applicazione degli anti-monopoli ha subito un cambiamento significativo dagli anni '70. Laddove un tempo il Dipartimento di Giustizia un tempo proponeva azioni legali contro le fusioni anticoncorrenziali, oggi è estremamente raro, anche tra società giganti in settori altamente concentrati . (Il rimedio più forte contro un monopolista – distruggerli del tutto – è una reliquia del passato ). I regolatori erano soliti recarsi in tribunale per bloccare le fusioni per impedire alle aziende di crescere così grandi da poter abusare del loro potere di mercato. Al posto di bloccare le fusioni, gli attuali regolatori della concorrenza amano aggiungere termini e condizioni, esigendo promesse da parte delle aziende di comportarsi dopo il completamento della fusione. Questa protezione continua a godere di popolarità tra i regolatori della concorrenza, nonostante il fatto che le aziende rompano regolarmente le promesse del pubblico di salvaguardare la privacy degli utenti e raramente affrontano le conseguenze per farlo. (Questi due fatti possono essere correlati!) Quando vengono sanzionati, la punizione non supera quasi mai i profitti della promessa non mantenuta. " Una multa è un prezzo. " Oggi, vorremmo proporre un modesto miglioramento incrementale a questo deterrente sottovalutato:

Se una società infrange una promessa e quindi fa la stessa promessa quando cerca l'approvazione per una fusione, non dovremmo crederci.

Continua a leggere per tre importanti promesse non mantenute che saremmo stupidi a credere ancora.

"C'è un babbeo nato ogni minuto" -Tradizionale (spesso erroneamente attribuito a PT Barnum)

Amazon ha promesso di non utilizzare i dati dei venditori sulla sua piattaforma per lanciare prodotti concorrenti. Ha mentito. Nell'estate del 2019, il consigliere generale di Amazon Nate Sutton ha chiarito la posizione dell'azienda quando ha detto al Congresso: "Non usiamo i dati dei singoli venditori direttamente per competere". Ad aprile, il Wall Street Journal ha parlato con 20 ex dipendenti di Amazon che hanno affermato di aver fatto esattamente questo, confermando i sospetti dei venditori di Amazon, a cui era stato detto che era solo una coincidenza che il più grande rivenditore online del mondo continuasse a clonare i prodotti di maggior successo sulla sua piattaforma.

"La follia sta facendo sempre la stessa cosa, ma si aspetta risultati diversi". -Rita Mae Brown (spesso erroneamente attribuita ad Albert Einstein)

Nel 2014, Facebook ha acquistato WhatsApp per $ 19 miliardi e ha promesso agli utenti che non avrebbe raccolto i propri dati e non li avrebbe mescolati con le scoperte di sorveglianza ottenute da Facebook e Instagram. Ha mentito . Anni dopo, Facebook mescola i dati di tutte le sue proprietà, estraendoli per dati che alla fine aiutano gli inserzionisti, le campagne politiche e i truffatori a trovare prospettive per qualsiasi cosa stiano vendendo. Oggi Facebook sta acquisendo Giphy, e mentre attualmente Giphy non tiene traccia degli utenti quando incorporano GIF nei messaggi, Facebook potrebbe iniziare a farlo in qualsiasi momento.

"Una volta succede. Due volte è una coincidenza. La terza volta è un'azione nemica." -Ian Fleming

Nel 2007, Google ha acquistato DoubleClick, una rete di pubblicità web. Ha promesso di non unire i dati pubblicitari con i profili utente di Google . Ha mentito . Come la maggior parte delle aziende Big Tech, gran parte della crescita di Google deriva dall'acquisto di aziende più piccole . Poiché la principale fonte di entrate di Google è la pubblicità mirata, queste fusioni sollevano inevitabilmente domande sul data mining. Poiché il ruolo di Google nella pubblicità online è sotto esame, le autorità di contrasto antitrust non devono accettare un nuovo "Intendiamo, questa volta. Seriamente, ragazzi "promettiamo di proteggere i dati degli utenti. Sarebbe facile sostenere che le promesse fatte in un accordo formale con le forze dell'ordine antitrust avranno più peso delle semplici dichiarazioni pubbliche su ciò che un'azienda farà. Ma quelle promesse pubbliche possono tenere inconsapevoli i clienti e far rispettare le forze, poiché l'azienda estende il suo dominio. Quelle promesse devono significare qualcosa. Nascondere gli abusi della privacy dietro false promesse “ aumenta in modo efficace i costi dei rivali, poiché cercano di competere contro quella che sembra essere di alta qualità, ma è, in verità, di bassa qualità. "Ciò potrebbe aumentare la responsabilità antitrust. Una revisione dell'applicazione della concorrenza è attesa da tempo, ma mentre ciò accade, possiamo fare il minimo passo in avanti verso una regolamentazione prudente e smettere di credere ai bugiardi quando raccontano le stesse bugie?


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su EFF – Electronic Frontier Foundation all’URL https://www.eff.org/deeplinks/2020/07/dont-believe-proven-liars-absolute-minimum-standard-prudence-merger-scrutiny in data Wed, 01 Jul 2020 23:07:52 +0000.