La nuova legge EARN IT minaccia ancora la crittografia e la libertà di parola

La nuova legge EARN IT minaccia ancora la crittografia e la libertà di parola

Il giorno prima di un dibattito e di una votazione in commissione sulla legge EARN IT, gli sponsor del disegno di legge hanno sostituito il loro disegno di legge con una versione modificata . Ecco la loro nuova idea: invece di dare una commissione federale di 19 persone, dominata dalle forze dell'ordine, il potere di regolamentare Internet, il disegno di legge ora dà effettivamente quel potere alle legislature statali.

E invece di richiedere che i siti Web e le piattaforme Internet rispettino le "migliori pratiche" della Commissione al fine di mantenere le loro vitali protezioni legali ai sensi della Sezione 230 per l'hosting dei contenuti degli utenti, si crea semplicemente un buco in tali protezioni. I legislatori statali saranno in grado di creare nuove leggi che consentano azioni legali e procedimenti penali contro piattaforme Internet, purché affermino che il loro scopo è quello di fermare i crimini contro i bambini.

L'idea alla base della Sezione 230 è quella di assicurarsi che tu sia responsabile del tuo discorso online, non di quello di qualcun altro. Attualmente, se un pubblico ministero vuole intentare un procedimento penale relativo a qualcosa di detto o fatto online o un avvocato privato vuole intentare causa, in quasi tutti i casi, il pubblico ministero deve cercare l'oratore reale. Non possono semplicemente trascinare un proprietario di un sito Web in tribunale a causa delle azioni dell'utente. Ma questo cambierà se GUADAGNA IT passa. Ecco perché ieri abbiamo inviato una lettera [PDF] al comitato giudiziario del Senato in opposizione al disegno di legge EARN IT modificato.

Le protezioni della Sezione 230 hanno permesso a Internet di conoscerlo. Nonostante gli attacchi politicizzati alla Sezione 230 sia da sinistra che da destra, la legge funziona davvero bene . Non è uno scudo per Big Tech, è uno scudo per tutti coloro che ospitano conversazioni online. Protegge i piccoli servizi di messaggistica e e-mail e la sezione dei commenti di ogni blog.

Quando i siti web perdono le protezioni della Sezione 230, prenderanno misure drastiche per mitigare la loro esposizione. Ciò limiterà la libertà di parola su Internet. Chiuderanno forum e sezioni di commenti e cederanno a dichiarazioni fasulle che determinati utenti stanno violando le regole, senza fare un'indagine adeguata. Abbiamo visto false accuse riuscire a mettere a tacere gli utenti più volte nello spazio del copyright e persino usato per molestare gli utenti innocenti. Se EARN IT passa, la gamma di possibilità per false accuse e censura si espanderà.

EARN IT minaccia ancora la crittografia

Quando diciamo che l'originale EARN IT era una minaccia alla crittografia, non indoviniamo. Sappiamo che una commissione controllata dal procuratore generale William Barr proverà a vietare la crittografia, perché Barr ha detto molte volte che ritiene che i servizi crittografati debbano essere costretti a creare backdoor per la polizia. L'emendamento del gestore, approvato oggi dal comitato, non elimina questo problema. Autorizza oltre 50 giurisdizioni a seguire l'esempio di Barr nel vietare la crittografia.

Un emendamento del senatore Patrick Leahy (D-VT), anch'esso votato al disegno di legge, pretende di proteggere la crittografia dall'attenzione degli Stati. È certamente un miglioramento, ma siamo ancora preoccupati che la proposta di legge modificata possa essere utilizzata per attaccare la crittografia. L'emendamento del Sen. Leahy vieta la responsabilità delle società di partecipazione poiché utilizzano "crittografia end-to-end, crittografia dei dispositivi o altri servizi di crittografia". Ma il disegno di legge incoraggia ancora i legislatori statali a cercare scappatoie per minare la crittografia end-to-end , come richiedere che i messaggi vengano scansionati su un dispositivo locale, prima che vengano crittografati e inviati al loro destinatario. Riteniamo che ciò violerebbe lo spirito dell'emendamento del senatore Leahy, ma il disegno di legge apre le porte affinché tale questione possa essere oggetto di controversie ancora e ancora, nei tribunali di tutto il paese.

E ancora, questo non è un problema teorico. L'idea di utilizzare la "scansione lato client" per consentire a determinati messaggi di essere selezionati e inviati al governo, aggirando le protezioni della crittografia end-to-end, è una di cui abbiamo sentito parlare molto nell'ultimo anno. Nonostante le testimonianze di alcuni esperti che si sono schierati con le forze dell'ordine, il fatto è che la scansione lato client rompe le protezioni della crittografia. L'EARN IT Act non blocca la scansione sul lato client, che è la strategia più probabile per i legislatori statali che vogliono utilizzare questo disegno di legge per espandere i poteri di polizia al fine di leggere i nostri messaggi.

E ci vorrà solo uno stato per ispirare un'ondata di azioni penali e azioni legali contro piattaforme online. E proprio come alcune forze dell'ordine federali hanno dichiarato di essere contrarie alla crittografia, così anche una polizia statale e locale .

La versione precedente del disegno di legge suggeriva che se le piattaforme online volessero mantenere l'immunità ai sensi della Sezione 230, avrebbero bisogno di "guadagnarlo", seguendo i dettami di una commissione governativa non eletta. Ma il nuovo testo non dà nemmeno loro una possibilità. Gli sponsor del disegno di legge hanno semplicemente abbandonato il "guadagno" di EARN IT. I proprietari di siti Web, in particolare quelli che consentono la crittografia, non possono semplicemente "guadagnare" la propria immunità dalla responsabilità per i contenuti degli utenti ai sensi della nuova fattura. Dovranno semplicemente difendersi in tribunale, non appena un singolo procuratore statale, o anche solo un avvocato in uno studio privato, deciderà che offrire la crittografia end-to-end è un segno di indifferenza nei confronti dei crimini contro i minori.

Offrire agli utenti una vera privacy, sotto forma di messaggistica crittografata end-to-end e solide piattaforme per la libertà di parola non dovrebbe produrre azioni legali e azioni penali. La nuova legge EARN IT farà proprio questo e dovrebbe essere contrastata.

AGIRE

FERMA LA GUADAGNA DI FATTURARSI PRIMA CHE Rompa l'iscrizione


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su EFF – Electronic Frontier Foundation all’URL https://www.eff.org/deeplinks/2020/07/new-earn-it-bill-still-threatens-encryption-and-free-speech in data Thu, 02 Jul 2020 21:50:25 +0000.