I piani del governo indiano per vietare definitivamente la criptovaluta sono una cattiva idea

I piani del governo indiano per vietare definitivamente la criptovaluta sono una cattiva idea

Mentre la Turchia ha fatto notizia la scorsa settimana con il divieto di pagare articoli con criptovaluta, il governo indiano sembra si stia muovendo verso la messa al bando completamente della criptovaluta. Un anonimo alto funzionario del governo ha detto a Reuters il mese scorso che un prossimo disegno di legge di questa sessione parlamentare includerà il divieto di "possesso, emissione, estrazione, commercio e trasferimento [di] cripto-asset". I funzionari hanno successivamente fatto poco per dissipare la preoccupazione che stiano cercando un divieto totale di criptovaluta: in risposta alle domande dei parlamentari indiani sui tempi e sul contenuto di un potenziale atto di criptovaluta, il ministero delle Finanze non si è impegnato, oltre a dichiarare che il disegno di legge seguirebbe il "giusto processo".

Se il governo indiano intende controllare efficacemente le proprie regole draconiane, dovrebbe cercare di bloccare, interrompere e spiare il traffico Internet

Se le voci di un divieto completo descrivessero accuratamente il disegno di legge, sarebbe un divieto drastico e di vasta portata che richiederebbe una supervisione e un controllo draconiano per essere applicato. Ma sarebbe anche in linea con le precedenti reazioni eccessive alla criptovaluta da parte dei regolatori e dei politici in India.

Il coinvolgimento dei regolatori indiani con la criptovaluta è iniziato quattro anni fa con preoccupazioni per la sicurezza dei consumatori di fronte a truffe, schemi Ponzi e il futuro poco chiaro di molti progetti blockchain. La banca centrale ha emesso una circolare che vieta a tutte le entità regolamentate, comprese le banche, di servire le imprese che trattano valute virtuali. Quasi due anni dopo, il divieto è stato annullato dalla Corte Suprema indiana in quanto si trattava di un'azione normativa sproporzionata in assenza di prove del danno causato alle entità regolamentate. Un successivo rapporto del 2019 del ministero delle Finanze ha proposto un progetto di legge che avrebbe portato a un ampio divieto dell'uso della criptovaluta. È questo disegno di legge che i commentatori sospettano costituirà il nucleo della nuova legislazione.

Il governo indiano è preoccupato per l'uso della criptovaluta per facilitare attività illegali, ma questo ignora i molti usi del tutto legali per le criptovalute che già esistono e che continueranno a svilupparsi in futuro. La criptovaluta è naturalmente più resistente alla censura rispetto a molte altre forme di strumenti finanziari attualmente disponibili. Fornisce una potente alternativa di mercato ai colossi finanziari esistenti che oggi esercitano il controllo su gran parte delle nostre transazioni online, in modo che i siti Web impegnati in discorsi legali (ma controversi) abbiano un modo per ricevere fondi quando le istituzioni finanziarie esistenti si rifiutano di servirli. L'innovazione della criptovaluta mantiene anche la promessa di correggere altri squilibri di potere: può espandere l'inclusione finanziaria abbassando il costo del credito, offrendo la risoluzione immediata delle transazioni e migliorando i processi di verifica dei clienti. La criptovaluta può aiutare le persone prive di banca ad accedere ai servizi finanziari.

Se la proposta di legge sulla criptovaluta impone un divieto totale, come suggeriscono le voci, il governo indiano dovrebbe prendere in considerazione anche il regime di applicazione che dovrebbe creare. Molte criptovalute, incluso Bitcoin, offrono alcune funzionalità di miglioramento della privacy che rendono relativamente facile nascondere la posizione geografica di una transazione di criptovaluta, quindi mentre agli utenti di criptovaluta dell'India sarebbe vietato utilizzare servizi di criptovaluta locali e regolamentati, potrebbero comunque aderire segretamente il resto dei mercati mondiali delle criptovalute. Come ha avvertito l'Internet and Mobile Association of India, il risultato sarebbe che le transazioni di criptovaluta indiane si sposterebbero su siti "illeciti" che sarebbero di gran lunga peggiori nel proteggere i consumatori.

Inoltre, se il governo indiano prevede di sorvegliare efficacemente le proprie regole draconiane, dovrebbe cercare di bloccare, interrompere e spiare il traffico Internet per rilevare o prevenire le transazioni di criptovaluta. Questi sono certamente poteri che le amministrazioni indiane passate e presenti hanno cercato: ma a meno che non siano veramente necessari e proporzionati a uno scopo legittimo, tale interferenza violerà il diritto internazionale e, se la Corte Suprema dell'India decide che sono irragionevoli, non riuscirà ancora una volta a farlo. superare l'adunanza giudiziaria.

Il governo indiano ha affermato di voler supportare la tecnologia blockchain in generale. In particolare, l'attuale governo ha promosso l'idea di una "Rupia digitale", che prevede di essere collocata su una base legale nello stesso disegno di legge che vieta le criptovalute private. Non è chiaro cosa abbiano in comune le due azioni. Una valuta digitale gestita centralmente non ha motivo di essere implementata su una blockchain, una tecnologia che è principalmente necessaria per il consenso sulla fiducia distribuita e ha poca applicabilità quando il governo stesso fornisce il backstop centralizzato per la fiducia. Nel frattempo, le aziende e gli individui legittimi che esplorano la blockchain per scopi per i quali è adatta, temeranno sempre di cadere in conflitto con le sanzioni penali del paese, il che, secondo la fonte di Reuter, includerà condanne a dieci anni di reclusione nel suo elenco di pene. Tale responsabilità sarebbe il più grave disincentivo per qualsiasi investitore o innovatore indipendente, sia commerciale che operante nell'interesse pubblico.

Affrontare potenziali preoccupazioni sulla criptovaluta vietando l'intera tecnologia sarebbe eccessivo e ingiusto. Nega agli indiani l'accesso alle innovazioni che possono provenire da questo settore e, se applicato del tutto, richiederebbe di fare leva sulle comunicazioni digitali dell'India in misura non necessaria e sproporzionata.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su EFF – Electronic Frontier Foundation all’URL https://www.eff.org/deeplinks/2021/04/indias-cryptocurrency-ban-a-bad-idea in data Tue, 20 Apr 2021 16:30:04 +0000.