I membri del Congresso si uniscono alla lotta per la trasparenza della sorveglianza delle proteste

I membri del Congresso si uniscono alla lotta per la trasparenza della sorveglianza delle proteste

Tre membri del Congresso si sono uniti alla lotta per il diritto di protestare inviando una lettera al Privacy and Civil Liberties Oversight Board (PCLOB) per indagare sulla sorveglianza federale contro i manifestanti. Lodiamo questi funzionari eletti per aver fatto il possibile per contribuire a garantire il nostro diritto costituzionale di protesta e per aver preso a cuore gli interessi e la sicurezza dei manifestanti.

Spesso occorrono anni, se non di più, per apprendere l'intera portata della sorveglianza governativa usata contro i manifestanti coinvolti in una specifica azione o movimento di protesta. Quattro mesi dopo che l'omicidio di George Floyd ha iniziato un nuovo ciclo di proteste guidate dai neri contro la violenza della polizia, c'è stato un lento e costante rivolo di rivelazioni sulle forze dell'ordine che impiegano tecnologie di sorveglianza avanzate alle proteste in tutto il paese. Ad esempio, abbiamo appreso di recente che il Federal Bureau of Investigation ha inviato a Portland un team specializzato nello sfruttamento dei telefoni cellulari , sede di alcune delle proteste più grandi e sostenute. Prima di allora, abbiamo appreso della sorveglianza aerea federale, statale e locale effettuata durante le proteste in almeno 15 città. Ora, il rappresentante Anna Eshoo, il rappresentante Bobby Rush e il senatore Ron Wyden hanno chiesto al PCLOB di scavare più a fondo ..

Il PCLOB è un'agenzia indipendente nel ramo esecutivo, creata nel 2004, che intraprende indagini di vasta portata su questioni relative alla privacy e alle libertà civili, inclusa la sorveglianza di massa di Internet e delle comunicazioni cellulari, la tecnologia di riconoscimento facciale negli aeroporti e le liste di controllo del terrorismo . Oltre a chiedere al PCLOB di indagare su chi ha utilizzato quale sorveglianza, dove e come ha influito negativamente sul diritto di protesta del Primo Emendamento, il trio di Eshoo, Rush e Wyden, chiede al PCLOB di indagare ed enumerare le autorità legali sotto le quali le agenzie sono sorvegliare le proteste e verificare se le agenzie hanno seguito i processi richiesti per l'uso delle apparecchiature di intelligence a livello nazionale. La lettera continua:

“Il PCLOB dovrebbe indagare su ciò che le autorità legali utilizzano le agenzie federali per sorvegliare i manifestanti per aiutare il Congresso a capire se le interpretazioni delle agenzie di specifiche disposizioni degli statuti federali o della Costituzione sono coerenti con l'intento del Congresso. Questo aiuterà a informare se il Congresso ha bisogno di modificare gli statuti esistenti o di prendere in considerazione la legislazione per garantire che le azioni dell'agenzia siano coerenti con le intenzioni del Congresso ".

Siamo d'accordo con questi politici sul fatto che la sorveglianza governativa dei manifestanti è una minaccia per tutte le nostre libertà civili e un affronto a una democrazia solida, attiva e informata. Con la garanzia di ulteriori proteste nelle prossime settimane e mesi, il Congresso e il consiglio di amministrazione del PCLOB devono agire rapidamente per proteggere il nostro diritto di protestare, indagare su quanto danno ha causato la sorveglianza del governo e identificare il comportamento illegale di queste agenzie.

Nel frattempo, se hai intenzione di protestare, assicurati di aver esaminato la guida all'autodifesa della sorveglianza dell'EFF per i manifestanti .


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su EFF – Electronic Frontier Foundation all’URL https://www.eff.org/deeplinks/2020/10/members-congress-join-fight-protest-surveillance-transparency in data Tue, 20 Oct 2020 22:54:40 +0000.