Vinci perdendo

Evviva! Fidesz e il PPE si separeranno e questa è senza dubbio un'ottima notizia. Naturalmente, questo messaggio mi avrebbe dato un'idea in più nel 2020 o nel 2019 o, se è per questo, nel 2011 . Ora che il bilancio dell'UE è stato approvato e il meccanismo dello Stato di diritto è stato sospeso nel modo più illegale, Viktor Orbán ei suoi amici possono riempirsi le tasche in pace. Per Angela Merkels e Ursula von der Leyens CDU / CSU le elezioni federali sono ormai alle porte, in quel momento vengono travolte dall'improvvisa realizzazione del divario incolmabile che le separa da Fidesz. Ma cosa aiuta, la conoscenza non va male perché arriva così tardi, quindi metti fine ai piagnucolii, lasciamo che il passato sia passato e guardiamo avanti con forza.

E cosa vediamo lì?

Oggi ho parlato al telefono con alcuni amici dall'Ungheria. Soprattutto, vedono lì una data, vale a dire le elezioni parlamentari ungheresi nella primavera del 2022 e la reale possibilità che Fidesz venga effettivamente votato fuori sede.

Perché c'è, e non è affatto così piccolo. L'opposizione, finora così frammentata, ha formato un'alleanza elettorale con una piattaforma comune e candidati comuni, ed è tutt'altro che impossibile che ottenga la maggioranza in parlamento a Budapest il giorno delle elezioni. Fidesz ha sempre beneficiato del fatto che i diritti di voto in Ungheria favoriscono in modo sproporzionato i grandi partiti. Adesso non è più l'unica grande festa tra tutte le piccole. Adesso ha la concorrenza.

E in questa competizione, Fidesz non sta andando molto bene. La pandemia ha colpito duramente il Paese , con quasi tanti decessi rispetto alla popolazione degli Stati Uniti e un tasso di mortalità del 3,5%, il secondo più alto nell'UE dopo la Bulgaria. La strategia del governo Fidesz di utilizzare da solo i vaccini cinesi e russi sembra incontrare resistenza da parte della popolazione: molti diffidano del vaccino cinese, soprattutto perché non basta muoversi di nuovo liberamente perché gli altri paesi dell'UE non lo riconoscono, no anche la Polonia.

Quindi chissà: forse ci sarà un nuovo governo in Ungheria tra poco più di un anno. Naturalmente, le cose possono andare in modo molto diverso. La macchina elettorale di Orbán è oliata come sempre, il governo si sta solo riscaldando per costruire la comunità LGBTQI come un bambino conservatore che spaventa dopo Soros e i rifugiati basati sul modello polacco, e grazie alla ripresa di miliardi di UE, ne ha abbastanza denaro ovunque per fornire soddisfazione dove ne ha bisogno per il suo successo elettorale. Ma almeno: una possibilità, una possibilità reale! Tra pochi mesi, gli elettori in Ungheria decideranno prima in una primaria chi sarà il candidato migliore. La primavera si avvicina nel bacino dei Carpazi. Chi l'avrebbe mai pensato.

++++++++++ Pubblicità ++++++++

Invito a presentare candidature

I valori democratici e lo Stato di diritto sono sempre più messi sotto pressione nell'UE e le modalità e i mezzi per mantenerli sono diventati questioni legali, politiche e sociali molto discusse. Alla luce di queste sfide, re: constitution promuove lo scambio e l'analisi sulla democrazia e lo Stato di diritto in Europa.
Il programma invita a candidarsi per 20 borse di studio per il prossimo anno accademico 2021/2022 . Puoi trovare il bando qui , la scadenza per le candidature è il 6 aprile 2021.

++++++++++++++++++++++

E se l'opportunità si materializza? E se l'opposizione unita non fosse più in opposizione ma dominasse? Ai loro elettori viene promesso non solo un governo di transizione per un nuovo inizio democratico, ma un vero governo per un intero periodo legislativo. La coalizione comprende gli ex neonazisti del partito Jobbik nonché gli eredi dei gangster della corruzione post-comunista, il cui governo ha reso possibile l'ascesa di Fidesz in primo luogo. Anche se tutti riuscissero a mobilitare i propri elettori dove i propri candidati non sono in corsa, la domanda su come una coalizione così disparata per l'amor di Dio voglia governare per quattro anni non è una risposta del tutto banale. Nella vicina Slovacchia, la coalizione quadripartita, formata per ripulire lo Stato mafioso SMER, è ora in rovina.

Inoltre, la coalizione avrebbe incontrato uno stato che Orbán aveva preparato per la perdita del potere democratico come pianificato da Orbán in dieci anni di governo Fidesz, al fine di rendere il più impossibile possibile una governance di successo per i nuovi arrivati. Parti essenziali della legislazione sono stabilite nelle cosiddette leggi cardinali, che possono essere modificate solo con una maggioranza di due terzi. In tutti i luoghi possibili, la costituzione di Orbán prevede uffici che possono essere occupati solo da una maggioranza di due terzi, e per di più con periodi di carica estremamente lunghi, in modo che il nuovo governo debba lavorare per anni a venire con persone che ascolta gli ordini di Viktor Orban.

Doppio legame

Come dovrebbe governare con successo il nuovo governo se non si sbarazza almeno del procuratore generale Péter Polt? Finché è in carica, le reti di corruzione del partito Fidesz hanno poco da temere . Polt è stato confermato per un nuovo mandato solo nel 2019, che non è inferiore a 9 anni. Ovviamente, il governo potrebbe istituire un'agenzia investigativa anticorruzione parallela, come hanno fatto con successo in Romania. Ma per evitare che ciò accada, c'è la Corte Costituzionale, anch'essa piena di fedeli amici di Orbán. La coalizione sarebbe circondata da istituzioni che non darebbero loro quasi alcun margine di manovra: la magistratura, la banca centrale, l'ufficio dei conti (che sovrintende alle finanze del partito, molto pratico!), Più le famose nuove “fondazioni”, nelle cui mani Fidesz “ privatizza i media e le università statali ”ha o vuole.

A meno che l'opposizione non riesca a ottenere una vittoria schiacciante e non ottenga una maggioranza di due terzi (almeno una possibilità teorica nel sistema elettorale ungherese; Fidesz è riuscito a farlo anche questo), il nuovo governo difficilmente avrà scelta se vuole ottenere qualcosa nei quattro anni per la è stata eletta: dovrà piegare le regole, se non infrangerle. Dovrà entrare in conflitto per lo Stato di diritto. Ignora i giudizi costituzionali. Licenziare illegalmente gli operatori storici. Cose del genere.

E a Bruxelles si dovrà decidere se abbandonare il meccanismo dello Stato di diritto – che poi sarà finalmente armato – sul nuovo governo. O se preferisci distogliere lo sguardo. Ad ogni modo: Orbán si sarebbe divertito molto.

++++++++++ Pubblicità ++++++++

12/03/2021 | 14: 30-16: 00 | tramite live streaming

Società tedesca di diritto internazionale:

Assegnazione dei premi Hermann Mosler e Gerhard Kegel 2020/2021

Quest'anno i premi per la tesi di laurea per giovani ricercatori saranno assegnati al Dott. Maria Monnheimer (Premio Hermann Mosler) e il Dr. Adrian Hemler (Premio Gerhard Kegel) assegnato.

L'evento sarà trasmesso in streaming sul blog di diritto internazionale. Il collegamento e ulteriori informazioni sono disponibili all'indirizzo http://www.dgfir.de .
++++++++++++++++++++++

Alcuni credono che Fidesz spera decisamente in una simile sconfitta elettorale. Allora l'opposizione dovrebbe ripulire la devastazione che la pandemia ha provocato, senza soldi, poiché i miliardi dell'UE sono in gran parte pianificati o spesi a quel punto, senza personale, senza risorse. Guarda qui, potrebbe dire, è quello che succede quando scegli questi perdenti. Inoltre, potrebbe mettere a tacere tutti coloro che la accusano di mancare di rispetto per la democrazia: guarda qui, potrebbe dire, con noi è possibile un cambio di potere pacifico, tutto è assolutamente senza problemi, cosa hai? Si potrebbe inviare il meccanismo dello Stato di diritto dell'UE in un labirinto a doppio legame, dal quale non ritroverebbe presto la via d'uscita. E potrebbe tornare al potere trionfante dopo due, tre o al massimo quattro anni, e questa volta per sempre.

Eppure: spingere Orbán fuori dal potere, anche se solo per pochi anni, varrebbe comunque la pena. Una delle cose che il nuovo governo potrebbe fare è riconoscere la Procura europea per l'Ungheria, che può intraprendere azioni contro i casi di frode che incidono sul bilancio dell'UE. Orbán finora è stato severamente contrario. Chi è sorpreso.

Mille grazie a Viktor Kazai, Petra Bard, Csaba Györy e Márta Pardavi per il prezioso contributo!

La settimana sul blog della costituzione

Nel caso Xhoxhaj contro Albania , la Corte europea dei diritti dell'uomo ha licenziato un ex giudice della Corte costituzionale albanese contro il suo licenziamento. Come riferisce TILMANN HOPPE , la CEDU ha dato una chiara priorità alla lotta alla corruzione .

La Georgia sta scivolando nell'autoritarismo e il presidente del Consiglio dell'UE Charles Michel è andato a mediare. Come osserva DAVIT ZEDELASHVILI , l'UE sembra avere più influenza sui paesi vicini che sui propri Stati membri.

Questa settimana la Corte di giustizia europea ha approvato un'importante sentenza in relazione alla sottomissione della magistratura in Polonia : riguarda il Consiglio giudiziario nazionale, che seleziona i candidati alle cariche giudiziarie. Il fatto che non ci siano più rimedi legali contro le nomine dei giudici alla Corte suprema è contrario al diritto europeo. Parlo di questo e delle implicazioni di vasta portata di questo giudizio nel nostro podcast di crisi con WOJCIECH SADURSKI .

5231 giudici e pubblici ministeri avevano chiesto alla Commissione europea in una lettera aperta di diventare finalmente più attiva nei confronti della politica giudiziaria del governo polacco. La risposta fece arrabbiare JOHN MORIJN .

++++++++++ Pubblicità ++++++++

Rendi visibile la tua ricerca: il tuo annuncio potrebbe essere qui!

Se vuoi aumentare la consapevolezza di una conferenza, avere posti vacanti o promuovere pubblicazioni, puoi farlo sul Verfassungsblog. Il nostro editoriale, inviato come newsletter in tutto il mondo, raggiunge oltre 10.000 avvocati costituzionali.

Non esitare a contattarci .

I migliori saluti
Il tuo team di blog sulla costituzione

++++++++++++++++++++++

Attualmente sono due i casi pendenti dinanzi alla Corte di giustizia europea che riguardano il velo musulmano. L'avvocato generale Athanasios Rantos ha presentato conclusioni che, a parere del MARTIJN VAN DEN BRINK, presentano gravi carenze.

Nel Regno Unito, come riportato la scorsa settimana, la Corte Suprema si è pronunciata sul caso Shamima Begum : una giovane donna britannica che si è unita all'Isis in Siria all'età di 15 anni e che è stata successivamente privata della cittadinanza britannica. Voleva fare causa contro questo, ma non può perché non le è permesso entrare nel Regno Unito. La Corte Suprema pensava che andasse bene. DEVYANI PRABHAT archivia la sentenza.

Nella controversia sulla prioritizzazione della vaccinazione Covid in Germania, LINO MUNARETTO sottolinea l'imperativo di utilizzare efficacemente le capacità vaccinali .

In Norvegia , durante la pandemia, il governo aveva proposto di fare un coprifuoco per legge. Non è andata affatto d'accordo con il pubblico. Il 17 febbraio 2021, la proposta è stata sospesa a fronte di una forte opposizione. KRISTIN BERGTORA SANDVIK, HANS PETTER GRAVER e PETER SCHARFF SMITH riferiscono ciò che questo caso dice sulla fiducia tra le autorità e il pubblico in Norvegia.

Nei Paesi Bassi , la corte d'appello ha stabilito che il coprifuoco, imposto con veemenza dal governo per motivi di corona, è ora legale, dopotutto. KYRA WIGARD e ARTHUR DYEVRE vedono crescere la fiducia in se stessi della magistratura olandese che interferisce anche su questioni altamente politiche.

In Danimarca , il Parlamento ha avviato una procedura di impeachment contro un ex ministro dell'immigrazione. Ciò aveva imposto un regolamento secondo il quale tutte le coppie dovrebbero essere separate incondizionatamente se un coniuge era minorenne. PERNILLE BOYE KOCH mostra l'importanza della procedura nell'area di tensione tra la politica danese in materia di migrazione e gli obblighi in materia di diritti umani.

In Cile , una nuova assemblea costituzionale sarà eletta nell'aprile 2021 per sostituire l'attuale costituzione, che risale ai tempi della dittatura militare. L'integrazione dei diritti sociali è una richiesta centrale del popolo cileno. ERNESTO VARGAS WEIL spiega cosa può imparare l'assemblea dalla storia costituzionale tedesca.

La Palestina è uno Stato? All'inizio di febbraio c'è stata una decisione in merito da una camera istruttoria della Corte penale internazionale, che KAI AMBOS ha analizzato in dettaglio.

Il Digital Services Act (DSA) dell'UE avrebbe dovuto superare la direttiva sul commercio elettronico di 20 anni, ma la prima bozza del DSA riproduce molte delle confusioni del suo regolamento precedente. JOAN BARATA spiega come questo influenzerà la moderazione dei contenuti online attraverso le piattaforme.

Nel Bundestag tedesco, la sinistra ha recentemente proposto di migliorare la leggibilità delle bozze di legge attraverso la sinossi , che FELIX HERBERT ritiene un'ottima idea.

Il nostro simposio COVID-19 su larga scala di questa settimana ha incluso rapporti da Lussemburgo , Malesia , Messico , Portogallo , Russia , Singapore , Spagna , Svezia , Svizzera , Tailandia e Ucraina . Nella prossima settimana 3 seguiranno Belgio, Estonia, Islanda, Iran, Italia, Canada, Libano, Slovacchia, Sud Africa e Ungheria.

Cosa che dovrei affrontare di nuovo per questa settimana. Tutto il meglio per te, salute e perché la tua tazza di caffè sul blog di costituzione possa essere sempre buona e profumata.

Grazie e arrivederci alla prossima settimana,

il tuo

Max Steinbeis


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/gewinnen-durch-verlieren/ in data Fri, 05 Mar 2021 19:40:44 +0000.