Un anno in rassegna: COVID-19 in Israele

L'anno passato è stato segnato in Israele non solo dalla pandemia COVID-19, ma anche da una crisi politica senza precedenti. Su 2 marzo 2020 un terzo turno delle elezioni nel corso di un anno si è svolta a Israele. 35 ° Il governo israeliano ha prestato giuramento il 17 maggio 2020 come un “ governo di unità ”, con Netanyahu come primo ministro e Benny Gantz, ex concorrente di Netanyahu, nel ruolo di nuova costituzione di “premier alternativo”. In base all'accordo di unità tra il partito Likud di Netanyahu e il partito Kahol-Lavan di Gantz, Netanyahu sarebbe stato primo ministro per un periodo di 18 mesi, dopodiché sarebbe stato sostituito da Gantz per lo stesso periodo. L' accordo ha approvato un principio di condivisione del potere tra i due e ha stabilito che sarebbe stato istituito un meccanismo di voto per garantire l'uguale potere di voto di ciascuno dei due partner. L'istituzione del governo di unità è stata giustificata dai due ex contendenti come necessaria alla luce delle sfide poste dalla pandemia COVID-19.

Tuttavia, è diventato subito chiaro che il governo di unità è pieno di controversie, è instabile e non funziona in conformità con l'accordo di unità. Il meccanismo di voto non è mai stato istituito. Netanyahu e Gantz non sono riusciti a raggiungere accordi su argomenti importanti e si sono scambiati continuamente accuse , accusandosi a vicenda del disfunzione del governo. Infine, il 23 dicembre 2020, la Knesset si è dispersa dopo non aver approvato un bilancio statale, come previsto dalla legge. Israele è quindi pronto per le elezioni, di nuovo, previste per il 23 marzo 2021, un anno dopo le sue ultime elezioni. Questo mentre il processo di Netanyahu , che si è aperto il 24 maggio 2020, incombe sulla crisi politica.

La risposta di Israele alla pandemia si è quindi svolta in un clima politico instabile e altamente polarizzato. Ciò influisce sulle decisioni prese in diversi modi. In primo luogo, durante la crisi, è stato difficile raggiungere un accordo all'interno del governo sulle azioni necessarie. Inoltre, le decisioni spesso riflettevano considerazioni politiche piuttosto che professionali, un problema aggravato dall'instabilità della coalizione. La prospettiva di ulteriori elezioni ha anche influenzato la volontà politica di imporre restrizioni, in particolare nel settore ultraortodosso, poiché i partiti ultraortodossi sono percepiti da Netanyahu come partner necessari in qualsiasi coalizione di governo.

Il quadro giuridico – Dai regolamenti di emergenza alla legislazione

Il quadro giuridico in Israele per rispondere alla pandemia è cambiato notevolmente nel corso dell'anno. Le misure iniziali attuate in risposta alla pandemia si basavano su due principali atti legislativi .

In primo luogo, l'articolo 39 della " Legge fondamentale: il governo " autorizza il governo a emanare regolamenti di emergenza in uno stato di emergenza generale. In Israele, lo stato di emergenza è stato dichiarato dalla Knesset (il legislatore israeliano) per motivi di sicurezza ed è stato continuamente esteso dall'istituzione dello stato nel 1948. All'inizio della pandemia, il governo ha costruito sullo stato di emergenza esistente per emanare un gran numero di regolamenti di emergenza, implementando, tra le altre misure, restrizioni alla circolazione e alla raccolta, misure di sorveglianza e rintracciabilità dei contratti, regolamentazione del mercato del lavoro e del sistema giudiziario e altro ancora.

La seconda legge utilizzata all'inizio della pandemia è l'Ordinanza sulla salute pubblica del 1940 (l '"Ordinanza"), eredità del Mandato britannico ancora in vigore, che autorizza il Ministero della Salute a prendere le misure necessarie per proteggere sanità pubblica, compreso l'emissione di ordinanze necessarie per contenere una malattia infettiva. L'ordinanza contiene anche autorità speciali che possono essere impiegate quando viene dichiarato un grave rischio per la salute pubblica. È stato infatti dichiarato che COVID-19 rappresenta un tale rischio e di conseguenza sono state invocate autorità speciali. Gli ordini emessi ai sensi dell'ordinanza includono, ad esempio, i requisiti di isolamento e quarantena, l'obbligo di indossare maschere e alcune restrizioni di raccolta.

L'ampio uso di regolamenti di emergenza ha sollevato critiche pubbliche e sono state presentate petizioni alla Corte Suprema sia contro specifiche norme di emergenza, come quelle che autorizzano il Servizio di sicurezza generale ad impiegare misure di sorveglianza elettronica per la tracciabilità dei contatti, sia in generale contro l' uso di emergenza regolamenti . Le affermazioni erano che, mentre l'uso di regolamenti di emergenza potrebbe essere giustificato per un breve periodo di tempo o in assenza di una Knesset funzionante, e mentre la pandemia può giustificare alcune restrizioni sui diritti individuali, i diritti dovrebbero generalmente essere limitati solo attraverso la legislazione primaria .

A seguito di queste critiche, la Knesset ha deciso di sostituire l'uso di regolamenti di emergenza con leggi. Le due leggi più importanti emanate dalla Knesset a questo proposito sono la Legge delle autorità speciali per affrontare il nuovo Coronavirus (Provvedimento temporaneo) 2020 (la Legge Corona), emanata dalla Knesset il 23 luglio 2020, e la Legge che autorizza il GSS prendere parte agli sforzi nazionali per ridurre al minimo la diffusione del nuovo Coronavirus e promuovere l'uso della tecnologia civile per rintracciare coloro che erano a stretto contatto con i malati (Ordine temporaneo) 2020, emanato dalla Knesset il 1 ° luglio 2020.

La legge Corona autorizzava il governo a dichiarare una situazione di emergenza COVID-19 per un periodo di 45 giorni, da estendere per periodi fino a 60 giorni. Una situazione di emergenza COVID-19 è stata dichiarata con l'emanazione della Legge Corona ed è stata estesa fino ad oggi. La Legge Corona ha una clausola di tramonto secondo la quale scadrà il 30 giugno 2021, salvo proroga. L'emanazione della Legge Corona ha sostituito la Legge fondamentale: il governo come atto principale (oltre all'ordinanza) che autorizza il governo a emanare regolamenti che impongono restrizioni al fine di contenere la pandemia. Mentre Legge fondamentale: il governo ha permesso al governo di emanare regolamenti di emergenza senza specificare gli scopi o le misure,  , la legge Corona contiene un elenco chiuso di autorità.

Tuttavia, la Legge Corona è stata criticata per aver consentito ampie restrizioni e per il fatto che, sebbene contenga un meccanismo per la supervisione parlamentare dei regolamenti emanati, la supervisione è ex-post piuttosto che ex-ante. È stata sollevata una preoccupazione specifica riguardo all'emendamento n. 2 della Legge Corona, che ha autorizzato il governo a dichiarare una “situazione speciale di emergenza coronavirus”, situazione che gli conferisce il potere di limitare le manifestazioni. La dichiarazione di tale situazione e la limitazione temporanea delle manifestazioni che ne sono seguite sono state ritenute un abuso politico della pandemia e hanno sollevato preoccupazioni che ne possano derivare altri abusi.

Controllo legislativo e giudiziario: in che misura hanno fatto la differenza?

La supervisione parlamentare delle misure esecutive adottate è cambiata nel corso dell'anno. Norme di emergenza emanate ai sensi dell'articolo 39 della Legge fondamentale: il governo non richiede l'approvazione di una commissione parlamentare. Poiché questo era lo strumento principale utilizzato all'inizio della pandemia, e insieme al fatto che Israele si trovava, all'epoca, in un periodo di transizione e senza commissioni parlamentari funzionanti , la supervisione delle misure adottate fu debole durante i primi mesi di la pandemia.

Dopo l'istituzione del governo di unità e la costituzione di commissioni parlamentari, compresa la costituzione di una commissione parlamentare COVID-19 speciale, il controllo parlamentare è diventato più significativo. In seguito all'emanazione della Legge Corona è diventata anche più strutturata, in quanto la Legge Corona include un meccanismo di controllo parlamentare dei regolamenti emanati ai sensi di essa. Detto questo, il controllo parlamentare è ancora lungi dall'essere soddisfacente. In primo luogo, la legge Corona istituisce un meccanismo che richiede a una commissione parlamentare di approvare i regolamenti  dopo che sono stati emanati, piuttosto che prima. Inoltre, la legge Corona consente flessibilità nel dirigere i regolamenti a specifiche commissioni parlamentari per l'approvazione, consentendo al governo di aggirare le commissioni parlamentari che percepisce come meno indulgenti.

La relativa debolezza della panoramica parlamentare punta i riflettori sulla Corte Suprema, che è generalmente percepita come attivista, accessibile e che non rifugge da questioni controverse. Alla luce di ciò, ci si sarebbe potuti aspettare che svolgesse un ruolo significativo nella supervisione e supervisione delle misure imposte dal governo, specialmente quando applicate in base a poteri di emergenza e comportando significative restrizioni dei diritti individuali.

In pratica, tuttavia, la Corte Suprema è stata eccezionalmente limitata nel sorvegliare le misure attuate sia dal governo che dalla Knesset. Decine di petizioni sono state presentate al tribunale nel corso dell'anno, contestando misure quali blocchi generali e locali,  restrizioni ai movimenti, restrizioni alle preghiere, chiusura delle frontiere, chiusura di istituti scolastici e misure di risarcimento economico. Alcune delle petizioni hanno contestato la necessità di misure. Altri si sono concentrati sulle distinzioni tra i gruppi effettuate da varie misure o dai criteri sottostanti. La stragrande maggioranza delle petizioni è stata respinta dal tribunale. In particolare, molte petizioni sono state respinte a causa del mancato esaurimento delle misure. In altri casi, il tribunale ha accettato la posizione dello Stato in merito alla necessità delle misure attuate al valore nominale. Legge fondamentale: dignità umana e libertà, che stabilisce il quadro costituzionale per la revisione delle restrizioni dei diritti, richiede che tali restrizioni siano per uno "scopo appropriato" e proporzionali. Nelle petizioni relative alla pandemia, il tribunale ha generalmente semplicemente accettato l'affermazione dello stato secondo cui le misure adottate soddisfano questi requisiti, senza richiedere al governo di motivare le sue affermazioni tramite prove.

Ci sono alcune eccezioni degne di nota. Il 1 marzo 2021, la Corte ha limitato l'uso della tecnologia di sorveglianza militare , limitandone l'uso a soggetti che non collaborano alle indagini. Il 17 marzo 2021, la Corte ha deciso che i regolamenti che impongono limitazioni all'ingresso di cittadini israeliani in Israele ea coloro che desiderano lasciare il paese non possono essere prorogati dopo la loro scadenza, in quanto incostituzionali, in particolare alla luce del loro possibile effetto sul diritto di voto alle elezioni israeliane, tenutesi il 23 marzo 2021. Il 4 aprile 2021, la Corte ha stabilito che un regolamento scaduto mesi prima, che limitava le manifestazioni a più di 1 km da casa propria, era incostituzionale. Tutte queste decisioni, tuttavia, sono state prese relativamente tardi nel corso degli eventi. Inoltre, il rimedio ricevuto è stato tardivo o parziale: la Corte non ha vietato l'uso del tracking, ma si è limitato a limitarlo. Non ha invalidato la legge che autorizzava il governo a limitare le manifestazioni, ma solo il regolamento già scaduto. E mentre stabiliva che un limite di 3000 al numero di israeliani che potevano entrare nel paese era incostituzionale, dichiarava che i regolamenti non potevano essere estesi piuttosto che erano immediatamente nulli.

Prospettive per il 2021 – E adesso?

Le preoccupazioni specifiche sui diritti umani sono cambiate durante la pandemia. Nei primi mesi, le restrizioni alla raccolta, comprese le limitazioni alle manifestazioni e alle preghiere, le misure di ricorso economico e gli strumenti di rintracciamento dei contatti erano al centro delle preoccupazioni. Tuttavia, con lo svolgersi della crisi, altre emissioni sono salite sul palco. Le attuali preoccupazioni in materia di diritti umani riguardano, ad esempio, la chiusura dei confini di Israele, inclusi i cittadini israeliani che desiderano entrare nel paese, la decisione di utilizzare polsini elettronici per monitorare l'isolamento domestico e le misure che possono essere prese per incoraggiare le persone a vaccinare. .

Durante la pandemia sono sorte altre due preoccupazioni relative ai diritti umani. Il primo è la mancanza di ordine, chiarezza e trasparenza nella promulgazione e pubblicazione dei regolamenti e delle limitazioni COVID-19. Sebbene il tempo sia davvero essenziale in una situazione di emergenza, il potenziale di abuso della situazione per restrizioni ingiustificate dei diritti rende particolarmente importante il giusto processo. Tuttavia, durante tutta la crisi, il processo di emanazione di regolamenti che limitano gravemente i diritti individuali è stato affrettato e non trasparente. La votazione su gravi restrizioni è stata condotta tramite messaggi di testo tra i membri del gabinetto, senza presentazione di motivi di fatto che giustifichino limitazioni di diritti e senza un dibattito o una discussione adeguata. I regolamenti sono stati spesso pubblicati poche ore prima della loro entrata in vigore, con descrizioni non accurate pubblicate in precedenza sui media, creando incertezza tra il pubblico riguardo alla legge in vigore. Infine, le discussioni del gabinetto COVID-19 istituito dal governo sono state dichiarate riservate per 30 anni, scatenando speculazioni e diffidenza pubblica.

La seconda questione riguarda la politica di applicazione dei regolamenti COVID-19. Durante la pandemia, i media hanno riportato differenze nelle misure di esecuzione tra le popolazioni e i settori, una questione che ha sollevato la rabbia dell'opinione pubblica. Notevoli critiche sono state sollevate per quanto riguarda l'applicazione nel settore ultraortodosso, a seguito di segnalazioni di un gran numero di violazioni delle restrizioni alla raccolta e, in particolare, violazioni delle norme che ordinano la chiusura delle scuole. I media hanno anche sottolineato il numero relativamente ridotto di multe erogate all'interno del settore ultraortodosso per violazioni delle normative, nonostante l'apparente prevalenza di tali violazioni. È stato affermato che con i partiti ultraortodossi necessari a Netanyahu per formare una coalizione nelle prossime elezioni, la decisione di astenersi dall'applicazione nel settore ultraortodosso è politica.

Un evento come la pandemia COVID-19 è intrinsecamente caratterizzato da incertezza. Tuttavia, in Israele, il processo decisionale è stato anche contaminato come politicizzato, il che ha gettato un'ombra di illegittimità sulle restrizioni emanate. Oltre alle continue preoccupazioni per quanto riguarda le restrizioni estreme di diritti specifici, la pandemia in Israele solleva anche preoccupazioni più generali per quanto riguarda lo stato dello Stato di diritto in quella che è già una fragile democrazia.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/a-year-in-review-covid-19-in-israel/ in data Tue, 13 Apr 2021 10:17:47 +0000.